User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
  1. #1
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,282
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Intanto non sono a casa, intanto li ho riportati al lavoro, poi gli faccio un c. così

    domenica 26 ottobre 2008

    Io c'ero



    Ieri sera ho accompagnato mia moglie a un appuntamento nella zona industriale delle Noghere, in comune di Muggia, provincia di Trieste.
    Per lei, dovere di cronaca. Per me, dovere coniugale.
    C'era nientemeno che il famosissimo ministro Renato Brunetta ad officiare un rito di purificazione (questa ve la spiego dopo) nella sede della locale Confartigianato.
    E' stata una serata assai istruttiva, per me.
    Provo a raccontarvela.
    Il frizzantissimo omarino è arrivato puntualissimo. Anzi, pure con qualche minuto d'anticipo rispetto all'ora d'inizio della funzione (fissata per le 20 e 30).
    Platea, ovviamente, molto amica. Anzi, direi di più: molto innamorata. Piccoli imprenditori, in genere, quasi tutti accompagnati dalle loro gentili signore meravigliosamente in ghingheri per l'occasione. Sala (non grandissima) piena come un uovo, un sacco di gente in piedi. Età media attorno ai cinquanta, balla lì, balla là. In tutto direi un duecento persone, forse qualcuna di più.
    Brunetta raggiunge il piccolo palco salutato da un'ovazione incandescente e dal padrone di casa (il presidente di Confartigianato, suppongo) che lo ringrazia di esistere: “Grazie, grazie al ministro Brunetta per aver saputo evidenziare la differenza che c'è tra i nostri dipendenti e i dipendenti pubblici!”.

    Il senatore Giulio Camber (boss di Forza Italia a Trieste, Signore delle tenebre), che si accomoda accanto al ministro, va persino oltre: “Grazie, grazie per quello che hai fatto, per l'Italia e per il mondo”: testuale, ve lo giuro. “Il ministro Brunetta non è uomo da salotti (più volte evocati, nel corso della cerimonia, i famigerati salotti dove la sinistra, spocchiosa e parolaia, ordisce le sue trame contro chi lavora, n.d.r.), ma uomo per la gente: per la gente che lavora! Noi triestini lo conosciamo da tempo e abbiamo contribuito a mandarlo al Parlamento Europeo con ottomila voti. Voti che, rispetto agli altri ottantamila che ricevette, non son stati certo determinanti per la sua elezione ma comunque c'erano (sottinteso: io, Giulio Camber, sono stato capace di portare a 'sto dio in terra ben ottomila preferenze di triestini, n.d.r.) e fanno sì che il ministro sappia che noi triestini gli vogliamo bene. E noi sappiamo che lui ci vuole bene”.
    Il Grande (beh...) Riformista Brunetta si commuove, ostia se non si commuove: “Sappiate che io mi sento più triestino che veneziano!”. E poi attacca a gorgheggiare che sembra proprio la Caballé in serata di grazia: e il governo di qua, e il governo di là, e siamo in “quasi recessione”, tecnicamente in stagnazione, ma “dobbiamo star tranquilli perché il governo c'è. Come saprete, abbiamo cercato di porre rimedio alla carenza di liquidità delle banche con robuste iniezioni di capitale. Soprattutto per fare in modo di mantenere aperte le linee di credito alle imprese. Vedete, marxianamente parlando (sic: e d'altra parte Brunetta, come Giulio Tremonti, è uomo di sinistra, si sa. La platea, pertanto, non batte ciglio. Gente d'ampie vedute, n.d.r.), a me, a noi, piace l'economia reale. E' l'economia reale, il nostro obiettivo, non certo la finanza (e qui partono l'applauso e i 'bravo!' degli uomini del fare presenti in sala, n.d.r.). La finanza non va certo demonizzata (eh, no, n.d.r.), ma dev'essere strumentale all'economia reale. E il mestiere delle banche (cari compagni... No, compagni non l'ha detto, in effetti. Ma ce lo metto io, visto che Brunetta, proprio come Giulio Tremonti, è uomo di sinistra, n.d.r.) è far funzionare l'economia reale, è stare vicino a gente come voi” e via sopraneggiando. “No alle rottamazioni, abbiamo già dato (applausi e 'bravo!', n.d.r.). Bisogna però far di tutto per aumentare il potere d'acquisto dei consumatori, in questo momento, e io farò la mia parte: ho sei miliardi di euro a disposizione e li voglio spendere subito. Settanta euro in più in busta paga per i dipendenti pubblici non sono poco (sic: io non ho capito, sinceramente, se i settanta euro in più se li beccheranno pure i fannulloni, ma penso di sì: anche i fannulloni sono consumatori, e che no? n.d.r.) e possono servire, io credo, a rilanciare i consumi”.
    A questo punto arriva il direttore de Il Piccolo, Sergio Baraldi. In ritardo di una buona mezz'ora. Appena lo vede entrare, Brunetta lo punzecchia subito: “Il governo c'è e stiamo facendo quello che dovevamo fare. Anche se Il Piccolo dice di no”. Il giornalista avrebbe dovuto esser lì fin dall'inizio, a intervistarlo, ma - ahi ahi ahi - non c'era. Perciò Brunetta ha dovuto cominciare a intervistarsi da solo (questo glielo dice pure in faccia, a Baraldi, e la platea giù a ridere): continuerà a farlo fino alle dieci e mezza. Davvero. Se al posto del povero Baraldi a fare da interlocutore al ministro ci fosse stato Ciccio di Nonna Papera, non si sarebbe notata la differenza. Brunetta lo tratta da subito come un oppositore (come un nemico, via...) e lo rimprovera aspramente: “Avete scritto che quando facevo il parlamentare europeo ero un assenteista!”. Baraldi prova a ribellarsi e si becca del 'falso!': “Provate a riscriverlo, provateci. Fatelo. Io vi querelo, vi faccio neri!”.
    La prima domanda azzardata dal direttore de Il Piccolo è la seguente: “Signor Ministro, la vostra manovra economica (quella approvata dal governo Berlusconi in nove minuti, n.d.r.), con trentacinque miliardi di euro di tagli alla pubblica amministrazione (“Trenta di tagli, cinque di maggiori entrate", precisa immediatamente Brunetta, n.d.r.) non rischia di deprimere l'economia?”.
    Renat, l'ami du peuple, risponde trattandolo come un povero coglione e non mollerà l'osso fino a quando Baraldi non se ne sarà andato: “La spesa pubblica corrente è spesso fuori controllo, in molti comparti della pubblica amministrazione. Noi facciamo solo quello che bisognava fare. Centocinque miliardi per la spesa sanitaria? Ma si può? E che mi dice di quello sconcio che è la proliferazione di sedi universitarie? Noi abbiamo messo la finanza pubblica sotto controllo, altro che! Eppoi, cosa vuole, lei? Ci pensano gli italiani a risponderle: Prodi ha goduto di tassi di crescita del 2,8%. Ha goduto pure del tesoretto. Ed è caduto (applausi, n.d.r.). Noi siamo in stagnazione e la gente ci premia con un consenso che mai nessun governo ha avuto, dalla fine della guerra in qua. Che siano intelligenti, gli italiani? (e qui la sala viene giù: ma certo che gli italiani sono intelligenti. E i più intelligenti di tutti sono quelli che hanno votato per Silvio Berlusconi, naturalmente, n.d.r.). Caro direttore, gli italiani approvano chi sta facendo cose difficili. E' troppo facile promettere tutto a tutti. Eppoi, l'economista professor Brunetta (parla di sé in terza persona, come Giulio Cesare nei Commentarii o Diego Armando Maradona, n.d.r.) può andare in giro a viso alto perché sta dalla parte di chi ha realmente bisogno (e qui giù applausoni al ministro di sinistra dalla platea degli sfruttati: sempre marxianamente parlando, n.d.r.). Baraldi tenta, assai blandamente, di replicare qualcosa, ma Brunetta lo svillaneggia, lo sbeffeggia e gli dà del bugiardo, richiedendo continuamente “un giurì d'onore” (?): “Col sottoscritto bisogna essere precisi!”; “Direttore, guardi, la prego: lei confonde il TAR con la Corte Costituzionale!”; “Se lei vuol fare le pulci al sottoscritto, le deve fare precisine!”; “Direttore, sarò buono con lei...” e via toreando tra gli olèeeeeee dell'arena in delirio. Alla fine, il toro sarà matàto. Prima di spirare, Baraldi prova a dire che in fondo quella di Brunetta è solo “politica degli annunci”: “E allora? Intanto son calate le assenze per malattia, e non mi pare poco. Qualcuno dice che i fannulloni che ho riportato al lavoro se ne stanno in ufficio a fare niente? Intanto non sono a casa, intanto li ho riportati al lavoro, poi gli faccio un culo così (olèeeeee, n.d.r.). Il prossimo anno sappia che non ci saranno più consulenze nella Pubblica Amministrazione (olèeeee, n.d.r.). Ma lei si rende conto che in Italia abbiamo non so più quante polizie? Ma pensi a cosa si potrebbe fare se solo riuscissimo a superare le rivalità tra corpi separati, pensi! Ma quanto in meno spenderemmo? Io non ci dormo la notte (olèeeee, n.d.r.). I ricchi, vede, non hanno bisogno della Pubblica Amministrazione, perché se ne fanno una privata, parallela, se vogliono (olèeee, n.d.r.). E così per la sanità e la scuola: sanità privata e scuole per i figli all'estero (olèeeee, n.d.r.)”.
    L'ultima incornata a Brunetta lo spentissimo direttore de Il Piccolo tenta di dargliela sulla scuola: “Sarkozy ha appena detto che, per affrontare al meglio la crisi mondiale, bisognerebbe investire tantissimo nell'Università e nella scuola. Voi invece tagliate...”. La platea urla il proprio disappunto e Brunetta pianta la sua ultima banderilla: “Ci sono troppi insegnanti, in Italia, in generale. E troppi insegnanti entrati senza concorso. Troppi insegnanti di qualità scadente. Chi ha dei figli lo sa bene!”. Boato di approvazione. “Ma cosa protestano, questi? Eppoi... Dai... I baroni. Quando io vedo i baroni che sfilano assieme agli studenti, dico che la cosa mi puzza... Mi puzza! A voi no?”. E qui ci sarebbe pure lo scoop, volendo: “E poi quella della Gelmini non è mica una riforma, su! Son solo dei punti...”, dice Brunetta. Strano: la Gelmini e Berlusconi parlano invece di 'riforma' della Scuola e dell'Università. Bisognerà avvisarli. Ma Baraldi è troppo spento per farlo rilevare. Sembra un Moai dell'Isola di Pasqua. Imbarazzante.
    Che altro dire? Sergio Baraldi è la stampa come non dovrebbe mai essere: muta e sorda. Ma pensateci un attimo: Brunetta afferma che le forze dell'ordine in Italia, per come sono organizzate, rappresentano essenzialmente uno spreco di risorse e il direttore del maggior quotidiano regionale non fa rilevare come sia quantomeno incoerente che, a fronte di un spreco di risorse conclamato (conclamato da un ministro della Repubblica...), la giunta regionale del FVG abbia deciso di stanziare, di suo, (proviamo a essere consequenziali, giusto?) ben 16,3 milioni di euro per la sicurezza. E pensate che l'assessore regionale alla Sicurezza, la signora Federica Seganti, era lì, seduta in prima fila...
    Povero, inutile Baraldi. Brunetta sembrava caricato a molla: un misirizzi che sparava numeri su numeri, numeri a nastro, numeri come se piovesse. E mai, mai che al direttore de Il Piccolo sia venuto in mente di domandare: “Scusi, ministro, può gentilmente fornirci le sue fonti? Dove possiamo trovarli, noi, tutti questi numeri? Vede, vorrei controllare se sono esatti. Non si offenda: la sua parola non basta mica. E non mi pare proprio il caso che lei continui a invocare un giurì d'onore, sa?”.
    Ma Baraldi niente. Niente di niente. Il nulla sotto vuoto spinto.
    Che altro dire?
    Che ho visto la Destra italiana, ieri. E quello che viene considerato uno dei suoi ideologi più brillanti. Niente di inedito, in realtà: l'indicazione ossessiva di un capro espiatorio, lo scaricamento di responsabilità su una categoria di reprobi (i dipendenti pubblici, in questo caso), l'effetto 'lavacro purificatore': tutte cose che richiamano, per molti aspetti, la prosa manzoniana della Colonna infame per cui dàgli, dàgli, dàgli all'untore! Voi, intanto, brava gente che lavora, siete tutti assolti.
    Brunetta è molto abile a stabilire una comunicazione emotiva con la sua gente: sa interpretarne gli istinti, le paure e le passioni all'interno della collaudatissima simbologia binaria buono-cattivo, nemico-amico. E sa semplificare: emblematica la fotografia degli studenti che sfilano in corteo con i baroni. Tutti baroni, i professori universitari? Ma davvero?
    George Halifax, autore delle Maxims of state (1692), parlò di “organizzazione degli odi”: ecco, Brunetta è uno che sa benissimo come organizzare l'odio. Senza star lì a preoccuparsi troppo delle conseguenze. D'altra parte, dov'è il problema? Quello italiano è da tempo un “dibattito politico senza comunicazione” (per dirla con Albert Hirschman), lui non fa altro che adeguarsi. E se “lo scopo della democrazia è rendere possibile un dialogo razionale” (questo è Norberto Bobbio), Brunetta, in tutta evidenza, è uno che se ne impipa alla stragrande, della democrazia. E se ne impipa pure della realtà, forse perché sa perfettamente che la realtà è cosa un po' demodè, dalle nostre parti: altrimenti, come farebbe a dire che “non serve, non serve andare in piazza: c'è bisogno di proposte convergenti per il bene del Paese”?
    Ma quali proposte convergenti sono possibili, in questo Paese, di grazia? Com'è che ha detto, Berlusconi? “Me ne frego dell'opposizione”? Ecco. E mò provateci voi, a convergere...
    Dunque Renato Brunetta, apparentemente così poco mediatico, è un vero leader, per questo tempo da lupi: uno che sa come suscitare un'ebbrezza collettiva, “una deliziosa ebbrezza che ci fa facilmente dimenticare saggezza, umanità e persino lo spirito di conservazione, e che rende ugualmente facili i più atroci massacri e i più eroici martiri” (così Bertrand Russell, e ammazza quanto cito, oggi).
    Io, ieri sera, ho visto quell'ebbrezza. "Grazie, grazie e ancora grazie, ministro Brunetta, per quello che stai facendo per l'Italia e per il mondo" significa innanzitutto grazie per l'assoluzione e grazie per le tue condanne apodittiche (ma piene zeppe di numeri, in compenso) che condannano sempre gli altri: non noi, che siamo i puri, non noi, la brava gente che lavora, ma quegli altri lì.
    Gli untori.

    http://tic-talkischeap.blogspot.com/...0/io-cero.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    1 comunista rimasto : Silvio
    Data Registrazione
    20 May 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    4,175
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    cavoli ma il giornalista sei tu, o tua moglie?

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    27 Oct 2005
    Messaggi
    5,282
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dovere coniugale? Ma, coi tempi che corrono, poteva ottemperare anche per strada.

  4. #4
    Scienza e Coscienza
    Data Registrazione
    23 Aug 2005
    Località
    Parma
    Messaggi
    393
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Capisco che Brunetta dia fastidio.

    Obbiettivamente è il primo ministro da chissà quanto tempo che si è messo a sfidare un sistema.

    E lo sta rivoltando come un calzino.
    Tutti i beipensanti qui dentro lo insultano e lo calunniano...perchè sono abbastanza ipocriti per non svelare di quanto siano intrinsecamente soddisfatti che qualcuno stia guardando nei pubblici uffici.

    Avanti così. Avanti bene. Anzi benissimo.

    PS: finchè si rivoltano i privati "è sacosanto!" "finalmente!" "che successo!"...ma vai a toccare gli statali...cazzo, pagati da me.......

  5. #5
    Prodi&Berlusconi
    Data Registrazione
    27 Oct 2006
    Località
    reggio emilia
    Messaggi
    2,340
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Oggi Il Giornale di Reggio pubblica un dato interessante: -50% ore di malattia negli uffici pubblici della citta'.
    La cosa mi solleva poco perche' sono convinto che presenti o assenti il risultato finale della macchina burocratica sia piu' o meno lo stesso.
    A giudicare dalle tante reazioni scomposte giurerei che molti qui dentro sono direttamente interessati.
    Caro Brunetta, lascia perdere. Se vengono a lavorare stanno su POL, tanto vale che se ne stiano a casa

  6. #6
    NESSUNA PIETA' PER NESSUNO
    Data Registrazione
    13 Jun 2006
    Località
    New-York; Paris; Warszawa; Bucuresti; Lemberg; Cernauti.
    Messaggi
    1,224
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dante pastorelli Visualizza Messaggio
    Dovere coniugale? Ma, coi tempi che corrono, poteva ottemperare anche per strada.
    sempre fine, come al solito...

  7. #7
    Speriamo non sia tardi
    Data Registrazione
    08 Mar 2006
    Località
    Quello che resta dell'Italia
    Messaggi
    21,282
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Compa Visualizza Messaggio
    Capisco che Brunetta dia fastidio.

    Obbiettivamente è il primo ministro da chissà quanto tempo che si è messo a sfidare un sistema.

    E lo sta rivoltando come un calzino.
    Tutti i beipensanti qui dentro lo insultano e lo calunniano...perchè sono abbastanza ipocriti per non svelare di quanto siano intrinsecamente soddisfatti che qualcuno stia guardando nei pubblici uffici.

    Avanti così. Avanti bene. Anzi benissimo.

    PS: finchè si rivoltano i privati "è sacosanto!" "finalmente!" "che successo!"...ma vai a toccare gli statali...cazzo, pagati da me.......
    Io l'articolo postato l'ho letto, dice anche che gli aumenti per gli statali andranno a tutti in modo uguale, fannulloni compresi, quello che non ho capito è che tipo di meritocrazia sarebbe questa.

    PS: Quando sarebbe stato calunniato il ministro?

  8. #8
    MANDA A CASA LA CASTA
    Data Registrazione
    26 May 2004
    Messaggi
    5,492
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Compa Visualizza Messaggio
    Capisco che Brunetta dia fastidio.

    Obbiettivamente è il primo ministro da chissà quanto tempo che si è messo a sfidare un sistema.

    E lo sta rivoltando come un calzino.
    Tutti i beipensanti qui dentro lo insultano e lo calunniano...perchè sono abbastanza ipocriti per non svelare di quanto siano intrinsecamente soddisfatti che qualcuno stia guardando nei pubblici uffici.

    Avanti così. Avanti bene. Anzi benissimo.

    PS: finchè si rivoltano i privati "è sacosanto!" "finalmente!" "che successo!"...ma vai a toccare gli statali...cazzo, pagati da me.......
    per fortuna che ancora non ha proposto i campi di lavoro e i forni crematori... come faceva hitler per gli ebrei.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Apr 2009
    Messaggi
    3,723
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da WANDA Visualizza Messaggio
    per fortuna che ancora non ha proposto i campi di lavoro e i forni crematori... come faceva hitler per gli ebrei.
    E dagli tempo no?!
    Tanto si sa, neanche davanti a quello svegli ormai gli Itagliani. Popolo con la schiena dritta! Si, ma come la salerno reggio calabria...

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Apr 2008
    Località
    Genova
    Messaggi
    221
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Brunetta ? un caso di rivalsa sociale (l'ex povero diventato ricco), di rivalsa fisica (chissà quante ne ha dovuto/deve ingoiare) + il gusto di stare sotto i riflettori e il gusto dell' impunità, a questro aggiungiamo il servilismo di gran parte della stampa e il personaggio è creato. Sarebbe il soggetto ideale di una commedia all'italiana . Precvisione: destinato a sgonfiarsi.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 20-01-13, 12:36
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-06-12, 17:11
  3. mandemo i muli fora casa e intanto i veci fa la fame
    Di trenta81 nel forum Friuli-Venezia Giulia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-01-10, 18:27
  4. Intanto...le destre fanno il loro lavoro...
    Di EL ROJO nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 30-07-08, 12:10
  5. E intanto ringraziamo Silvio: niente più morti sul lavoro!
    Di cioppi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-05-08, 10:36

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226