User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17
  1. #1
    History Lesson - Part II
    Data Registrazione
    31 Jan 2007
    Località
    Melbourne
    Messaggi
    2,159
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Question Una conferenza programmatica dei sardi e un giuramento per l’indipendenza

    Una conferenza programmatica dei sardi e un giuramento per l’indipendenza




    È sempre più chiaro che serve un luogo aperto dove rendere visibile il grado di elaborazione politica raggiunto in tutti gli ambienti sardisti su almeno cinque temi: indipendenza, sviluppo e fiscalità, identità e politiche culturali, territorio, struttura dei poteri e federalismo interno. Io immagino interventi brevi e relazioni articolate lasciate agli atti, in modo che tutti possano parlare. Immagino anche non un evento solo del Psd’Az, ma di tutta l’area sardista, indipendentista e democratica. Al termine, avrei pronto un giuramento solenne indipendentista, democratico, pacifista; un giuramento di impegno reciproco; un giuramento di fratellanza politica per la Sardegna. Sarebbe bello leggerlo tutti insieme e poi giurare tutti insieme. Nei prossimi giorni testo, data e luogo. Utilizzeremo il sito come segreteria organizzativa. Si accettano suggerimenti sul luogo che vorrei particolarmente simbolico; un luogo che si faccia ricordare. Un sardo vero giura una sola volta nella vita (a parte i casi giustizia…..).
    http://www.sardegnaeliberta.it/?p=1268

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,004
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Avrei voluto sorvolare anche su questa ulteriore iniziativa di Maninchedda, ma visto che Istèvene ne ha riportato il testo, preceduto da un punto interrogativo, esprimo alcune mie personalissime considerazioni.
    Osservo che la ricerca di protagonismo, direi l’agitazione nel cercare consensi attorno ad un progetto che possa essere condiviso dai sardisti e da tutta l’area indipendentista, se proposto in questo modo, rischia di attenuarne la credibilità, cadendo in quel “folklorismo” che si voleva evitare. Ma andiamo per ordine.
    Chi o che cosa dà al prof. Maninchedda la funzione di promuovere tali iniziative o altre precedenti come la conferenza con l’UDC o solo annunciate tipo “l’Assemblea dei sardi”? Utilizzando “ovviamente” il sito-blog di Sardegna e Libertà come segreteria organizzativa?
    A mio parere, eventuali proposte siffatte dovrebbero teoricamente essere competenza primaria della segreteria del Partito, ma capisco che l’attuale inconsistenza della dirigenza possa aver indotto l’On. a sostituirsi ad essa.
    Solo che per fare questo, chiunque dovrebbe prima misurarsi in un Congresso e trovare la maggioranza; non basta essere eletti in Consiglio regionale.
    Molto più verosimilmente la proposta in oggetto è stata concordata con lo stesso gruppo dirigente, che il prof. Maninchedda pare rappresentare.
    Personalmente non condivido il metodo e neppure la forma, poiché questi “giuramenti” ricordano inevitabilmente altre cerimonie “padane” già ridicolizzate, e comunque vicine a quel “folklore” del quale un indipendentismo serio e “democratico” può fare a meno.
    Ma la sostanza credo sia ben altra.
    Ho l’impressione che in previsione di un probabile naufragio dell’accordo con il centro-destra se non anche con l’UDC, si stia cercando di preparare il terreno per una coalizione di tutta l’area indipendentista, peraltro auspicabile, pur di evitare un confronto con Soru.
    Non mi spiego diversamente, infatti, la riesumazione di Emilio Lussu stigmatizzato per il suo “unionismo”, lusingando in tal modo iRS.
    Davvero non se ne sentiva la necessità.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Mar 2006
    Messaggi
    392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A quando l'ampolla d'acqua delle sorgenti del Tirso? O non sara' meglio il Temo... o il Rio Mannu, o il Cixerri?

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    7,923
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sa socca Visualizza Messaggio
    A quando l'ampolla d'acqua delle sorgenti del Tirso? O non sara' meglio il Temo... o il Rio Mannu, o il Cixerri?
    e sas paraulas de custu giuramentu cale sunt?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2008
    Messaggi
    80
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Talvolta per valutare certe iniziatie basta osservare la fonte che le propone....e visto che tale proposta, abbastanza pagliaccesca, arriva da Maninchedda.....dobbiamo sicuramene pensare a un secondo fine! Ma come può una persona che si vende ad alleanze con l'UDC che non condivide alcun ideale con noi, sbandierare ad un certo punto un rito di giuramento per l'indipendentismo? E' chiaro che va dove tira il vento....è solo una bandierina che cerca di stare nel ballo per non perdere la sua posizione. Ma questo non è davvero un personaggio degno di fare proposte e degno di stare dove sta! Consiglio, se mi posso permettere ai veri sardisti di lasciar cadere questa buffonata ai piedi di chi l'ha proposta!

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    01 Oct 2010
    Messaggi
    5,137
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    alla faccia del folklore....intanto la lega molti suoi obbiettivi li raggiunge!

  7. #7
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sa socca Visualizza Messaggio
    A quando l'ampolla d'acqua delle sorgenti del Tirso? O non sara' meglio il Temo... o il Rio Mannu, o il Cixerri?
    Eh, lu keriat su Psd'Az su cunsensu ki tenet sa Lega......

  8. #8
    pro sa Repubrica de Sardigna
    Data Registrazione
    06 Oct 2007
    Località
    Ollastra
    Messaggi
    403
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Su Componidori Visualizza Messaggio
    Avrei voluto sorvolare anche su questa ulteriore iniziativa di Maninchedda, ma visto che Istèvene ne ha riportato il testo, preceduto da un punto interrogativo, esprimo alcune mie personalissime considerazioni.
    Osservo che la ricerca di protagonismo, direi l’agitazione nel cercare consensi attorno ad un progetto che possa essere condiviso dai sardisti e da tutta l’area indipendentista, se proposto in questo modo, rischia di attenuarne la credibilità, cadendo in quel “folklorismo” che si voleva evitare. Ma andiamo per ordine.
    Chi o che cosa dà al prof. Maninchedda la funzione di promuovere tali iniziative o altre precedenti come la conferenza con l’UDC o solo annunciate tipo “l’Assemblea dei sardi”? Utilizzando “ovviamente” il sito-blog di Sardegna e Libertà come segreteria organizzativa?
    A mio parere, eventuali proposte siffatte dovrebbero teoricamente essere competenza primaria della segreteria del Partito, ma capisco che l’attuale inconsistenza della dirigenza possa aver indotto l’On. a sostituirsi ad essa.
    Solo che per fare questo, chiunque dovrebbe prima misurarsi in un Congresso e trovare la maggioranza; non basta essere eletti in Consiglio regionale.
    Molto più verosimilmente la proposta in oggetto è stata concordata con lo stesso gruppo dirigente, che il prof. Maninchedda pare rappresentare.
    Personalmente non condivido il metodo e neppure la forma, poiché questi “giuramenti” ricordano inevitabilmente altre cerimonie “padane” già ridicolizzate, e comunque vicine a quel “folklore” del quale un indipendentismo serio e “democratico” può fare a meno.
    Ma la sostanza credo sia ben altra.
    Ho l’impressione che in previsione di un probabile naufragio dell’accordo con il centro-destra se non anche con l’UDC, si stia cercando di preparare il terreno per una coalizione di tutta l’area indipendentista, peraltro auspicabile, pur di evitare un confronto con Soru.
    Non mi spiego diversamente, infatti, la riesumazione di Emilio Lussu stigmatizzato per il suo “unionismo”, lusingando in tal modo iRS.
    Davvero non se ne sentiva la necessità.
    Se da un lato il sig.Maninchedda cerca di attirare su di se l'attenzione o il consenso di Irs,dall'altro lato smonta tutto pubblicando nel suo sito quanto segue.......

    Uno dei miti della storiografia sarda da loro coniati che resistono e che piacciono (ahimè! tragicamente per i sardi) è quello degli Arborea. A tal punto gli Arborea sono stati eretti a simbolo dell’indipendenza dei sardi che sopraffanno col loro prestigio (usurpato) la rivoluzione di Angioy, il movimento operaio nelle miniere o la nascita del sardismo dopo il Primo conflitto mondiale. Chi erano gli Arborea? Che cosa era la Sardegna giudicale? Era un sistema oligarchico e feroce fondato sulla servitù. I condaghi, per più della metà, contengono contenziosi giudiziari legati alla fuga dei servi, al loro tentativo di emancipare la prole dalla condizione servile. Gli Arborea erano un pezzo rilevante di questo sistema oligarchico. Colui che rianima la dinastia e la fa ricca, se non ricchissima, è Mariano II (…1265-1291..), che fu cittadino a Pisa (con palazzo, diritto di voto e partecipazione attiva agli scontri politici del Comune) e signore nell’Arborea. È il giudice che cinge di mura Oristano. Ma è soprattutto il giudice che esplicita il crinale tipico della politica degli Arborea per tutti i secoli a venire: prima la stirpe e il suo privilegio, poi tutto il resto. Niente di diverso dalla cultura signorile delle altre piccole casate d’Europa. Il sistema delle alleanze per gli Arborea, non aveva come obiettivo la Sardegna, ma la casata. Non a caso Mariano si alleò con Pisa contro i figli del conte Ugolino (Guelfo, morto a San Leonardo, e Lotto) di cui il suo Giudicato era confinante nella zona di Arbus. Poi sconfisse nel 1273 Giovanni Visconti, giudice di Gallura, (il giudice Nin gentil di Dante), nella curatoria di Gippi, e allargò ancora il suo dominio (nominò anche dei cavalieri sul campo di battaglia). Insomma: faceva soldi in patria con il controllo rigido delle terre, dei commerci e della forza lavoro; spendeva a Pisa per stare nel gioco politico e faceva la guerra per allargare i domini territoriali. La Sardegna, in quanto tale, era l’ultimo dei suoi pensieri. Anzi, Turritani e Cagliaritani erano nemici tradizionali. La lezione dell’avo venne ben imparata dai discendenti. In particolare il più ottuso e dannoso per la Sardegna: Ugone II. Fu lui che, diffidando dei Pisani (che avevano contestato la legittimità della sua ascesa al trono giudicale, costringendolo a versare 15.000 fiorini per sanare la questione) aprì le porte ai Catalani, che per la Sardegna furono una vera rovina. Senza la sua alleanza, i catalani non sarebbero mai arrivati in Sardegna. Lui aprì loro le porte. Ma dal punto di vista della politica arborense (prima la famiglia, poi il resto), egli fu perfettamente coerente. Come lo fu il figlio Mariano IV, educato dai catalani, sposato in Catalogna, nominato cavaliere e conte dal re d’Aragona e infine ribelle contro il re per le stesse ragioni per cui il padre aveva tradito Pisa: il controllo del potente alleato stava mettendo in crisi i privilegi e le prerogative della stirpe. Anche per Mariano, la Sardegna non era un programma e i sardi erano, in larga misura, per lui soprattutto un grande bacino di servi. Gli Arborea possono dunque essere il simbolo delle oligarchie egoistiche sarde (di cui non si parla mai abbastanza e che sono la nostra vera rovina, come Francesco Manconi ci ha insegnato), quelle che antepongono il loro vantaggio a quello generale, ma non possono assolutamente essere il simbolo di un popolo istruito, coeso, solidale, con un diritto certo, senza privilegi, democratico, quale noi vogliamo essere. Detto questo, niente vieta di rifunzionalizzare i simboli del passato, questo è possibile e può essere anche utile. Il problema è il sapere che sta dietro queste operazioni. Non dobbiamo avere nostalgie verso i miti oligarchici, perché la Sardegna è povera proprio perché è oligarchica.

    Veramente non si capisce dove questo signore voglia arrivare

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Mar 2006
    Messaggi
    392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Kornus Visualizza Messaggio
    Eh, lu keriat su Psd'Az su cunsensu ki tenet sa Lega......

    Eh, mancari tottus sos movimentos indipendentista keriant su cunsensu chi jughet sa Lega.
    A mie non paret chi sos atteros siana pius in salude de su P.S.d'Az.
    Ma su problema est un'atteru.
    Non creo chi sa parte sana de su “P.S.d'Az”, o a “S.N.I.” o “I.R.S.” o “A Manca” siat interessada a unu cunsensu “xenofobo e razzista” comente kussu de sa Lega chi tenet sos votos in mesu a sos “industrialotti con fabbrichetta”, chi una die faeddana cuntra sa immigrazione clandestrina, e fattu fattu leana sos extracomunitarios a tribagliare in nieddu.

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    7,923
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sa socca Visualizza Messaggio
    Eh, mancari tottus sos movimentos indipendentista keriant su cunsensu chi jughet sa Lega.
    A mie non paret chi sos atteros siana pius in salude de su P.S.d'Az.
    Ma su problema est un'atteru.
    Non creo chi sa parte sana de su “P.S.d'Az”, o a “S.N.I.” o “I.R.S.” o “A Manca” siat interessada a unu cunsensu “xenofobo e razzista” comente kussu de sa Lega chi tenet sos votos in mesu a sos “industrialotti con fabbrichetta”, chi una die faeddana cuntra sa immigrazione clandestrina, e fattu fattu leana sos extracomunitarios a tribagliare in nieddu.
    paraulas santas

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. La Conferenza Programmatica del P.R.I.
    Di nuvolarossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 24-02-06, 01:16
  2. Conferenza Programmatica AN
    Di Dottor Zoidberg nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05-02-06, 22:59
  3. La Conferenza programmatica del P.R.I.
    Di nuvolarossa nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-02-06, 00:50
  4. Conferenza programmatica PDP
    Di Esmor nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-04-04, 10:39
  5. Conferenza Programmatica
    Di jeronimus2002 (POL) nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-10-02, 19:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226