User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 79
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Obama, questo sconosciuto!

    Quello che non sapevo di Obama, il nuovo presidente degli Stati Uniti.

    __________________________________________________ ___________________________

    12 ragioni per rifiutare Obama e appoggiare Nader /Mckinney.


    da www.Ariannaeditrice.it

    Le elezioni presidenziali negli Usa, ancora una volta, ci forniscono una prova cruciale dell'integrità e della condotta coerente degli intellettuali Usa. Se è dovere e responsabilità dell'intellettuale pubblico di dire la verità in faccia al potere, le recenti affermazioni di gran parte dei nostri noti e prestigiosi polemisti pubblici hanno miseramente fallito. Invece di sottolineare, mostrare e denunciare le politiche reazionarie, interne ed estere, del candidato del Democratic Party, senatore Barack Obama, hanno scelto di appoggiarlo 'criticamente', offrendo come scusa il fatto che persino 'differenze limitate' possono dare risultati positivi, e che 'Obama è il male minore' e 'crea un'opportunità per una possibilità di cambiamento'.

    Ciò che rende insostenibili questi argomenti è il fatto che i pronunciamenti pubblici di Obama, i suoi maggiori consiglieri politici e i probabili membri del suo governo hanno apertamente definito una politica estera in gran parte bellicosa e una politica economica nazionale profondamente reazionaria totalmente in linea con Paulson-Bush-Wall Street. Sulle maggiori questioni a riguardo di guerra, pace, crisi economica e distruzione dei salari della classe lavoratrice Usa, Obama promette di estendere e approfondire le politiche che la maggioranza degli americani rifiuta e ripudia.


    12 Ragioni per Rifiutare Obama

    1) Obama ha pubblicamente e ripetutamente promesso un'escalation nell'intervento militare Usa in Afganistan, un aumento del numero di soldati Usa, l'espansione delle loro operazioni e l'impegno in sistematici attacchi oltreconfine. In altre parole, Obama è un guerrafondaio peggiore di Bush.

    2) Obama ha dichiarato pubblicamente che il suo regime estenderà la 'guerra al terrorismo' con attacchi sistematici e su grande scala, sia via aria che via terra, contro il Pakistan, portando così a una escalation della guerra che coinvolgerà villaggi, paesi e città definiti favorevoli alla resistenza afghana.

    3) Obama si oppone al ritiro delle truppe Usa dall'Iraq in favore di un loro re-dispiegamento; la ricollocazione delle truppe Usa dalle zone di combattimento a posizioni logistiche e di addestramento in base alla capacità militare dell'esercito iracheno di sconfiggere la resistenza. Obama si oppone ad una scadenza chiaramente definita per il ritiro delle forze Usa dall'Iraq, perché le truppe Usa in Iraq sono essenziali per il perseguimento delle sue politiche generali in Medioriente, che includono confronti militari con Iran, Siria e Libano meridionale.

    4) Obama ha dichiarato il suo incondizionato appoggio alla posizione della lobby filo israeliana e alle politiche coloniali espansionistiche e bellicose dello Stato ebraico. Egli ha promesso di appoggiare gli attacchi militari israeliani a qualunque costo per gli Usa. Il suo ignobile servilismo a Israele è risultato evidente nel suo discorso alla conferenza annuale dell'AIPAC nel 2008 a Washington. Massimi consiglieri che hanno famigerati legami di lunga data con gli esponenti di spicco delle principali fabbriche di propaganda sionista e i presidenti delle maggiori organizzazioni ebraico-americane sono stati gli autori del discorso e formulano la sua politica estera mediorientale.

    5) Obama ha promesso di attaccare l'Iran se continuerà a processare uranio per i suoi programmi nucleari. In due occasioni, poche settimane prima delle elezioni, il candidato vicepresidente di Obama, Joseph Biden, ha elencato una serie di 'punti di conflitto' (che comprendono Iran, Afghanistan, Pakistan, Russia e Corea del Nord) sottolineando che Obama 'risponderebbe con forza'. I maggiori consiglieri di Obama per il Medioriente comprendono noti sionisti come Dennis Ross, strettamente legato al ‘Bipartisan Policy Center’, che ha pubblicato un articolo che servirebbe da modello per la guerra con l'Iran. L'offerta di Obama di negoziare con l'Iran è poco più che un pretesto per annunciare un ultimatum che chieda all'Iran di rinunciare alla sua sovranità di fronte al rischio di un massiccio attacco militare.

    6) Obama appoggia incondizionatamente l'espulsione dei palestinesi da parte di Israele e l'espansione delle colonie ebraiche nella Cisgiordania, la maggiore causa di ostilità, guerra e discredito della politica Usa nella regione mediorientale. Con tre dozzine di accesi sostenitori di Israele tra i suoi maggiori organizzatori nella campagna elettorale, consiglieri politici di punta e autori di discorsi che sono tra i probabili candidati per posizioni nel gabinetto di governo, non c'è virtualmente alcuna speranza di 'influenzare dall'interno' o 'applicare pressione popolare' per cambiare la servile sottomissione di Obama alla configurazione di potere sionista. Appoggiando Obama, gli "intellettuali progressisti", sono di fatto alleati dei suoi mentori sionisti.

    7) Sul fronte domestico, i principali consiglieri economici di Obama hanno impeccabili credenziali a Wall Street. Egli ha fornito un appoggio immediato e acritico al piano di salvataggio, proposto dal segretario al Tesoro Paulson, delle più ricche banche d'investimento negli Usa tramite $ 700 miliardi provenienti dalle tasse dei contribuenti. Obama non ha sfidato Paulson o le banche per quanto riguarda l'uso di fondi federali per acquisizioni e rilevamenti anziché per prestiti e credito a produttori e proprietari di casa. L'appoggio da parte di Obama a Paulson e al salvataggio di Wall Street è bilanciato solo dalla magra proposta di sospendere i pignoramenti per un periodo di tre mesi in attesa di una rinegoziazione del pagamento degli interessi. Obama propone di aumentare il trasferimento dei fondi governativi a istituzioni finanziarie mal gestite e a fallimentari aziende capitaliste, nello sforzo di salvare un capitalismo fallito piuttosto che perseguire un nuovo programma di investimenti pubblici a grande scala e a lungo termine che genererebbe impieghi ben pagati per i lavoratori.

    8) Il team economico di Obama ha apertamente dichiarato il suo sostegno attivo all'ideologia del 'libero mercato' e la sua opposizione a qualunque sforzo di impegnarsi in grandi iniezioni di fondi governativi in attività produttive pubbliche e servizi sociali di fronte a diffusi fallimenti nel settore privato, a corruzione e crollo economico.

    9) Obama abbraccia i falliti piani per un settore sanitario privato, governato e controllato da aziende private di assicurazioni, associazioni mediche ed ospedaliere conservatrici e dalle multinazionali del farmaco. Egli rigetta pubblicamente un programma di sanità pubblica universale modellato sul programma di successo Federal Medicare ed è a favore di piani inefficienti, con privati orientati al profitto ma sostenuti dallo Stato, che sono al di là delle possibilità di oltre un terzo delle famiglie Usa.

    10) Obama è e continua ad essere un sostenitore delle multinazionali agroalimentari e del loro programma per l'etanolo, redditizio e con forti sussidi pubblici, che ha aumentato i prezzi del cibo per milioni di persone negli Usa e centinaia di milioni nel mondo.

    11) Obama sostiene una continuazione del criminale embargo contro Cuba, un confronto ostile con il presidente populista del Venezuela Chavez e con altri riformatori latinoamericani, e l'ipocrita politica di promuovere il protezionismo in patria e l'accesso del libero mercato all'America latina. I suoi consiglieri chiave per l'America Latina propongono cambiamenti puramente cosmetici in stile e diplomazia ma un ostinato appoggio per la riaffermazione dell'egemonia Usa.

    12) Obama non ha proposto alcun piano o strategia esaustiva per farci uscire dalla sempre più profonda recessione, piano che non è nemmeno immaginato dei suoi i consiglieri pro-libero mercato e dai suoi miliardari sostenitori finanziari. Al contrario il corso di misure graduali proposte da Obama è internamente inconsistente: l'austerità fiscale è incompatibile con la creazione di posti di lavoro; il salvataggio di Wall Street sottrae fondi dagli investimenti produttivi; e il perseguimento di nuove guerre mina un recupero nazionale.

    CONCLUSIONI

    Gli intellettuali che, in nome del 'realismo', appoggiano un politico che pubblicamente e apertamente abbraccia nuove guerre, aiuti economici ai miliardari, ed è in favore di programmi sanitari privati e volti al profitto, stanno ripudiando le loro stesse rivendicazioni di 'critici responsabili'. Essi sono quelli che C. Wright Mills definì 'realisti insani' [‘crackpot realists’], che abdicano alla loro responsabilità di intellettuali critici. Atteggiandosi come sostenitori del 'male minore' essi stanno promuovendo il 'male maggiore': la continuazione per altri quattro anni di una recessione che si approfondisce, di guerre coloniali e alienazione popolare. Inoltre essi sono alleati dei Mass media, dei maggiori partiti e del sistema legale che ha marginalizzato o deliberatamente escluso i candidati alternativi, Ralph Nader e Cynthia McKinney, che si oppongono esplicitamente alla guerra e ai piani di salvataggio in favore di Wall Street e propongono autentici investimenti pubblici su grande scala nell'economia domestica, un programma sanitario universale tipo single payer [un programma come il Medicare USA o il sistema sanitario britannico, in cui i pagamenti a medici, ospedali e altri fornitori di servizi sanitari provengono da un unico fondo. Da Wikipedia. N.d.t.], politiche economiche sostenibili e favorevoli all'ambiente e politiche redistributive del reddito a lungo termine e ad ampio raggio.

    Ciò che è stupido e inaccettabile è l'argomento di questi intellettuali (una spintarella insignificante all'asinello democratico) che anche per un solo momento credono che il loro 'appoggio critico' alla macchina politica di Obama aprirà spazio a idee radicali. I sionisti e i militaristi civili controllano totalmente la politica bellica di Obama in Medioriente: non ci sarà spazio per la pace con l'Iran, la Palestina, il Pakistan, l'Afganistan o l'Iraq. Wall Street controlla la politica finanziaria di Obama: non ci sarà alcuno spazio in cui alcun progressista di Cambridge riuscirà a far passare un aiuto per le famiglie che perdono le loro case.

    Se le tesorerie multimilionarie dei sindacati, che hanno speso centinaia di milioni di dollari in ciascuna campagna presidenziale, non sono riuscite ad assicurarsi un solo pezzo di legislazione progressista in cinquant'anni, non è un'illusione che i nostri 'intellettuali pubblici' progressisti immaginino che loro, nel loro splendido isolamento organizzativo, riescano a 'fare pressioni' sul presidente Obama perché rinunci ai suoi consiglieri, ai suoi sostenitori e alla sua difesa pubblica di un'escalation militare, per cercare una via di pace con l'Iran e promuovere giustizia sociale per i nostri lavoratori e disoccupati?

    Titolo originale: "Twelve Reasons to Reject Obama and Support Nader/McKinney"

    Fonte: http://www.globalresearch.ca/
    Link
    30.10.2008

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    8,524
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ollalà, ma i sinistri nostrani lo sanno ? Sono tutti così entusiasti manco avessero vinto le elezioni loro

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Aug 2007
    Messaggi
    2,353
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Piu' aumenta il peso della crisi maggiore diventa la speranza di cambiamento e miglioramento.
    Vedremo i fatti ma, come e' molto facile prevedere non ci saranno cambiamenti di sostanza, gli interessi di potere sono troppo addentro al sistema di governo negli USA come da noi

  4. #4
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Confido nella ben nota capacità organizzativa delle popolazioni di origine africana...
    USA al capolinea

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Confido nella ben nota capacità organizzativa delle popolazioni di origine africana...
    USA al capolinea
    quelli che hanno creato anche te?
    la vittoria di obama con un massiccio voto anche dell'elettorato bianco dimostra che gli states non sono piu un paese molto razzista, a differenza delle inutili persne che lo permangono nel resto del mondo e che sono i bassifondi morali e culturali dell'umanità. vi dovrebbero stanare con il veleno ma vi fate pure vedere pubblicamente.

  6. #6
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fatti una chiavata ogni tanto, così ti rilassi

  7. #7
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Da notare che McCain che tanto si è prodigato per fare amnestie ai clandestini messicani e dare loro la cittadinanza l'hanno tradito in pieno.

    Questo è per chi vorrebbe dare il voto agli immigrati nostrani...

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Apr 2008
    Messaggi
    68
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse, per valutare bene quell'articolo, bisognerebbe precisare che Nader e McKinney sono leader della microscopica estrema sinistra americana.

  9. #9
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' divertente leggere i commenti anti-Obama, perche' Barack viene accusato contemporamente:
    -- di essere troppo filosionista, militarista, interventista, servo delle lobbies militari
    -- di essere troppo filopalestinese, pacifista, debole, servo degli islamici
    -- di non aver chiarito abbastanza il suo pensiero sull'argomento

    Idem per l'economia: accusato:
    -- di essere burattino nelle mani delle lobbies ebraiche, capitaliste, finanziarie
    -- di essere un pericoloso comunista che vorrebbe smantellare il settore privato
    -- di non aver chiarito abbastanza il suo pensiero sull'argomento.

    ecc ecc.
    In realta' vi rode il culo che l'america non e' cosi' di destra come pensavate, tutto qui.
    e questo vale anche per la sinistra europea: fino a ieri gli americani erano accusati di essere un popolo di stupidi ignoranti razzisti, adesso sono diventati faro di civilta'

    Personalmente non sono cosi' presuntuoso da sapere in anticipo cosa' fara'....staremo a vedere. Pero' mi fa piacere che avevo azzeccato la vittoria di obama in queste elezioni in una vecchia trasmissione di radio londra del novembre 2004 (il giorno dopo la sconfitta di kerry), quando ancora obama li' da voi non lo conosceva nessuno.... peccato che radio padania non abbia conservato le registrazioni

  10. #10
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Confido nella ben nota capacità organizzativa delle popolazioni di origine africana...
    USA al capolinea
    Quoto.
    Quando leggevo articoli che parlavano di "fine" degli Stati Uniti non ci credevo,Obama è la prova che gli USA sono al capolinea,e stanno solo precedendo l'Europa.
    Gli immigrati si stanno prendendo i paesi che hanno occupato,adesso vengano pure i filosofi di politica online a spiegarmi che sono un razzista che non capisce quale luminoso futuro attende il mondo.

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il Deismo, questo sconosciuto
    Di Voltaire nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 21-04-12, 12:51
  2. acquario, questo sconosciuto!
    Di Perdu nel forum ZooPOL
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-02-12, 20:28
  3. L'ego, questo sconosciuto...
    Di rebecca9 nel forum Filosofie e Religioni d'Oriente
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 09-03-08, 14:19
  4. Tg4 questo sconosciuto...
    Di Elettra_R. nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 15-06-06, 02:14
  5. Questo voto elettronico, questo sconosciuto.
    Di Alexroyal (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 06-04-06, 10:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226