User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Oct 2008
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I giornali nel "Belpaese"

    Santapaola, fatto grave e senza precedenti

    di Claudia Campese
    La pubblicazione senza alcun commento della lettera del detenuto su 'La Sicilia' ha suscitato indignazione. Sulla correttezza deontologica dell'operazione abbiamo intervistato Franco Abruzzo, ex presidente dell'Ordine della Lombardia e esperto della regole della professione: 'Quel quotidiano ha tradito il rapporto di fiducia coi suoi lettori'
    ----------------------------
    La questione della lettera di Vincenzo Santapaola, figlio del più celebre boss Nitto, pubblicata dal quotidiano "La Sicilia" lo scorso 9 ottobre, è anche - si è detto - una questione di deontologia. Non solo perché l'autore della missiva è un detenuto al 41 bis - che in teoria dovrebbe avere ridotte possibilità di comunicazione con l'esterno - ma per la scelta del quotidiano di non affiancare al testo della lettera né una breve biografia dell'autore - che potesse aiutare il lettore meno preparato a contestualizzarla - né qualsiasi altra nota di commento. Ne abbiamo parlato con Franco Abruzzo, ex presidente dell'Ordine regionale della Lombardia (lo è stato per 18 anni) e docente universitario a contratto di Diritto dell'Informazione. Sul suo "Codice dell'Informazione e della Comunicazione" hanno studiato per sostenere l'esame da giornalista migliaia di profes sionisti in Italia. E sulla deontologia Abruzzo non transige: è una delle sue battaglie personali.

    Professore, il quotidiano catanese "La Sicilia" ha recentemente pubblicato il testo integrale di una lettera di un detenuto al 41bis, di cognome Santapaola, nuda e cruda. Non sarebbe stata necessaria qualche riga di commento? Un tentativo di contestualizzazione?
    Nelle nostre scuole di giornalismo, mi capita spesso di rispondere alla domanda: "Che si intende per giornalismo?". La risposta è "informazione critica legata all'attualità". Se l'articolo 2 della legge 69/1963 sancisce il "diritto insopprimibile dei giornalisti alla libertà di informazione e di critica", nondimeno esistono dei doveri che bisogna assolvere. L'obiettività non significa neutralità: il giornalista è un mediatore intellettuale tra i fatti e la pubblica opinione. Pertanto è tenuto a offrire una ricostruzione dei fatti e a inquadrare i protagonisti dei fatti.
    Nel caso specifico, quindi, era preciso dovere del quotidiano precisare chi fosse il mittente della missiva. Non si poteva non riflettere su questa circostanza: Vincenzo Santapaola nella lettera non nomina mai il padre, tace sulla tragedia dell'assassinio della propria madre e implora di essere considerato come una "persona normale", un "uomo qualunque". Troppo. Impossibile. Non si discute il diritto e il potere del direttore de "La Sicilia" di pubblicare la lettera di Vincenzo Santapaola. Il problema è un altro: i lettori del quotidiano avevano e hanno il diritto di conoscere la biografia dell'estensore della lettera.
    Non si tratta di un mittente insignificante della storia siciliana e italiana se ci si basa sul presupposto che la mafia sia ancora oggi, e drammaticamente, un problema irrisolto della nazione. I giornali sono e dovrebbero essere la coscienza vigile della comunità nella quale vivono e incidono. Quel quotidiano il 9 ottobre è venuto meno ai suoi doveri di informare in maniera rigorosa, completa, e documentata la pubblica opinione, salvaguardando anche il diritto alla difesa di Vincenzo Santapaola. I diritti costituzionali vanno rispettati anche nei riguardi di imputati e condannati per gravi fatti nonché protagonisti di vicende sanguinose che hanno scosso la pubblica opinione e che hanno ferito la nostra Repubblica. Bisognava rispondere a una semplice domanda: "Chi è?".

    Per quella che è la sua memoria storica, vi sono stati casi simili in precedenza che possano aiutarci a capire?
    Ho lavorato 45 anni nei giornali, prima a Cosenza, e poi dal 1962 al 2001 a Milano (Il Giorno e Il Sole 24 Ore). Mi sono occupato di mafia, parlo di Luciano Liggio organizzatore di sequestri di persona nel Nord Italia (con una base operativa anche nella periferia di Catania). Ho seguito negli anni '60 e '70 la prima sezione penale del tribunale di Milano e il tribunale penale di Monza: anche attraverso i processi per diffamazione a mezzo stampa, quei giudici hanno ricostruito la storia del nostro Paese. A Monza in particolare si è parlato anche della strage di Ciaculli e di Tano Badalamenti (confinato alla Canonica Lambro), a Milano non solo della "banda Liggio-Guzzardi". Mai i giornali milanesi hanno taciuto o hanno sottovalutato il fenomeno. Il "crac Sindona", con i suoi risvolti tragici - delitto Ambrosoli soprattutto e poi il suicidio in carcere del banchiere messinese - , è stato raccontato con passione civile e con grande impegno. Quelli erano anche gli anni tragici e sanguinosi del terrorismo rosso e nero. Non è mai accaduta una vicenda simile a quella di Catania 2008.

    Data l'eccezionalità del caso, quali potrebbero essere le reazioni dell'Ordine dei Giornalisti?
    I Consigli dell'Ordine sono chiamati dalla legge professionale e dalle sentenze della Corte costituzionale a vigilare sulla condotta degli iscritti e anche sulle condotte omissive degli iscritti, che, con i loro "omissis", minano i principi della buona fede e della lealtà verso i lettori nonché il rapporto di fiducia che deve esistere tra stampa e cittadini. Il giudice disciplinare amministrativo è l'Ordine regionale. Il Consiglio nazionale è giudice disciplinare amministrativo d'appello. In caso di inerzia, il Consiglio nazionale, informato, potrebbe decidere di affidare il procedimento a un altro Consiglio regionale.
    (in: http://www.step1.it/index.php?id=4701-santapaola-fatto-grave-e-senza-precedenti)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Interesse con l'argomento del forum pari a zero. Chiuso.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 192
    Ultimo Messaggio: 27-07-10, 16:56
  2. I "Giornali" e i soldi "nostri".
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 14-05-07, 21:30
  3. Il "Belpaese" non piace più agli itagliani
    Di Liutprando nel forum Padania!
    Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 26-02-06, 23:25
  4. La giustizia del "belpaese"
    Di PINOCCHIO (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-05-04, 23:21
  5. La Giustiza "del belpaese"
    Di PINOCCHIO (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-05-04, 01:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226