User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Contro gli sprechi, tagliare le tasse di Corrado Sforza Fogliani

    Ho letto solo oggi questo articolo, apparso sull'Opinione del 3 ottobre. Vi faccio un copia-incolla. E' giustissimo


    di Corrado Sforza Fogliani

    La lotta agli sprechi è sacrosanta. Anzi, è la prima emergenza. Ma si tratta di vedere come la si vuol fare.
    La via tradizionale è quella di individuare sacche di spreco, e di intervenire. Ma è una via impervia. Si rivoltano, da noi, Comunità montane al livello del mare, Camere di Commercio con qualche decina di dipendenti, Tribunali che emettono 30 sentenze all’anno, Province (e Comuni) che non hanno ragion d’essere, Prefetture che hanno niente da fare. Si rivoltano persino i Consorzi di bonifica, incuranti della latente rivolta del Paese contro i loro privilegi. Tutti invariabilmente - all’unisono - sostengono che bisogna distinguere caso da caso, non fare di un’erba un fascio, che ci sono i virtuosi e gli inefficienti, che i tagli debbono essere selettivi. E tutti hanno pronto un dato o l'altro che gli dà ragione. Così, per questa via non si combina niente, o quasi. Questa via può far comodo alla classe politica (alla quale - alla fin fine - lascia il potere di scegliere dove tagliare e dove no, magari con la spruzzata di un pizzico di clientelismo), ma alla fin fine lascia il tempo che trova. Com’è sempre stato finora.
    La tradizionale via di lotta allo spreco va abbandonata. Ne va imboccata (con decisione e con coraggio) una tutt’affatto nuova. La via maestra è quella di tagliare le tasse, di «affamare la bestia» (della spesa pubblica), come si dice negli Stati Uniti. Se si tolgono risorse ai burocrati ed ai politici (in modo limitato, ma irriducibilmente continuativo negli anni), saranno loro - per forza di cose - ad individuare gli sprechi, e a cominciare da quelli i tagli. E non si alzeranno più le barriere contro l’«utilità» di uno spreco o dell’altro.
    In un Paese nel quale il potere di spendere è nelle stesse mani di chi ha il potere di tassare, o funziona il metodo che s'è detto o - quando si è nelle condizioni in cui è la finanza pubblica in Italia - si va al fallimento. Non c’è altro rimedio.
    I lai, naturalmente, si solleveranno ugualmente, eccome se si solleveranno. Ma non bisogna lasciarsi convincere dall’«assioma» - che pure sarà regolarmente invocato, in coro - dell’incomprimibilità (data - per definizione - come assodata, paradossalmente) della spesa pubblica. E, tantomeno, bisogna lasciarsi commuovere dal ricatto del taglio ai servizi sociali (solitamente invocato, in Italia, dagli enti locali: che è proprio dove si annida la vera voragine dello spreco, che Brunetta ha comunque cominciato a scoperchiare, altro che auto blu...). Per proseguire inesorabilmente nel taglio delle imposte, come unico mezzo al fine di tagliare la spesa pubblica e quindi gli sprechi, bisogna solo ricordarsi della Svizzera e della sua storica saggezza di separare gli organi di spesa dagli organi che decidono le imposte (i Parlamenti, nacquero proprio per questo, com’è ben noto, ma essi stessi non se ne ricordano più, anzi). Nel 1975, così, il governo svizzero sottopose ai votanti un referendum per l’aumento delle aliquote fiscali. I votanti rifiutarono decisamente. Quando venne chiesto a un eminente cittadino cosa tale evento significasse, egli rispose, del tutto tranquillamente: «Il governo deve vivere di quello che ha, proprio come tutti noi».
    (sotto c'è una vignetta: "affamare la bestia" come in Svizzera è meglio che lottare contro i fannulloni!")

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry "affamare la bestia" cioè la spesa pubblica

    Ma nessuno di voi ha notato quest'articolo? E' da leggere con attenzione..condivisibilissimo..ASSOLUTAMENTE CORAGGIOSO....è l'unica soluzione..

    Copio-incollo ancora alcuni passaggi:

    La via tradizionale è quella di individuare sacche di spreco, e di intervenire. Ma è una via impervia. Si rivoltano, da noi, Comunità montane al livello del mare, Camere di Commercio con qualche decina di dipendenti, Tribunali che emettono 30 sentenze all’anno, Province (e Comuni) che non hanno ragion d’essere, Prefetture che hanno niente da fare. Si rivoltano persino i Consorzi di bonifica, incuranti della latente rivolta del Paese contro i loro privilegi. Tutti invariabilmente - all’unisono - sostengono che bisogna distinguere caso da caso, non fare di un’erba un fascio, che ci sono i virtuosi e gli inefficienti, che i tagli debbono essere selettivi. E tutti hanno pronto un dato o l'altro che gli dà ragione. Così, per questa via non si combina niente, o quasi...................

    La tradizionale via di lotta allo spreco va abbandonata. Ne va imboccata (con decisione e con coraggio) una tutt’affatto nuova. La via maestra è quella di tagliare le tasse, di «affamare la bestia» (della spesa pubblica), come si dice negli Stati Uniti. Se si tolgono risorse ai burocrati ed ai politici (in modo limitato, ma irriducibilmente continuativo negli anni), saranno loro - per forza di cose - ad individuare gli sprechi, e a cominciare da quelli i tagli. E non si alzeranno più le barriere contro l’«utilità» di uno spreco o dell’altro.

    In un Paese nel quale il potere di spendere è nelle stesse mani di chi ha il potere di tassare, o funziona il metodo che s'è detto o - quando si è nelle condizioni in cui è la finanza pubblica in Italia - si va al fallimento. Non c’è altro rimedio ......
    ECCETERA...ECCETERA....ECCETERA

  3. #3
    Dime Can Ma No 'Talián!
    Data Registrazione
    19 Jun 2009
    Località
    Nederland - Paexi Basi
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da armida Visualizza Messaggio
    Ho letto solo oggi questo articolo, apparso sull'Opinione del 3 ottobre. Vi faccio un copia-incolla. E' giustissimo


    di Corrado Sforza Fogliani (...)

    Ma chi dovrebbe abbassarle le tasse, i parlamentari a Roma?
    E chi li mantiene poi i clientelismi, i favori agli amici del collegio, ....

    Ma questo Fogliani che cosa si è fumato?


    Le tasse non caleranno (anzi), gli sprechi non diminuiranno (anzi) e la baracca andrà piano piano (ma forse neanche tanto piano) verso il suo ineluttabile destino.
    Ciao ciao paese delle banane...

  4. #4
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


 

 

Discussioni Simili

  1. Giarda, pronti a tagliare 100 mld di sprechi in P. A.
    Di Platone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 29-05-12, 08:23
  2. I sindacati della scuola, il Vaticano e gli sprechi da tagliare
    Di paolida nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-07-08, 17:20
  3. Tagliare Costi e Sprechi Cominciando Dagli Stipendi...
    Di Aurora86 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-10-07, 14:18
  4. Ecco chi vuole tagliare gli sprechi e chi no!!!
    Di John Galt nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-11-06, 01:11
  5. Sprechi da tagliare: il parassitismo del cinema italiano
    Di aguas nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 02-12-04, 04:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226