User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    96,966
    Mentioned
    4198 Post(s)
    Tagged
    142 Thread(s)

    Predefinito Scusate .. che fine ha fatto?


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    fu subito abbandonato anche da Bossi

    anche Bossi sospende l' aspirante boia
    e' il leghista Leoni Orsenigo allontanato dall' aula di Montecitorio per sette giorni. alle 13 e 45 il deputato della Lega Nord di Como Luca Leoni Orsenigo mostra in Parlamento un cappio da forca durante l' intervento di Giuliano Amato sulla questione morale

    ------------------------- PUBBLICATO ------------------------------ TITOLO: Anche Bossi sospende l' aspirante boia E' il leghista Leoni Orsenigo allontanato dall' aula di Montecitorio per sette giorni - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - ROMA . Il presidente del Consiglio, Giuliano Amato, sta dicendo: "Vi parla uno che del prossimo Parlamento non fara' piu' parte". Immediato e polemico parte l' applauso ovazione dei deputati della Lega Nord. Amato ha pero' l' aria di uno che ha voglia di non mollare e replica secco: "La soddisfazione e' reciproca". Sono le 13 e 45, e il deputato leghista di Como, Luca Leoni Orsenigo, tira fuori dalla tasca, neanche fosse il mago Silvan, un cappio di corda. E comincia a farlo penzolare con la mano. Succede piu' o meno il finimondo nell' emiciclo di Montecitorio. Nel "Transatlantico" intanto, un senatore in trasferta, seduto su una poltroncina, dice sconsolato ascoltando grida e boati: "Scene da un manicomio". Peggior conclusione del dibattito sulla "questione morale" non poteva esserci. Quando dopo le tredici di ieri mattina, il presidente Amato ha cominciato il suo discorso ci si e' subito accorti che c' era il clima dei "talk show" televisivi in diretta, ma quelli di tipo duro. I deputati di Rifondazione comunista si alzavano e se ne uscivano dall' aula con un' aria che voleva sembrare di indignazione. E poco prima il missino Carlo Tassi, doppiopetto gessato con cravatta nera su camicia nera, aveva dato fuoco alle polveri urlando cose incomprensibili. Il presidente Giorgio Napolitano interveniva. Marco Pannella cercava di sdrammatizzare: "Lo lasci dire: perche' impedirgli di dimostrare che ancora una volta non ha capito niente di quello che diciamo". Ma con Amato la scena cambiava completamente. I missini dovevano avere svuotato, in mattinata, alcuni negozi. Con spugne di colore rosso, giallo, bianco, enormi guanti bianchi alle mani, scattavano in piedi e mimavano qualcuno che sta pulendo un immaginario vetro. E intanto gridavano: "Ladri, ladri". Altri, anch' essi indomiti urlatori, sventolavano, letteralmente, un paio di manette. Sembrava una scena da avanspettacolo a Milano, cinema Alcione, anni Cinquanta. A un certo punto urlavano tutti: chi "mafia", chi "ladri". Commessi della Camera in agitazione, mucchi di uomini a far barriera tra un settore e l' altro. Il socialista Carlo D' Amato che indicava un "lumbard" urlandogli: "Vieni qua che ti faccio vedere". Era una rissa oscena, pero' fatta tutta di parole, di intenzioni guerresche, ma non c' e' stato neppure un pugno vero: un po' di "baruffe chiozzotte" a spintoni, molte dichiarazioni declamatorie di tipo melodrammatico. Verso le 13 e 5O veniva espulso dall' aula il missino Francesco Marenco. Arrivava in "Transatlantico" ancora accaldato e reggendo un cartello: "Fuori i ladri". Marenco urlava e si beccava un "buffone" dalla porta della "buvette". Marenco urlava di piu' : "Chi e' stato?" Prima silenzio. Poi individuava il deputato democristiano Raimondo Maira, che aveva intanto ordinato un panino, e lo affrontava al centro del bar di Montecitorio. Sguardi di sbieco, ma nulla di fatto per l' intervento dei commessi. Nello stesso momento pero' era l' aula che ribolliva per la faccenda del cappio leghista. Il presidente Napolitano non aveva notato la scena, ma l' avevano vista molti altri deputati. Solita ammucchiata, poi la Lega decideva di uscire facendo una specie di "trenino", forse il vecchio "cotillon" degli ultimi balli della Pietroburgo zarista. Arrivavano in "Transatlantico" tutti eccitati i leghisti. Marco Formentini, il capogruppo, diceva: "Il cappio voleva indicare che Amato e gli altri stanno strangolando l' economia italiana da quarant' anni. Hanno sperperato tutto". Il deputato Leoni Orsenigo diceva che lui voleva fare quanto aveva spiegato Formentini. Ma arrivava una pioggia di dichiarazioni indignate. Il capogruppo democristiano Gerardo Bianco: "La loro e' la civilta' della forca e la civilta' che peraltro ha trovato in Miglio un teorico, della barbarie". Giorgio Napolitano, con aria quasi disgustata, ripeteva: "Pagliacciate". Il verde Mauro Paissan: "La forca evocata dal professor Miglio si e' oggi materializzata a opera di un suo seguace. E' la piu' disgustosa e inquietante sceneggiata mai allestita in Parlamento". Marco Pannella: "Questo fatto e' un pessimo biglietto da visita: mi auguro che sia stato frutto di stupidita' o di incapacita' goliardica". Ancora piu' severo il pidiessino Massimo D' Alema, soprattutto con i missini: "In aula non ci sono solo inquisiti per Tangentopoli, ma anche inquisiti per stragi. Conclusione del dibattito sulla "questione morale": sospeso per sette giorni il leghista Leoni Orsenigo, cacciati dall' aula due, o forse tre, missini. E il capo dei "lumbard", Umberto Bossi? Prima il "senatur" ha ripetuto la versione ufficiale leghista: "Il cappio voleva dire l' economia strangolata. Voi pensate sempre male". Ma intanto diceva che era preoccupato. Poi Bossi prendeva, a sorpresa, la decisione di sospendere Leoni Orsenigo anche dalla Lega per sette giorni: "Un comportamento non solo goliardico, ma fuori luogo in un momento grave come l' attuale e incompatibile con l' atteggiamento da tenere in Parlamento". Sceneggiata inutile e smentita dal capo. Gianluigi Da Rold
    http://archiviostorico.corriere.it/1...31717645.shtml

    bei tempi avevo anche 15 anni meno!

    poi se ne è andato dalla Lega

    LITE FRA LUMBARD A COMO Orsenigo, il deputato del cappio: Lega, addio. Ma non tradiro' Bossi COMO - "Non sono un separatista, la secessione avverra' naturalmente perche' a Como, come in altre citta' del Nord, la gente e' stanca, soffocata da burocrazia e tasse". Luca Leoni Orsenigo, ex parlamentare del Carroccio, oggi impegnato nel marketing, esce allo scoperto. L'uomo famoso per il cappio sventolato a Montecitorio, e ora in odore di espulsione dalla Lega, parla a ruota libera: "Sono bossiano e tale rimarro': chi mi accusa di aver svenduto la Lega si rilegga i verbali dei consigli comunali di alcuni anni fa". Nel 1987 Leoni Orsenigo fonda la Lega; nell'88 contribuisce al primo successo di Bossi; l'anno dopo entra in Comune e nel '92 il balzo a Montecitorio, bissato nel '94. Le immagini del cappio sventolato in Parlamento fanno il giro del mondo. Oggi, 4 anni dopo, non si pente: "Ogni gesto va inserito nel suo momento storico: quello era molto particolare, stavamo discutendo una legge importante e per schiodare il governo pensai a un atto clamoroso". Ora su di lui pende la minaccia di espulsione. "Me ne sono andato - precisa - nel settembre '96 perche' non condividevo certe scelte. Comunque rimango un fedelissimo di Bossi. Non lo tradiro". Intanto la Lega comasca si "slega". Segreteria provinciale commissariata, un altro parlamentare (Gabriele Ostinelli) sospeso oltre a Leoni Orsenigo, un consigliere comunale passato a Forza Italia, un consigliere di Erba che sbatte la porta. Quest'ultimo caso rischia di avere ulteriori ripercussioni con altre fuoruscite. Lunedi' sera a Erba, durante un accesissimo consiglio comunale in cui si discuteva una mozione sugli albanesi (il sindaco Filippo Pozzoli e' contrario all'arrivo dei profughi), Salvatore Palermo, bancario, si e' dissociato dal gruppo lumbard, pur restando in consiglio. "Non condivido - dice Palermo - la linea politica della Lega". L'onorevole Cesare Rizzi, pure consigliere, gli ha replicato: "Ti avremmo cacciato noi". Tutto e' iniziato una quindicina di giorni fa, quando la segreteria provinciale dei lumbard e' stata commissariata. In viale Masia, dove c'e' il quartier generale, si e' insediato Stefano Galli, consigliere regionale e membro del parlamento di Mantova: "Voglio imprimere una svolta - dice Galli -: chi e' nel movimento deve seguire la linea, gli altri possono andare altrove". La scelta della secessione rischia pero' di spaccare il Carroccio. Salvatore Palermo e' stato consigliere provinciale tra il '95 e il febbraio di quest'anno ed era tra i papabili candidati a sindaco di Inverigo. Poi la Lega ha scelto diversamente e l'altra sera Palermo ha gettato la spugna. Con una motivazione: "Sono contrario a questa linea".

    Panzeri Angelo
    http://archiviostorico.corriere.it/1...05155699.shtml
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  3. #3
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la linea politica della Lega
    ahhh, la famosa "linea" politica della lega......disegnata da Mandelbrot.....

  4. #4
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,168
    Mentioned
    134 Post(s)
    Tagged
    48 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    ahhh, la famosa "linea" politica della lega......disegnata da Mandelbrot.....
    stupenda

    ahahahah

    complimenti per la battuta

    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

 

 

Discussioni Simili

  1. Che fine ha fatto il tuo voto?... Che fine ha fatto la democrazia?
    Di acquazzurra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-01-13, 20:02
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-05-10, 02:19
  3. Scusate la domanda: ma che fine ha fatto Berlusconi?
    Di Totila nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 05-12-03, 10:36
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-01-03, 11:30
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-08-02, 23:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226