User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Pensiero Libero
    Data Registrazione
    16 Jun 2009
    Messaggi
    2,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito PNE: Proposta di legge minoranze linguistiche, tutela Lengoa Veneta!

    http://progettonordest.forumfree.net/?t=32023750

    PROPOSTA DI LEGGE STATALE

    da trasmettere al Parlamento ai sensi dell'articolo 121 della Costituzione


    d'iniziativa dei Consiglieri FOGGIATO e CANCIAN

    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482

    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”



    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482
    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”


    R e l a z i o n e

    Con l’approvazione della legge 13 aprile 2007, n. 8 “Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto”, il Consiglio Regionale si è dotato di uno strumento di fondamentale importanza per la salvaguardia della lingua veneta.
    La presente proposta di legge statale è la naturale prosecuzione di quella iniziativa.
    Con la legge 15 dicembre 1999, n. 482 “Nome in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” il parlamento italiano ha posto fine, a oltre cinquant’anni di distanza, a una …dimenticanza clamorosa (la costituzione dichiara, infatti, all’art. 6 “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”), ma ha scandalosamente ignorato il Veneto e la sua lingua.
    Nella risoluzione adottata il 16 marzo 1988 il Consiglio d'Europa afferma nel preambolo della "Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie", "il diritto delle popolazioni ad esprimersi nelle loro lingue regionali o minoritarie nell'ambito della loro vita privata e sociale costituisce un diritto imprescrittibile" e più avanti “la difesa e il rafforzamento delle lingue regionali o minoritarie nei vari paesi e nelle varie regioni d'Europa, lungi dal costituire un ostacolo alle lingue nazionali, rappresentano un contributo importante all'edificazione di un'Europa basata sui principi di democrazia e di diversità culturale". E’ auspicabile quindi che pochi ultimi anni che ci separano dal terzo millennio diventino gli anni della tutela, dello sviluppo e della promozione delle lingue e delle culture regionali senza naturalmente che questo pregiudichi il processo di integrazione europea né la facilità di contatti fra i singoli popoli.
    Anzi, gli stati più avanzati e rispettosi dei diritti delle minoranze hanno capito che quando un popolo è cosciente della propria identità, è più disponibile alla comprensione delle culture altrui, è più rispettoso delle caratteristiche e delle peculiarità degli altri popoli, è meno portato a misurare la civiltà o l'inciviltà altrui sul proprio metro.
    E su “Parlare l’Europa” volumetto edito dal Bureau Europeo per le lingue meno diffuse si legge:
    “A volte si crede che le lingue più usate abbiano più valore e siano migliori solo in virtù del loro potere economico e del loro prestigio sociale.
    Il concetto di lingua superiore non ha alcun senso, ed è da parecchio tempo che nessuno ci crede più.
    Si riteneva anche che esistessero lingue superiori, ma questa idea non trova più seguito. All’idea di lingua inferiore corrispondeva l’idea perversa di popolo inferiore. (E su questa idea razzistica, sul tentativo di far passare per sottosviluppato chiunque parlasse veneto, il mondo della politica e della cultura italiana hanno continuato e continuano a martellare incessantemente).

    ·OGNI LINGUA PUÒ RISPONDERE ALLE NOSTRE ESIGENZE;
    ·OGNI LINGUA HA UN PROPRIO VALORE UNICO E INTRINSECO;
    ·OGNI LINGUA RAPPRESENTA UN ARRICCHIMENTO PER L’UMANITÀ”.

    Questo ha un significato del tutto particolare nella nostra regione: il veneto è parlato correntemente dalla stragrande maggioranza del nostro popolo, la lingua veneta è la lingua parlata dalla percentuale più alta fra le lingue parlate dai vari popoli presenti all’interno dello stato italiano secondo l’ultima statistica Istat; nella nostra terra continuano le manifestazioni per la tutela e la valorizzazione della lingua veneta. Domenica scorsa, 7 settembre 2008, su iniziativa dell’associazione culturale “Raixe Venete” oltre 30.000 persone si sono pacificamente e gioiosamente incontrate nella piazza di Cittadella per chiedere proprio questo.
    Va altresì ricordato che:
    - la lingua veneta è riconosciuta come tale da importanti documenti linguistici come l'UNESCO Red Book of Endangered Languages del professor Tapani Salmiden (Università di Helsinky), The Ethnologue Languages of the World 13th Edition - Summer Institute of Linguistics- Dallas, Texas-USA;
    - il Consiglio Regionale del Veneto in data 22/11/1999 ha approvato a larga maggioranza una risoluzione (n. 262) nella quale si chiede al governo italiano di riconoscere il Veneto come lingua;
    - il Governo Regionale del Veneto nel marzo 1995 ha pubblicato un "Manuale della Grafia Veneta Unitaria";
    - una variante della lingua veneta, el talian, è per una settimana all'anno lingua ufficiale di Serafina Correa, stato del Rio Grande do Sul in Brasile, in onore alle centinaia di migliaia di immigrati veneti che risiedono in Brasile e che ancora parlano questa lingua;
    - la lingua veneta, nelle varianti istro-veneta e dalmato-veneta continua ad essere parlata in diverse comunità della Slovenia e della Croazia;
    - nella toponomastica ufficiale di diversi comuni del Veneto si usa correntemente il bilinguismo (vedi per esempio Spresiano-Spresian e Visnadello-Visnadel);
    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482
    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”

    Articolo unico

    1. L’articolo 2 è così modificato: “In attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano, il sardo e il veneto”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 May 2008
    Messaggi
    642
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MirkoPNE Visualizza Messaggio
    http://progettonordest.forumfree.net/?t=32023750

    PROPOSTA DI LEGGE STATALE

    da trasmettere al Parlamento ai sensi dell'articolo 121 della Costituzione


    d'iniziativa dei Consiglieri FOGGIATO e CANCIAN

    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482

    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”



    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482
    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”


    R e l a z i o n e

    Con l’approvazione della legge 13 aprile 2007, n. 8 “Tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto”, il Consiglio Regionale si è dotato di uno strumento di fondamentale importanza per la salvaguardia della lingua veneta.
    La presente proposta di legge statale è la naturale prosecuzione di quella iniziativa.
    Con la legge 15 dicembre 1999, n. 482 “Nome in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche” il parlamento italiano ha posto fine, a oltre cinquant’anni di distanza, a una …dimenticanza clamorosa (la costituzione dichiara, infatti, all’art. 6 “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”), ma ha scandalosamente ignorato il Veneto e la sua lingua.
    Nella risoluzione adottata il 16 marzo 1988 il Consiglio d'Europa afferma nel preambolo della "Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie", "il diritto delle popolazioni ad esprimersi nelle loro lingue regionali o minoritarie nell'ambito della loro vita privata e sociale costituisce un diritto imprescrittibile" e più avanti “la difesa e il rafforzamento delle lingue regionali o minoritarie nei vari paesi e nelle varie regioni d'Europa, lungi dal costituire un ostacolo alle lingue nazionali, rappresentano un contributo importante all'edificazione di un'Europa basata sui principi di democrazia e di diversità culturale". E’ auspicabile quindi che pochi ultimi anni che ci separano dal terzo millennio diventino gli anni della tutela, dello sviluppo e della promozione delle lingue e delle culture regionali senza naturalmente che questo pregiudichi il processo di integrazione europea né la facilità di contatti fra i singoli popoli.
    Anzi, gli stati più avanzati e rispettosi dei diritti delle minoranze hanno capito che quando un popolo è cosciente della propria identità, è più disponibile alla comprensione delle culture altrui, è più rispettoso delle caratteristiche e delle peculiarità degli altri popoli, è meno portato a misurare la civiltà o l'inciviltà altrui sul proprio metro.
    E su “Parlare l’Europa” volumetto edito dal Bureau Europeo per le lingue meno diffuse si legge:
    “A volte si crede che le lingue più usate abbiano più valore e siano migliori solo in virtù del loro potere economico e del loro prestigio sociale.
    Il concetto di lingua superiore non ha alcun senso, ed è da parecchio tempo che nessuno ci crede più.
    Si riteneva anche che esistessero lingue superiori, ma questa idea non trova più seguito. All’idea di lingua inferiore corrispondeva l’idea perversa di popolo inferiore. (E su questa idea razzistica, sul tentativo di far passare per sottosviluppato chiunque parlasse veneto, il mondo della politica e della cultura italiana hanno continuato e continuano a martellare incessantemente).

    ·OGNI LINGUA PUÒ RISPONDERE ALLE NOSTRE ESIGENZE;
    ·OGNI LINGUA HA UN PROPRIO VALORE UNICO E INTRINSECO;
    ·OGNI LINGUA RAPPRESENTA UN ARRICCHIMENTO PER L’UMANITÀ”.

    Questo ha un significato del tutto particolare nella nostra regione: il veneto è parlato correntemente dalla stragrande maggioranza del nostro popolo, la lingua veneta è la lingua parlata dalla percentuale più alta fra le lingue parlate dai vari popoli presenti all’interno dello stato italiano secondo l’ultima statistica Istat; nella nostra terra continuano le manifestazioni per la tutela e la valorizzazione della lingua veneta. Domenica scorsa, 7 settembre 2008, su iniziativa dell’associazione culturale “Raixe Venete” oltre 30.000 persone si sono pacificamente e gioiosamente incontrate nella piazza di Cittadella per chiedere proprio questo.
    Va altresì ricordato che:
    - la lingua veneta è riconosciuta come tale da importanti documenti linguistici come l'UNESCO Red Book of Endangered Languages del professor Tapani Salmiden (Università di Helsinky), The Ethnologue Languages of the World 13th Edition - Summer Institute of Linguistics- Dallas, Texas-USA;
    - il Consiglio Regionale del Veneto in data 22/11/1999 ha approvato a larga maggioranza una risoluzione (n. 262) nella quale si chiede al governo italiano di riconoscere il Veneto come lingua;
    - il Governo Regionale del Veneto nel marzo 1995 ha pubblicato un "Manuale della Grafia Veneta Unitaria";
    - una variante della lingua veneta, el talian, è per una settimana all'anno lingua ufficiale di Serafina Correa, stato del Rio Grande do Sul in Brasile, in onore alle centinaia di migliaia di immigrati veneti che risiedono in Brasile e che ancora parlano questa lingua;
    - la lingua veneta, nelle varianti istro-veneta e dalmato-veneta continua ad essere parlata in diverse comunità della Slovenia e della Croazia;
    - nella toponomastica ufficiale di diversi comuni del Veneto si usa correntemente il bilinguismo (vedi per esempio Spresiano-Spresian e Visnadello-Visnadel);
    MODIFICA DELLA LEGGE 15 dicembre 1999, n. 482
    “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”

    Articolo unico

    1. L’articolo 2 è così modificato: “In attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano, il sardo e il veneto”.


    sarebbe molto bello e giusto..ma non ve lo accetteranno...
    ovviamente poi la cosa andrebbe estesa ad almeno altre 5-6 lingue locali ben strutturate come piemontese, insubre, siciliano, etc
    ci tieni aggiornati??!!

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,712
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sono tutte iniziative che avrebbe dovuto fare la lega ... ma in vent'anni solo casciàball e cadreghe

  4. #4
    Pensiero Libero
    Data Registrazione
    16 Jun 2009
    Messaggi
    2,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    sono tutte iniziative che avrebbe dovuto fare la lega ... ma in vent'anni solo casciàball e cadreghe
    è lo so io veramente spero che PNE mantenga questo tipo di politica, senza vendersi a nessuno, ci sarà poca pubblicità ma con il passaparola e le elezioni senza allearsi con mafiosi di destra e sinistra qualcosa si otterrà! ne sono sicuro.

  5. #5
    Lombard
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    609
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ottima iniziativa, in bocca al lupo (anche se la vedo dura).
    questa legge farebbe da apripista anche per noi Insubri

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-09, 20:31
  2. AN contro le minoranze linguistiche
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 09-08-07, 10:42
  3. Minoranze linguistiche
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-05-06, 20:18

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226