User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,814
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito La ricerca incessante nel religioso

    «Sono morto perché non ho il desiderio, non ho desiderio perché credo di possedere, credo di possedere perché non cerco di dare. Cercando di dare, si vede che non si ha niente, vedendo che non si ha niente, si cerca di dare se stessi, cercando di dare se stessi, si vede che non si è niente, vedendo che non si è niente, si desidera divenire, desiderando divenire, si vive» Parole di René Daumal

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,814
    Mentioned
    23 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito La vetta da superare

    La porta dell’invisibile deve essere visibile
    Non parlerò della montagna, ma per mezzo della montagna. Con questa montagna come linguaggio, parlerò di un’altra montagna che è la via che unisce la terra al cielo, e ne parlerò non per rassegnarmi, ma per esortarmi.
    La montagna ha natura obliqua, l’orizzonte si sviluppa in linee inclinate che rincorrono l’oltreterreno, è terra ma è già ascesi, è il libro dell’obliquo supremo e metafora del cammino obliquo verso il sapere, dell’ascesi faticosa verso la conoscenza divina e naufragio in essa della conoscenza umana: il precipizio naturale diventa precipizio mentale.
    *
    Nella lotta contro le altezze e le vertigini montane […] quanto mai è prossima la possibilità di ridestare, attraverso ciò che sembra un semplice esercizio del corpo […] un contatto con le forze primordiali chiuse dentro le membra: sì che l’agone fisico sia ad un tempo più che fisico, e nella riuscita vittoriosa sia quasi l’adornamento di qualcosa di non più umano […]. Nella vita – come, dopo Nietzsche, l’ha rilevato il Simmel – vi è questo potere strano e quasi contraddittorio, di portarsi a degli apici in cui un «viver di più» (mehr leben), la più alta intensità di vita – si trasforma in un «più che vivere» (mehr als leben). In questi apici, come calore che si trasfigura in luce, la vita, per così dire, si libera da sé stessa, non nel senso di una cessazione dell’individualità e di una specie di mistico naufragio, ma nel senso di un’affermazione trascendente di essa, nella quale l’angoscia, l’incessante tendere, bramare ed agitarsi, cercar fedi, appoggi e scopi degli uomini dà luogo ad uno stato di calma dominatrice. Nella vita, non fuori di essa, vive qualcosa di più che la vita […]. Appunto questa natura più profonda dello spirito che si sente infinito, sempre di là da sé stesso, sempre oltre ogni forma e ogni grandezza che trovi in sé o fuori di sé, anche se non in modo perfettamente conscio si sveglia e riluce nella «pazzia» di coloro che senza uno scopo materiale, senza una ragione, oggi in numero sempre crescente sfidano le altezze secondo una volontà che si impone alla fatica, alla paura, alla voce dell’istinto animale di prudenza e di conservazione.
    Julius Evola, Meditazioni delle vette, a cura di Renato del Ponte, SeaR, Borzano R.E., 1997, pp. 31-32
    *
    In René Daumal, la scalata definitiva all’Ultimo Verticale sublima le linee oblique riconducendole alla vetta che è centro del sapere: l’obliquità scopre la sua essenza nello spazio curvo, dentro il cerchio immenso del Tutto: così l’Eretico delle Ardenne raggiunge la forma di conoscenza più simile alla divinità, e indica contemporaneamente una via per la conoscenza di sé.
    *
    Molto in alto e molto lontano nel cielo, al di sopra e al di là dei cerchi successivi dei picchi sempre più alti, delle nevi sempre più bianche, in uno splendore che l’occhio non può sopportare, invisibile per eccesso di luce, si erge la punta estrema del Monte Analogo. – Là, sulla vetta più aguzza della guglia più sottile, solo, sta colui che riempie tutti gli spazi. Lassù, nell’aria più fine dove tutto gela, solo, sussiste il cristallo dell’ultima stabilità. Lassù, nel pieno fuoco del cielo dove tutto arde, solo, sussiste il perpetuo incandescente. Là, al centro di tutto, sta colui che vede ogni cosa compiuta nel suo inizio e nella sua fine. […]
    Non si può restare sempre sulle vette, bisogna ridiscendere… A che pro, allora? Ecco: l’alto conosce il basso, il basso non conosce l’alto […] Si sale, si vede. Si ridiscende, non si vede più; ma si è visto. Esiste un’arte di dirigersi nelle regioni basse per mezzo del ricordo di quello che si è visto quando si era più in alto. Quando non è più possibile vedere, almeno è possibile sapere.

    Il Monte Analogo
    , pp. 37-36

 

 

Discussioni Simili

  1. Richiesta di un' incessante Preghiera
    Di DavidGnomo nel forum Cattolici
    Risposte: 48
    Ultimo Messaggio: 12-08-08, 20:00
  2. Prosegue incessante...
    Di Il Pretoriano nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 22-06-07, 15:29
  3. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 19-12-06, 15:00
  4. Incessante continua il martellamento
    Di Zadig nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 01-12-05, 16:02
  5. Continua incessante lo sbarco di clandestini
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 19-05-02, 13:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226