User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    97,005
    Mentioned
    4207 Post(s)
    Tagged
    142 Thread(s)

    Talking Sanità Lazio, Marrazzo: in arrivo 5 miliardi !

    ROMA (17 ottobre) - Lo sblocco dei circa 5 miliardi di fondi governativi che serviranno per ripianare il deficit della sanità della regione Lazio è previsto dopo il 15 novembre. Ad annunciarlo è stato il governatore
    Piero Marrazzo. Dei trasferimenti dovuti «900 milioni sono anticipazioni sulla fiscalità e sono già in arrivo nelle casse della Regione», mentre il tavolo convocato per il 15 novembre verificherà se ci sono le condizioni di emergenza finanziaria per «lo sblocco di una quota dei circa 4 miliardi» restanti.

    Uscendo da Palazzo Chigi, il presidente della regione Lazio ha spiegato come al tavolo del 15 novembre «verrà verificato lo stato di emergenza finanziaria della Regione, come del resto previsto dal decreto legge 154». Conseguentemente alla valutazione dei provvedimenti fino ad oggi presi per il piano di rientro dal deficit della sanità, ha poi aggiunto Marrazzo, «il premier e i ministri competenti saranno nella condizione di dare il via allo sblocco dei trasferimenti». «Tutto prosegue secondo un percorso condiviso», ha aggiunto infine un soddisfatto Marrazzo.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo....&sez=HOME_ROMA

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Padania deleghistizzata!
    Data Registrazione
    07 Apr 2008
    Località
    Roma-Bologna-Milano
    Messaggi
    251
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kingzorc Visualizza Messaggio
    ROMA (17 ottobre) - Lo sblocco dei circa 5 miliardi di fondi governativi che serviranno per ripianare il deficit della sanità della regione Lazio è previsto dopo il 15 novembre. Ad annunciarlo è stato il governatore
    Piero Marrazzo. Dei trasferimenti dovuti «900 milioni sono anticipazioni sulla fiscalità e sono già in arrivo nelle casse della Regione», mentre il tavolo convocato per il 15 novembre verificherà se ci sono le condizioni di emergenza finanziaria per «lo sblocco di una quota dei circa 4 miliardi» restanti.

    Uscendo da Palazzo Chigi, il presidente della regione Lazio ha spiegato come al tavolo del 15 novembre «verrà verificato lo stato di emergenza finanziaria della Regione, come del resto previsto dal decreto legge 154». Conseguentemente alla valutazione dei provvedimenti fino ad oggi presi per il piano di rientro dal deficit della sanità, ha poi aggiunto Marrazzo, «il premier e i ministri competenti saranno nella condizione di dare il via allo sblocco dei trasferimenti». «Tutto prosegue secondo un percorso condiviso», ha aggiunto infine un soddisfatto Marrazzo.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo....&sez=HOME_ROMA
    Per questo però ricordatevi di ringraziare Storace, Marrazzo non c'entra con la "generazione" del problema..
    Anzi, sta recuperando una situazione al limite della bancarotta..

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kingzorc Visualizza Messaggio
    ROMA (17 ottobre) - Lo sblocco dei circa 5 miliardi di fondi governativi che serviranno per ripianare il deficit della sanità della regione Lazio è previsto dopo il 15 novembre.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo....&sez=HOME_ROMA
    Se è vero perché lo stato dovrà prima trovare i soldi, questo è uno dei primi ottimi risultati nella scia dello spirito del nuovo federalismo.

    Questo federalismo pelerà il Nord.

  4. #4
    vae victis
    Data Registrazione
    23 Sep 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    97,005
    Mentioned
    4207 Post(s)
    Tagged
    142 Thread(s)

    Predefinito

    Io finchè non "vedo" non ci credo.

    Non ci posso credere !

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da kingzorc Visualizza Messaggio
    Io finchè non "vedo" non ci credo.

    Non ci posso credere !
    appena il federalismo entrerà in funzione nella sua pienezza ne vedremo di quelle migliori.

  6. #6
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questi di un anno fa non bastano più?


    Se il buco laziale si ripiana con i soldi del Nord

    (da Il Riformista, 13 Marzo 2007)

    http://gabriocasati.org/?p=41

    Il 28 febbraio la Regione Lazio e lo Stato hanno firmato un accordo in merito al ripiano del debito sanitario della Regione. L’accordo, accompagnato da un’inusitata dose di retorica persino per le pratiche romane, è stato salutato come un caso esemplare di collaborazione tra Stato e Regioni capace di trasformare un mostruoso fallimento di governo e il peggior lassismo amministrativo in un “caso esemplare”.

    La Regione Lazio ha un debito sanitario effettivo di circa 9,5 miliardi di euro, di cui 5,8 già emersi ai tempi della presidenza di Francesco Storace e altri 3,7 miliardi successivamente. Cifre impressionanti, ma non dissimili, in proporzione, da quelle rintracciabili nei i bilanci di tutte le Regioni meridionali.

    A norma di accordo, lo Stato si impegna a pagare direttamente oltre 3,7 miliardi e a spalmare su 30 anni (con riduzioni sui trasferimenti di 310 milioni all’anno) circa 5.8 miliardi. La Regione offre in cambio un piano di razionalizzazione della spesa (caspita!) e la mirabolante cifra di 250 milioni di euro di nuove entrate. Tutto qui. È incredibile ma è così, il Lazio non mette sul piatto assolutamente nulla. Si impegna formalmente a buone pratiche amministrative e giura di ridurre la spesa farmaceutica, senza peraltro che sia chiaro cosa possa accadere in caso di inadempienza nell’attuare le misure promesse. Ma che senso ha? In quale parte del mondo la contropartita di un accordo finanziario di tale entità è mai stata la solenne promessa di “fare i bravi”? Ma dove sono le riduzioni di spese vive, dove l’incremento delle entrate, dove le risorse proprie, dove la complessiva ridefinizione delle linee di spesa del bilancio pubblico? Ma quando mai si è visto un potere (la gestione della Sanità in questo caso) del tutto slegato dalla subordinazione alle responsabilità (in primo luogo finanziarie) che l’esercizio di tale potere comporta? Eppure è questo l’esito attuale del federalismo italiano: Regioni dotate di poteri pervasivi e prive di responsabilità effettive, sempre in grado di trovare nello Stato centrale il buon padre che si accolla i debiti e che volentieri perdona peccatucci veniali di oltre 9 miliardi, con un sorriso e una parola di conforto.

    Tuttavia, quando lo Stato si fa carico dei debiti, è il Nord che li paga. In fondo anche lo Stato centrale ha sempre un pagatore esterno di ultima istanza. Ed è questo il punto insopportabile e scandaloso di tutta la vicenda, è questo il punto che fa perdere di senso ogni ragionamento generale, ovvero non centrato sulle singole regioni e sul federalismo, è questo uno dei pilastri della questione settentrionale.

    Non si capisce perché Veneto, Lombardia o Emilia Romagna debbano avere i conti sanitari in ordine o – se si parla di sola Lombardia – centrare tutti i parametri di Maastricht, se lo Stato ti consente di produrre un deficit di quasi 20.000 miliardi di lire in 7 anni, senza pagare nessun prezzo e senza rinunciare a un solo euro di stanziamenti per altri capitoli di spesa. Perché nello stesso momento, infatti, nelle medesime regioni deficitarie si continuano a spendere fiumi di risorse pubbliche come avviene, a puro titolo di esempio, per la quota statale di 1,75 miliardi per la linea C della metropolitana di Roma piuttosto che per i quasi 400 milioni previsti nell’ultima finanziaria per interventi legati alla legge Roma Capitale. Anzi, proprio questo Governo concede al Comune di Roma – solo ed esclusivamente ad esso – di sforare il Patto di stabilità interno per gli investimenti (notoriamente molto consistenti) in infrastrutture che tutte le altre amministrazioni pubbliche dovrebbero invece osservare scrupolosamente. Non si capisce perché lo Stato premi i debitori e penalizzi i virtuosi, o meglio ancora non li prenda nemmeno in considerazione. Ma per quanto tempo l’attuale meccanismo di distribuzione delle risorse e di ripianamento di debiti pregressi (che altro non sono che altre risorse rese indirettamente e surrettiziamente disponibili) potrà essere sopportabile? Per quanto tempo ancora si potrà tranquillamente considerare lombardi, veneti, piemontesi come nient’atro che pagatori, silenziosi e trascurabili portatori d’acqua a mulini altrui, peraltro sempre desiderosi di un’acqua che non sembra mai bastare, nemmeno dopo 140 anni di versamenti?

    Non si tratta di rendere un quadro macchiettistico della questione settentrionale, né di indulgere sulle enormi responsabilità e manchevolezze anche del Nord e della sua classe dirigente politica ed economica. Ciò che interessa evidenziare qui, è come l’unità nazionale, per come finanziariamente strutturata, è da anni profondamente squilibrata e dannosa per il Nord. Si dirà, come sempre, che la questione centrale è la “solidarietà nazionale”. Ma la solidarietà, per quanto assolutamente necessaria e augurabile, non può vivere in categorie pre-politiche e pre-economiche. Come ogni principio, vive di un necessario bilanciamento tra i suoi costi e i suoi benefici, e da anni questi ultimi sono infinitamente più bassi dei primi per il Nord.

    La solidarietà tanto invocata a ogni sessione di bilancio, tanto strillata ogni volta che c’è da ripianare un debito o mettere in comune risorse che in comune non sono state prodotte, assomiglia tanto a una pretesa, alla stizzosa richiesta di un intervento esterno inteso come atto dovuto e come tale non legittimato a chiedere nulla in cambio. Ed è infatti il nulla che il Lazio ha scambiato per i suoi 9 miliardi, o la Calabria per il suo 30% di spese di funzionamento sul bilancio annuale o la Sicilia per i suoi 60 milioni di euro annui di spese per la sua Assemblea regionale.

    Questa non è solidarietà, è spoliazione.

    Una matura analisi della questione qui tratteggiata si impone a chiunque abbia a cuore le sorti dell’unità reale di questo paese. Un’analisi capace di evitare tanto le derive semplicistiche e valligiane della Lega quanto la pura negazione del problema operata dalla sinistra italiana. Qualcosa tuttavia si muove, sulla vicenda della copertura statale al debito del Lazio. Infatti non solo si è visto un Roberto Formigoni imbufalito, ma la Margherita lombarda si è schierata al suo fianco. Il resto dell’opposizione al Pirellone, Ds in testa, si è tuttavia persa nelle nebbie delle stanche critiche alla sanità lombarda. Una sanità certo non priva di difetti che è giusto denunciare. Peccato che nella fattispecie il discorso sia un altro e i riflessi condizionati antiformigoniani risultino del tutto fuori luogo e po’ patetici. Quando la sinistra lombarda inizierà a fare i conti con la spaventosa anomalia delle differenze tra diversi territori nel prelievo e nella distribuzione delle risorse pubbliche – di cui il “buco” della sanità del Lazio è solo l’ultima e più eclatante manifestazione – forse avrà qualche chance di capire questi territori e di tentare di governare anche in Lombardia. Forse.

 

 

Discussioni Simili

  1. Marrazzo Attaccato Sulla Sanità: Dal Pd
    Di domics2006 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-01-09, 11:40
  2. Marrazzo il nemico numero uno della sanità laziale.
    Di normanno nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-11-08, 18:24
  3. Sanità regione Lazio: 10 miliardi di buco !!!!
    Di RobertoMo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 27-10-06, 14:48
  4. Proiezione Lazio: Marrazzo 50,4
    Di ago nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 05-04-05, 04:07
  5. Lazio, le 2 facce di Marrazzo
    Di Danny nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-03-05, 19:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226