User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Supermercati: in Piemonte si cambia rotta?

    Otto le istanze sotto esame negli uffici della Regione

    Centri commerciali, colpo di scure sulle nuove licenze

    La Regione: «Pronti a bloccarle tutte»



    Centri commerciali, colpo di scure sulle nuove licenze- Torino LASTAMPA.it

    TORINO - Revoca dei procedimenti esistenti per il rilascio delle autorizzazioni per le grandi strutture di vendita e blocco delle istanze non ancora concluse. Su proposta dell’assessore al Commercio, William Casoni, la giunta regionale guidata da Roberto Cota ha deciso di porre un freno alla costruzione dei grandi centri commerciali. Una sospensione che varrà nel futuro - a breve sarà preparata una legge di programmazione ad hoc - e che nell’immediato porta ad un’attenta verifica di otto domande di ampliamento e/o costruzione sparse in tutto il Piemonte. Due richieste sono legate a licenze per alimentari e le altre 6 per l’extra alimentare.

    Toccherà agli uffici regionali dell’assessorato mettere in pratica le indicazioni politiche dell’assessore verificando lo stato di avanzamento delle procedure per evitare eventuali iniziative legali delle aziende. Si tratta di istanze che non sono ancora arrivate all’esame della conferenza dei servizi. Otto i comuni interessati: Rivalta, Orbassano e Moncalieri in provincia di Torino. E poi Alba, Valdengo e Quaregna nel biellese; Crescentino e Vercelli città.

    Tra oggi e domani si saprà quali di queste richieste avrà superato l’esame degli uffici, la sospensione potrebbe scattare per 3 o 4 domande. Al di là dei numeri, però, quel che conta è il segnale politico che la giunta vuole lanciare: «Abbiamo ritenuto estremamente importante - spiega l’assessore Casoni - inviare da subito un segnale chiaro del cambio di rotta e di una maggiore attenzione della nuova Amministrazione nei confronti del commercio».

    Del resto Casoni, incontrando una foltissima delegazione degli ambulanti che protestavano contro l’applicazione della Bolkestein aveva promesso un intervento immediato. E ieri nella riunione della giunta sono state revocate due precedenti delibere dell’esecutivo (la prima della giunta Ghigo e la seconda approvata alla fine di marzo di quest’anno dalla giunta Bresso) perché «necessitano di maggiore e più efficace coordinamento» con la programmazione urbanistica per l'insediamento del commercio al dettaglio in sede fissa.

    L’assessorato, poi, dovrà valutare l’esistenza di un possibile «contrasto con l'utilità sociale richiamati dall’articolo 41 della Costituzione per i casi di autorizzazione, trasferimento, variazione della superficie di vendita degli esercizi commerciali». Spiega ancora Casoni: «L’eccessiva proliferazione di grandi centri commerciali negli ultimi anni ha segnato con profonda negatività il piccolo commercio e la vita sociale dei centri storici in tutto il Piemonte, dalle grandi località fino nei più piccoli paesi delle nostre provincie». Dieci anni fa in tutto il Piemonte esistevano 52 medie strutture di distribuzione e 32 della grande per complessivi 370.281 metri quadrati. Nel 2008 il numero delle grandi strutture ha superato quello delle medie 101 a 97 per 862.651 metri quadrati.

    Il provvedimento è stato accolto con molta preoccupazione dai rappresentanti della grande distribuzione. Savino Russo, delegato Federdistribuzione di Torino, sottolinea la necessità di aprire un tavolo con la Regione per «ragionare insieme sulle prospettive di crescita di un settore che può portare occupazione».

    Giancarlo Gonella, presidente Associazione Regionale Cooperative di Consumo, aggiunge: «Avevamo accolto con favore che la nuova Giunta ponesse lavoro e occupazione al primo posto del proprio impegno: ebbene, qui ci sono prospettive di lavoro per nuovi dipendenti e per l'indotto che ne consegue (migliaia di aziende grandi e piccole) che vengono "congelate"».
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    38,723
    Mentioned
    332 Post(s)
    Tagged
    51 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Rif: Supermercati: in Piemonte si cambia rotta?

    Ottimo , da me e credo sia simile anche in Piemonte , quella dei supermercati/centergross/iper/etc è diventata negli ultimi anni una vera e propria bolla speculativa , spesso sono mezzi vuoti e mi domandano come facciano ad andare avanti...:mmm:
    inoltre la maggiorparte di questi appartiene a catene estere , specie francesi , per cui i profitti netti vanno fuori dal paese , meglio incentivare i "centri commerciali all'aperto" cioè aree cittadine , vie pedonali , in cui i servizi commerciali siano integrati per agevolare la fruizione della clientela e ridurre certi costi ma senza perdere la propria autonomia.
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Supermercati: in Piemonte si cambia rotta?

    Citazione Originariamente Scritto da Robert Visualizza Messaggio
    Ottimo , da me e credo sia simile anche in Piemonte , quella dei supermercati/centergross/iper/etc è diventata negli ultimi anni una vera e propria bolla speculativa

    meglio incentivare i "centri commerciali all'aperto" cioè aree cittadine , vie pedonali , in cui i servizi commerciali siano integrati per agevolare la fruizione della clientela e ridurre certi costi ma senza perdere la propria autonomia.
    .
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

 

 

Discussioni Simili

  1. Piemonte: giro di vite sui supermercati
    Di Bèrghem nel forum Lega
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-05-10, 11:26
  2. Si cambia rotta sui lavoratori dell'Est
    Di ART nel forum Politica Europea
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-05-06, 15:31
  3. Risposte: 94
    Ultimo Messaggio: 27-01-06, 11:25
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 28-01-04, 15:26
  5. L'Economist cambia rotta: Il CentroDestra fa bene all'Italia
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 11-01-04, 20:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226