User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Unu moru presidenti. Mai prusu “white only”

    Po chini est impressiu, mi deppu scusai e naru subito ca custu est unu contu personali cun d’unu arrejonamentu a pitzus. Essi sardista oli nai essi internazionalista e castiai su mundu cun “ogu socialista”.
    Circa vent’anni fa mi trovavo nella Repubblica Democratica del Congo. Mentre mi spostavo con un piccolo aereo da Kinshasa verso Goma nella regione dei Grandi Laghi (in questo periodo tristemente alla ribalta delle cronache di guerra) un potente uomo politico africano, impegnato in una “entusiasmante cerimonia di autocelebrazione”, invitava fiumi di champagne a tutti i passeggeri. Eravamo una decina, tutti a bere lo champagne.
    Mentre Osservavo lo scenario, riflettevo su quanto la classe politica africana, di “scuola coloniale-europea”, fosse infantile e avesse acquisito il peggio dei bianchi arrivando persino all’esaltazione di un’eredità imbecille.
    Intanto leggevo un libro su Patrice Emery Lumumba (“primo ministro” congolese dopo l’indipendenza) assassinato in modo atroce dall’agente dell’Intelligence americano Lawrence Devlin, da un militare belga e dal colonnello dei servizi segreti Louis Marlière. Chiaramente il mandante era Allen Dulles, capo della Cia. Fu lui a ordinare che il suo corpo venisse macellato a colpi di“machette” e sciolto in un barile pieno di acido ricavato dalle batterie delle automobili, per non lasciare tracce. Stessa sorte fu riservata a due compagni di Lumumba.
    L’operazione era stata orchestrata dal presidente degli USA Eisenhower e dalla monarchia belga che consideravano Lumumba un “pericolo per il Congo e per il mondo” perché avrebbe permesso ai comunisti di installarsi nella regione dei Grandi Laghi, invertendo i rapporti di forza tra USA e
    l’allora Unione Sovietica.

    Lumumba fu condannato a morte dalla diplomazia occidentale per avere la colpa (oltre che di aver chiesto aiuto a Nikita Kruscev, per una situazione incontrollabile venuta a crearsi nella regione del Katanga) di essere prima di tutto un leader nazionalista ed un indipendentista che teneva a cuore le sorti del popolo congolese.
    I subbugli politici, come facilmente intuibile, venivano di fatto alimentati dalla monarchia belga, e da multinazionali con grandi interessi economici sulle ricchissime risorse naturali, tutto ciò per dimostrare che il Congo non era maturo per il processo di decolonizzazione.
    La storia è lunga e tornando al fiume di champagne attraverso il quale l’uomo africano ostentava il suo potere certamente di “mediazione” in un contesto neocoloniale… la mia attenzione si soffermò su una frase di Lumumba: “…di bianco mi piace solo il latte”.

    Barack Obama presidente, non è solo una vittoria anti-Bush, espressione globalizzata del dominio basato sulla guerra, ma è il grande sogno della maggioranza dei popoli del mondo: il diritto a decidere per se stessi, liberamente e in maniera autonoma da ogni condizionamento delle proprie risorse culturali e ambientali, del proprio governo e della propria felicità, rifiutando la logica del dominio del denaro.
    Auguriamoci che il moto “change”- “su cambiamentu” oltre la campagna elettorale diventi realtà negli Stati Uniti e in tutti i continenti.
    Lui può essere il simbolo della “riappacificazione dell’umanità”. A lui ora dare il buon esempio.
    Mai più “white only” che lessi su una panchina a Città del Capo, durante l’”apartheid”.
    Vida longa a Obama presidenti.
    Claudia Zuncheddu

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2008
    Messaggi
    80
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Bellu contu.

    Citazione Originariamente Scritto da ZunchedduBlog Visualizza Messaggio
    Po chini est impressiu, mi deppu scusai e naru subito ca custu est unu contu personali cun d’unu arrejonamentu a pitzus. Essi sardista oli nai essi internazionalista e castiai su mundu cun “ogu socialista”.
    Circa vent’anni fa mi trovavo nella Repubblica Democratica del Congo. Mentre mi spostavo con un piccolo aereo da Kinshasa verso Goma nella regione dei Grandi Laghi (in questo periodo tristemente alla ribalta delle cronache di guerra) un potente uomo politico africano, impegnato in una “entusiasmante cerimonia di autocelebrazione”, invitava fiumi di champagne a tutti i passeggeri. Eravamo una decina, tutti a bere lo champagne.
    Mentre Osservavo lo scenario, riflettevo su quanto la classe politica africana, di “scuola coloniale-europea”, fosse infantile e avesse acquisito il peggio dei bianchi arrivando persino all’esaltazione di un’eredità imbecille.
    Intanto leggevo un libro su Patrice Emery Lumumba (“primo ministro” congolese dopo l’indipendenza) assassinato in modo atroce dall’agente dell’Intelligence americano Lawrence Devlin, da un militare belga e dal colonnello dei servizi segreti Louis Marlière. Chiaramente il mandante era Allen Dulles, capo della Cia. Fu lui a ordinare che il suo corpo venisse macellato a colpi di“machette” e sciolto in un barile pieno di acido ricavato dalle batterie delle automobili, per non lasciare tracce. Stessa sorte fu riservata a due compagni di Lumumba.
    L’operazione era stata orchestrata dal presidente degli USA Eisenhower e dalla monarchia belga che consideravano Lumumba un “pericolo per il Congo e per il mondo” perché avrebbe permesso ai comunisti di installarsi nella regione dei Grandi Laghi, invertendo i rapporti di forza tra USA e
    l’allora Unione Sovietica.

    Lumumba fu condannato a morte dalla diplomazia occidentale per avere la colpa (oltre che di aver chiesto aiuto a Nikita Kruscev, per una situazione incontrollabile venuta a crearsi nella regione del Katanga) di essere prima di tutto un leader nazionalista ed un indipendentista che teneva a cuore le sorti del popolo congolese.
    I subbugli politici, come facilmente intuibile, venivano di fatto alimentati dalla monarchia belga, e da multinazionali con grandi interessi economici sulle ricchissime risorse naturali, tutto ciò per dimostrare che il Congo non era maturo per il processo di decolonizzazione.
    La storia è lunga e tornando al fiume di champagne attraverso il quale l’uomo africano ostentava il suo potere certamente di “mediazione” in un contesto neocoloniale… la mia attenzione si soffermò su una frase di Lumumba: “…di bianco mi piace solo il latte”.

    Barack Obama presidente, non è solo una vittoria anti-Bush, espressione globalizzata del dominio basato sulla guerra, ma è il grande sogno della maggioranza dei popoli del mondo: il diritto a decidere per se stessi, liberamente e in maniera autonoma da ogni condizionamento delle proprie risorse culturali e ambientali, del proprio governo e della propria felicità, rifiutando la logica del dominio del denaro.
    Auguriamoci che il moto “change”- “su cambiamentu” oltre la campagna elettorale diventi realtà negli Stati Uniti e in tutti i continenti.
    Lui può essere il simbolo della “riappacificazione dell’umanità”. A lui ora dare il buon esempio.
    Mai più “white only” che lessi su una panchina a Città del Capo, durante l’”apartheid”.
    Vida longa a Obama presidenti.
    Claudia Zuncheddu
    Bellu contu, o Claudia. Purtroppo ancora troppe persone hanno paura del "diverso" (che divers non è), anche se queste elezioni dovrebbero dimostrare il contrario,,ma molti voti di Obama sono dei fratelli neri. Voglio riportare una frase comparsa su
    Washington Post, l'11 novembre 2008 .... «Una serie di commenti sull'elezione del primo presidente nero degli Stati Uniti lasciano intendere come alcune personalità pubbliche in Europa siano tutt'altro che illuminate sulle questioni razziali» . A chi ci si riferisce è chiaro! A Silvio Berlusconi! Lo stesso che voleva tenere zitti i cittadini che protestavano contro la stupidissima e dannosa riforma dell'istruzione!
    Vida longa a Obama presidenti!
    E fortza paris!

  3. #3
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie CP

    "White Only" era la scritta bianca che lessi su una panchina in un posto pubblico a Città del Capo. Ero abituata agli orrori razziali, ma quella scritta, in terra d'Africa, che riservava la panchina pubblica solo ai culi dei bianchi mi fece davvero un brutto effetto. Inutile dire che noi sardi ad esempio, durante l'apartheid saremo finiti tra i meticci e quindi dalla parte naturale dei popoli neri. Commissioni di bianchi erano deputate alla "catalogazione" di donne e uomini di incerta appartenenza alla razza bianca. Era facile finire fra i meticci e come i neri perdere automaticamente ogni diritto civile.

    “Mai più white only” vuole essere un messaggio universale di ricchezza e di amore per tutte le diversità.
    A si biri e fortza paris
    Claudia Zuncheddu


 

 

Discussioni Simili

  1. naki su pulman si paka de prusu !
    Di urgekitana nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 24-08-10, 11:49
  2. White Power o White Idiocy? Notizia per i palati fini...
    Di are(a)zione nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 80
    Ultimo Messaggio: 27-09-07, 16:12
  3. Almost white
    Di sacher.tonino nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-07-06, 09:54
  4. White Power?
    Di Titus Livius (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 309
    Ultimo Messaggio: 02-09-05, 13:13
  5. Presidenti di parte e presidenti di tutti.!
    Di ErTigre nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-03-02, 17:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226