User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 30
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Nov 2006
    Messaggi
    79
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Storico inglese sulla prima guera mondiale

    IL GIORNALE DI VICENZA

    Giovedì 2 Ottobre 2008


    STORIA. LO STUDIOSO INGLESE THOMPSON : GENERALI INCAPACI, MANDARONO AL MASSACRO LE TRUPPE
    LA GRANDE GUERRA, CATASTROFE ITALIANA
    L’altissimo prezzo pagato dal nostro Paese ( un milione di vittime), il caos politico, l’avvento del fascismo





    «Fermatevi! Ritornate indietro! Non spareremo più. Volete morire tutti?»: durante la Grande Guerra capitò almeno una mezza dozzina di volte che i soldati austriaci fecero tacere le mitragliatrici, con cui avevano appena fatto facile strage dei soldati italiani mandati avanti allo sbaraglio, per spronare al dietrofront i nemici superstiti che arrancavano tra i cadaveri dei commilitoni. «Non ho trovato testimonianze di scene simili su nessun altro fronte bellico», sottolinea lo storico inglese Mark Thompson in un nuovo, poderoso libro dove racconta dalla prospettiva italiana «una delle più disperate e insensate guerre moderne» presentando in una luce particolarmente sinistra il vanaglorioso generale Luigi Cadorna, a capo delle forze armate tricolori fino al tracollo di Caporetto. In «The White War», appena pubblicato a Londra dalla casa editrici Faber and Faber, Thompson si dà una missione: demolire una volta per tutte la pervicace mitologia patriottarda - alimentata ad arte soprattutto dal fascismo e tuttora aleggiante nella Penisola - che fa della partecipazione italiana alla «Great War» una specie di eroico, epico prosieguo delle guerre risorgimentali per l’indipendenza.
    A suo giudizio non c’è nulla di più falso: la molla di fondo fu una spinta genericamente espansionistica da parte di una minoranza interventista borghese e l’Italia del reazionario primo ministro Antonio Salandra aspettò opportunisticamente di vedere l’andamento delle battaglie prima di muovere guerra all’impero asburgico nel maggio del 1915 in nome del «sacro egoismo».
    Secondo Thompson la vittoria finale - costata un enorme tributo di sangue e sofferenze, i morti in uniforme (per lo più contadini analfabeti) furono 689.000 e si arriva a molto più di un milione con i civili - è stata pagata molto cara dalla Penisola anche sotto il profilo politico: «L’Italia sprofondò nel caos e, alla fine, nel fascismo. Le sue tradizioni liberali se non con la caduta della dittatura». Per i soldati male equipaggiati, finirono come bestie nelle trincee, mandati a morire come carne da cannone. Quella guerra fu, sottolinea lo storico inglese - «un’esperienza di brutalità, disprezzo, corruzione e oppressione». L’ennesima prova dell’incapacità e dell’inettitudine di molti dei generali italiani, che furono sbaragliati a Caporetto da un giovane ufficiale tedesco, Erwin Rommel, la futura "volpe del deserto".
    Il generale Cadorna - che nella sua arrogante vanità si credeva un piccolo Napoleone - incarna benissimo la criminale brutalità di quel conflitto: basti pensare al furore nazistoide con cui stroncò sul nascere ogni rischio di ammutinamento in risposta alla deplorevoli condizioni logistiche arrivando a ristabilire la regola della decimazione - praticata nell’Antica Roma - che consisteva nel passare per le armi a caso un certo numero di soldati (non necessariamente uno su dieci) nelle unità in odore di ribellione o diserzione. Non basta: come poi Stalin durante la seconda guerra mondiale sul fronte russo, il famigerato Cadorna fece installare delle mitragliatrici alle spalle dei soldati mandati all’attacco, con l’ordine di sparare su quelli che tentennavano, indietreggiavano, si davano alla fuga.Nella stessa crudele ottica anti-diserzione il governo di Roma si rifiutò di mandare pacchi alimentari ai soldati italiani fatti prigionieri in Austria e Germania condannandone così più di centomila a morte per deperimento: lo fece perchè non voleva far nulla che potesse anche indirettamente incoraggiare la truppa alla resa. I soldati dovevano sapere che la prigionia non era meglio della morte in battaglia.
    Thompson sottolinea che il vertice militare italiano con a capo Cadorna non solo non si fece il minimo scrupolo di spedire al macello decine di migliaia di soldati in combattimenti del tutto irrisori o impossibili ma il generale Vincenzo Garioni arrivò addirittura a definire quei massacri «un olocausto necessario» per «purificare» le forze armate in vista delle future battaglie e della vittoria. «The White War» - oggetto di entusiastiche recensioni sulla stampa britannica - non risparmia nemmeno i servili giornalisti d’allora che in larga misura erano al corrente della tragica, rivoltante realtà della guerra ma - Thompson porta a fulgido esempio una delle grandi firme del Corriere della Sera, Luigi Barzini - si prestarono a fare da cinici megafoni della più bieca propaganda ufficiale.




    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tutti quei morti sono stati voluti dal governo di allora
    per farli pesare sul tavolo delle trattative
    a guerra finita.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'Italia ha perso quasi tutte le guerre in cui è stata coinvolta e l'unica che ha vinto non l'ha certo vinta con 'fairplay'.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    Tutti quei morti sono stati voluti dal governo di allora
    per farli pesare sul tavolo delle trattative
    a guerra finita.
    Ma non solo,
    serviva una tragedia comune
    per rafforzare il sentimento nazionale.
    Quindi cosa di meglio di un milione di morti
    e due milioni di feriti, tanto, erano quasi tutti padani,
    quindi poca perdita.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Oct 2007
    Messaggi
    1,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rotgaudo Visualizza Messaggio
    Ma non solo,
    serviva una tragedia comune
    per rafforzare il sentimento nazionale.
    Quindi cosa di meglio di un milione di morti
    e due milioni di feriti, tanto, erano quasi tutti padani,
    quindi poca perdita.

    Questa è una fregnaccia che ha nessunissimo fondamento.
    Informati sulla sorte della Brigata Catanzaro (un esempio su tanti).
    Di sicuro "padano" pero' c'era Cadorna (il pazzo scatenato che ha mandato al macello" i soldati, meridionali e settentrionali) poi sostituito per fortuna dal napoletano Armando Diaz.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Apr 2008
    Messaggi
    76
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ...una guerra si combatte per vincerla con ogni mezzo e a qualsiasi costo e il fair play non è certo parte del dizionario di guerra... certo è che tutta la prima guerra mondiale può essere definita "la più gigantesca imbecillità che il genere umano abbia compiuto dal tempo delle crociate"... più che il libro di thompson che non contiene nessuna vera novità per la ricerca storica, vorrei consigliarvi invece i testi di hermann suderman (da cui ho tratto la citazione), ernesto ragionieri "storia d'italia" (einaudi)... rivelatore anche il testo del borghi "mezzo secolo di anarchia" (esi) e "storia degli italiani" di giuliano procacci (laterza)... ma anche il recentissimo "1914 l'anno che ha cambiato il mondo" di becker (lindau)...

  7. #7
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Claude Visualizza Messaggio
    Questa è una fregnaccia che ha nessunissimo fondamento.
    Informati tu invece. Qui:
    http://www.albodoroitalia.it/sacrario/page3.html
    trovi l'elenco completo di tutti i morti, con la loro provincia d'origine.
    Non sono riuscito a trovare la statistica generale, ma basta guardare alcune pagine a caso per avere un'idea della distribuzione geografica fortemente padana.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Oct 2007
    Messaggi
    1,847
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aussiebloke Visualizza Messaggio
    Informati tu invece. Qui:
    http://www.albodoroitalia.it/sacrario/page3.html
    trovi l'elenco completo di tutti i morti, con la loro provincia d'origine.
    Non sono riuscito a trovare la statistica generale, ma basta guardare alcune pagine a caso per avere un'idea della distribuzione geografica fortemente padana.

    riporta dei dati precisi uno mica si puo' mettere a controllare nome per nome.

    Per intanto noto che alla lettera E sono indicati solo una settantina di cognomi.

    http://www.albodoroitalia.it/sacrario/page39.html

    Infatti non trovo manco il cognome di un mio pro zio....e che cacchio

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Apr 2008
    Messaggi
    76
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ...secondo i dati della "pubblicazione nazionale sotto l'augusto patronato di s. m. il re..." in occasione del decennale della vittoria pubblicato da vallecchi di firenze (1929)... le regioni che dettero il maggior numero di combattenti sul totale della truppa, furono: lombardia 15,2%; veneto 11,9%; emilia romagna 9,7%; toscana 8,9%; sicilia 8,7%... questi calcoli non dicono tutto e altri sono piuttosto complicati perche bisogna tenere presente anche la densità di popolazione delle singole regioni... certo è che i combattenti dell'italia settentrionale furono il 48,7%; italia centrale 23,2%; italia meridionale 28,1%... ripeto che le cifre non dicono tutto, per fare un esempio i 670000 morti circa del 1914/18 corrisponderebbero a circa 2.5/3.000.000 del 2008...

  10. #10
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Claude Visualizza Messaggio
    Questa è una fregnaccia che ha nessunissimo fondamento.
    Informati sulla sorte della Brigata Catanzaro (un esempio su tanti).
    Di sicuro "padano" pero' c'era Cadorna (il pazzo scatenato che ha mandato al macello" i soldati, meridionali e settentrionali) poi sostituito per fortuna dal napoletano Armando Diaz.

    AAAAaaahhhh..... Diaz chi ? Quello che in combutta con quell'altro figlio di maiala (Sonnino, Salandra ? chi si ricorda...) pianificò la morte per fame di 100.000 suoi uomini "rei" di essere prigionieri di guerra bloccando l'invio degli aiuti delle famiglie tramite croce rossa internazionale ? AAAAAaaahhhh..... Quando si dice la fortuna... Almeno il primo era consapevole di essere "vittima" della deresponsabilizzazione politica... Rimaneva una merda ma puzzava di meno... A quell'altro (Ma va ?) lo si fa passare come "generale buono" nelle teste da riempire alla skquola dell'obbligo.
    Una di quelle teste era anche la tua.

    Se vedòm!
    Se vedòm!

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Storico inglese sulla prima guerra mondiale
    Di vadelongo nel forum Storia
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 26-10-08, 01:32
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-05-08, 23:34
  3. Vezzali, storico poker Mondiale
    Di Nirvana nel forum Tuttosport
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-10-05, 08:33
  4. straordinario documento della BBC sulla prima guerra mondiale
    Di benfy nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-07-04, 11:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226