User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2009
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Una base militare russa a due passi dalla Sicilia!


    OGGI A MOSCA IL COLONNELLO GHEDDAFI FIRMERA' LO STORICO ACCORDO.
    Continuiamo a monitorare ed ad informare sulla graduale ma incessante manovra russa di avvicinamente al Mediterraneo.

    In passato ci siamo soffermati più volte sull'argomento segnalando di volta in volta quando i russi muovevano qualche pedina dalle nostre parti.
    Abbiamo segnalato l'accordo sul metano tra i libici e la Gazprom, gigante energetico del paese degli Zar, così come l'acquisto di metà delle azioni delle raffinerie petrolchimiche ERG di Siracusa da parte della società moscovita Lukoil.

    Queste azioni come altre hanno tutte in comune un minimo comune denominatore: il controllo dell'approviggionamento energetico europeo, tramite la costituzione nel Sud Italia, di un hub del gas, che avrà come arterie principali proprio i gasdotti Libia-Sicilia e Russia-Bulgaria-Grecia-Puglia, quest'ultimo noto come "SouthStream".

    Ufficialmente la base nel porto di Bengasi servirà a proteggere la Libia da ipotetici attacchi statunitensi.

    Il leader libico Muammar Gheddafi porta a Mosca "piacevoli novità": Tripoli è pronta a ospitare una base navale russa. Lo scrive oggi il quotidiano russo Kommersant, definendo "difficile" il colloquio con il leader del Cremlino Dmitri Medvedev. Perchè 'il colonnello" non ha rispettato gli accordi[1] raggiunti nel mese di aprile durante i colloqui in Libia tra l'allora presidente Vladimir Putin e Gheddafi". Il tutto - sottolinea la gazzetta - "nonostante la Russia abbia cancellato i 4,5 miliardi di debito libico".

    Continua il Kommersant: "La Libia è pronta a ospitare una base militare navale russa, la presenza militare russa - spiega l'Agenzia russa - sarà una garanzia di non aggressione contro la Libia da parte degli Stati Uniti, che non hanno fretta di abbracciare il colonnello Gheddafi, nonostante diversi gesti di riconciliazione".

    Importanti investimenti russi nel settore del gas libico.

    Da aprile a questa parte è stato un crescendo di visite di alto profilo da Mosca a Tripoli e viceversa. Il numero uno di Gazprom Aleksei Miller ha visitato la Libia a luglio "per discutere le opportunità di una maggiore collaborazione", si nota dal Cremlino, rimarcando "l'impressionante potenziale di cooperazione esistente nel settore dell'energia: Gazprom e Tatneft hanno acquisito il diritto di sviluppare sei giacimenti in Libia di petrolio e di gas". [2]

    Proprio per sfruttare questi maggiori investimenti, è stato di recente siglato un accordo tra ENI e la Libia, che prevede il raddoppio della pipeline Mellitah-Gela[3], meglio conosciuta con il nome "Green Stream"

    Le ultime notizie e questi importanti incontri e progetti sovranazionali, non fanno che confermare ancora una volta l'importanza dell'approviggionamento energetico come fonte di sicurezza nazionale e leva geo-politica, non è un caso che recentemente, il governatore della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, abbia parlato[4] proprio delle raffinerie siciliane, per rispondere ad un duro attacco politico da parte di Letizia Moratti, sindaco di Milano, ma anche parente di quel Moratti, proprieterio della Saras Raffinerie, che secondo il Presidente siciliano, avrebbe sfruttato i fondi della Cassa del Mezzogiorno per poi scappare via, senza versare un solo centesimo di tasse all'erario regionale, secondo l'art.37 dello Statuto.

    IL PROSSIMO FACCIA A FACCIA DELLE BASI MILITARI
    E' questo lo scenario che si profila al centro del Mediterraneo.

    La Russia approfittando dell'attuale debolezza economica degli Stati Uniti, si accinge a mettere una bandierina, piccola ma assolutamente strategica per il controllo del Mare Nostrum.
    La mossa russa non tarderà a richiamare reazioni internazionali, soprattutto dall'altra sponda dell'Atlantico, in quanto per la prima volta dal dopoguerra la supremazia militare americana nel Mediterraneo, mantenuta grazie alla base di Sigonella, viene messa in discussione.
    E tra la postazione militare siciliana e quella di Bengasi, non tarderanno a vedersi scintille.

    [1] Questi "accordi" di cui parla Medved, saranno quelli in cui la Russia chiedeva alla Libia di non gestire direttamente gli "affari siciliani"?Ci riferiamo in particolar modo all'acquisto, da parte di un fondo sovrano libico, del 5% delle azioni UNICREDIT(proprietario del Banco di Sicilia), avvenuto subito dopo la visita di Vittorio Sgarbi a Tripoli. In quell'occasione Berlusconi lanciò l'allarme sul pericolo dei fondi sovrani russi e cinesi, capaci di acquisire il controllo delle aziende italiane, ma non profferì parola sulla partecipazione libica in Unicredit, che per bocca dell'Amm.Delegato Profumo, fu addirittura benvenuta. Maggiori dettagli nel nostro editoriale: "Sgarbi cultore del male...." e commenti.

    [2] Virgilio Notizie, 30/10/2008

    [3] Asca, 30 ottobre 2008

    [4] La Sicilia, 29 ottobre 2008

    http://comitatosiciliano.blogspot.co...ssi-dalla.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Preoccupante...ma comunque se questa base verrà costruita non sarà in Sicilia
    Perchè uguale ' preoccupazione ' non la dimostrate per le basi americane installate sulla nostra Terra ?
    Su quelle russe in Libia nulla possiamo fare trattandosi di un' altra nazione, ma per quelle site in Sicilia forse sarebbe il caso che iniziassimo a fare qualcosa...magari iniziare a protestare !

 

 

Discussioni Simili

  1. Una base militare russa a due passi dalla Sicilia!
    Di Gonzalo nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-10-08, 20:16
  2. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 07-02-07, 14:38
  3. L'industria militare russa all'attacco
    Di Melkitzedeq nel forum Politica Estera
    Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 16:45
  4. L’industria Militare Russa All’attacco
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-12-06, 14:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226