User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Vajont, 45 anni fa

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Vajont, 45 anni fa

    non dimentichiamo....

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsID=86891


    45 anni fa la tragedia del Vajont

    Belluno

    Una commemorazione civile, seguita da una messa nella chiesa parrocchiale, ha aperto le manifestazioni organizzate in memoria delle oltre duemila vittime della tragedia del Vajont, di cui oggi ricorre il 45esimo anniversario.
    Nel pomeriggio, nel cimitero in cui riposano i resti delle vittime del disastro, nella frazione di Fortogna, sono state disposte corone dai rappresentanti dei Comuni di Longarone, Castellavazzo, Erto Casso e Vajont. Poi una messa celebrata dal vescovo di Belluno-Feltre assieme a tutti i sacerdoti dell'area coinvolta dalla catastrofe.
    In serata una veglia sul sagrato della chiesa di Pirago mentre nell'anfiteatro della chiesa arcipretale, all'ora esatta del distacco dal Monte Toc della massa che causò l'esondazione del bacino idrico artificiale di Vajont, le 229, ci sarà un momento di silenzio, cui seguirà il suono della campana e una preghiera per le vittime. Gli eventi dedicati alla memoria della tragedia proseguiranno a Longarone fino al 13 dicembre.
    In vari comuni del Veneto, e anche in altre regioni, il disastro del 9 ottobre 1963 sarà ricordato con mostre fotografiche, pittoriche e documentaristiche.




    INDIPENDENZA

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ricordiamo anche che il Vajont fu una strage preannunciata ed evitabile

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La diga restò intatta, ma l'acqua cancellò Longarone e lambì Erto

    Messaggero Veneto — 05 ottobre 2008 pagina 13 sezione: CULTURA - SPETTACOLO
    di MARIO BLASONI «Dormite tranquilli», disse l’ingegner Biadene alla centralinista mezz’ora prima che venisse giù il Toc. L’onda, purtroppo annunciata, del Vajont che la sera del 9 ottobre 1963 causò 1.910 morti non si è esaurita. Lucia Vastano, giornalista milanese inviata di guerra e autrice di reportages in tutto il mondo, ha sposato da alcuni anni la causa dei superstiti e dei parenti delle vittime e ora ha dato alle stampe (Ponte alle Grazie, 267 pagine – 14,00 euro) Vajont, l’onda lunga. Sottotitolo, Quarantacinque anni di truffe e soprusi contro chi sopravvisse alla notte più crudele della Repubblica. La Vastano – che definisce il Vajont «strage epocale per l’Italia al pari dell’11 settembre per gli Stati Uniti» – è partita da dove si sono fermati il memorabile spettacolo di Marco Paolini davanti alla diga (1997) e il film di Renzo Martinelli (2001). Riprende il discorso del “dopo” e racconta cosa ne è stato delle tante persone, in gran parte allora bambini, che l’onda non uccise, ma sconvolse per sempre decimandone le famiglie, distruggendone le ragioni di vita, le tradizioni, i pochi beni. Racconta della loro rabbia e del loro dolore, della loro speranza di giustizia continuamente delusa. Racconta le trame che grandi potentati industriali, così come piccole cricche del malaffare hanno ordito alle loro spalle gestendo i colossali finanziamenti per la ricostruzione; le complicità della politica locale e nazionale; le truffe ai danni della povera gente, indotta con le minacce o l’inganno a firmare tregue con l’Enel in cambio di pochi spiccioli. Racconta come è rinata Longarone, come è nata la nuova Vajont presso Maniago, entrambe anonime, senz’anima; come stoni «dissacrante come una bestemmia in un luogo di preghiera, quel salumificio in cemento costruito poco a monte della diga, che in sei anni non ha prodotto un posto di lavoro». E come è stato persino snaturato il cimitero di Fortogna: i superstiti e i morti uniti nell’affronto. E cosa chiede, 45 anni dopo, Lucia Vastano (e con lei cosa chiedono i “Cittadini per la memoria del Vajont”, firmatari di una petizione per il Quirinale)? Soltanto «che lo Stato italiano, l’Enel e la Montedison, diretti responsabili della tragedia, esprimano “formali scuse”, anche se tardive, ai familiari delle vittime, alla cittadinanza dei paesi interessati, ai cittadini italiani tutti per le loro responsabilità per ciò che accadde quella notte. Che lo Stato italiano renda omaggio alle vittime, conferendo loro la medaglia d’oro alla memoria e dichiari il 9 ottobre “Giornata della memoria per le vittime del Vajont”. Che il ministro dell’istruzione, infine, provveda a far inserire nei testi della scuola dell’obbligo la storia della diga del Vajont, senza tralasciare di citare responsabili e responsabilità per quella tragedia che doveva e poteva essere evitata». La diga di contenimento del bacino idroelettrico della Sade (passato all’Enel pochi mesi prima della catastrofe) venne ideata nel lontano 1928, anno al quale risale il primo progetto. Il decreto del presidente De Nicola per la costruzione arriva solo nel 1948. E la diga è ultimata nel 1959, ma prima ancora che l’acqua venga immessa nel bacino, cominciano le avvisaglie di frane dall’instabile monte Toc (nome che deriva dal friulano patoc , marcio!). Nonostante gli allarmi, le preoccupate relazioni dei tecnici (spesso «addomesticate» da funzionari compiacenti), la coraggiosa campagna di denuncia della giornalista de l’Unità Tina Merlin, si va avanti. E la sera del 9 ottobre, alle 22.39, 260 milioni di metri cubi di roccia si staccano dal Toc e precipitano nel bacino sollevando un’onda che spazza via la cittadina di Longarone (e le frazioni di Pirago, Rivalpa, Villanova e Faè), il paese di Castellavazzo, tutti in provincia di Belluno, e alcune frazioni di Erto e Casso (soprattutto i borghi isolati), allora in provincia di Udine, ora di Pordenone. Drammatica, nel libro di Lucia Vastano, è la rievocazione delle ultime ore prima della tragedia. L’8 ottobre il Comune di Erto diffuse un avviso di «pericolo continuato» avendo ricevuto una segnalazione dall’Enel-Sade di Venezia dell’incombente rischio di una gigantesca frana che stava per staccarsi dal monte Toc e provocare «onde paurose». Ma «l’intento dell’Enel – denuncia la giornalista milanese – non era stato, nemmeno in quel frangente, salvare delle vite, ma soltanto mettere le mani avanti. Come dire: vi abbiamo avvisati...». E, alle allarmate telefonate del sindaco, da Venezia si limitarono a gettare acqua sul fuoco e a dire di «tener lontano i pescatori dalle rive del lago». La direzione della Sade suggerì soltanto di vietare l’accesso alle auto sulla strada che porta alla diga (vennero inviati alcuni carabinieri, che finirono anch’essi tra le vittime). A Longarone nessuno fu avvistato del pericolo. E poi ci fu la telefonata del direttore generale della Sade ingegner Biadene (che abbiano citato in apertura), intercettata dalla centralinista di Longarone, Maria Sacchet Capraro, di turno quella notte (corse subito a casa e si salvò perché abitava nella zona alta della cittadina, risparmiata dall’onda). Erano le 22 del 9 ottobre e il direttore della Sade stava rispondendo al disperato appello di un guardiano della diga, il trentenne Giancarlo Rittmeyer (che morirà poco più di mezz’ora dopo assieme agli altri operai e i loro corpi non saranno mai ritrovati): «La frana si muove, qui casca tutto!». Biadene – ricostruisce la giornalista – «cerca di calmare la guardia che gli chiede se si debba dare l’allarme. Che fare a quel punto? L’ingegnere antepone ancora una volta gli interessi della Sade alla sicurezza della gente. Potrebbe dare l’allarme, ma sarebbe un’evidente ammissione di colpa. Preferisce suggerire a Rittmeyer di «dormire con un’occhio solo». Ascoltando la telefonata, anche la centralinista comincia a preoccuparsi. «Qui a Longarone possiamo stare tranqulli?», chiede all’ingegnere, intromettendosi nella comunicazione. «Dormite bene» la rassicura Biadene. Nel 1969, al processo de L’Aquila, il direttore della Sade sarà condannato a 6 anni, poi ridotti a 3 in appello e a 2 in cassazione. Interessante è anche l’analisi della Vastano sul ruolo della stampa. «Tutte le grandi penne del tempo – scrive – si mobilitarono con tempestività per escludere responsabilità». Indro Montanelli, a un lettore che sosteneva come «l’Enel-Sade sapesse benissimo che la montagna stava per crollare», rispose: «Non riesco a crederci». Dino Buzzati spiegò, con una metafora: «Un sasso è caduto in un bicchiere e l’acqua è traboccata sulla tovaglia. Tutto qui. Solo che il bicchiere era alto centinaia di metri e il sasso era grande come una montagna... Ma il bicchiere non si è rotto – concludeva – quindi non si può dare della bestia a chi lo ha costruito». E Giorgio Bocca, addirittura, ha scritto: «Questa è una sciagura pulita, gli uomini non ci hanno messo le mani: tutto è stato fatto dalla natura». «La disattenzione dei media» riguarda anche la televisione: errori (si continua a parlare, negli anniversari, di «crollo della diga del Vajont»); dimenticanze (Vespa, in un Porta a porta con il regista Martinelli e l’attore Leo Gullotta, disse: «Erto e Casso furono i paesi più colpiti», scordando completamente Longarone); e cattivo gusto («Maurizio Costanzo, quando Platinette cadde dalla sedia, non trovò niente di meglio da dire per sdrammatizzare il piccolo incidente che: È caduta la diga del Vajont»). In questi ultimi anni c’è stata una raccolta di firme, cominciata nel 2005, per una petizione da portare all’allora presidente Ciampi. Il 1° giugno 2007 partì dal Vajont una staffetta di podisti del Dopolavoro Ferroviario di Udine che si erano offerti di portare gli incartamenti al Quirinale. La delegazione venne ricevuta non dal presidente Napolitano (dal 2006 subentrato a Ciampi), ma da un funzionario. La petizione ebbe molte adesioni (enti, giornali, associazioni), ma mancava quella del Comune di Longarone. Usciti dal Quirinale «sconfortati, ma non sconfitti», i “Cittadini” hanno visto finalmente, un anno fa, proprio il 9 ottobre, compiersi un altro passo avanti. È stata presentata la proposta di legge, firmata da tutti i parlamentari bellunesi, per istituire la “Giornata per la memoria delle vittime dei disastri industriali”. Vajont insieme a Seveso, Stava, Marghera e, ultima, la sciagura degli operai della Thyssen-Krupp di Torino. «Ora il pallino è in mano al Parlamento – conclude Lucia Vastano – e noi vigileremo ancora affinché quella proposta venga portata avanti, fino alla fine».

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bell'articolo, peccato che i veri padroni della SADE, i conti, massoni, ex ministri e miliardari Cini e Volpi di Misurata non siano neppure citati...

    Ah, gia'... loro hanno messo "SOLO" il capitale (imprestato da Banche "amiche") e voluto il progetto, come al solito eseguito comunque, presto e bene ...

    E non ci sono neppure i Ministeri romani che, avvisati che le perizie geologiche segnalavano anomalie, davano i benestari "per il grande prestigio che piu' grande e ardita diga in Europa portera' alla nazione" (e quattrini nelle loro saccocce)....

    Massi', chissenefrega... tanto e' stato condannato il capro esp... il disgraziato direttore ai lavori...

  5. #5
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ci fu chi disse , in risposta ad una giornalista dell'unità che sulla situazione idrogeologica e sulla pericolosità dell'invaso aveva indagato, : Non si fanno polemiche sui morti"
    Incredibile progenie dei velinari attuali.
    Riposino in pace le vittime del Vajont, nei nostri cuori non saranno mai morte.
    TIOCH FAID AR LA'

  6. #6
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io non nascondo che il monologo di Paolini sull'evento mi ha strappato diverse lacrime. Non dimenticare per far sì che non accada nuovamente. Memoria storica, sempre.

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da FdV77 Visualizza Messaggio
    Io non nascondo che il monologo di Paolini sull'evento mi ha strappato diverse lacrime. Non dimenticare per far sì che non accada nuovamente. Memoria storica, sempre.
    Per chi se lo fosse perso, da vedere:

    http://video.google.it/videoplay?doc...34850960378650

 

 

Discussioni Simili

  1. Strage del Vajont...
    Di BlackSheep nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 348
    Ultimo Messaggio: 14-10-13, 16:50
  2. Vajont 44 anni dopo
    Di Sheera (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 12-10-07, 10:25
  3. Vajont
    Di merlot nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 14-07-05, 19:01
  4. Vajont - Segnalazione TV
    Di Nanths nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-11-03, 23:47
  5. IL Disastro del Vajont
    Di Dio Apollo nel forum Hdemia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-07-02, 00:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226