User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito All' ordine del giorno, il nulla o quasi

    Dopo una lunga vacanza, l’Assemblea siciliana torna in Aula. All’ordine del giorno, il nulla o quasi

    Due secoli fa il Parlamento siciliano fu mandato a casa perché i sabaudi ritennero che si occupasse di sorbetti e feste piuttosto che dei bisogni dell’Isola. Una punizione esagerata che, tuttavia, fu accolta senza proteste. Alla gente non interessava che gustassero sorbetti, i membri defenestrati non se ne preoccuparono più di tanto, perché gustarli a Palazzo dei Normanni o fuori era la stessa cosa.

    Nel nostro tempo grazie all’autonomia speciale, il Parlamento siciliano ha superato indenne quattro anni di catering e due di conflittualità permanente, dal 2001 al 2008. Segno che può sopravvivere a qualsiasi evento.

    La legislatura vigente è stata dedicata all’attesa. Non è un tema avvincente, ma permette di riflettere senza sollecitazioni fastidiose. L’Assemblea regionale siciliana vive la vigilia del federalismo leghista come un turista alle Hawaii, in attesa delle fanciulle con le ghirlande di fiori. E’ sdraiata sui suoi privilegi, i suoi risvegli sono più rari dei poveri malati in stato vegetale da tempo immemorabile. Per non andare in depressione quelli che ci tengono sventagliano interrogazioni e disegni di legge, sapendo che né le une né gli altri entreranno nel dibattito parlamentare.

    L’attività legislativa è ridotta ai minimi termini, la legislatura iniziata a maggio s’è guadagnata la fama della meno faticosa di tutti i tempi. Pochi disegni di legge – un solo articolo – approvati per forza d’inerzia. Basta dare uno sguardo ai giornali, seguire l’informazione radio televisiva per fare la diagnosi: ciò che si fa e si dice a Palazzo dei Normanni non conta quasi nulla.

    E’ dovuto alle lunghe vacanze dei deputati? Certo, ma le vacanze siciliane sono state infinitamente più lunghe di quelle romane. La Camera e il Senato hanno lavorato duramente. Dal momento che la maggioranza di centrodestra in Sicilia può contare su una larga rappresentanza di deputati regionali, l’inattività siciliana non può essere spiegata da un confronto risicato sui “numeri”.

    Oggi si torna in Aula per la 18esima seduta dedicata al nulla.

    L’ ordine del giorno offre convincenti indizi sullo stato dell’arte. Prevede lo svolgimento dell’attività ispettiva, interrogazioni e interpellanze dedicate all’agricoltura e foreste.
    Significa che non ci sono disegni di legge esaminati dalle commissione o quelli che ci sono non hanno superato l’esame. Perché non s’è lavorato?

    Il Presidente della Regione, Lombardo, prima delle ferie, ha rimproverato all’Assemblea i ritardi, il Presidente dell’Assemblea, Cascio, ha rimproverato al Governo una imbarazzante assenza dall’Aula e dalle Commissioni legislative.

    L’ordine del giorno della seduta propone dell’altro, l’elezione di cinque componenti della commissione di garanzie per la trasparenza, l’imparzialità delle pubbliche amministrazioni e la verifica delle situazioni patrimoniali.

    Ironia della sorte, l’Assemblea, in giugno, ha approvato con decreto del suo Presidente, un Regolamento dell’accesso che rende di fatto inaccessibili gli atti amministrativi a causa delle numerose esclusioni previste dalla normativa. Dopo 18 anni dall’approvazione della legge sulla trasparenza, il Parlamento regionale ha dovuto darsi delle regole e quando l’ha fatto, ha chiuso i boccaporti con paratie stagne. Un capolavoro di “inaccessibilità”.

    Quando il Regolamento è stato reso noto, c’è stata una protesta dei giornalisti siciliani, promossa dal Quotidiano di Sicilia, ed un appello al Presidente dell’Assemblea, Cascio, perché fosse modificato, ma non è successo niente.
    Un bunker inaccessibile.

    Con quale autorità, il bunker si accinge ad offrire garanzie sulla trasparenza e l’imparzialità delle pubbliche amministrazioni siciliane?
    http://www.siciliainformazioni.com/g...ulla-quasi.htm

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Neva Visualizza Messaggio
    Dopo una lunga vacanza, l’Assemblea siciliana torna in Aula. All’ordine del giorno, il nulla o quasi

    Due secoli fa il Parlamento siciliano fu mandato a casa perché i sabaudi ritennero che si occupasse di sorbetti e feste piuttosto che dei bisogni dell’Isola. Una punizione esagerata che, tuttavia, fu accolta senza proteste. Alla gente non interessava che gustassero sorbetti, i membri defenestrati non se ne preoccuparono più di tanto, perché gustarli a Palazzo dei Normanni o fuori era la stessa cosa.

    Nel nostro tempo grazie all’autonomia speciale, il Parlamento siciliano ha superato indenne quattro anni di catering e due di conflittualità permanente, dal 2001 al 2008. Segno che può sopravvivere a qualsiasi evento.

    La legislatura vigente è stata dedicata all’attesa. Non è un tema avvincente, ma permette di riflettere senza sollecitazioni fastidiose. L’Assemblea regionale siciliana vive la vigilia del federalismo leghista come un turista alle Hawaii, in attesa delle fanciulle con le ghirlande di fiori. E’ sdraiata sui suoi privilegi, i suoi risvegli sono più rari dei poveri malati in stato vegetale da tempo immemorabile. Per non andare in depressione quelli che ci tengono sventagliano interrogazioni e disegni di legge, sapendo che né le une né gli altri entreranno nel dibattito parlamentare.

    L’attività legislativa è ridotta ai minimi termini, la legislatura iniziata a maggio s’è guadagnata la fama della meno faticosa di tutti i tempi. Pochi disegni di legge – un solo articolo – approvati per forza d’inerzia. Basta dare uno sguardo ai giornali, seguire l’informazione radio televisiva per fare la diagnosi: ciò che si fa e si dice a Palazzo dei Normanni non conta quasi nulla.

    E’ dovuto alle lunghe vacanze dei deputati? Certo, ma le vacanze siciliane sono state infinitamente più lunghe di quelle romane. La Camera e il Senato hanno lavorato duramente. Dal momento che la maggioranza di centrodestra in Sicilia può contare su una larga rappresentanza di deputati regionali, l’inattività siciliana non può essere spiegata da un confronto risicato sui “numeri”.

    Oggi si torna in Aula per la 18esima seduta dedicata al nulla.

    L’ ordine del giorno offre convincenti indizi sullo stato dell’arte. Prevede lo svolgimento dell’attività ispettiva, interrogazioni e interpellanze dedicate all’agricoltura e foreste.
    Significa che non ci sono disegni di legge esaminati dalle commissione o quelli che ci sono non hanno superato l’esame. Perché non s’è lavorato?

    Il Presidente della Regione, Lombardo, prima delle ferie, ha rimproverato all’Assemblea i ritardi, il Presidente dell’Assemblea, Cascio, ha rimproverato al Governo una imbarazzante assenza dall’Aula e dalle Commissioni legislative.

    L’ordine del giorno della seduta propone dell’altro, l’elezione di cinque componenti della commissione di garanzie per la trasparenza, l’imparzialità delle pubbliche amministrazioni e la verifica delle situazioni patrimoniali.

    Ironia della sorte, l’Assemblea, in giugno, ha approvato con decreto del suo Presidente, un Regolamento dell’accesso che rende di fatto inaccessibili gli atti amministrativi a causa delle numerose esclusioni previste dalla normativa. Dopo 18 anni dall’approvazione della legge sulla trasparenza, il Parlamento regionale ha dovuto darsi delle regole e quando l’ha fatto, ha chiuso i boccaporti con paratie stagne. Un capolavoro di “inaccessibilità”.

    Quando il Regolamento è stato reso noto, c’è stata una protesta dei giornalisti siciliani, promossa dal Quotidiano di Sicilia, ed un appello al Presidente dell’Assemblea, Cascio, perché fosse modificato, ma non è successo niente.
    Un bunker inaccessibile.

    Con quale autorità, il bunker si accinge ad offrire garanzie sulla trasparenza e l’imparzialità delle pubbliche amministrazioni siciliane?
    http://www.siciliainformazioni.com/g...ulla-quasi.htm
    I componenti dell' Assemblea Regionale continuano a gustarsi i sorbetti, sdraiati sui loro privilegi. Perchè occuparsi e preoccuparsi del federalismo leghista? Per loro i sorbetti continueranno ad esistere, ed anche i privilegi !

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 21-09-12, 13:28
  2. Dal Nord al Sud: geneticamente non cambia nulla (o quasi)
    Di Siddharta nel forum Destra Radicale
    Risposte: 132
    Ultimo Messaggio: 30-03-10, 23:52
  3. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 29-03-10, 08:35
  4. Con i Talebani la produzione era quasi nulla...oggi invece...
    Di Sùrsum corda! (POL) nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-10-08, 15:50
  5. Non ricordo quasi nulla
    Di Silvioleo nel forum Fondoscala
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 14-12-05, 14:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226