User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25
  1. #1
    Aderisci a Radical
    Data Registrazione
    31 May 2008
    Località
    unità dei radicali su POL
    Messaggi
    5,979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La crisi delle regole (di Franco Bruni)

    La disponibilità di aiuti pubblici per Fannie May e Freddie Mac, le due società parastatali di finanziamento immobiliare americane, è stata a lungo sottintesa. In luglio è diventata esplicita ma imprecisata. Domenica ha fatto un altro passo avanti: il governo ha preso impegni più precisi. Non è ancora nazionalizzazione. È invece sempre improvvisazione. La crisi finanziaria, come nel caso di Bear Sterns, di Northern Rock in Inghilterra, di alcune banche e fondi tedeschi e francesi, di altri casi che potrebbero succedere presto, è una fiera di provvedimenti di fantasia. Sembra non vi siano regole per giudicare la gravità dei casi e per decidere come procedere. L’opinione pubblica e i mercati non si oppongono alla fantasia. Anzi, la fantasia è popolare. La gente gradisce che le crisi vengano gestite da prestigiatori, presumendoli capaci di lenire ogni conseguente dolore. I politici incassano applausi e ne approfittano. In America si tratta di arrivare alle elezioni. La borsa Usa ha accolto favorevolmente le decisioni su Fannie & Freddie. Anche per iniettare liquidità nel sistema bancario le banche centrali hanno usato grande discrezionalità, accettando in garanzia titoli e attività di incerto valore. Più lo hanno fatto in modo spregiudicato, più complimenti hanno ricevuto dal mercato e dai politici. Anche la politica monetaria è stata usata, soprattutto in America, in modo spericolato, fuori dalle regole. I tassi di interesse sui fondi liquidi in dollari sono da tempo negativi, al netto dell’inflazione: chi riceve credito incassa interessi. Altri applausi: per la capacità di «uscire dagli schemi» nel fronteggiare la crisi. C’è poi la politica fiscale: in America sono stati inviati assegni a casa di alcune delle vittime della crisi immobiliare; in Europa fioriscono proposte per sbloccare la congiuntura avversa violando il Patto di Stabilità, indebitando Bruxelles o trovando altri modi fantasiosi per elargire fondi pubblici comunitari.

    In Italia sia i privati che i politici sono notoriamente disinvolti con le regole. Le difficoltà della crisi e della globalizzazione sono un’occasione per applaudire colpi di fantasia e stragi di regole. Con Alitalia è stato clamoroso. Giustamente Alberto Bisin ha scritto su questo giornale che Alitalia e Freddie & Fannie hanno in comune soprattutto la socializzazione delle perdite di organizzazioni che sono state tenute dai loro governi al riparo della concorrenza. L’altro elemento comune è la rottura delle regole, particolarmente grave per società quotate. I politici come demiurghi, confortati da miopi applausi. Il salvataggio pasticciato di Northern Rock è avvenuto, forse per caso, quando il primo ministro inglese, appena nominato, era alla ricerca di effimero consenso.

    La crisi finanziaria è il risultato di regole sbagliate, lacunose, non applicate, di politiche monetarie lontane dai canoni dell'ortodossia. La globalizzazione è un problema perché non è governata, non è accompagnata da regole forti e globali come lei. Crisi finanziaria e globalizzazione sono parenti. Sono crisi delle regole. Le loro sfide andrebbero affrontate curando le regole, migliorando le vecchie e mettendo a punto quelle che mancano, comprese migliori procedure per la gestione delle crisi. Si va invece nella direzione opposta: si affronta la situazione facendo le eccezioni invece delle regole. Slegandosi le mani dalle regole, con la scusa delle circostanze eccezionali, i politici guadagnano potere. A loro conviene esagerare le difficoltà, definire insopportabile la chiusura di una banca o di una linea aerea, piuttosto che un forte calo della domanda di consumi. Conviene esagerare la paura per proporsi come fonte di speranza. Ci sono senz’altro situazioni per le quali è bene siano previsti, scritti in chiaro nel libro delle regole, spazi di discrezionalità, possibili eccezioni. Ma l’opinione pubblica e i mercati dovrebbero lesinare applausi alle eccezioni. Dovrebbero chiedere regole, uguali per tutti, bene applicate e aggiornate, e che i politici si occupino di regole e non di eccezioni. Perché un sistema di regole funzioni occorre però che la gente sia disposta a pagare un prezzo di coerenza e fedeltà. Quando, nonostante le buone regole, capitano incidenti e difficoltà, entro certi limiti bisogna sopportare, senza pasticciare le regole. In economia le crisi, gli aggiustamenti costosi a situazioni nuove, sono in parte inevitabili. Portano anche benefici, se sgombrano il campo dalle conseguenze di scelte sbagliate e insegnano a non ripeterle. Le buone regole prevedono anche una accettabile distribuzione dei costi delle crisi. Val la pena di violare le regole, di consegnarci nelle mani di spregiudicati prestigiatori, per non far fallire qualche banca o una linea aerea, per non sopportare qualche trimestre di stagnazione del Pil?
    franco.bruni@unibocconi.it

    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tm...ione=&sezione=

    Lo posto solo qui, dove ci sono forumisti competenti...

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    per evitare determinate crisi in futuro basterebbe una semplice regola: parità aurea classica (dato che allo stato attuale parlare di free banking, che rimane comunque il sistema migliore, ci fa passare per pazzi furiosi).

  3. #3
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    l'articolo ha anche dei buoni spunti, come ad esempio il riferimento alla politica monetaria criminale della Fed, però poi cade nei soliti errori populisti, come la frase la globalizzazione è un problema perché non è governata, non è accompagnata da regole forti e globali come lei.

  4. #4
    Aderisci a Radical
    Data Registrazione
    31 May 2008
    Località
    unità dei radicali su POL
    Messaggi
    5,979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    per evitare determinate crisi in futuro basterebbe una semplice regola: parità aurea classica (dato che allo stato attuale parlare di free banking, che rimane comunque il sistema migliore, ci fa passare per pazzi furiosi).
    Molto interessante.

    Ma quali sono, secondo te, le regole auspicate dal prof.Bruni?
    E sono irrealizzabili o non realizzate?

  5. #5
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Lussemburgo
    Messaggi
    29,901
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    per evitare determinate crisi in futuro basterebbe una semplice regola: parità aurea classica (dato che allo stato attuale parlare di free banking, che rimane comunque il sistema migliore, ci fa passare per pazzi furiosi).
    già.. ed è un vero peccato..

  6. #6
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nicola Parente Visualizza Messaggio
    Ma quali sono, secondo te, le regole auspicate dal prof.Bruni?
    leggendo sembrerebbe che Bruni in merito alla crisi abbia una posizione vicina alla mia, quanto meno sul "cosa fare ora"...dalla sua chiusura si può evincere che sia a favore di far correre la crisi, di permettere il fallimento di una banca insolvente, o di una compagnia aerea in bancarotta de facto, senza chiedere interventi straordinari, e degenarativi, del governo...sarebbe interessante sapere il pensiero di Bruni in merito alle causa di tale crisi, dato che nello stesso articolo denuncia la mancanza di regolamentazione (e dovrebbe spiegare a quali regole si riferisce, dato che letta così potrebbe essere scambiato per un tremontiano) e allo stesso tempo la natura pubblica, o quasi, di tale crisi, denunciando in particolare determinate politiche monetarie assurde.

  7. #7
    Aderisci a Radical
    Data Registrazione
    31 May 2008
    Località
    unità dei radicali su POL
    Messaggi
    5,979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    leggendo sembrerebbe che Bruni in merito alla crisi abbia una posizione vicina alla mia, quanto meno sul "cosa fare ora"...dalla sua chiusura si può evincere che sia a favore di far correre la crisi, di permettere il fallimento di una banca insolvente, o di una compagnia aerea in bancarotta de facto, senza chiedere interventi straordinari, e degenarativi, del governo...sarebbe interessante sapere il pensiero di Bruni in merito alle causa di tale crisi, dato che nello stesso articolo denuncia la mancanza di regolamentazione (e dovrebbe spiegare a quali regole si riferisce, dato che letta così potrebbe essere scambiato per un tremontiano) e allo stesso tempo la natura pubblica, o quasi, di tale crisi, denunciando in particolare determinate politiche monetarie assurde.
    Magari proverò a scrivergli...
    Le lezioni della scuola austriaca, che state giustamente diffondendo, cominciano ad avere un'eco anche a livello nazionale, ne parlava ieri un TG satellitare.

  8. #8
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nicola Parente Visualizza Messaggio
    Magari proverò a scrivergli...
    Le lezioni della scuola austriaca, che state giustamente diffondendo, cominciano ad avere un'eco anche a livello nazionale, ne parlava ieri un TG satellitare.
    ah si, e quale?

    comunque è vero, c'è anche un 3d dove ho mostrato una pagina del Sole 24 Ore che cita Rothbard (e ti assicuro che è un evento quasi eccezionale).

  9. #9
    Aderisci a Radical
    Data Registrazione
    31 May 2008
    Località
    unità dei radicali su POL
    Messaggi
    5,979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Abbott Visualizza Messaggio
    ah si, e quale?

    comunque è vero, c'è anche un 3d dove ho mostrato una pagina del Sole 24 Ore che cita Rothbard (e ti assicuro che è un evento quasi eccezionale).
    Non mi ricordo... era in inglese, non bbc o cnn, forse era bloomberg

  10. #10
    Aderisci a Radical
    Data Registrazione
    31 May 2008
    Località
    unità dei radicali su POL
    Messaggi
    5,979
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La lezione della crisi
    L’unanime sollievo per lo scampato pericolo (le Borse mondiali hanno festeggiato il salvataggio di Fannie&Freddie con vistosi rialzi), il giorno dopo cede il passo al dibattito sul futuro dei due colossi del credito. Infatti, una volta normalizzata la crisi, bisognerà decidere se essi dovranno restare nelle mani pubbliche (con quale ruolo?) o se verranno rimessi sul mercato (a quali condizioni?). Certo, questo rimane solo un aspetto del problema, sottolinea il New York Times mentre auspica che si torni presto a concentrarsi sulla struttura globale dei rischi e delle vulnerabilità dell’economia Usa (non è più rinviabile, ad esempio, un drastico intervento sull’indebitamento e sulla politica fiscale). Perché non è più immaginabile sfilarsi dalle regole, affidarsi alla fantasia, sfidando caso per caso i rovesci delle crisi. Occorre un coerente e rigoroso ritorno alle regole, perché “la crisi finanziaria è il risultato di regole sbagliate, lacunose, non applicate, di politiche monetarie lontane dai canoni dell'ortodossia. La globalizzazione è un problema perché non è governata, non è accompagnata da regole forti e globali come lei. Crisi finanziaria e globalizzazione sono parenti. Sono crisi delle regole. Le loro sfide andrebbero affrontate curando le regole, migliorando le vecchie e mettendo a punto quelle che mancano, comprese migliori procedure per la gestione delle crisi. Si va invece nella direzione opposta: si affronta la situazione facendo le eccezioni invece delle regole. Slegandosi le mani dalle regole, con la scusa delle circostanze eccezionali, i politici guadagnano potere.” (F. Bruni)

    Un'altra interessante riflessione del prof. Bruni.




 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-08-11, 12:21
  2. Il rispetto delle regole
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 12-05-09, 09:15
  3. LE REGOLE: CAUSA, NON CURA DELLA CRISi
    Di tabaré nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-11-08, 16:49
  4. Rispetto Delle Regole!
    Di simonespiga nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-10-07, 21:59
  5. Il ripstto delle regole
    Di stefanopelloni nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-08-07, 13:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226