User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    L'estremista moderato
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Messaggi
    1,794
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    di Federico Orlando

    Il 2 maggio Marco Pannella fa ottant’anni. L’avevo preceduto sul traguardo a fine 2008, così mi
    feci in regalo una lettera, indirizzata a lui, che la mostrò lietissimo nella fortezza ombrosa di Torre Argentina.



    «Ti scrivo prima che sia troppo tardi (parlo per me, s’intende)». Volevo ri-formalizzare il dialogo con lui, dopo la separazione di mezzo secolo prima, dicembre 1955, l’anno del processo per "adulterio" a Fausto Coppi e a Giulia Occhini. Lui era uscito venticinquenne dal partito liberale, con Pannunzio, Carandini, Cattani, Ferrara, Scalfari -, poi sarebbe uscito anche da loro (divergenze, caratteri), per fare un suo partito radicale. E io invece ero rimasto alla "guida" della gioventù liberale di via Frattina, nonostante che Malagodi strappasse al ciclostile le mie
    circolari ai ragazzi per il 20 settembre o per 1`11 febbraio, fresco di laurea sulle leggi Siccardi contro i privilegi ecclesiastici, conferitami da Arturo Carlo Jemolo. Bisogna essere cauti, cercava di spiegare Malagodi, inteso a rafforzare le alleanze coi successori di De Gasperi e a prevenire il loro abbraccio con Nenni.



    Nella mia lettera, chiedevo a Marco la doppia tessera Pd-radicali. Nei cinquant’anni di complicità laica, passati senza relazioni formali, i nostri incontri erano avvenuti sui fatti, sui grandi temi, sui giornali, nelle piazze, mai nei sinedri. Marco suonava la tromba di guerra dagli spalti di Torre Argentina, noi la riecheggiavamo nelle nostre case liberali, socialiste, comuniste,
    repubblicane, ereticali, attenti ai decibel perché non lesionassero le mura: come accadeva ai
    "cattolici del dissenso" (dom Franzoni, Scoppola, Elia, Lipari). Senza di loro, sarebbero state ancora più difficili le svolte della modernizzazione - divorzio, obbiezione di coscienza, aborto legale, nuovo diritto di famiglia, uguaglianza e parità uomo-donna, abrogazione del delitto d’onore, stupro come reato contro la persona e non più contro la morale, legge elettorale -, in un paese feudale qual era tornata l’Italia dopo il concordato di Pio XI e il razzismo di Mussolini.
    La chiave delle vittorie furono le grandi coalizioni trasversali, non solo quelle in parlamento, ma
    quelle nuove nel paese. Fu l’invenzione di Pannella. Le impose come politica parallela a quella
    delle maggioranze e minoranze parlamentari. «Non avevo immaginato nella mia vita di dover fare un comizio con Malagodi», annotò nei suoi "Diari" Pietro Nenni la sera del grande raduno per la vittoria nel referendum, contro la richiesta clerico-missina di abrogare la legge (conquistata in parlamento) sul divorzio. C’erano sul palco, col leader radicale, il segretario del Pli, appunto, Berlinguer, Nenni, Fortuna, Baslini, La Malfa e gli altri. Per trent’anni Marco ha convinto il paese a manifestarsi con due maggioranze, una per fare leggi in parlamento l’altra per confermarne, abrogarne e farne altre nel paese. I suoi sbandamenti nella seconda
    repubblica, tra Berlusconi e Prodi, furono forse un postumo di quel trasversalismo positivo. La
    conseguenza del nebbione che cadde sull’Italia di Tangentopoli fu anche questa, forse: che Marco non s’accorse, o non volle credere, che la Pangea (così la chiamava Teodori) del mondo laico-riformista, preparata dalle maggioranze trasversali, forse era lì lì per essere raggiunta dalla caravella e fu invece oltrepassata da un Colombo distratto da isole minori: come
    quell’eccentrica lotta per prolungare il "parlamento degli inquisiti", fatalmente sfociata nel rassemblement berlusconiano del 1994. Ciò rafforzava negli italiani i caratteri guicciardiniani del particulare e dell’utile, e nulla avrebbero più detto il Burkina Faso, i montagnard indocinesi, i monaci tibetani e perfino battaglie più generali di libertà, che i radicali continuavano a combattere quasi da soli, fame nel mondo, pena di morte, mutilazioni genitali femminili, carceri, nuovo schiavismo. Tutte più o meno snobbate da un paese nelle cui viscere nere l’egoismo si cronicizza in berlusconismo.



    Quella nebbia che aveva fatto perdere alla caravella la Pangea laico-riformista, offuscò anche la distinzione, fin lì rimasta chiara, fra le due maggioranze, quella nelle aule e quella nel movimento. Al punto che un orientamento antipartitocratico del paese, coda dei
    referendum contro la proporzionale del 1991 e del 1993, fu scambiato come possibilità di portare Emma Bonino al Quirinale, dove invece si andava e si va – anch’io votai Ciampi - solo dal parlamento.



    Cioè dalla maggioranza fra i partiti. E ha indotto più di recente, e al contrario, quasi a sottovalutare la migliore performance laica e pannelliana dell’ultimo ventennio, la vittoria della Bonino a Roma nelle regionali: a riprova che la Pangea c’è, ma attende di essere conquistata.
    La vittoria laica trasversale nella capitale delle due realtà avrebbe potuto essere completa con minori distrazioni e disimpegni: che ci hanno fatto ricordare le riluttanze dei tempi del divorzio,
    quando solo l’estrema fermezza di Marco, di qualche combattente solitario come Fortuna e Baslini, e dei nuovi movimenti sociali, riuscìa impedirne la svendita, già pronta con una "legge Carrettoni". Con quel realismo idealistico degli anni Sessanta, Settanta, Ottanta, il
    "pannellismo" era davvero funzione pubblica di recupero di tutte le arretratezze del paese.

    L’amata-detestata leadership di Marco, generale senza divisioni, era leadership nel paese, in aspra e produttiva dialettica con le leadership nel parlamento. Chissà se, alzando a suo tempo la bandiera trasversale (ben più che "terza forza") dell’unità dei riformatori, oggi la liberaldemocrazia non sarebbe in Italia la puttana che va a letto con Putin in casa Berlusconi, ma la forza decisiva di governo, come in Germania, come a giorni, forse, nel Regno Unito. Ma, per evitare altri sospiri e lamenti, che dalla politica debbono star fuori come i sogni, non mi resta che chiudere. E spedire il mio personale regalo di compleanno a Marco: 200 euro per rinnovare la doppia tessera al Partito radicale. Sperando che ne trovino l’indirizzo preciso nella
    "Galassia", di cui, testa dura abruzzese anch’io, continuo a non voler capire e sapere (quasi) niente.

    Notizie Radicali - il giornale telematico di Radicali Italiani
    "Dopo Einaudi cominciò per l'Italia la Repubblica delle pere indivise"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    repubblicano perciò di Sx
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    dove il dubbio è impossibile la certezza è sempre eguale
    Messaggi
    12,169
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    Citazione Originariamente Scritto da santiago Visualizza Messaggio
    Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    di Federico Orlando

    Il 2 maggio Marco Pannella fa ottant’anni. L’avevo preceduto sul traguardo a fine 2008, così mi
    feci in regalo una lettera, indirizzata a lui, che la mostrò lietissimo nella fortezza ombrosa di Torre Argentina.



    «Ti scrivo prima che sia troppo tardi (parlo per me, s’intende)». Volevo ri-formalizzare il dialogo con lui, dopo la separazione di mezzo secolo prima, dicembre 1955, l’anno del processo per "adulterio" a Fausto Coppi e a Giulia Occhini. Lui era uscito venticinquenne dal partito liberale, con Pannunzio, Carandini, Cattani, Ferrara, Scalfari -, poi sarebbe uscito anche da loro (divergenze, caratteri), per fare un suo partito radicale. E io invece ero rimasto alla "guida" della gioventù liberale di via Frattina, nonostante che Malagodi strappasse al ciclostile le mie
    circolari ai ragazzi per il 20 settembre o per 1`11 febbraio, fresco di laurea sulle leggi Siccardi contro i privilegi ecclesiastici, conferitami da Arturo Carlo Jemolo. Bisogna essere cauti, cercava di spiegare Malagodi, inteso a rafforzare le alleanze coi successori di De Gasperi e a prevenire il loro abbraccio con Nenni.



    Nella mia lettera, chiedevo a Marco la doppia tessera Pd-radicali. Nei cinquant’anni di complicità laica, passati senza relazioni formali, i nostri incontri erano avvenuti sui fatti, sui grandi temi, sui giornali, nelle piazze, mai nei sinedri. Marco suonava la tromba di guerra dagli spalti di Torre Argentina, noi la riecheggiavamo nelle nostre case liberali, socialiste, comuniste,
    repubblicane, ereticali, attenti ai decibel perché non lesionassero le mura: come accadeva ai
    "cattolici del dissenso" (dom Franzoni, Scoppola, Elia, Lipari). Senza di loro, sarebbero state ancora più difficili le svolte della modernizzazione - divorzio, obbiezione di coscienza, aborto legale, nuovo diritto di famiglia, uguaglianza e parità uomo-donna, abrogazione del delitto d’onore, stupro come reato contro la persona e non più contro la morale, legge elettorale -, in un paese feudale qual era tornata l’Italia dopo il concordato di Pio XI e il razzismo di Mussolini.
    La chiave delle vittorie furono le grandi coalizioni trasversali, non solo quelle in parlamento, ma
    quelle nuove nel paese. Fu l’invenzione di Pannella. Le impose come politica parallela a quella
    delle maggioranze e minoranze parlamentari. «Non avevo immaginato nella mia vita di dover fare un comizio con Malagodi», annotò nei suoi "Diari" Pietro Nenni la sera del grande raduno per la vittoria nel referendum, contro la richiesta clerico-missina di abrogare la legge (conquistata in parlamento) sul divorzio. C’erano sul palco, col leader radicale, il segretario del Pli, appunto, Berlinguer, Nenni, Fortuna, Baslini, La Malfa e gli altri. Per trent’anni Marco ha convinto il paese a manifestarsi con due maggioranze, una per fare leggi in parlamento l’altra per confermarne, abrogarne e farne altre nel paese. I suoi sbandamenti nella seconda
    repubblica, tra Berlusconi e Prodi, furono forse un postumo di quel trasversalismo positivo. La
    conseguenza del nebbione che cadde sull’Italia di Tangentopoli fu anche questa, forse: che Marco non s’accorse, o non volle credere, che la Pangea (così la chiamava Teodori) del mondo laico-riformista, preparata dalle maggioranze trasversali, forse era lì lì per essere raggiunta dalla caravella e fu invece oltrepassata da un Colombo distratto da isole minori: come
    quell’eccentrica lotta per prolungare il "parlamento degli inquisiti", fatalmente sfociata nel rassemblement berlusconiano del 1994. Ciò rafforzava negli italiani i caratteri guicciardiniani del particulare e dell’utile, e nulla avrebbero più detto il Burkina Faso, i montagnard indocinesi, i monaci tibetani e perfino battaglie più generali di libertà, che i radicali continuavano a combattere quasi da soli, fame nel mondo, pena di morte, mutilazioni genitali femminili, carceri, nuovo schiavismo. Tutte più o meno snobbate da un paese nelle cui viscere nere l’egoismo si cronicizza in berlusconismo.



    Quella nebbia che aveva fatto perdere alla caravella la Pangea laico-riformista, offuscò anche la distinzione, fin lì rimasta chiara, fra le due maggioranze, quella nelle aule e quella nel movimento. Al punto che un orientamento antipartitocratico del paese, coda dei
    referendum contro la proporzionale del 1991 e del 1993, fu scambiato come possibilità di portare Emma Bonino al Quirinale, dove invece si andava e si va – anch’io votai Ciampi - solo dal parlamento.



    Cioè dalla maggioranza fra i partiti. E ha indotto più di recente, e al contrario, quasi a sottovalutare la migliore performance laica e pannelliana dell’ultimo ventennio, la vittoria della Bonino a Roma nelle regionali: a riprova che la Pangea c’è, ma attende di essere conquistata.
    La vittoria laica trasversale nella capitale delle due realtà avrebbe potuto essere completa con minori distrazioni e disimpegni: che ci hanno fatto ricordare le riluttanze dei tempi del divorzio,
    quando solo l’estrema fermezza di Marco, di qualche combattente solitario come Fortuna e Baslini, e dei nuovi movimenti sociali, riuscìa impedirne la svendita, già pronta con una "legge Carrettoni". Con quel realismo idealistico degli anni Sessanta, Settanta, Ottanta, il
    "pannellismo" era davvero funzione pubblica di recupero di tutte le arretratezze del paese.

    L’amata-detestata leadership di Marco, generale senza divisioni, era leadership nel paese, in aspra e produttiva dialettica con le leadership nel parlamento. Chissà se, alzando a suo tempo la bandiera trasversale (ben più che "terza forza") dell’unità dei riformatori, oggi la liberaldemocrazia non sarebbe in Italia la puttana che va a letto con Putin in casa Berlusconi, ma la forza decisiva di governo, come in Germania, come a giorni, forse, nel Regno Unito. Ma, per evitare altri sospiri e lamenti, che dalla politica debbono star fuori come i sogni, non mi resta che chiudere. E spedire il mio personale regalo di compleanno a Marco: 200 euro per rinnovare la doppia tessera al Partito radicale. Sperando che ne trovino l’indirizzo preciso nella
    "Galassia", di cui, testa dura abruzzese anch’io, continuo a non voler capire e sapere (quasi) niente.

    Notizie Radicali - il giornale telematico di Radicali Italiani
    gran bella lettera e gran bella analisi
    "E' decretato che ogni uomo il quale s'accosta alla setta dei moderati debba smarrire a un tratto senso morale e dignità di coscienza?" G. Mazzini

    http://www.novefebbraio.it/

  3. #3
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    Condivido solo in parte, perché Orlando dimentica che se alla fine degli anni 90 si fosse votato per il presidente della Repubblica, avrebbe vinto sicuramente la Bonino.

  4. #4
    repubblicano perciò di Sx
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    dove il dubbio è impossibile la certezza è sempre eguale
    Messaggi
    12,169
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    Citazione Originariamente Scritto da Burton Morris Visualizza Messaggio
    Condivido solo in parte, perché Orlando dimentica che se alla fine degli anni 90 si fosse votato per il presidente della Repubblica, avrebbe vinto sicuramente la Bonino.
    il punto è che molti, ed io tra questi, sono comunque contrari ad un presidente eletto direttamente dai cittadini. Qiuanto allo specifico l'impressione fu che la campagna per Emma presidente servisse per rilanciare il partito radicale più che ad ottenere il risultato sbandierato.
    Se il presidente fosse stato eletto dai cittadini allora sarebbe apparse altre candidature che nessuno si sognò di porre visto che la cosa era solo a livello di propaganda. In quel periodo, tra l'altro, il PR si trovava ad avere una posizione politica diversadall'attuale e la Bonino difficcilmente avrebbe coalizzato grandi forze attorno alla sua candidatura.
    Le indagini sule eventuali intenzioni di voto dei cittadini avvennero mentre la sola campagna presso l'opinione pubblica era quella per la Bonino, quindi erano scarsamentre scarsamente indicative di come sarebbero andate le cose nella realtà. Più in generale mi sembra si possa osservare come sia un errore dei radicali il cercar di trasferire , in modo quasi meccanico, il consenso sulle battaglie di contenuti che i radicali conducono con apporti , e ricerca degli stessi, di tipo trasversale , in consenso elettorale per i radicali stessi. Alla lunga molti elettori o simpatizzanti di altri partiti finiscono con considerare le stesse battaglie tematiche come strumentali al risultato elettorale e non appoggiano ne PR , nè alcune sue battaglie sulle quali sarebbero altrimenti disposti ad impegnarsi.
    Ed in caso di un sistema uninominale , auspicato dal PR. queste contraddizioni verrebbero ancor più alla luce ed il PR, nel giro di un paio di legislazioni, dovrebbe scegliere se essere movimento per delle battaglie civili o partito politico con propri candidati.
    "E' decretato che ogni uomo il quale s'accosta alla setta dei moderati debba smarrire a un tratto senso morale e dignità di coscienza?" G. Mazzini

    http://www.novefebbraio.it/

  5. #5
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Marco, ottant’anni con l’altra Italia

    Citazione Originariamente Scritto da edera rossa Visualizza Messaggio
    il punto è che molti, ed io tra questi, sono comunque contrari ad un presidente eletto direttamente dai cittadini. Qiuanto allo specifico l'impressione fu che la campagna per Emma presidente servisse per rilanciare il partito radicale più che ad ottenere il risultato sbandierato.
    Se il presidente fosse stato eletto dai cittadini allora sarebbe apparse altre candidature che nessuno si sognò di porre visto che la cosa era solo a livello di propaganda. In quel periodo, tra l'altro, il PR si trovava ad avere una posizione politica diversadall'attuale e la Bonino difficcilmente avrebbe coalizzato grandi forze attorno alla sua candidatura.
    Le indagini sule eventuali intenzioni di voto dei cittadini avvennero mentre la sola campagna presso l'opinione pubblica era quella per la Bonino, quindi erano scarsamentre scarsamente indicative di come sarebbero andate le cose nella realtà. Più in generale mi sembra si possa osservare come sia un errore dei radicali il cercar di trasferire , in modo quasi meccanico, il consenso sulle battaglie di contenuti che i radicali conducono con apporti , e ricerca degli stessi, di tipo trasversale , in consenso elettorale per i radicali stessi. Alla lunga molti elettori o simpatizzanti di altri partiti finiscono con considerare le stesse battaglie tematiche come strumentali al risultato elettorale e non appoggiano ne PR , nè alcune sue battaglie sulle quali sarebbero altrimenti disposti ad impegnarsi.
    Ed in caso di un sistema uninominale , auspicato dal PR. queste contraddizioni verrebbero ancor più alla luce ed il PR, nel giro di un paio di legislazioni, dovrebbe scegliere se essere movimento per delle battaglie civili o partito politico con propri candidati.
    Ma penso che questa traslazione, dal consenso sulle battaglie a quello per il partito, non ci sia mai stato e penso che nessuno di noi si faccia illusioni su questo.

  6. #6
    Osservatore del teatrino
    Data Registrazione
    28 May 2009
    Messaggi
    14,089
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Auguri Marco...

    in ritardo, per una serie di cose che me ne hanno fatto colpevolmente dimenticare, Ti faccio gli auguri per i Tuoi splendidi 80 anni di vita e di battaglie radicali...
    Grazie di tutto quello che fai.
    X

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 06-07-13, 00:59
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-07-13, 09:10
  3. L'umanista del liberismo. Gli ottant'anni di Sergio Ricossa
    Di denty nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-06-07, 09:06
  4. Massimo Fini: "Basta divieti, non voglio arrivare a ottant'anni"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-08-02, 14:02
  5. Massimo Fini: "Basta divieti, non voglio arrivare a ottant'anni"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 04-08-02, 10:10

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226