User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Chi voti?

Partecipanti
11. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Forza Italia (L'Ulivo)

    0 0%
  • Partito Democratico della Sinistra (L'Ulivo)

    2 18.18%
  • Partito Democratico (L'Ulivo)

    2 18.18%
  • Parito Popolare Italiano (L'Ulivo)

    0 0%
  • Centro Cristiano Democratico (Alleanza per l'Italia)

    1 9.09%
  • Italia dei Valori (Alleanza per l'Italia)

    0 0%
  • Alleanza Nazionale (Alleanza per l'Italia)

    1 9.09%
  • Lega Nord

    4 36.36%
  • Rifondazione Comunista

    1 9.09%
Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Elezioni 1999

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Elezioni 1999

    Nel novembre 1993, in linea con le sue note simpatie socialiste il rampante imprenditore meneghino Silvio Berlusconi dichiara la sua viva preoccupazione per la possibile vittoria di Gianfranco Fini alle elezioni comunali, sostenendo così Francesco Rutelli. "Il fascismo -dice- contro il quale mio padre ha combattuto è un pericolo che sta riemergendo. Come imprenditore, come uomo, come italiano, devo far sentire la mia parte contro chi vuole miseria, terrore e morte". Francesco Rutelli vince le elezioni e dichiara di ringraziare certa imprenditoria iluminata, è chiaro il riferimento a Berlusconi.
    Nascono intanto i Club Forza Italia, insieme a Berlusconi li fondano Adornato, Dell'Utri, lo storico cattolico Pietro Scoppola, Bondi, Giuliano Urbani e Cesare Previti.
    A seguito di un grande successo i club si trasformano in partito, che gode di grandi consensi popolari. E' un partito "liberale, progressista e antifascista". A seguito del grande successo nei sondaggi le correnti più di sinistra di tutti i partiti di governo e la maggior parte del PSI (tra cui Amato) nonché il Presidente del Consiglio Ciampi e personalità come Massimo Cacciari e lo stesso Francesco Rutelli entrano in Forza Italia.
    La Lega Nord si radica sempre di più nel Nord del Paese, soprattutto nel Veneto, mentre in Lombardia è frenata dal sorgere del movimento berlusconiano, a cui di certo, comunque, costituisce l'unico argine.
    Il PPI ridotto in brandelli si affida alla guida di Mariotto Segni che torna all'interno del partito rinunciando alla fondazione di un suo partito.
    Intanto il leader missino Gianfranco Fini è deciso a fondare una destra moderna. Nasce Alleanza Nazionale, che rinuncia a legami col fascismo, punta al presidenzialismo e alla democrazia dell'alternanza.
    Nell'ottica delle elezioni del '94 il segretario del PDS Occhetto capisce che la fondazione di Forza Italia è la volta buona per far andare il suo partito al governo e cerca incessantemente accordi. Gli accordi sono trovati, a patto di sostenere Silvio Berlusconi capo del governo.
    Nasce l'"Alleanza Democratica Progressista". Sulle reti Mediaset va in atto una campagna mediatica senza precedenti. Berlusconi e Occhetto proclamano che la loro alleanza è una macchina da guerra, Mike Bongiorno mette in guardia dal pericolo fascista ricordando il suo passato e invita esplicitamente a votare per Berlusconi definito un vero editore liberale e progressista.
    Unica voce fuori dal coro Ambra Angiolini che dice "Votate contro la guerra e per la pace", in riferimento alla autodefinizione di Berlusconi e Occhetto.
    Rifondazione , schifata non aderisce alla alleanza, complice anche il veto dello stesso Berlusconi.
    Quel che resta del Pentapartito, guidato da Segni e sostenuto dal gruppo L'Espresso di De Benedetti, da cui polemicamente si stacca Scalfari che si riconcilia con Berlusconi, fonda il nuovo "Il Mondo" e sostiene Forza Italia, appare debole. I partiti laici sono stati decimati da Forza Italia e l'elettorato DC non si concentra tutto sul PPI andando in parte alla Lega al Nord, in parte alla nuova AN specialmente al Sud e in parte proprio a Forza Italia.
    Si tengono le elezioni, trionfa l'APD grazie soprattutto a Forza Italia con un incredibile 29%il PDS si ferma a solo il 18%, va comunque per la prima volta al governo ma clamorosamente Occhetto si dimette, aprendo la lotta alla successione tra i due promettenti delfini Veltroni e D'Alema.
    Rifondazione è al 7%, la Lega al 9%, il PPI al 16 i partiti laici al 2%, Alleanza Nazionale è il più grande partito di opposizione con il 19.
    L'Italia è divisa in due, con il Centro-Nord al centrosinistra e il Sud diviso tra i popolari e soprattutto AN. La Lombardia e le regioni rosse vedono un consenso plebiscitario per l'APD, al 70% e oltre in Lombardia e in Emilia.
    In Lazio, Campania e Calabria è forte AN. In Puglia, Basilicata, Sicilia mantiene una sua forza il PPI. Unica regione del Nord a non votare per la sinistra di Berlusconi è il Veneto, dove vince la Lega.
    D'Alema, grazie al voto dei quadri, batte Veltroni, il quale diventa
    Ministro degli Esteri. Il Ministro dell'Economia è Tremonti, che si avvale della collaborazione del Nobel italoamericano Franco Modigliani.
    Il Ministro della Cultura Bondi.
    Il governo Berlusconi, nominato a malincuore dal Presidente Scalfaro, ha una grande spinta riformatrice, si propone di rimettere a posto i conti pubblici tramite una tassazione patrimoniale, proposta da Tremonti e dall'ex-repubblicano di FI Visentini e tramite l'evasione fiscale come reato penale, fa passare leggi come l'ora laica di religione, i PACS, la class actionaumenta i finanziamenti alla scuola e apre le università ai privati.
    Anche la mafia viene combattuta, Provenzano viene messo in galera.
    Nel 1997, con un consenso per il governo alle stelle, grazie anche al controllo assoluto sulle televisioni, accade l'impensabile: un'inchiesta della
    magistratura travolge Silvio Berlusconi e i nuclei originari di Forza Italia.
    Accuse infamanti costringono in carcere Previti e Dell'Utri e Berlusconi tenta di far passare leggi che gli concedano l'immunità ma trova un'opposizione all'interno delle minoranze dei due partiti che lo sostengono. Così Berlusconi è costretto in lacrime alle dimissioni. I veltroniani vengono espulsi dal PDS e così i dissidenti di Forza Italia, come Tremonti, Ciampi, Amato, Enzo Bianco, Libero Gualtieri. Emerge allora la figura di un
    un professore di Economia di Bologna, Romano Prodi, che, grazie alla fiducia di veltroniani e dissidenti di FI, unitisi nel Partito Democratico guidato da Veltroni e del PPI e all'astensione benevola di Rifondazione e della Lega ottiene la fiducia. Politicamente non cambia molto, rimane la politica estera atlantista di Veltroni, viene moderata la spinta laica, in politica economica si ottiene l'entrata in Europa e anche un buon sviluppo.
    Nel 1999, l'ultimo anno della legislatura, c'è da eleggere il capo dello stato.
    Grazie alle manovre di D'Alema, un Sivlio Berlusconi ancora in mezzo ai mille processi viene eletto capo dello stato, riconciliandosi con la maggioranza. Viene anche fatto un lodo che sospende i processi per il capo dello stato, tra le proteste furibonde di Fini e di Bossi.
    In cambio, Berlusconi deve cedere tutto il suo impero a De Benedetti, visto come l'ispiratore del governo Prodi e la tessera n.1 del PD.
    Berlusconi è eletto capo dello Stato. Il centrosinistra si riunisce nell'Ulivo, una alleanza vastissima che sulla carta conta una maggioranza netta, comprendente Forza Italia (guidata Angelino Alfano), il PDS (D'Alema),
    il PD (Veltroni) e il PPI (che ha appena eletto segretario Enrico Letta).
    Dall'altra parte c'è un'alleanza tra Alleanza Nazionale di Fini e la destra democristiana (Centro Cristiano Democratico) di Casini. La Lega aumenta la sua forza, vince nei piccoli comuni ma ribadisce la sua estraneità a ogni coalizione elettorale.
    Dopo i partiti
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    In un CD degli 883
    Data Registrazione
    08 May 2005
    Località
    Emilia-Romagna
    Messaggi
    44,308
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    Fuga all'estero?

    Comunque attendo i partiti.
    Il problema non è il problema. Il problema è il tuo atteggiamento rispetto al problema, comprendi?

    Mangio sempre i bambini bolliti.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    Forza Italia: Il partito, fondato da Silvio Berlusconi come entità moderna e rinnovatrice, liberalprogressista, si è arricchito fin da subito dell'afflusso di importanti personalità, appartenenti ai partiti laici. Si delineava così la possibilità che finalmente l'élite italiana di origine prevalentemente azionista, finora incapace di costituire un popolo, intorno a un importante sistema di potere fondato sulle tv private, a una guida carismatica potesse trovare la sua dimensione popolare. In seguito all'inchiesta della magistratura coinvolgente i nuclei originari dei club di Forza Italia la minoranza del partito, sostanzialmente corrispondente ai provenienti dalle correnti di sinistra dei partiti laici e comprendente molti dei personaggi fino ad allora più rappresentativi del partito (Ciampi, Rutelli, Cacciari) abbatté il progetto di garantire l'immunità per il Presidente del Consiglio, provocando le dimissioni di Berlusconi da capo del governo e l'espulsione dei dissidenti.
    Forza Italia, attraverso sempre l'arma televisiva, cominciò una politica di dura opposizione nei confronti del governo Prodi e della risicata maggioranza che lo sosteneva, definita "eversiva", "complottista", addirittura "reazionaria", in alleanza con il PDS. Silvio Berlusconi è intanto trascinato in continui processi, dai quali si difende veentemente ma anche debolmente. Ma l'ultimo anno della legislatura accade l'impensabile, con un colpo di coda D'Alema, preoccupato dalle divisioni nel centrosinistra e dal possibile successo della destra, riesce ad andare a patti col suo nemico storico Veltroni: il patto prevede l'elezione di Silvio Berlusconi a capo dello Stato e la sua immunità in cambio della cessione delle reti Mediaset al piddino De Benedetti e della candidatura di Walter Veltroni a capo del governo nel quadro di una grande alleanza di centrosinistra.
    La leadership del partito passa così ad Angelino Alfano, giovane e promettente politico che mostra di saper risollevare il partito tramite una leadership più moderata e persuasiva.
    L'impianto del partito rimane, a detta dei critici, populista e dai confini ideologici sfumati e vacui, sebbene stabilmente collocati nel campo della sinistra. Laico, atlantista, con tendenze populistiche di sinistra in economia e con una personale vicinanza da parte di Berlusconi verso gli immigrati (famosi i suoi pianti per le tragedie in mare).
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    Partito Democratico della Sinistra: il partito, erede del PCI, alle elezioni del 1994 si allea con Forza Italia, segnando una netta svolta rispetto al passato e sostiene la candidatura di Silvio Berlusconi a Presidente del Consiglio. Ottiene però, a livello partititico, un risultato insoddisfacente provocando le dimissioni di Occhetto. Si fronteggiano così Veltroni e D'Alema, con la vittoria del secondo. Il PDS riesce nei primi anni della legislatura a imporre al governo Berlusconi molte delle sue proposte fino a che l'inchiesta giudiziaria non divide il partito. Il Segretario D'Alema è deciso a sostenere l'alleato Berlusconi e a sostenere leggi che gli garantiscano l'immunità ma Veltroni e i veltroniani sono in disaccordo e non scendono a compromessi, provocando le dimissioni di Berlusconi. D'Alema è intransigente e tutti i parlamentari che hanno affossato l'immunità per Berlusconi vengono espulsi dal PDS.
    Dopo la nascita del governo Prodi il PDS torna così all'opposizione, rafforzando il suo legame con Forza Italia. D'Alema però non si arrende e, visti i sondaggi che mostrano che le divisioni del centrosinistra potrebbero realisticamente portare a un successo di Fini e dei suoi alleati, cerca di rimettere insieme i cocci. Così architetta l'"inciucio" che riesce a ricomporre il centrosinistra. Ottiene l'elezione a capo dello stato di Berlusconi ed è così pronto a sostenere il rivale Veltroni alla Presidenza del Consiglio, mostrando così di essere più interessato alle sorti del centrosinistra che alle sue personali.
    Decisamente socialdemocratico, il partito ha come esponenti principali, oltre allo stesso D'Alema (che però in caso di vittoria dell'Ulivo dovrebbe essere eletto Presidente della Camera), Bersani (probabile nuovo segretario nel dopo-D'Alema) e il padre nobile Giorgio Napolitano.
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    26,812
    Mentioned
    31 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    Partito Democratico: Il PD nasce dalla convergenza delle vaste minoranze di Forza Italia e del PDS, che avevano rifiutato di votare leggi ad personam per Berlusconi, con l'affettuosa protezione di De Benedetti.
    Il Partito Democratico diviene dunque il primo partito in Parlamento e il fulcro della maggioranza prodiana. Walter Veltroni è il suo leader indiscusso, confermato da primarie aperte a tutti senza avversari consistenti. Tramite le primarie Veltroni vuole affermare la "vocazione maggioritaria" del Partito Democratico, che causa qualche preoccupazione negli alleati del PPI.
    Tramite riferimenti ecumenici, da Don Milani a Martin Luther King ai Kennedy, si vuole costruire una "nuova sinistra", una "nuova stagione" e soprattutto una "nuova Italia".
    Si tratta del progetto di memoria risorgimentale di rifare gli italiani, migliorandoli nel profondo, culturalmente e socialmente. Il PD accetta alla fine di eleggere Berlusconi capo dello stato e di garantirgli l'immunità assumendosi il ruolo-guida nel nuovo centrosinistra.
    Pur avendo una vocazione movimentista e di piazza, il PD in politica estera è atlantista (ci sono stati incontri trilaterali Veltroni-Clinton-Blair per un cosiddetto "Partito Democratico mondiale"), keynesiano liberale sociale in politica economica.
    Gode dell'appoggio di larga parte dei media e soprattutto delle tre reti Mediaset.
    Perché l'unico tipo di rapporto che riusciva a concepire era di tipo feudale. Non aveva la minima idea di cosa fosse il cameratismo al quale anelava l'anima. (E. M. Forster)



  6. #6
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    VOTO PDS
    Ultima modifica di SteCompagno; 06-05-10 alle 15:02
    VOTA NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE
    UN NO COSTITUENTE PER LA DEMOCRAZIA CONTRO L'AUSTERITA'
    http://www.sinistraitaliana.si/ - http://www.noidiciamono.it/

  7. #7
    Comunista
    Data Registrazione
    05 Oct 2009
    Località
    Pannesi, Liguria, Italy, Italy
    Messaggi
    4,636
    Mentioned
    124 Post(s)
    Tagged
    31 Thread(s)

    Predefinito Rif: Elezioni 1999

    Rifondazione Comunista

 

 

Discussioni Simili

  1. Elezioni Europee 1999
    Di Bèrghem nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-08-06, 10:01
  2. 11/01/1999 De Andre
    Di amsicora nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 16-02-06, 10:47
  3. *elezioni europee 1999* per ricordare e confrontare
    Di Libero (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 16-06-04, 08:36
  4. Europee del 1999
    Di O'Rei nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 23-04-04, 11:18
  5. 24 marzo 1999: GO!
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 31-03-04, 01:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226