User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Ich Bin Ein Südtiroler
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    UE-27
    Messaggi
    66,575
    Inserzioni Blog
    6
    Mentioned
    305 Post(s)
    Tagged
    56 Thread(s)

    Predefinito LA disinformazione della Stampa sulle sostanze psicoattive

    Ecco un tipico esempio di disinformazione sulle sostanze psicoattive portato avanti con una finalita' che non promette nulla di buona in tema di liberta' di diritto all'informazione.

    Partiamo dall'inizio:

    MARZO 2008 presentazione dei dati del Ministero dell'Interno

    http://www.wipeoutlifestyle.com/foru...29af22a2176910

    Sono 589 i morti per droga in Italia nel 2007, 38 in piu' dell'anno scorso. Il dato emerge dalla Prelazione annuale relazione annuale della Direzione centrale servizi antidroga, pubblicata oggi.
    Muore una ragazzina veneziana per un cocktail di farmaci, alcool ed ecstasy.

    Ovviamente i giornali parlano di morte da ecstasy, ma, grazie ad una campagna di disinformazione creata ad arte fanno di peggio. Tutto parte da qui e poi dopo giornali e blogger ci cadono a pera cotta, tranne io e (penso) pochi altri...


    LUGLIO 2008
    http://www.repubblica.it/2008/07/sez...a-ecstasy.html
    Con due amiche partecipava a una festa sulla spiaggia con duemila persone
    Il racconto: "Abbiamo comprato una pasticca, l'abbiamo sciolta nelle bibite..."


    Venezia, sedicenne muore
    per una pastiglia di ecstasy


    Nicole era una studentessa modello. I genitori distrutti al suo capezzale
    I dati del Dipartimento antidroga della polizia: nel 2007 589 morti per ecstasy

    Notare il doppio salto carpiato di disinformazione: si attribuisce la causa diretta della morte non ad un cocktail di farmaci e droga ma solo alla droga, come se un infartato dovesse imputare la sua morte all'ultimo pacchetto di patate fritte che aveva mangiato prima di morire.

    Chissa' perche' poi quelli che muiono per gli effetti di sostanze legalissime come ad esempio l'eccesso di caffeina vengono ricordati come grandi lavoratori mentre con altri tipi di sostanze vengono additati come appestati...


    Comunque penso di aver trovato la fonte di tale disinformazione, per quello che sono riuscito a capire, e' un comunicato dell'associazione CODICI di qui ingoravo l'esistenza e che non so ancora oggi quale scopo abbia.

    Ecco il comunicato:

    http://www.clandestinoweb.com/qualit...con-11-vi.html

    22/07/2008 22 lug. - L'ecstasy ha procurato 589 morti in un anno. Il dato e' stato elaborato dall'associazione dei consumatori Codici -dopo la morte della sedicenne a Venezia- su dati 2007 del Viminale.
    Il bello e' che il comunicato originale che io ho scaricato provvidenzialmente nei mesi scorsi e' stato fatto sparire dal web.
    Della serie si tira il sasso e si nasconde la mano

    PErche' diffondere dati falsi? Siamo sicuri che sia un errore?
    Perche', se errore e' stato la notizia falsa ha fatto il giro di giornali e tv?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Segretario di Radical
    Data Registrazione
    10 Sep 2008
    Messaggi
    1,574
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ancora c'è chi accetta alcool, caffeina e tabacco in quanto sostanze psico-attive usate da molti anni da larghe fette della popolazione.
    Sono dunque accettabili, perché culturalmente riconosciute.
    Mentre le altre (anche quelle meno dannose, come i cannabinoidi) sono sconosciute e diaboliche, in quanto esotiche o introdotte più di recente.
    In un mondo ormai globalizzato, è davvero una distinzione insensata.

  3. #3
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la solita disinformazione di giornalistucoli che pensano di scrivere un horror

    in italia questi problemi li affronterà giovanardi
    non c'è da stare tranquilli

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    4,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Razionalista Visualizza Messaggio
    PErche' diffondere dati falsi? Siamo sicuri che sia un errore?
    Perche', se errore e' stato la notizia falsa ha fatto il giro di giornali e tv?
    è il clima di pesante proibizionismo che viviamo oggi
    con giovanardi poi...

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    lì dove la marijuana è libera
    Messaggi
    1,095
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Razionalista Visualizza Messaggio
    Ecco un tipico esempio di disinformazione sulle sostanze psicoattive portato avanti con una finalita' che non promette nulla di buona in tema di liberta' di diritto all'informazione.

    Partiamo dall'inizio:

    MARZO 2008 presentazione dei dati del Ministero dell'Interno

    Muore una ragazzina veneziana per un cocktail di farmaci, alcool ed ecstasy.

    Ovviamente i giornali parlano di morte da ecstasy, ma, grazie ad una campagna di disinformazione creata ad arte fanno di peggio. Tutto parte da qui e poi dopo giornali e blogger ci cadono a pera cotta, tranne io e (penso) pochi altri...


    LUGLIO 2008
    Notare il doppio salto carpiato di disinformazione: si attribuisce la causa diretta della morte non ad un cocktail di farmaci e droga ma solo alla droga, come se un infartato dovesse imputare la sua morte all'ultimo pacchetto di patate fritte che aveva mangiato prima di morire.

    Chissa' perche' poi quelli che muiono per gli effetti di sostanze legalissime come ad esempio l'eccesso di caffeina vengono ricordati come grandi lavoratori mentre con altri tipi di sostanze vengono additati come appestati...


    Comunque penso di aver trovato la fonte di tale disinformazione, per quello che sono riuscito a capire, e' un comunicato dell'associazione CODICI di qui ingoravo l'esistenza e che non so ancora oggi quale scopo abbia.

    Ecco il comunicato:Il bello e' che il comunicato originale che io ho scaricato provvidenzialmente nei mesi scorsi e' stato fatto sparire dal web.
    Della serie si tira il sasso e si nasconde la mano

    PErche' diffondere dati falsi? Siamo sicuri che sia un errore?
    Perche', se errore e' stato la notizia falsa ha fatto il giro di giornali e tv?
    bellissimo post, bellissima discussione , io chiamerei questo post CASO N.1
    contribuite tutti, io lo farò nei prossimi giorni, smascheriamo la disinformazione della stampa sulle droghe!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    lì dove la marijuana è libera
    Messaggi
    1,095
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    08-11-2008, ore 11:26:47

    Giornalisti, droga e statistiche: il solito pasticcio

    Luca Borello

    Scoprirete o avete già scoperto sui giornali (e sentito nei TG), che è disponibile l'ultimo rapporto dell'Osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossicodipendenze (EMCDDA), il quale, a sentire i mezzi di informazione, lancia (l'ennesimo) "allarme cocaina"; infatti, secondo i giornalisti, sarebbero 4 milioni gli europei che fanno uso di cocaina. Cifre da capogiro? In realtà si tratta dell'1,2% della popolazione europea, ed è il risultato di una media, dato che da Paese a Paese i dati oscillano moltissimo (solo 4 Paesi hanno una prevalenza superiore all'1%, tra questi l'Italia). Basta prendersi la briga di confrontare i dati 2008 con quelli 2007 per rendersi conto che il consumo di cocaina nell'ultimo anno è diminuito: nel 2007 la percentuale media era infatti dell'1,3%.

    Gli stessi redattori del Rapporto indicano che il consumo di sostanze stupefacenti illecite in Europa è "stabilizzato" (non si assite a una crescita maggiore rispetto agli anni scorsi) e che la vera questione oggi in dibattito riguarda gli aspetti economici, cioè la spesa pubblica in materia di droghe: non si sa bene quanto denaro venga speso, come e perché.

    Ma ai giornalisti questo interessa relativamente: molto meglio lanciare l'ennesimo allarme.

    La cifra di 4 milioni si riferisce al numero (medio) di persone che nell'arco dell'ultimo anno hanno consumato almeno una volta cocaina: non che sono cocainomani o che la usano cronicamente. Non "che fanno uso", ma che "hanno provato". E' come indagare quanti maschi italiani hanno fatto cilecca a letto almeno una volta nell'ultimo anno e poi proclamare che la percentuale risultante corrispinde agli impotenti italiani. Da notare che si tratta comunque di un passo avanti, per i giornalisti: fino all'altr'anno consideravano "tossicodipendenti" tutti coloro che almeno una volta nella vita avevano provato una determinata sostanza. Adesso almeno si basano sull'ultimo anno.

    Il dato realmente utile ad indicare la problematicità del consumo di sostanze è quello riferito all'ultimo mese (meglio ancora all'ultima settimana): sono 2 milioni gli europei che hanno consumato cocaina negli ultimi 30 giorni. Questi consumatori possono essere considerati "problematici" più a buon diritto, anche se bisognerebbe incrociare questo dato con la prevalenza annuale e nell'arco della vita, per essere ragionevolmente sicuri che chi ha usato cocaina nell'ultimo mese non fosse anche alla prima esperienza.

    Bisogna fare attenzione a come si interpretano e trasmettono i dati statistici: messa come la mettono i mezzi di informazione, sembra che usare cocaina sia una cosa normalissima. Sebbene si proceda effettivamente verso la "normalizzazione" dei consumi di cocaina e stimolanti in genere (che è simbolica, più che reale: il suo uso è considerato sempre più spesso "coerente" anche da chi se ne astiene), questi restano attestati a percentuali molto basse: se l'1,2% usa cocaina, significa che il 98,8% non lo fa. Come ha affermato anche Gregor Burkhart, responsabile dell'area prevenzione dell'EMCDDA, se si va in giro a proclamare che tutti i giovani sono cocainomani, l'effetto che si rischia di ottenere è che i giovani che non consumano si sentano "anormali". Meglio affermare, sostiene Burkhart, che la maggior parte degli europei NON consuma cocaina: che è la verità, fa sentire "normali" anche i ragazzi che non "sniffano", e non sminuisce per nulla la questione.

    Ci si domanda, inoltre, perché quell'1,2%, media che comprende la poplazione dai 15 ai 64 anni, dovrebbe preoccupare di più del fatto che la media di consumo di alcol procapite in Europa si attesta a 15 litri l'anno (dati 2006; sono 26 mila in media le morti alcol-correlate all'anno in Italia), o del fatto che il 90% dei giovani di 15-16 anni ha bevuto alcol almeno una volta nella vita (dati 2006), ma non è considerata, per fortuna, alcolista. Per non parlare poi del tabacco: il consumo viene scoraggiato sempre più insistentemente a livello europeo, ma contemporaneamente la sua coltivazione viene sovvenzionata con i soldi dei contribuenti.

    E' comprensibile l'allarme per l'aumento dei consumi di droghe, l'allarmismo no. Allarmismo più incoerenza sono una miscela micidiale: si vede chiaramente, basta aprire gli occhi.

    L'ultimo elemento evidenziato dai giornali (indico la Repubblica come riferimento, ma tutti travisano allo stesso modo, dato che la prima travisatrice è l'ANSA stessa), in bilico tra l'assurdo e il ridicolo, ma in realtà drammaticamente coerente con la visione pubblicamente condivisa della questione, è l'idea che l'aumento dei consumi sia sostanzialmente dovuto da un lato alla (presunta) maggior disponibilità di "droga", e dall'altro alle "strategie di marketing" messe in atto dal narcotraffico globale. Imputare la responsabilità di tutto questo alla criminalità organizzata può apparire ovvio e scontato: sono loro che vendono la droga. Ma è anche un modo semplice ed efficace per eludere il fatto che la responsabilità dell'aumento dei consumi risiede nel nostro stile di vita, non nelle velleità dei criminali, i quali, da bravi e schifosi avvoltoi, abituati a occupare i vuoti lasciati dalle istituzioni, non fanno che intercettare (e soddisfare) un bisogno inculcatoci dal nostro stesso sistema di sviluppo: il bisogno della prestazione a tutti i costi, del primato, del superamento dei limiti.

    Luca Borello e' ricercatore e documentalista su sostanze e dipendenze

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Apr 2009
    Località
    lì dove la marijuana è libera
    Messaggi
    1,095
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    portiamo avanti insieme questo thread !!!

 

 

Discussioni Simili

  1. La scandalosa disinformazione della stampa italiana
    Di Cuordy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 27-05-11, 00:12
  2. Proposta Buccia di politiche sulle sostanze psicotrope
    Di Buccia nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 22:49
  3. Il Papa fa notizia, la stampa fa disinformazione
    Di UgoDePayens nel forum Cattolici
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 29-10-08, 10:21
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-01-06, 17:49
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-10-04, 01:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226