User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    Segretario di Radical
    Data Registrazione
    10 Sep 2008
    Messaggi
    1,574
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Per Giulia Innocenzi segretaria dei Giovani del PD

    Il forum del PD è pieno di disturbatori, che vengono tollerati.
    Evidentemente la candidatura di Giulia dà fasitidio.
    Basta leggere l'articolo seguente.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Segretario di Radical
    Data Registrazione
    10 Sep 2008
    Messaggi
    1,574
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pd. Innocenzi: blog oscurato, hanno tentato di silenziarmi


    Roma, 19 ottobre 2008

    Il mio blog è stato oscurato per un giorno intero a causa di un attacco da parte di persone che mi vogliono evidentemente silenziare". Così Giulia Innocenzi, candidata a Segretario dei Giovani del Partito Democratico. "Sabato 18 ottobre, digitando www.giuliainnocenzi.com, ho riscontrato che non c'era più il mio blog. Ho mandato immediatamente una e-mail alla piattaforma che ospita il mio blog, bluehost. La risposta è stata netta: ho subito un 'DoS attack', ovvero un tentativo di rendere la risorsa di un computer inutilizzabile ai suoi fruitori. A prescindere dai motivi, generalmente consiste nello sforzo concertato e malevolo di una o più persone di impedire a un sito internet di funzionare, temporaneamente o indefinitamente". La candidata radicale si dice molto sorpresa per l'attacco di cui è stata vittima, "visto che uno dei punti del mio programma è proprio il software libero e la condivisione della rete e dei programmi telematici per il beneficio di tutti i fruitori e per la riduzione dei costi alla soglia quasi zero.
    http://www.radicali.it/view.php?id=130788

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 May 2009
    Messaggi
    819
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    PD, Innocenzi: occupazioni, contro il no ideologico che blocca la didattica


    20 ottobre 2008
    • Dichiarazione di Giulia Innocenzi, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni, iscritta a Radicali Italiani, e candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici.

    Contro il NO ideologico. Per il SI' alla riforma necessaria dell'università!". Questo l'appello che Giulia Innocenzi ha pubblicato sul suo blog www.giuliainnocenzi.com e che promuoverà nelle università italiane, per far sì che "la protesta giustissima contro i tagli all'istruzione" non vada a detrimento degli studenti. "Gli studenti vengono colpiti due volte: dalla minaccia dei tagli all'università e dalla sospensione della didattica. Invertiamo la rotta e facciamo sì che gli studenti possano esprimere il loro dissenso senza perderci in Sapere!". La candidata a Segretario dei Giovani Democratici enuncia "le tre riforme possibili a costo zero": l'abolizione del valore legale del titolo di studio, la peer review – la distribuzione dei fondi alla ricerca attraverso la valutazione a carico di revisori autonomi – e l'abbattimento dei costi eccessivi, come gli amministrativi in eccesso, l'eliminazione dei corsi di laurea superflui e un deciso no al proliferare delle sedi distaccate. Per quanto riguarda le occupazioni in corso, l'appello di Innocenzi dice "sì alle occupazioni notturne e nei finesettimana, per difendere il Sapere e per aprire le università al dibattito, a manifestazioni culturali, ai cittadini tutti". No fermo, invece, alle "occupazioni che bloccano la didattica e che colpiscono gli studenti" e sì alle lezioni in piazza, che aprono "la protesta alla città, per far sì che siano i contribuenti a difendere prima di tutti gli altri il finanziamento alla ricerca". L'intervento integrale della candidata radicale sarà pubblicato domani sul quotidiano Europa.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 May 2009
    Messaggi
    819
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sicuramente dà fastidio
    anche a qualcuno sul forum del piddì di pol...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    PD, Innocenzi: sì a salva l'Italia, ma con senso concreto per scuola, legalità, ambiente


    24 ottobre 2008
    • Dichiarazione di Giulia Innocenzi, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni, iscritta a Radicali Italiani, e candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici

    Per salvare l'Italia, da candidata a Segretario dei Giovani Democratici, penso siano imprescindibili tre questioni oggi all'ordine del giorno: i tagli alla scuola e all'università, la mancata elezione del Presidente della Commissione di Vigilanza sulla Rai e il deficit di coscienza ambientale di chi ci rappresenta". Così Giulia Innocenzi, che a differenza dei Radicali ha detto che parteciperà alla manifestazione, ma a patto che "si dia un senso concreto, percepito chiaramente dai cittadini, del perché si va in piazza". Per questo, la candidata radicale darà vita a una raccolta firme, che dovrebbe tenersi al Circo Massimo, sia per il ripristino della legalità in Parlamento, "visto che dopo l'elezione del giudice della Corte Costituzionale, grazie allo sciopero della sete di Pannella, ad oggi non è stato ancora eletto il Presidente della Commissione di Vigilanza sulla Rai, vero garante dell'informazione pubblica", sia per un'interpellanza al Sindaco Alemanno sull'ambiente. "Roma è scesa al settantesimo posto per qualità ambientale, ci sono 71 veicoli ogni 100 abitanti e piste ciclabili quasi inesistenti. Chiediamo al Sindaco di implementare il servizio di car sharing, che ad oggi ha a disposizione soltanto 41 veicoli, e la superficie ciclabile, che conta 150 km a fronte dei 1500 di Londra". La Innocenzi proseguirà inoltre la diffusione del suo appello "Contro il no ideologico. Per la riforma necessaria dell'università", in cui propone punti di riforma a costo zero e l'occupazione di protesta che non blocchi, però, la didattica.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    PD, Innocenzi: domani presentazione anteprima video elettorale a Rimini


    27 ottobre 2008
    • Dichiarazione di Giulia Innocenzi, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni, iscritta a Radicali Italiani, e candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici

    Prosegue il giro elettorale per l'Italia di Giulia Innocenzi, impegnata nelle primarie dei Giovani Pd del 21 novembre. La tappa di domani sarà Rimini, città natale della Innocenzi, in cui verrà presentato in anteprima il suo video elettorale girato da Claudio Lazzaro, il regista di NaziRock. "Conobbi Lazzaro dopo che chiesi al rettore della Luiss di poter proiettare il documentario su Forza Nuova all'interno dell'università. La risposta fu negativa, costituimmo allora un comitato e ottenemmo la Casa del Cinema di Roma. Fu la prima volta che il regista si incontrò con Roberto Fiore, il segretario del partito di destra. Fu l'occasione per dibattere sulla società aperta e i suoi limiti, un grande esempio di come la dialettica democratica può appianare gli scontri più aspri. La sala era piena, e i ragazzi di Forza Nuova intervennero anche nel dibattito". La presentazione del video, girato fuori dal liceo Tasso di Roma, si terrà al Circolo Pd "Ina Casa" di Rimini alle ore 16. Alle 18.30 la candidata radicale incontrerà i suoi sostenitori al caffè Spazi, in piazza Cavour, per un aperitivo

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Giulia, la democratica che veste Prada: difende i poveri ma e iscritta alla Luiss


    • da Il Giornale del 27 ottobre 2008, pag. 7

    di Cristiano Gatti

    Solo una domanda: ma il reclutamento del Partito democratico lo fanno nei circoli del golf? Da quando Veltroni ci ha messo mano, il settore giovanile del suo futuribile squadrone non fa che sfornare belle gioie d’alto bordo. Ne comparisse uno che aiutasse a semplificare, prontamente identificabile al primo colpo d’occhio. Una nuova leva come usava una volta. All’epoca i giovani della sinistra dovevano essere molto arrabbiati, molto barbuti, molto vissuti. Il massimo: sbollettati e trasandati. Ciascuno poteva condividere o mettersi contro, ma nessuno poteva mettere in dubbio la loro credibilità. Adesso è un delirio totale: più sono di sinistra, più frequentano bene. Master all’estero, papà altissimo dirigente, tanta eleganza e un bel diadema sul décolleté. Il democratico veste Prada. Poi dice che non si riesce più a intercettare i sentimenti delle masse. Masse di chi, masse di cosa? Per bene ché vada, ormai possono intercettare solo i sentimenti dei Rotary.

    Certo il frullatore della storia ha distrutto i vecchi schematismi, obsoleti e sempliciotti, che volevano la sinistra in eskimo e la destra in doppiopetto. Ma c’è un limite. L’estetica culturale e politica di Veltroni sta producendo effetti imbarazzanti. Già la base storica ci aveva messo dell’Alka Seltzer per digerire certe candidature alle ultime elezioni. Quando il leader presentò la sua briscola, la ragazza tanto corruccia e tanto brava, tanto sveglia e tanto wow, la famosa candidata di lotta e di salotto Marianna Madia, tutto uno sterminato curriculum di stage e di altolocate frequentazioni, quella volta in giro per Emilia e Toscana, in giro per siderurgici e cantieri edili, molti semplicemente si interrogarono: ma questa è la sinistra o è Milano moda? Ovviamente la Madia ha spiegato velocemente a tutti quanto le sue radici e le sue idee interpretino al meglio l’idea di una sinistra moderna, che guarda avanti, che si apre al mondo, ebla-bla, ebla-bla, eblabla, con tutto l’armamentario disneyano dei capo Walter a seguire. E va bene. Ma almeno tra i ragazzi, tra quelli che oggigiorno stanno sfottendo la Gelmini per il suo look da sciureta borghese, che occupano le scuole dormendo nei sacchi a pelo, che sfilano in corteo e fanno lezione seduti sui selciati davanti al duomo, ecco, tra questi, ce ne sarà uno con il fisico del ruolo, in grado di interpretare degnamente l’immagine della ribellione scamiciata...

    Pare di no. Non ce la fanno. L’altra sera, a Matrix, il Pd ha mandato un’altra bella faccetta del suo settore Primavera. Stava lì a cantarle contro i tagli della trinariciuta Gelmini, questa spudorata che sta smantellando la scuola pubblica per fare il gioco della privata, così da realizzare il bieco disegno di rendere accessibile l’istruzione soltanto ai ricchi e di ricacciare nelle tenebre i poveri. Stava lì l’altra sera a interpretare sentimenti e pulsioni di stampo popolare, ma anche questa nuova pasionaria, sarà solo una combinazione, non vanta un pedigree esattamente proletario. Si chiama Giulia Innocenzi, ha 24 anni, è nata a Rimini da madre inglese, Erasmus a Parigi, esperienza negli States a Las Vegas, ultimamente coordinatrice degli studenti radicali, quindi candidata a segretario dei giovani Pd. Casualmente non frequenta una scuola serale, dopo le otto ore in fabbrica. Quello avveniva in un’altra epoca, in un’altra galassia, in un’altra sinistra. Questa fa il diavolo a quattro contro l’elitaria Gelmini, difende con le unghie la scuola dei poveri, ma frequenta l’Università Luiss, facoltà di Scienze Politiche. Solo per fare mente locale: la Luiss è l’università romana di Confindustria intitolata a Guido Carli, che come noto non era esattamente Che Guevara. Tre sole facoltà (Economia, Scienze Politiche, Giurisprudenza), numero chiuso, un destino dichiarato di sfornare manager d’impresa e classe dirigente. Metterci piede costa 6.900 euro il primo anno, 7.800 i seguenti. Una cosa sensibilmente diversa dall’utopia di Barbiana, con quel prete cocciuto e valoroso che si chiamava don Milani.

    Anche per la nuova rivolta studentesca, dunque, un raffinato ossimoro veltroniano. La signorina Giulia, il cui valore nessuno si sogna di discutere, studia tra i ricchi e poi scende in piazza a difesa dei disgraziati. E come quando in campagna elettorale il cosmico - ma anche un po’ comico - Walterone blandisce gli operai proponendo candidature proletarie come Colaninno junior e Calearo. Qualcosa non quadra, qualcosa stride. Magari a livello puramente politico non c’è niente di scandaloso: ma è il semplice colpo d’occhio a produrre immediatamente un senso strano. Lo comprende chiunque che non si può fare del pauperismo aggressivo partendo dal circolo del tennis.

    Vogliamo dirlo, una volta per tutte? Il dissenso e la libertà d’espressione sono beni sacri e intangibili, ma sinceramente non se ne può più dei pistolotti di questa bella gente che razzola in basso e frequenta molto in alto. Alla fine, sorge spontaneo il sospetto che veramente parlino di cose che non conoscono.

    Eppure converrà rassegnarsi. Tanto e tanto tempo fa, in un bel film, Nanni Moretti chiedeva accorato a D’Alema una semplice cosa: dì qualcosa di sinistra. A Veltroni s’è smesso di chiedere. Tutti quanti assistono estasiati al compimento del grande disegno. Il sogno dì Walter è finalmente realtà: dal partito delle tute blu al partito del tubino nero.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    «È vero, studio lì In classifica era considerata la migliore...»


    • da Il Giornale del 27 ottobre 2008, pag. 7

    di FA

    Ha infilato una bella zeppa nel meccanismo telecomandato per l’elezione di segretario dei giovani democratici. Ha messo su un blog, ha promosso una raccolta di firme e ha sfidato il superfavorito Fausto Raciti, provocando lo slittamento delle elezioni. Non c’è da sorprendersi perché la scuola è quella di Marco Pannella. Giulia Innocenzi milita nel partito radicale ed è coordinatrice studenti dell’Associazione Luca Coscioni. Impegnata pure sul fronte delle proteste universitarie, incarna alcune delle tante contraddizioni di un movimento studentesco che si definisce apolitico sul quale però opposizione e Pd cercano di mettere il cappello.

    È d’accordo con l’occupazione?

    «Sono d’accordo. Gli studenti devono trovare il modo di esprimere le loro istanze».


    Ma non si era espressa contro il no ideologico criticando le occupazioni?

    «Sì. Gli studenti manifestano per difendere il diritto allo studio e sarebbe contraddittorio interrompere la didattica».


    Quindi?
    «Dico no al blocco della didattica e sì alle occupazioni durante i weekend e la notte. Ancora meglio le lezioni tenute in piazza perché pur non interrompendo l’attività didattica fanno emergere il problema dei tagli all’università. Il cittadino che paga i contributi deve sapere che con questi tagli ci viene negato il diritto allo studio».


    Quale ateneo frequenta?
    «Laurea specialistica in amministrazione pubblica alla Luiss».


    Un’università privata?
    «Sì».


    Come mai?
    «Semplicemente perché quando dovevo scegliere ho letto sulla classifica di Repubblica che la migliore facoltà di Scienze Politiche era quella della Luiss».


    Tra le accuse che gli studenti lanciano alla Gelmini c’è pure quella di far entrare i fondi dei privati negli atenei e di volerli trasformare in fondazioni.

    «Quella delle fondazioni è una questione complessa perché va bene l’autonomia gestionale, ma poi se subentra l’autonomia contabile le fondazioni aumentano le tasse e soltanto i ricchi possono permettersi di pagarle. Sarebbe un sistema iniquo».


    Adesso non lo è?
    «È iniqua pure la retta bassa uguale per tutti. Però con gli interventi della Gelmini peggiorerebbe anche perché per ora parla soltanto di tagli e non di riforma».


    Ma vi sta bene un’università autoreferenziale dove imperano privilegi, sprechi e baronie?

    «No. Siamo contro baronie e nepotismo ma non possiamo accettare i tagli contenuti nell’articolo 66 della 133. Il governo ha fatto molto per sostenere l’Alitalia ed i debiti ricadranno su noi cittadini. Riteniamo che uno sforzo analogo debba essere fatto con l’Università».


    Non è giusto chiedere maggiore trasparenza nei bilanci dagli atenei?
    «Ci sono molti costi da abbattere a cominciare dai corsi che servono soltanto a dare una cattedra al professore. Il nostro approccio non deve essere ideologico ma non ci si può far credere che la soluzione siano soltanto tagli a livello strutturale. E per ora la Gelmini ha messo soltanto quelli nero su bianco».

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    PD, Innocenzi: grazie ad ogni singolo individuo per permettermi di fare una politica partecipativa


    29 ottobre 2008
    • Dichiarazione di Giulia Innocenzi, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni, iscritta a Radicali Italiani, e candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici

    Ringrazio le decine di blogger che a partire dal pomeriggio di ieri stanno diffondendo sui loro siti il mio spot elettorale". Così Giulia Innocenzi, candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici, che ieri ha presentato a Rimini il video realizzato da Claudio Lazzaro, regista del film "Nazirock".
    La candidata radicale si è detta inoltre entusiasta del fatto che nella sua campagna elettorale il contributo offerto 'dal basso' da parte dei singoli individui si stia rivelando determinante, con particolare riferimento alla mobilitazione registrata sulla rete: “non soltanto nei blog, ma anche in relazione ai numerosi contatti sul mio sito http://giuliainnocenzi.com (una media di 500 al giorno) e al supporto registrato sulle reti sociali come Facebook (in cui conto attualmente circa 700 sostenitori). Si tratta della dimostrazione del fatto" conclude Giulia Innocenzi "che una politica realmente 'partecipativa' è praticabile, a patto che si parli in modo chiaro e ci si renda disponibili ad ascoltare le istanze e le proposte concrete delle persone.

  10. #10
    Segretario di Radical
    Data Registrazione
    10 Sep 2008
    Messaggi
    1,574
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    PD, Innocenzi: no al referendum. Si a DDL che elimini sprechi dell'università


    Roma, 30 ottobre 2008
    • Dichiarazione di Giulia Innocenzi, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni, iscritta a Radicali Italiani, e candidata alla Segreteria dei Giovani Democratici

    Perché anziché promuovere un referendum che nulla può fare, non ci facciamo promotori di un disegno di legge che elimini gli sprechi dell'università e la ricerca, così da non fare ricadere sugli studenti i tagli che comunque verranno effettuati?" Così Giulia Innocenzi, la candidata a segretario dei giovani del Partito Democratico, in merito alla proposta di Walter Veltroni di indire un referendum abrogativo contro la legge Gelmini. "A fronte dell'impossibilità costituzionale di indire referendum in materia tributaria, l'unico risultato possibile sarebbe l'abrogazione del dispositivo sul maestro unico o sul grembiulino. Persevera così la logica dei piccoli provvedimenti, senza una visione generale del problema". Per questo la candidata radicale si rifà alle tre proposte già lanciate sul web e contenute nell'appello "Contro il no ideologico. Per il sì alla riforma necessaria dell'università", in cui propone "l'abolizione del valore legale del titolo di studio, per aumentare la competitività fra le università e chiudere quelle nate grazie all'amicizia fra il rettore e il sindaco; la peer review, ovvero la valutazione dei finanziamenti ai ricercatori stessi da parte di commissioni anonime, abolendo così tutti i costi degli organi gerarchizzati che oggi funzionano da imbuto per i soldi alla ricerca; l'eliminazione dei corsi di laurea più fantasiosi, che nel totale dei 5.500 presenti ad oggi in Italia, servono soltanto a dare una cattedra al professore". La Innocenzi conclude: "Alcuni professori stanno dicendo ai loro studenti di mollare la mobilitazione, in vista del referendum. E' in questo modo che si mette il cappello alle manifestazioni di questi giorni: facendo credere che la politica potrà farsi portatrice della risoluzione dei problemi, quando invece propone iniziative che distraggono, e fanno quindi perdere, l'attenzione sull'obiettivo. Un bel favore al governo

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. L'esame di Giulia Innocenzi
    Di José Frasquelo nel forum Fondoscala
    Risposte: 137
    Ultimo Messaggio: 06-11-13, 01:01
  2. Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 10-07-13, 22:07
  3. Intervistiamo Giulia Innocenzi (pure!)
    Di Sasi nel forum Laboratorio TP
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 06-07-09, 16:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226