User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Capitalismo sfrenato, lo salva lo stato

    ECONOMIA USA
    Capitalismo sfrenato, lo salva lo stato
    Galapagos


    «Paulson riscrive le regole del capitalismo», titolava ieri il sito on line della Cnn a proposito della nazionalizzazione di Fannie Mae e Freddie Mac decisa dal ministro dell'economia statunitense. Titolo brillante, ma non veritiero: Paulson non ha riscritto regole nuove, ma ha solamente applicato la vecchia regola che «impone» allo stato di intervenire quando il sistema economico - e soprattutto finanziario - è traballante. Ma c'è un altro aspetto preoccupante nell'intervento a favore dei due colossi dei mutui: il loro salvataggio può spingere altre società a comportamenti ancora più «disattenti» o più aggressivi, con la certezza che ci sarà sempre un salvatore di ultima istanza.

    Il salvataggio di Fannie Mae e Fredie Mac è stato accolto con clamorosi consensi dalla comunità finanziaria internazionale e ieri le borse sono state travolte da un'incredibile euforia che non si sa quanto potrà durare: già questa mattina i mercati potrebbero riprendere il trend discendente che da mesi caratterizza il loro andamento. E questo perché il salvataggio dei due colossi dei mutui non risolve i problemi dell'economia reale, ma allenta unicamente le tensioni sul fronte della finanza. La nazionalizzazione di Fannie e Freddie ricorda da vicino il tentativo del governo italiano di tenere in vita Alitalia: dietro non c'è nessun piano che sia di rilancio dell'edilizia pubblica o un progetto industriale sul trasporto aereo non fa differenza. C'è solo una logica di salvataggio accollandone i costi allo stato. Per quanto riguarda le due società Usa le prime cifre indicano in circa 200 miliardi di dollari il costo dell'intervento, mentre per Alitalia la cifra sarà nettamente inferiore. Ma la logica è la stessa: a pagare sarà lo stato che si accollerà tutte le perdite pregresse e future secondo una logica di capitalismo assistito che anche nella patria del liberismo non sembra ammettere la possibilità di un fallimento da far pagare ai lavoratori e non a chi - nel caso di Fannie e Freddie - puntando ai facili guadagni garantiti dagli interessi sui mutui che erano costretti a pagare i cittadini che volevano un tetto sulla testa. Quando fu creata sul finire degli anni '30, Fannie Mae aveva un obiettivo sociale: la concessione di mutui a basso costo per favorire l'accesso alla proprietà della casa. Un intervento spesso definito di «capitalismo democratico». Una definizione impropria: sarebbe più opportuno parlare di capitalismo «furbo» visto che l'accesso alla proprietà della casa ha costretto decine di milioni di persone a indebitarsi a vita e a spingerle a diventare forza lavoro estremamente flessibile e mobile per non perdere il «privilegio» della casa. Allo stesso modo per tenere alti i consumi (e il consumismo sfrenato) c'è stato il boom delle carte di credito che ha fatto diventare i cittadini Usa i più indebitati del mondo, legandoli definitivamente a un modello di accumulazione drogato e sbagliato. E le cose sono progressivamente peggiorate a iniziare dalla metà degli anni '70 con la privatizzazione: Fannie Mae (e successivamente Freddie Mac, creata in quegli stessi anni) sono diventate imprese finanziarie che si limitavano a finanziare le banche e le altre istituzioni che concedevano mutui. Neanche a dirlo a tassi di mercato, diventati insostenibili negli ultimi anni. Insomma, la loro attività è comprare i mutui erogati da altri. Attualmente le due società risultano aver finanziato oltre 5,2 mila miliardi di dollari di mutui - non subprime - una somma pari a circa un terzo del Pil Usa e della capitalizzazione di borsa. Ovviamente anche Fannie e Freddie hanno bisogno di finanziarsi e lo fanno emettendo obbligazioni che collocano su tutti i mercati mondiali. Per anni le obbligazioni sono state acquistate senza problemi: anche se formalmente le due società erano private e distribuivano lauti profitti, tutti sapevano che implicitamente questi bond erano garantiti del governo Usa. Prossimamente dovranno restituire 250 milioni di obbligazioni in scadenza, ma nelle casse non c'è una lira. Insomma, Fannie e Freddie erano a rischio default , ma con loro a rischio erano gli Stati uniti che da almeno due decenni vivono - emettendo bond - indebitandosi con l'estero. E questo spiega la nazionalizzazione di Fannie e Freddie: dalla patria del liberismo più sfrenato è partito un messaggio ai mercati per garantirli che il capitale è sacro. Non è una buona notizia

    http://www.ilmanifesto.it/argomenti-...e27597a5f.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Capitalismo sfrenato... il manifesto è in vena di sparare cazzate, qui è lo stato che salva lo stato.

  3. #3
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [quote=Average Joe;8538706]Capitalismo sfrenato... il manifesto è in vena di sparare cazzate, qui è lo stato che salva lo stato.[/quo



    è vero infatti però è da sottolinare dove critica lo stato nell'intervento economico

  4. #4
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    va bè Il Manifesto ragazzi...lasciamo stare.

  5. #5
    Ran Tasipi
    Ospite

    Predefinito

    Ma infatti, dico io, abbiamo bisogno di un articolo del Nazifesto per criticare l'interventismo statale? Suvvia.

  6. #6
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da H.I.M. Visualizza Messaggio
    Ma infatti, dico io, abbiamo bisogno di un articolo del Nazifesto per criticare l'interventismo statale? Suvvia.

    no, la cosa strana è che lo fA IL manifesto.........

  7. #7
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [quote=domenicolet.;8538729]
    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio
    Capitalismo sfrenato... il manifesto è in vena di sparare cazzate, qui è lo stato che salva lo stato.[/quo



    è vero infatti però è da sottolinare dove critica lo stato nell'intervento economico
    Perchè per loro salva l'odiato capitalismo, lo stato interviene sempre nel sistema economico, Welfare, tassazione e il manifesto non si è mai lamentato.
    E' solo un problema di nome che ricorda le multinazionali, si chiamassero banche comuniste del popolo e fossero a Cuba l'intervento dello stato sarebbe giustissimo.

  8. #8
    Ran Tasipi
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da domenicolet. Visualizza Messaggio
    no, la cosa strana è che lo fA IL manifesto.........
    Risparmiati quegli insopportabili puntin di sospensione e rileggiti l'articolo, perché così dimostri di non aver capito niente di quello che c'è scritto. Al manifestoquotidianocomunista non fanno distinzione fra capitalismo di stato e capitalismo di libero mercato. Per loro il profitto è sempre un male, ancora peggiore se avallato dallo stato, cioé, secondo le loro teste bacate, se grazie all'aiuto dello stato i capitalisti riescono a superare gli impietosi giudizi del mercato. Cosa peraltro giusta, in linea di principio, a patto che coerentemente si estenda questo giudizio a tutte le altre categorie economiche.

  9. #9
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da domenicolet. Visualizza Messaggio
    no, la cosa strana è che lo fA IL manifesto.........
    Lo Stato non sta salvando il Capitalismo sfrenato, evidentemente al Manifesto continuano a non comprendere le differenze: quello che lo Stato sta salvatndo è il modo irresponsabile, parassita, ladro che le due banche di Stato stavano portando avanti. Il Manifesto chiama Capitalismo il modo di agire delle due banche, ma quelle due banche non agivano in condizione di mercato libero, ma da vere monopoliste dei mutui, in modo irresponsabile, vendendo mutui senza avere garanzie in cambio, proprio perchè erano Stato. Stami a sentire, se gli americani non hanno pagato i mutui non è perchè non avevano i soldi, ma perchè hanno capito che che anche se non pagavano, la casa restava loro comunque. Micca scemi. Bravi americani che non hanno pagato il mutuo delle banche dello Stato. Mo porteranno su le tasse per finniare l statalizazione completa delle due banche, se banche si possono chiamare. Poveri americani.

    Al Manifesto sono proprio bastardoni e ipocriti...spacciano per protezione del Capitalismo l'interventismo Socialista americano che protegge due banche di Stato...Se non riesci a capire le stupidagini che scrive il Manifesto sei presoproprio male....sarebbe come dire che lo Stato Italiano sta salvando il Capitalismo sfrenato dell'Alitalia......


  10. #10
    AnarcoLiberale ''egoista'
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    2,894
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da H.I.M. Visualizza Messaggio
    Risparmiati quegli insopportabili puntin di sospensione e rileggiti l'articolo, perché così dimostri di non aver capito niente di quello che c'è scritto. Al manifestoquotidianocomunista non fanno distinzione fra capitalismo di stato e capitalismo di libero mercato. Per loro il profitto è sempre un male, ancora peggiore se avallato dallo stato, cioé, secondo le loro teste bacate, se grazie all'aiuto dello stato i capitalisti riescono a superare gli impietosi giudizi del mercato. Cosa peraltro giusta, in linea di principio, a patto che coerentemente si estenda questo giudizio a tutte le altre categorie economiche.
    ok niente più puntini

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Lo Stato salva il capitalismo?
    Di Nolan (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 18-09-08, 03:50
  2. il capitalismo salva i poveri
    Di Rochefoucauld nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 169
    Ultimo Messaggio: 10-02-08, 16:32
  3. Ludwig von Mises, solo il capitalismo salva i poveri
    Di il pescatore nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-11-07, 14:53
  4. Ludwig von Mises, solo il capitalismo salva i poveri
    Di il pescatore nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-11-07, 18:43
  5. Usa, diritto alla felicità e capitalismo sfrenato
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-08-04, 17:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226