User Tag List

Pagina 2 di 5 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 43
  1. #11
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    parteciperò per quanto possibile (in questo periodo ho parecchio da lavorare) a questo interessante dibattito!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #12
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,938
    Mentioned
    119 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    E' imbarazzante questo silenzio dell'area liberal-libertaria nei nostri confronti. Nonostante i miei reiterati tentativi di costituire un ponte fra il conservatorismo propriamente detto e il libertarismo, tentativi che hanno portato a notevoli concessioni alle loro politiche sul nostro Manifesto, finora abbiamo ottenuto pochissimo a livello di riscontro. Se perdura questo stato di cose credo dovremo chiederci il motivo di ciò ed agire di conseguenza.
    beh,diciamo che i soggetti potenzialmente interessati al circolo sono o troppo impegnati col lavoro (Rudy) o sanno di non essere troppo graditi su questi lidi (Ronnie).
    altri onestamente non ne conosco,anzi liberalismo e libertarismo pullulano più di filoradicali che di paleolibertari.

  3. #13
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    A mio parere "Il Conservatore" deve aprirsi a tutti coloro che hanno almeno un briciolo (il termine non vuole essere dispregiativo) di formazione politica conservatrice. Nell'area politica-culturale che in Italia si suole definire di "centrodestra" c'è un filo comune che può unire tutti quanti: chi più, chi meno, ciascuno può contribuire al Conservatorismo, almeno per settori (abbiamo i più tradizionalisti, i più identitari, i più reazionari, i più cattolici, coloro che amano l'ordine, la gerarchia, o semplicemente la tranquillità, il quieto vivere); è anche utile la definizione di "avversario comune", ovvero la cultura progressista, comunista, postsessantottina.
    Ovviamente dobbiamo tener conto della natura virtuale di questo luogo di incontro e di discussione: pullulano infatti forumisti disattenti, o peggio ancora rancorosi, che ben difficilmente potranno essere attirati.
    Preso atto di ciò, non facciamoci scoraggiare da invidie e preclusioni personali, e andiamo avanti. Il sentiero è ben tracciato: i frutti verranno da sè; noi dovremo solo impegnarci a raccoglierli.
    Concretamente, non rinchiudiamoci nel nostro piccolo "club", pretendiamo sì il massimo impegno possibile (l'adesione e la partecipazione vanno soppesate; in tre parole, "qui si studia"), ma dimostriamoci disponibili a discutere, ad usare toni fermi e contemporaneamente amichevoli. Lasciamo spazio alle idee, se hanno qualcosa in comune, anche solo in parte, con il conservatorismo.

  4. #14
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    beh,diciamo che i soggetti potenzialmente interessati al circolo sono o troppo impegnati col lavoro (Rudy) o sanno di non essere troppo graditi su questi lidi (Ronnie).
    altri onestamente non ne conosco,anzi liberalismo e libertarismo pullulano più di filoradicali che di paleolibertari.
    Non è così. Ronnie sa benissimo di essere graditissimo su questo lido perchè l'ho più volte invitato personalmente ad aderire all'iniziativa. Cosa che ho fatto con altri singoli esponesti dell'area liberal-libertaria. Ho ottenuto un reitarato rifiuto, quella la verità che ognuna delle persone da me contattate ti può confermare.

  5. #15
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Florian Visualizza Messaggio
    Non è così. Ronnie sa benissimo di essere graditissimo su questo lido perchè l'ho più volte invitato personalmente ad aderire all'iniziativa. Cosa che ho fatto con altri singoli esponesti dell'area liberal-libertaria. Ho ottenuto un reitarato rifiuto, quella la verità che ognuna delle persone da me contattate ti può confermare.
    Confermo che Ronnie o altri sono graditissimi se l'intento è quello di parlare di politica, economia, cultura e religione contribuendo al dibattito e alla riflessione conservatrice. Lungi da me, e penso da Florian e tutti gli altri, anteporre polemiche rispetto al successo qualitativo de Il Conservatore.

  6. #16
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie Florian del tuo invito,sto seguendo da "esterno" e con attenzione "Il Conservatore",progetto che nonostante qualche differenza ideologica con noi,sta avendo il merito di portare la cultura e la cultura di Destra su Pol.Leggerò questa discussione e non mi riserverò di intervenire.

  7. #17
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    117,908
    Mentioned
    537 Post(s)
    Tagged
    24 Thread(s)

    Predefinito

    Mi permetto di intervenire anch'io su questo 3d, in quanto reazionario e rivoluzionario conservatore. Mi scuso con Florian se riterrà la mia presenza inopportuna.

    Il problema secondo me sta a monte: gli Stati Uniti d'America, che nascono già di per sè in seguito ad una rivoluzione di tipo "liberale", dopo la vittoria nella guerra di secessione del Nord hanno imboccato la strada della società multirazziale: un processo non immediato, ma progressivo, la cui realizzazione, non definitiva ma quasi, la vediamo oggi con l'elezione di Obama presidente.
    La decadenza dell'Europa è anche dovuta all'imitazione del modello americano e il nostro continente, a causa di ciò, come accade ogni volta a chi copia, sta diventando la brutta copia degli Stati Uniti d'America.

    Il problema della vittoria di Obama, come ho già avuto modo di dire in altri forum, sta nel fatto che:
    1)a livello "mediatico" mondiale rappresenta la realizzazione della società multirazziale, dandone un'immagine vincente, anche se ben sappiamo che il modello di società multirazziale è tutt'altro che vincente;
    2)per la sua fama di "progressista, umanitarista, giovane, bello, bravo e vincente", potrà imporre più facilmente, anche verso quei paesi più reticenti ad accettare l'egemonia americana sul mondo, l'influenza americana, proprio in un periodo in cui si stava uscendo definitivamente dall'unipolarismo americano per passare ad un vero e proprio contesto multipolare;
    3)è legato alle peggior lobbies mondialiste. Tanto per intenderci, alla parte più disgregatrice e distruttiva della sovversione.
    Soros e Brzezinski sono infatti i burattinai che muovono le fila della marionetta Obama.
    Obama è una loro "creatura" politica.
    Soros e Brzezinski rappresentano anche la parte più ostile all'Europa (quella vera, non la schifezza tecnocratica di Bruxelles e Strasburgo): rivoluzioni colorate nei paesi dell'Est, finanziamenti ai terroristi ceceni, finanziamenti e supporto all'UCK in Kosovo contro la Serbia, politica anti-russa e tesa a dividere sempre più l'Europa dalla Federazione Russa.

    Il GOP, se vuole rappresentare un'alternativa credibile a tutto ciò, deve effettivamente e realmente essere alternativo a tutto questo. Il neoconservatorismo è stato nefasto: nei fatti, non è alternativo alla linea Soros-Brzezinski, ma, a livello di politica estera, meno "fine" e raffinato.
    Soros e Brzezinski sono due pragmatici, quindi più pericolosi.
    I neocons in seno all'Amministrazione USA hanno promosso una politica estera aggressiva non solo nei fatti, ma anche nei toni e questo ha avuto il duplice effetto di screditare l'immagine degli USA nel mondo e di far impantanare il governo americano in un paese come l'Iraq, nel quale, se rimaneva Saddam Hussein, era meglio.
    Sono stati solo più grossolani.

    So che Florian mi contesterà, ma, se parliamo a livello "ideologico", solo le radici trotzkiste del neoconservatorismo devono far riflettere sulla vera natura di tale corrente.
    Non citatemi Leo Strauss, perchè sappiamo perfettamente per quali fini sono poi stati usate le sue tesi e sappiamo perfettamente che Kristol, come tanti altri intellettuali neocons, mai ha rinnegato la sua militanza comunista.

    Il GOP per risollevarsi deve diventare isolazionista, paleoconservatore e reazionario. Deve rappresentare l'America europea, l'America dei bianchi.
    Anche perchè McCain sapete dov'è che ha superato Obama? Solo fra i bianchi.
    Neanche fra gli ebrei, che hanno votato in massa per Obama.
    Dopo queste elezioni, il Partito Repubblicano è diventato quasi il "partito dei bianchi".

    So perfettamente che il mio ragionamento è influenzato dalla visione politica di un nazionalista europeo ed archeofuturista quale io sono e che quindi vedo naturalmente con più favore un'America isolazionista e non "imperialista" (passatemi il termine) in favore di un'Eurosiberia (Europa+Russia) imperiale e federale.

    Però so anche mettermi dalla parte di quegli americani fieri delle proprie origini europee, che vogliono mantenere e preservare la specificità della propria razza e salvare la loro nazione dal disastro della società multirazziale e dal caos.

    Buchanan, Ron Paul, David Duke e Don Black preparino la scalata al GOP, anche se sarà non dura, ma durissima.

  8. #18
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    1,412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vedo nelle parole di Florian lo stesso isterismo della sinistra italiana che è filoamericana se alla Casa Bianca vi è un Presidente democratico, mentre prende le distanze dagli USA o si manifesta palesemente ostile se il numero uno degli States appartiene al GOP. Esistono valori di solidarietà transatlantica e ragioni strategiche che giustamente sono sempre stati indipendenti dai colori politici dei vari Presidenti americani. Fu giusto appoggiare Clinton nell'ex-Jugoslavia come è stato giusto condividere l'operato di Bush.

    Poi l'America è una consolidata democrazia dell'alternanza e se si è conservatori nel senso contemporaneo e occidentale del termine, non si può che rispettare le dinamiche democratiche, anche quando producono risultati che possono non piacere. E invece di lagnarsi, bisogna guardare al presente e al futuro per fare una degna opposizione e gettare le basi per una nuova vittoria, proprio come già stanno facendo i repubblicani americani proiettati per le elezioni di midterm e per il 2012, incarnando quell'ottimismo profondamente americano che ha sempre permesso di superare anche i momenti più bui.

  9. #19
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,169
    Mentioned
    137 Post(s)
    Tagged
    48 Thread(s)

    Predefinito

    Si lamenta il silenzio dell'area liberale-libertaria, e si afferma che non saremmo sgraditi ma graditi, buono a sapersi. Visto il piccolo dibattito su questo forse è il caso di fare chiarezza. Io il secondo approccio con "il conservatore" c'e l'ho avuto moderando i suoi thread sul forum liberalismo. Una volta passi, ma che si continui a postare il link a un altro forum per ogni discussione che vi si fa è una palese operazione di marketing, e se permettete io non vengo a fare marketing qui del forum "liberalismo". In ogni caso qui parlerò del primo, di approccio. Quando Florian è venuto a spedirmi su MSN un documento che doveva essere la bozza di questa cosa nuova. Io l'ho letto e ho detto "auguri, non ci posso entrare". Perchè? Perchè c'erano una serie di cose che io non condivido punto-e-basta, proprio in quanto "liberale" e "liberista" e "libertario".

    La replica ideologica a questo è sempre la solita: dici così ma poi voti o voteresti per un partito con dentro proprio tutto questo (G.O.P.), quindi non c'è problema a farlo su POL. Sbagliato. C'è un problema, anzi ce ne sono tre. Il primo problema è di metodo, ed è il fatto che non è assolutamente vero che "il conservatore" sia una manovra estranea a Camera. Il conservatorismo è una cosa, ha già un forum, e perchè qualcuno senta l'esigenza di un contenitore diverso, con un forum suo e con un simbolo e una lista e delle regole è indicativo che si vuole fare il saltino. "Il conservatore" è un embrione di lista, che vuole essere la vera risposta ad altre liste su Camera. Il conservatore per me è una manovra. Una manovra finalizzata a intercettare voti liberali su una piattaforma portata avanti da persone che già abbiamo visto all'opera e non intendiamo rivedere allo stesso lavoro. Io non voglio dover fare di nuovo giochini su camera con zaffo e gli altri accoliti di templares, se possibile. Il secondo problema è che non è assolutamente vero che "su POL" io abbia questo gran desiderio di entrare in contenitori più grossi e meno coerenti del mio (Progetto Liberale, e il forum liberalismo) a parlare delle cose che sostengo io, proprio perchè ritengo che pol sia diverso dalla realtà e sia gradevole proprio per la possibilità di fare meno compromessi (non dico "non farne", perchè non sarebbe vero punto, e per nessuno), e del fusionismo quindi non me ne frega proprio niente. Il terzo problema è che io ho un tempo limitato, mi sto disappassionando a queste diatribe ridicole, ho in mente persino di rivedere sul lungo periodo il mio interesse per il gioco di camera e ho anche francamente un certo ritegno dal venire a scrivere sul forum di persone con cui ho litigato dalla prima all'ultima proprio per quello. E' in un certo senso una sofferenza fare questo post qui, la mia voglia di farlo è prossima allo zero. Mi sta stufando tutto questo, non ho solo un certo disinteresse per il capire, ma inizio ad averlo anche per il farmi capire, sicchè perdonatemi se non sarà stata cristallina la mia spiegazione.

    Da ultimo voglio citare due frasi.

    "Il Conservatore, infine, considera la libertà personale non un fine in sé stesso, ma un mezzo – il migliore possibile – per convenire ad una vita buona. In funzione di ciò si adopera per preservare l’autonomia individuale dalle continue insidie del potere statale, che diversamente da quel che ritengono le forze social-progressiste, non è ritenuto essere fonte di virtù pubbliche."
    ...

    La libertà non è un mezzo per un più alto fine. E' il più alto fine politico.
    Lord Acton
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  10. #20
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Ronnie, capisco benissimo che ci possano essere differenze politiche e culturali (come hai avuto modo di sottolineare); ma perchè mai dovremmo essere tacciati di chissà quali manovre se ti invitiamo come gradito ospite per parlare di Burke, di Podhoretz, di Conservatorismo e Conservatori nell'accezione più ampia?
    No, Ronnie, Il Conservatore non è una lista in embrione, non è il solito mezzo per altri fini (per Camera), è un'altra cosa e lo abbiamo dimostrato in queste pagine con evidenza cristallina.
    Io stesso ho utilizzato ore e ore del mio tempo per studiare Burke, per capire, per approfondire, e ne sono estremamente lieto.
    Quello che chiediamo non è una "iscrizione", è la disponibilità ad intervenire, ad interessarsi se si può (sono sicuro che una persona come te può dire la sua sui protagonisti del Conservatorismo, od aprire anche nuovi dibattiti su nuovi temi); ma evidentemente permangono torbidi sospetti che pure non ci sono. Vabbè, io non verrò a "supplicare" nessuno, è stato fatto abbastanza credo.
    Aggiungo solo una cosa: non è questione di marketing; se il Forum Liberalismo vorrà attivare iniziative culturali ben venga una promozione in queste pagine, perchè questo è il fine ultimo di POL, diffondere cultura e cooperare anche fra aree diverse per quanto possibile.

 

 
Pagina 2 di 5 PrimaPrima 123 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Usa: oggi il dibattito che Obama non puo' perdere
    Di persio_flacco nel forum Politica Estera
    Risposte: 122
    Ultimo Messaggio: 27-10-12, 04:49
  2. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 25-03-12, 03:37
  3. Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 12-06-09, 15:19
  4. Domani dibattito al senato...Mastella è preoccupato
    Di denty nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 05-06-07, 19:48
  5. dibattito radio domani sera
    Di Lupo Mannaro nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 19-06-02, 09:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226