User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Sardista po s'Indipendentzia
    Data Registrazione
    31 Aug 2005
    Messaggi
    2,009
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sa tragedia de s'aqua, poita?

    sabato, 25 ottobre 2008

    SA TRAGEDIA DE S'AQUA POITA?


    E immoi, ita ant 'a nai "is attitadoras" chi anti perdiu sa battalla po su "SI" a su referendum cuntrasa sa Lei "salva coste"?

    Il dramma di Cagliari e del suo Hinterland è la storia della natura che attraverso le catastrofi si riprende i suoi spazi.

    E’ la storia di fiumi ingabbiati, deviati e soffocati dal cemento, di territori distrutti, di donne e uomini morti e di politici mai responsabili di nulla.

    - Cosa dicono oggi “is attitadoras” del "SI" all'ultimo referendum regionale sul Decreto Salva-Coste? ...sul "mancato sviluppo economico" legato all'urbanistica nei nostri territori? - ...Magari "trattasi di calamità naturale" e di inconvenienti vari causati dalla lentezza dei soccorsi..." (???)

    -Per Cagliari e l’hinterland la “calamità naturale” è ormai divenuta un evento con carattere ricorrente e catastrofico, con danni imponenti e immediati alle popolazioni e all’ambiente. Questo ci deve imporre una seria riflessione.

    Per l’ennesima volta ci troviamo di fronte a eventi “prevedibili” in quanto legati a “rischi cronici” derivanti dalle manipolazioni che l’uomo arreca all’ambiente: acqua, terra, aria sia a livello mondiale che locale.
    Non è più possibile continuare a stupirci delle catastrofi annunciate e ampiamente prevedibili in quanto risposte di reazione del sistema ambiente alla violenza esercitata su di esso dall’uomo.
    Le istituzioni in primis, non possono più ignorare l’importanza della prevenzione che consentirebbe di agire su “cause” e “concause” che giorno dopo giorno costruiscono le cosiddette “calamità naturali”.
    La deforestazione incontrollata, il degrado e lo sfruttamento indiscriminato del territorio e delle sue risorse, con l’”urbanizzazione selvaggia” fuori da regole certe, sono elementi che espongono inevitabilmente al rischio di fenomeni catastrofici con alluvioni, straripamenti, frane per la scarsa tenuta del territorio.

    Questa situazione di “degrado politico-culturale” alla base dei danni ambientali, richiede il passaggio obbligatorio ad una nuova cultura della legalità, tesa a garantire maggiori controlli sul nostro habitat.

    - Abbattere la prassi politica dei Consigli comunali che decidono sul destino del territorio frettolosamente e sospettosamente nel cuore della notte alla chiusura della seduta.

    - Quella del costruire all’infinito e ovunque, senza mai pensare che sarebbe più logico e più bello dare la priorità al “recupero dell’esistente”: patrimonio in decadenza nella maggioranza dei nostri centri storici e al rispetto della vocazione del territorio e del suo paesaggio in quanto “bene”.

    - Condizionare fortemente il “profitto” che continua a dettar legge.

    - Investire sulla tutela ambientale significa anche affrontare il problema degli incendi boschivi, visto che con l’impoverimento della copertura vegetale si creano incalcolabili danni sugli ecosistemi naturali con perdita di boschi e l’inevitabile danno faunistico.

    Garantire quell’attività di ripristino normalmente disattesa, tipico della cultura di quest’era che vede la natura subalterna alle esigenze dell’uomo; i fiumi e le acque (pur riconoscendone l’importanza vitale) vengono considerati nemici da manomettere, da annientare o da ignorare.
    E’ comprensibile come il “costruire selvaggio”, al di fuori di ogni regola di urbanistica e di programmazione del territorio abbia reso Capoterra come Pirri e altri centri dell’hinterland, delle situazioni di rilevante criticità per i rischi idrogeologici.

    Sulla “schizofrenia politica”
    Nel caso specifico di Capoterra, è bene ricordare che simili disastri, con perdite di vite umane, sono già avvenuti nell’84, 85 e nel 99, e che i temi dell’urbanistica sono stati all’ordine del giorno della cronaca nera con attentati in quegli anni ad assessori all’urbanistica e ad amministratori comunali per poi “miracolosamente” promuovere l’urbanizzazione di tutta quella fascia del proprio “territorio a mare”. Sarebbe interessante conoscere qualche dato in più sulla storia di quegli anni e probabilmente si potrebbe scoprire che gli studi idrogeologici e di protezione dell’ambiente sono stati inspiegabilmente e velocemente dimenticati e disattesi.
    Come tutti sappiamo i consigli comunali votano i Piani Urbanistici per i propri territori ma è altrettanto vero che “spesso e volentieri” si creano altre maggioranze politiche, più o meno trasversali, che possono portare in Consiglio, sottoforma di varianti o di “tavolo di concertazione” o “accordi di programma” gli stessi temi e votare il contrario di ciò che è stato precedentemente stabilito da studi urbanistici e sancito con i PUC.
    Il Consiglio Comunale è sovrano e se qualcuno volesse impugnarne gli atti, qualche difensore dell’ultima ora delle Leggi Salva coste, sicuramente griderebbe scandalo per un “attacco alla libertà delle autonomie locali”. Quella libertà che certe volte in modo disinvolto diventa la paga di morte per chi abita quelle parti del territorio, la distruzione economica e paesaggistica dell’area geografica stessa, ma anche il “Profitto per i soliti noti” e qualche ”osso per i cani da guardia”.
    Sarebbe interessante sapere se l’espansione urbanistica attuale di Cagliari e quella prevista per il futuro, tiene conto dei vincoli idrogeologici e delle ultime normative in tema di urbanistica e protezione del territorio sia dei governi italiani che di quelli regionali.

    Una riflessione generale non può non partire dal rapporto “uomo-natura”, relazione fortemente modificata da una cultura smaccatamente spacciata come “sviluppo e progresso”, di fatto funzionale alle logiche di dominio dell’uomo sulla natura.
    L’inversione di tendenza con il ritorno ai vecchi modelli di “società agricole”, dove l’uomo era subordinato alla natura con la quale conviveva in armonia, è oggi più che mai un’urgenza che ci metterà nella condizione non solo di limitare le catastrofi “naturali”, ma forse è l’unica via che in un futuro prossimo ci consentirà di sopravvivere anche dal punto di vista alimentare e ambientale.

    Claudia Zuncheddu
    http://claudiazuncheddu.splinder.com/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2008
    Messaggi
    80
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Credo che la mia stima per Claudia e la mia sintonia con le sue idee sia nota quasi a tutti. Mi sembra comunque doveroso, a seguito di questa sua brillante e giusta ossevazione e puntualizzazione, sostenere pubblicamente le sue affermazioni sacrosante! Claudia ha ragione, la tragedia era annunciata e le ragioni sono sempre le stesse.....su dinai e is interessus de pagus.......Vergognosa tragedia! E il danno ulteriore è che nessuno ripagherà coloro che hanno subito tutto questo.....tantomeno i veri responsabili....come al solito......

  3. #3
    meglio soru
    Data Registrazione
    21 Sep 2004
    Località
    Sotzialismu e Libertadi
    Messaggi
    4,605
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Su Componidori Visualizza Messaggio
    mi trovo d'accordo, parola per parola, con quanto scritto da claudia zuncheddu.

 

 

Discussioni Simili

  1. L'aqua di Dio (Dal sito di grillo)
    Di ubik966 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-08-07, 16:36
  2. Poita is logudoresus narant "abba" o no "aqua"?
    Di Vincent nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17-04-04, 00:18
  3. Poita?
    Di amsicora nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 12-02-04, 10:17
  4. Iscientzia: Poita Is Bilinguis No Si Confundint
    Di Josto nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17-07-03, 16:03
  5. poita est ki is sardus bivint meda
    Di Perdu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-09-02, 12:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226