POSSIAMO DECIDERE... SE LO VOGLIAMO.

"L'unitÓ e la indivisibilitÓ della Repubblica resta valore storico e principio fondamentale, di certo non negoziabile": questo il messaggio lanciato dal presidente della repubblica italiana il 18 settembre. Parole pronunciate a Venezia, la "cittÓ dei Veneti", per secoli capitale della Repubblica pi¨ longeva e prospera al mondo.
Parole pronunciate dentro Palazzo Ducale, luogo simbolo della Storia del Popolo Veneto, centro di quella civiltÓ storico-politica che per pi¨ di 1.100 anni ha visto il nostro Popolo protagonista attivo della propria vita e del proprio destino.
Quel Popolo, il nostro, per pi¨ di 1.100 anni ha saputo insegnare al mondo principi e valori VERI di libertÓ, di democrazia, di rispetto VERO della Repubblica nei contronti dei suoi cittadini e dei cittadini verso la loro Patria Veneta.
Grazie a quello che Ŕ passato alla Storia come il "buon governo Veneto" abbiamo potuto assistere ad uno sviluppo sociale unico, dalla amministrazione politica a quella economica, dalla giustizia alle arti.
Avendo ben chiaro davanti a noi quanto abbiamo vissuto e saputo costruire, noi Veneti, per secoli e secoli, non possiamo che provare ora un senso di profonda tristezza davanti a questa societÓ in cui, da 140 anni, siamo costretti a vivere: un mondo degenerato, corrotto, furbesco e mafioso, in una parola "italianizzato".
Non vogliamo qui tirare in ballo il fatto che le terre Venete e i Veneti siano stati annessi allo stato italiano attraverso quello che Montanelli definý un "plebiscito burletta" (quello che molti storici chiamano senza problemi "plebiscito truffa" del 1866), come pure non vogliamo tornare con la memoria da nostalgici a quando potevamo vivere in uno Stato veramente Libero e rispettoso dei propri cittadini, ammirato da tutto il mondo.
Il nostro Ŕ un grido di dolore attuale per quello che ci hanno fatti diventare: una colonia di uno stato che non ci considera se non come forza lavoro, gente sfruttata a cui non viene neppure data la possibilitÓ di imparare la propria storia e la propria lingua a scuola. Gente trattata da razzista ed egoista, atteggiamenti che psicologicamente creano continui sensi di colpa fra la nostra gente, un Popolo che invece Ŕ primo per solidarietÓ, per volontariato, per donazione organi e sangue, per riciclo dei rifiuti... tutti aspetti che non hanno interesse a dirci.
Ieri a Palazzo Ducale chi sta a capo dello stato italiano Ŕ venuto a parlarci de "unitÓ d'Italia", di costituzione, arrivando ad ammonire źNo all'egoismo delle regioni ricche╗..... Egoismo.... Pretendere che le nostre risorse non vengano bruciate e sperperate da uno stato corrotto a tutti i livelli, cosa che accade da quando l'Italia Ŕ nata, Ŕ forse egoismo? Pretendere che il frutto dei nostri sacrifici venga reinvestito nel nostro teritorio Ŕ egoismo? Pretendere che nelle scuole del Veneto venga insegnata ai nostri figli anche la NOSTRA storia Veneta, la NOSTRA cultura e le NOSTRE tradizioni, scontrandosi quindi contro la censura italiana che vieta di fatto ai Veneti di apprendere questi insegnamenti, Ŕ segno di egoismo?
Davanti a noi abbiamo due possibilitÓ: restare a guardare, continuando a tener la testa bassa sotto i continui e finti sensi di colpa che ogni giorno ci trasmettono, guardando sprofondare la nostra economia e i valori sociali sempre pi¨ verso il baratro, per colpa di uno sistema che ci sfrutta da 140 anni, oppure possiamo guardare all'esempio positivo e sempre vivo, nonostante la censura della "cultura ufficiale di stato", che Ŕ stata la Repubblica Veneta, esempio di progresso e sviluppo.
La Storia, quando l'abbiamo fatta noi, da protagonisti, ci ha visti vincenti contro tutto e contro tutti. Non dobbiamo rassegnarci in questo triste momento, non dobbiamo lasciarci vincere, abbiamo il diritto sacrosanto di poter decidere per il nostro Futuro ed abbiamo giÓ dimostrato quanto possiamo raggiungere.
Spetta solo a noi la scelta, se preferiamo rimanere come siamo ora o se vogliamo cambiare. Non c'Ŕ molto tempo davanti a noi, ma siamo ancora in tempo per cambiare! E questo non Ŕ egoismo, presidente, ma significa voler tornare di nuovo protagonisti della nostra vita! Da Veneti.

Associazione Veneto Nostro - Raixe Venete
www.raixevenete.net
19/09/2008

PODEMO DEC╠DARE... SE LO VOLEMO.

"L'unitÓ e la indivisibilitÓ della Repubblica resta valore storico e principio fondamentale, di certo non negoziabile": sto qua el xe stÓ el mesajo lanciÓ dal presidente de la republica italiana el 18 de setenbre. Parole dite a Venesia, la "sitÓ dei Veneti", par secoli capitale de la Republica pý longa e prospera al mondo.
Parole dite rento a PalÓso Ducale, posto sýnbolo de la Storia del Popolo Veneto, centro de quela siviltÓ storico-politica che par pý de 1.100 Óni gÓ visto el nostro Popolo protagonista ativo de la so vita e del so destýn.
Quel Popolo, el nostro, par pý de 1.100 Óni el gÓ savudo insegnar al mondo principi e valori VERI de libartÓ, de democrasia, de rispeto VERO de la Republica verso i so' citadini e de i citadini verso la sˇ Patria Veneta.
Sˇto quelo che xe pasÓ a la Storia come el "bon governo Veneto" par nialtri ghe xe stÓ on svilupo sociale unico, da la ministrasiˇn politica a quela economica, da la justýsia al canpo de le arti.
Avendo ben ciaro davanti quanto ghemo visudo e costruýo, nialtri Veneti, par secoli e secoli, no podemo che provar on senso de tristÚsa profonda davanti a la socetÓ indove, dopo solo 140 Óni, semo costreti a vývare: on mondo dejenerÓ, coroto, furbesco e mafioxo, inte na parola "italianixÓ".No volemo gnanca tirare in balo el fato che le tŔre Venete e i Veneti i xe stÓ tirÓ rento al stato italian co quelo che Montanelli el gÓ definýo on "plebiscito burletta" (quelo che tanti st˛rici i ciama sensa problemi "plebiscito truffa" del 1866), come no volemo in sto momento ritornar co la memoria a quando vivÚvimo inte on Stato veramente Lýbaro e rispetoxo dei sˇ citadini, amirÓ da tuto el mondo.
El nostro el xe on sigo de dolore atuale par quelo che i ne ga fato deventÓr: na colonia de on stato che no ne considera se non come f˛rsa lavoro, xente sfrutÓ a cui no ghe vien dÓ gnanca la posibilitÓ de inparare la sˇ storia e la sˇ lengoa a scola. Xente tratÓ da rasisti e egoisti, atejamenti che psicolojicamente crea continui sensi de colpa fra la nostra xente, on Popolo che invÚse xe primo pa solidarietÓ, par volontariÓ, pa donasiˇn dei organi e del sÓngoe, pa riciclo de le scoÓse... tute robe che no i gÓ intarŔse a dirne.
Ieri a PalÓso Ducale chi che stÓ a capo del stato italiÓn el xe vegn¨ a parlare de "unitÓ de l'Italia", de costitusion, rivando a dir źNo all'egoismo delle regioni ricche╗..... Egoismo.... PretŔndare che le nostre risorse no le vegna magnÓ da on stato corˇto a tuti i liveli come da quando che xe nata l'Italia sucede, xelo forse egoismo? PretŔndare che el fruto dei nostri sacrifici el vegna reinvestýo intel nostro teritorio xelo egoismo? PretŔndare che inte le scole del Veneto se ghe insegni ai nostri fioi anca la NOSTRA storia Veneta, la NOSTRA cultura e le NOSTRE tradisiˇn, ndando quindi contro la censura italiana che vieta de fÓto che i Veneti i conosa ste robe, xelo egoismo questo?
Ghemo davanti dˇ posibilitÓ: star a vardare, continuando a tegner la testa bÓsa sˇto i continui sensi de colpa finti, che ne vien trasmÚsi ogni dý, sprofondando come economia e valori sociali tirÓ bÓso da on stato che ne sfruta da 140 Óni, opur vardÓr a l'exenpio poxitivo e senpre vivo, nonostante la censura de la "cultura ufficiale di stato", che xe stÓ la Rep¨blica Veneta, exenpio de progrŔso e svilupo.
La Storia, quando la ghemo fata nialtri, da protagonisti, ne ga visti výnsare contro tuto e contro tuti. No stemo rasegnarse in sto momento tristo, no stemo lasÓrse výnsare, ghemo el dirito sacrosanto de poder decýdare pal nostro Futuro e ghemo xÓ dimostrÓ quanto che podemo fare.
Sta solo a nialtri decýdarlo, se ne va ben star cusý o se volemo canbiare.
Ancora par poco, ma semo ncora in tenpo pa canbiar! E questo no xe egoismo, presidente, ma tornÓr de novo protagonisti de la nostra vita! Da Veneti.

Asociasiˇn Veneto Nostro - Raixe Venete
www.raixevenete.net
19/09/2008