User Tag List

Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 88
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito il complotto del FMI: indebitare gli stati e salvare le banche

    È ora di ricostruire l'architettura finanziaria globale

    di Dominique Strauss-Kahn *


    Sole 24 Ore - 23 settembre 2008



    Sono tempi eccezionali. Eccezionali per quello che è accaduto sui mercati finanziari, che può essere definito come una vera e propria catastrofe. Ma eccezionali anche per quello che non è successo, o per lo meno non è ancora successo, all'economia mondiale: l'inizio di una grave recessione. Forse è stata proprio l'assenza di una recessione a indurre troppi osservatori a considerare lo scoppio della bolla immobiliare come una semplice sbandata dell'economia, le insolvenze nei rimborsi dei mutui subprime in America come una semplice sventura e il fallimento di importanti istituti finanziari come un danno collaterale.

    Sei mesi fa, quando l'Fmi stimava le perdite del settore finanziario a più di mille miliardi di dollari e prevedeva un brusco rallentamento dell'economia globale, siamo stati tacciati di eccessivo pessimismo. Ma con la maggior parte delle perdite ancora da venire alla luce e una crisi finanziaria ormai giunta alla sua fase acuta, è chiaro che i palliativi una tantum predisposti l'anno scorso non funzioneranno e che solo una soluzione di natura sistematica - che consenta di rientrare dalla crisi contingente ma anche di districare le cause che ne sono alla base - consentirà all'economia statunitense e globale di riacquisire una parvenza di normalità.
    Sul breve termine, questo approccio non può prescindere da tre elementi fondamentali: l'iniezione di nuova liquidità, l'acquisizione degli attivi illiquidi e l'apporto di capitali destinati agli istituti finanziari.

    In primo luogo, la Banca centrale deve prevenire la corsa alle banche e agli istituti finanziari. Per farlo, deve rassicurare i correntisti, garantendo che i loro depositi bancari sono sicuri e apportando liquidità agli istituiti finanziari a fronte di una buona garanzia. Questa è stata la prima linea di difesa adottata l'anno scorso e le Banche centrali, probabilmente, hanno ormai fatto quasi tutto quanto in loro potere.

    Secondo, il Tesoro deve estirpare alla radice la causa principale del la corsa al ritiro di fondi, vale a dire la presenza di attivi illiquidi nei bilanci degli istituti finanziari. L'esperienza internazionale dimostra che un modo efficiente di agire in questo senso consiste nel creare un'agenzia governativa finalizzata all'acquisizione di tali attivi e alla loro detenzione fino a quando non giungano a scadenza e possano essere rivenduti senza rischi.

    Terzo, il sistema finanziario deve essere ricapitalizzato. A questo punto, probabilmente con un aiuto pubblico. Il cuore di questa crisi è rappresentato infatti dalla scarsità di capitali del sistema finanziario preso nel suo insieme. Anche liberando il campo dagli attivi non redditizi, molti istituti non disporranno ancora di capitali sufficienti per erogare nuovi crediti all'economia. Accolgo con favore gli audaci interventi previsti dagli Stati Uniti e sono in attesa di una loro efficace implementazione. Anche altre economie avanzate dovrebbero preparare piani completi contro gli imprevisti, per lo meno a fronte delle complessità derivanti dalla gestione di fallimenti di istituti con ampie ramificazioni transfrontaliere.

    Ma che dire delle sfide a lungo termine? La prima, evidente, si pone sul fronte del costo fiscale. Lo scotto pagato anticipatamente in termini di debito pubblico è elevato, ma il costo finale a carico del contribuente non lo sarà necessariamente. L'esperienza internazionale dimostra che il Governo, se procede in modo accorto, può recuperare gran parte dell'investimento iniziale. Ma se i costi finali si riveleranno elevati, si dovrà forse optare per un significativo aggiustamento fiscale, teso a sostenere la prosperità e la stabilità dell'economia sul lungo termine.

    Ma non dobbiamo perdere di vista una questione strutturale di natura ancor più profonda. Per dirlo senza mezzi termini, questa crisi è il risultato di un'incapacità da parte delle autorità di tutelare l'economia da un'eccessiva assunzione di rischi all'interno del sistema finanziario, in particolare negli Stati Uniti. Dobbiamo garantire che una situazione del genere non si riproponga più. I lavori per ricostruire l'architettura sono già iniziati e i più importanti Paesi industrializzati hanno già anticipato una serie di raccomandazioni in materia di normative prudenziali, norme contabili e trasparenza. Anche il ruolo delle agenzie di rating del credito, su cui si fonda il settore finanziario globale, dovrà essere ripensato, con un maggior controllo pubblico.

    Infine, lo shock finanziario come si potrebbe ripercuotere sul resto del mondo? Le economie europee mostrano già segni di un deciso rallentamento. Le economie emergenti hanno saputo resistere. Tuttavia, c'è chi sostiene che a queste ultime verrà a mancare il terreno sotto i piedi non appena i flussi di capitali cominceranno a prosciugarsi e i prezzi delle commodity diminuiranno.
    Vigilanza, obiettività e collaborazione su scala globale sono fondamentali per affrontare le sfide che ci aspettano. Spero che quando i ministri delle Finanze e i governatori delle Banche centrali di tutto il mondo si incontreranno a Washington il mese prossimo, in occasione della nostra assemblea annuale, sia possibile instaurare un dialogo globale per ridisegnare l'architettura del sistema finanziario internazionale.

    * Direttore generale del Fondo monetario internazionale

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Il percorso della ricchezza virtuale attraverso la carta moneta ha avuto tre punti fondamentali.

    La conferenza del 1992 a Genova che istituzionalizzava l’obbligo dell’uso della carta moneta.

    La conferenza di Bretton Woods del 1944 che stabilì la supremazia (temporanea) del dollaro essendo l’ultima moneta ancorata all’oro.

    Il trattato di Basilea 2 del 2004 entrato in funzione nel 2007 a pieno regime, che permette alle banche di imprestare decine di volte il volume dei conti depositi.

    Questo terzo trattato è un atto di pura pazzia.
    Stiamo subendo le conseguenze.
    Per profittare dello sfracello programmato vi è l’euro che è il migliore espediente creato a livello mondiale per ottenere ( per gli inventori) qualcosa da questo tracollo.

    Chiunque oggi parli o pontifichi o si appella a ragionamenti diversi, non risolve alcunché. Tutto verrà travolto da uno tsunami.
    Detto in parole povere dobbiamo ancora mangiare quella ricchezza puramente teorica e virtuale che gli Stati mettono in campo come stanno prospettando gli USA.

    Nessuno è in grado onestamente di fare previsioni economiche.
    Persino il nostro ministro dell’interno, il cui cognome rivela la discendenza di alta stirpe, parla di guerra civile per abituarci all’idea.

    Speriamo solamente, che quando tutto sarà sistemato, Robespierre non ci appaia solamente come un lattante che aveva agito due secoli or sono.

  3. #3
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Senza il FMI parecchi stati sarebbero in default ben peggiore, questo sia chiaro sarebbe una cosa positiva. Il resto sono ricette keynesiane che gli stati hanno sempre adottato e che al governo attuale e ai governi stanno molto simpatiche, pertanto niente di nuovo sotto il sole e soprattutto nessun complotto.

  4. #4
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jotsecondo Visualizza Messaggio

    Il trattato di Basilea 2 del 2004 entrato in funzione nel 2007 a pieno regime, che permette alle banche di imprestare decine di volte il volume dei conti depositi.
    Le banche non prestano più dei loro depositi, basta con le cazzate signoraggiste.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,737
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio

    Senza il FMI parecchi stati sarebbero
    in default ben peggiore...
    sì, sì,
    siamo tutti davvero fortunati...

  6. #6
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mai sentito parlare di credito frazionario eh? Mai letto Basilea eh?
    Prima di calcare i tasti verificare che il cervello sia connesso.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Average Joe Visualizza Messaggio
    Le banche non prestano più dei loro depositi, basta con le cazzate signoraggiste.
    Ti ringrazio delle tue precisazioni.
    Perché si vede che noi siamo un po’ arretrati e credevamo che in qualche modo i denari che imprestavano le banche avessero un pur qualche allacciamento con i soldi depositati
    Invece secondo il tuo giusto intervento non è affatto vero.

    Questo dimostra il caos che esiste. Perché in tal modo giustamente le banche imprestano i denari in base a che?.

    In base sicuramente a dei ragionamenti che gli studi hanno dimostrato essere veramente eccelsi.

    Però è meglio non dirlo in giro, anche se è vero , che le banche imprestano i sodi non in base ai depositi ( e se lo dici tu è sicuramente vero) perché domani appena lo sanno corrono tutti a ritirare in banca i denari sui conti.

    E’ vero che alla televisione ad Uno Mattina due poveretti economisti hanno consigliato di non avere paura e non ritirare i soldi in banca, ma intanto qualcuno ci sta pensando.

    Se permetti la tua affermazione che i denari imprestai non corrispondono a qualche modo ai depositi la userei , con una affermazione di questo tipo facciamo in fretta a svuotare le banche.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    sì, sì,
    siamo tutti davvero fortunati...
    fantastica

  9. #9
    any man
    Data Registrazione
    29 Dec 2007
    Messaggi
    3,745
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jotsecondo Visualizza Messaggio
    Ti ringrazio delle tue precisazioni.
    Perché si vede che noi siamo un po’ arretrati e credevamo che in qualche modo i denari che imprestavano le banche avessero un pur qualche allacciamento con i soldi depositati
    Invece secondo il tuo giusto intervento non è affatto vero.

    Questo dimostra il caos che esiste. Perché in tal modo giustamente le banche imprestano i denari in base a che?.

    In base sicuramente a dei ragionamenti che gli studi hanno dimostrato essere veramente eccelsi.

    Però è meglio non dirlo in giro, anche se è vero , che le banche imprestano i sodi non in base ai depositi ( e se lo dici tu è sicuramente vero) perché domani appena lo sanno corrono tutti a ritirare in banca i denari sui conti.

    E’ vero che alla televisione ad Uno Mattina due poveretti economisti hanno consigliato di non avere paura e non ritirare i soldi in banca, ma intanto qualcuno ci sta pensando.

    Se permetti la tua affermazione che i denari imprestai non corrispondono a qualche modo ai depositi la userei , con una affermazione di questo tipo facciamo in fretta a svuotare le banche.
    No il caos è nella tua testa dato ...
    Ripeto le banche non prestano più di quello che hanno nei depositi da parte dei clienti, ovvero prestano l'ammontare dei depositi meno la loro riserva.
    Basta aprire un manuale di economia monetaria.

  10. #10

 

 
Pagina 1 di 9 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. BCE: i soldi usati per salvare banche e stati
    Di dedelind nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 04-01-12, 01:45
  2. L'EURO LA MONETA NATA PER INDEBITARE GLI STATI
    Di matteomourinho nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 128
    Ultimo Messaggio: 26-12-11, 09:59
  3. Salvare le banche europee ... per salvare Wall Street
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26-10-11, 20:31
  4. Le Banche Non Riescono Piu' Ad Indebitare Gli Americani
    Di kenshin nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 11-08-05, 23:52
  5. Le Banche Non Riescono Piu' Ad Indebitare Gli Americani
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-08-05, 19:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226