User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Jan 2006
    Messaggi
    392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Il fattore K nelle elezioni americane

    Spirito Veneto
    Il fattore K nelle elezioni americane

    Mancano poche ore alle elezioni presidenziali americane, e ci si chiede: quale sarà la reazione che tutto il mondo avrà se la vittoria andrà a McCain oppure a Obama?
    Ci sembra abbastanza evidente che gli USA sono in un periodo di decadenza, pur essendo in un mondo unipolare, ed essendo gli USA la potenza che guida questo mondo.
    Pare che gli USA ricalchino la decadenza dell’impero britannico tra le due guerre.
    Bisogna dire senza timore che grande responsabilità dell’attuale situazione ricade su G. W. Bush il quale non è riuscito a mobilitare tutti quegli Stati che avevano interesse a lottare contro il terrorismo islamista, e non solo. Il terrorismo non può essere buono se commette stragi contro i nostri avversari, e criminale se queste stragi colpiscono noi. Questo errore strategico è costato e costerà caro agli USA. Esisteva ed esiste una necessità di costruire una forte alleanza anti-espansionismo islamista, sulla scia di quanto ha fatto Roosvelt durante la seconda guerra mondiale: questa è la base da cui bisogna partire.
    Ritorniamo a due candidati: da una parte McCain, con l’appoggio di “macellai” e “birrai”, e i settori meno abbienti (anche negli USA si sono trasformate le basi elettorali su cui si reggevano sia i repubblicani, sia i Democratici). La vittoria di uno dei due sarà basata sulla loro capacità d’intercettare i voti dei latino-americani e della classe operaia, tradizionalmente vicini ai Democratici; se McCain riuscirà a fare suoi questi settori la vittoria non potrà sfuggirgli.
    Andiamo ad esaminare sommariamente questo Barack Hussein Obama: emerito sconosciuto che si presenta come candidato alla Presidenza degli Stati Uniti. Lo abbiamo trovato alle primarie Democratiche carico di milioni di dollari, costringendo Hillary Clinton a dilapidare il patrimonio del Partito Democratico e il suo personale; più andava in rosso il conto di Hillary Clinton più quello di Obama era florido. Dopo questa campagna per le primarie Obama si è presentato per la corsa alla Casa Bianca con vagonate di dollari, il suo staff non sa neanche come fare a spenderli tutti. C’è da aggiungere che Obama non ha neanche usufruito dei fondi federali che i candidati hanno a disposizione per la campagna elettorale. Solo i creduloni possono pensare che le vagonate di dollari di Obama siano raccolte attraverso le sottoscrizioni popolari. Dietro Obama c’è George Soros , noto criminale speculatore, finanziatore delle più importanti reti di traffico di droga, a cominciare da Robert Vesco, braccio destro di Carlos Lehder Rivas del cartello di Medellin. Soros istigatore di tutti i gruppi terroristi, dall’UCK al tagliagola Saakashvili, ha creato tensioni in Kosovo, in Ucraina, nei Balcani, ha messo in ginocchio la sterlina, la moneta della Malesia e della Thailandia. Lo stesso Soros ha dato al partito Radicale transnazionale 50 miliardi di lire per la campagna “Bonino for President”. Va inoltre ricordato che Soros “ha donato” allo staff di Kerry, nel 2003-2004 per la campagna contro Bush, 23.581.000 di dollari: queste sono state noccioline rispetto a quanto sta investendo su Obama. È chiaro: se Obama dovesse vincere non sarebbe che un pupazzo nelle mani di Soros.
    È facile prevedere che una politica estera ispirata da Soros farà scattare tutti i meccanismi per guerre prima localizzate nei Balcani, nel Caucaso, in Medio Oriente e successivamente una cascata di guerre in tutto il Pianeta; certamente non si tratta di essere degli sciamani per immaginare questi scenari.
    01/11/2008
    Germano Battilana
    Veneto Serenissimo Governo

    Casella Postale 64- 36022 – Cassola (VI)
    VENETO
    [email protected][email protected]
    tel. 349 1847544 - 340 6613027
    www.serenissimogoverno.org

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La lotta al "terrorismo internazionale" e' la piu' grande menzogna degli ultimi anni.
    E' risaputo che il terrorismo e' SEMPRE finanziato e quasi sempre diretto da Servizi segreti o da organizzazioni mafiose a loro collegate.

    E' anche fin troppo chiaro l'intento, attraverso queste "provocazioni terroriste" di assoggettare Governi e Stati "reticenti" al dominio degli attuali "poteri forti" ed allo stesso tempo di intimorire o minacciare i propri "alleati".

    Perfino il sedicente governo veneto lo ammette tra le righe quando accusa l'ebreo-americano Soros di finanziare gruppi narco-terroristi.
    Ma crediamo davvero che un qualsiasi Soros per quanto ricco e spregiudicato possa finanziare narcoterroristi senza l'avvallo dei vertici di Governi o Servizi segreti o comunque di "poteri forti" occulti?

    Tra l'altro Soros e' conosciuto come uomo dei Rothschild i quali notoriamente finanziano, attraverso le loro centianaia di corporations partecipate, chi e' al governo e chi e all'opposizione, sia in Europa che in USA a seconda della loro convenienza.

    Soros era anche a bordo del panfilo della Regina d'Inghilterra, il "Britannia", nel Giugno del 1992, per un incontro SEGRETO tra esponenti anglo-americani della finanza ed esponenti italiani tra i quali il Ministro Andreatta e i 3 "banchieri" Carlo Azeglio Ciampi, Lamberto Dini e Mario Draghi.
    Il successivo mese di Settembre 1992 ci fu la famosa speculazione sulla lira capitanata dal buon Soros, in cui il Governatore banchitaliano Ciampi brucio' inutilmente 48 miliardi pubblici, provocando un ulteriore "bisogno urgente" di risorse e determinando quello che fu la "corsa" alle privatizzazioni a favore degli amici degli amici.

    Ciampi dopo questo fu "promosso" a Ministro del Tesoro e poi Presidente della Repubblica, Dini a Ministro del Tesoro e Presidente del Consiglio, Draghi a Presidente del comitato per la privatizzazione pubblica (e poi assunto dalla Goldman-Sachs per i suoi "meriti")... ed ora a Bankitalia.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 06-11-12, 16:01
  2. una donna comanda le forze americane nelle operazioni libiche
    Di democratico nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 24-03-11, 09:45
  3. Il fattore K nelle elezioni americane
    Di Veneto Governo nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-11-08, 08:18
  4. Il fattore K nelle elezioni americane
    Di Veneto Governo nel forum Veneto
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-11-08, 02:26
  5. La poligamia fattore di crisi nelle banlieue?
    Di Minou nel forum Politica Estera
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 18-11-05, 18:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226