User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nuove accuse per Cuffaro

    Talpe Dda, nuove accuse per Cuffaro
    I pm, in appello, sostengono l'esistenza dell'aggravante mafiosa per l'ex governatore, che in primo grado fu condannato a 5 anni per favoreggiamento semplice: "Rivelando a Miceli la presenza di una microspia a casa del boss Guttadauro sapeva di favorire l'intera organizzazione". Nel ricorso aggiungono: "L'ex presidente era ed è un uomo di Cosa nostra"





    PALERMO - Facendo sapere ai boss che c'erano indagini su di loro, rivelando la presenza di microspie a casa del capomafia Giuseppe Guttadauro, Cuffaro voleva agevolare l'intera associazione mafiosa.

    Ruota tutto attorno alla sussistenza dell'aggravante di avere agito per avvantaggiare la mafia, esclusa, invece, dai giudici di primo grado, l'atto di appello dei pm di Palermo contro la sentenza del cosiddetto processo alle talpe della dda che ha condannato a 5 anni, per favoreggiamento semplice, l'ex governatore siciliano.

    "Sapeva di aiutare la mafia". Nel ricorso di 34 pagine, depositato questa mattina, i magistrati bacchettano la motivazione del verdetto relativa, appunto, all'aggravante, definendola "insufficiente" e ribadendo che, attraverso le fughe di notizie su inchieste antimafia in corso, l'ex presidente era intenzionato ad aiutare le cosche.

    L'ex governatore, sostengono in sintesi i magistrati, era a conoscenza dello spessore criminale del boss Giuseppe Guttadauro e sapeva anche che il suo delfino, l'assessore comunale Mimmo Miceli, frequentava abitualmente la casa del capomafia.

    Quando seppe dal suo collega di partito, l'ex carabiniere Antonio Borzacchelli, che i carabinieri indagavano su Guttadauro e avevano piazzato una cimice nel suo appartamento e lo rivelò a Miceli, dunque, "Cuffaro decise di agevolare non solo Guttadauro, ma l'intera organizzazione".

    Accanto alle motivazioni personali, dunque, secondo i pm, "Cuffaro, che il sistema di pressione e sopraffazione mafioso conosce bene, ha nutrito un'ulteriore convinzione criminosa, ben sapendo che l'individuazione della microspia presso la casa del boss avrebbe avuto quale effetto la salvaguardia di quel sistema, impedendo di fatto lo smantellamento dell'organizzazione sul territorio".

    I mafiosi apprezzavano la linea Cuffaro. "Cuffaro era ed è un uomo politico di cui Cosa nostra e in particolare Provenzano sostanzialmente apprezzava la linea politica definita di vecchio stampo clientelare e ritenuta utile nel contesto di quella strategia della sommersione adottata dopo le stragi e che trova nell'intermediazione e nell'inserimento del mafioso in ogni profilo della vita sociale ed economica (ed in particolare nelle amministrazioni pubbliche) uno dei suoi momenti essenziali" scrivono in uno dei passaggi salienti dell'appello depositato dai pm Maurizio De Lucia e Michele Prestipino.

    "L'imputato - aggiungono i pm - non poteva non essere consapevole di questa 'benevolenzà dell'associazione mafiosa che si sostanziava, almeno in parte, in appoggio elettorale".

    I magistrati fanno riferimento, nelle loro conclusioni, alle dichiarazioni dei pentiti Nino Giuffrè e Maurizio Di Gati da cui "emerge la decisione di Cosa nostra di appoggiare la candidatura di Cuffaro" per un giudizio positivo della mafia sulla sua politica e per la convinzione di Cosa nostra che era il candidato che avrebbe comunque vinto le elezioni.

    Pene più severe per Aiello. Oltre alla condanna dell'ex presidente la procura ha impugnato quella dell'ex manager della sanità privata Michele Aiello ritenendo inadeguata la pena di 14 anni inflittagli dal collegio. Per i magistrati vista la gravità dei fatti contestati all'imprenditore, accusato di associazione mafiosa, doveva essergli comminata una pena più severa.

    Infine la Procura ha presentato ricorso contro la decisione dei giudici di derubricare nel reato di favoreggiamento l'accusa di concorso in associazione mafiosa contestata all'ex sottufficiale del Ros Giorgio Riolo.

    30/09/2008
    http://www.lasicilia.it/index.php?id...e=lasiciliaweb

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id=647876
    E qui ancora una notizia a proposito di criminalità organizzata.
    Il Dott. Veltroni non và in tribunale.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2009
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Qui invece a quanto sembra la pubblicità è permessa.

    Questa non l' ho proprio capita : o sei ignorante ( nel senso che ignori )...o sei in malafede,
    Per legge quando si riporta un articolo prelevato da un altro sito E ' OBBLIGATORIO METTERE IL LINK dal quale è stato incollato !
    Gonzalo, perchè provochi e cerchi lo ' scontro ' ad ogni costo ?

    Citazione Originariamente Scritto da Neva Visualizza Messaggio
    Talpe Dda, nuove accuse per Cuffaro
    I pm, in appello, sostengono l'esistenza dell'aggravante mafiosa per l'ex governatore, che in primo grado fu condannato a 5 anni per favoreggiamento semplice: "Rivelando a Miceli la presenza di una microspia a casa del boss Guttadauro sapeva di favorire l'intera organizzazione". Nel ricorso aggiungono: "L'ex presidente era ed è un uomo di Cosa nostra"





    PALERMO - Facendo sapere ai boss che c'erano indagini su di loro, rivelando la presenza di microspie a casa del capomafia Giuseppe Guttadauro, Cuffaro voleva agevolare l'intera associazione mafiosa.

    Ruota tutto attorno alla sussistenza dell'aggravante di avere agito per avvantaggiare la mafia, esclusa, invece, dai giudici di primo grado, l'atto di appello dei pm di Palermo contro la sentenza del cosiddetto processo alle talpe della dda che ha condannato a 5 anni, per favoreggiamento semplice, l'ex governatore siciliano.

    "Sapeva di aiutare la mafia". Nel ricorso di 34 pagine, depositato questa mattina, i magistrati bacchettano la motivazione del verdetto relativa, appunto, all'aggravante, definendola "insufficiente" e ribadendo che, attraverso le fughe di notizie su inchieste antimafia in corso, l'ex presidente era intenzionato ad aiutare le cosche.

    L'ex governatore, sostengono in sintesi i magistrati, era a conoscenza dello spessore criminale del boss Giuseppe Guttadauro e sapeva anche che il suo delfino, l'assessore comunale Mimmo Miceli, frequentava abitualmente la casa del capomafia.

    Quando seppe dal suo collega di partito, l'ex carabiniere Antonio Borzacchelli, che i carabinieri indagavano su Guttadauro e avevano piazzato una cimice nel suo appartamento e lo rivelò a Miceli, dunque, "Cuffaro decise di agevolare non solo Guttadauro, ma l'intera organizzazione".

    Accanto alle motivazioni personali, dunque, secondo i pm, "Cuffaro, che il sistema di pressione e sopraffazione mafioso conosce bene, ha nutrito un'ulteriore convinzione criminosa, ben sapendo che l'individuazione della microspia presso la casa del boss avrebbe avuto quale effetto la salvaguardia di quel sistema, impedendo di fatto lo smantellamento dell'organizzazione sul territorio".

    I mafiosi apprezzavano la linea Cuffaro. "Cuffaro era ed è un uomo politico di cui Cosa nostra e in particolare Provenzano sostanzialmente apprezzava la linea politica definita di vecchio stampo clientelare e ritenuta utile nel contesto di quella strategia della sommersione adottata dopo le stragi e che trova nell'intermediazione e nell'inserimento del mafioso in ogni profilo della vita sociale ed economica (ed in particolare nelle amministrazioni pubbliche) uno dei suoi momenti essenziali" scrivono in uno dei passaggi salienti dell'appello depositato dai pm Maurizio De Lucia e Michele Prestipino.

    "L'imputato - aggiungono i pm - non poteva non essere consapevole di questa 'benevolenzà dell'associazione mafiosa che si sostanziava, almeno in parte, in appoggio elettorale".

    I magistrati fanno riferimento, nelle loro conclusioni, alle dichiarazioni dei pentiti Nino Giuffrè e Maurizio Di Gati da cui "emerge la decisione di Cosa nostra di appoggiare la candidatura di Cuffaro" per un giudizio positivo della mafia sulla sua politica e per la convinzione di Cosa nostra che era il candidato che avrebbe comunque vinto le elezioni.

    Pene più severe per Aiello. Oltre alla condanna dell'ex presidente la procura ha impugnato quella dell'ex manager della sanità privata Michele Aiello ritenendo inadeguata la pena di 14 anni inflittagli dal collegio. Per i magistrati vista la gravità dei fatti contestati all'imprenditore, accusato di associazione mafiosa, doveva essergli comminata una pena più severa.

    Infine la Procura ha presentato ricorso contro la decisione dei giudici di derubricare nel reato di favoreggiamento l'accusa di concorso in associazione mafiosa contestata all'ex sottufficiale del Ros Giorgio Riolo.

    30/09/2008
    http://www.lasicilia.it/index.php?id...e=lasiciliaweb

 

 

Discussioni Simili

  1. Nuove accuse per lotito...
    Di Toninuccio nel forum SS Lazio
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-05-08, 11:32
  2. Nuove accuse a silvio...
    Di MaRcO88 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-01-08, 15:32
  3. Israele: nuove accuse per Katzav
    Di King Z. nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-04-07, 00:25
  4. Iraq, nuove accuse in un video ai marines
    Di kenshin nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-06-06, 18:15
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 11-06-04, 23:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226