User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    47,759
    Mentioned
    1004 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Otto d'Asburgo 96 anni: un mito

    Otto d’Asburgo, i 96 anni del decano dei principi Europei, intervista al “Figaro”

    Otto D’Asburgo a Roma durante la beatificazione di suo padre, l’Imperatore Carlo I (2004)

    A 96 anni il figlio maggiore dell’ultimo imperatore ripercorre il suo passato restando molto attento all’attualità.
    Il bambino con i riccioli biondi che nel 1914 posa per una foto accanto all’imperatore Francesco Giuseppe è lui. Ancora lui, due anni dopo assiste a Budapest all’incoronazione di suo padre Carlo I come re d’Ungheria e di sua madre. Otto d’Asburgo vede questi momenti come fossero ieri, il mondo della sua infanzia è stato inghiottito dalla storia ma lui c’è sempre e il 20 novembre festeggerà 96 anni. Quando riceve nella sua casa di Pöcking, in Baviera, egli evoca volentieri i suoi ricordi, ma il passato per lui non è una priorità. Quando mi sono congedato dopo una discussione di diverse ore e dopo che, con squisita cortesia mi invito’ a pranzo, l'arciduca aveva del lavoro: stava redigendo una serie d’articoli sulle elezioni americane. Comparare i meriti rispettivi di Barack Obama e di John McCain lo appassionava di più che rifare il film della sua vita. D’altra parte egli era appena tornato da un viaggio-studio in Svezia e stava preparando una conferenza a Budapest...
    Certo la storia per Otto d’Asburgo ha un senso, ma ancor di più quando essa spiega il presente: sentirlo parlare delle guerre in Iraq come una conseguenza dello smantellamento dell’impero Ottomano oppure esporre la strategia di Putin nel Caucaso come la continuazione della politica degli zar, significa prendere una lezione di geopolitica di un uomo la cui memoria supera le frontiere e i secoli. Se l’interessato attribuisce la sua longevità ai suoi geni materni (sua madre Zita è morta a 97 anni) qual’è il segreto della sua vitalità intellettuale? Senza dubbio a questo gusto di servire il prossimo che gli è stato inculcato fin dall’infanzia.
    Suo padre detronizzato ed esiliato mori’ a Madera nel 1922 e l’arciduca Otto fu allevato da sua madre nella speranza di regnare un giorno, e divenne capo della Casa d’Asburgo al compimento del diciottesimo anno, nel 1930. Quando Hitler minaccia l'Austria, egli si oppone con tutte le sue forze al nazismo. Nel 1940, la Gestapo aveva messo una taglia sulla sua testa ed egli dovette raggiungere l'America dove fu ricevuto e sostenuto da Roosevelt – suo fratello Roberto invece era attivo presso Churchill a Londra -, si batterà presso gli alleati per restaurare dopo la guerra un Austria indipendente, pur restando bandito dal suo paese, dove potrà tornare solo nel 1966. Per vent’anni dal 1979 al 1999, egli fu deputato europeo e mostro’ una grande competenza.
    Oggi a un’età a cui pochi arrivano, Otto d’ Asburgo non si rinchiude sul suo passato e continua a decifrare il futuro. Come non pensare al grande uomo di stato che sarebbe stato?
    « lavorare per gli altri »

    Le Figaro Magazine – Quali sono i suoi ricordi dell’imperatore Francesco Giuseppe ?

    Otto d’ Asburgo – Il mio prozio aveva un qualcosa di divino. Dovevo avere 2 anni quando fu scattata la foto in cui ero appoggiato sulle sue ginocchia. Mi avevano fatto venire al Palazzo imperiale per la posa. All’epoca per schiarire la scena i fotografi usavano della polvere e poi vi davano fuoco prima dello scatto. Rivedo la scena. Mi ricordo anche i funerali dell’imperatore, in una fredda giornata del novembre 1916. Ricordo questa cerimonia oscura, la discesa nella cripta dei cappuccini, tra le tombe della famiglia. Avevo 4 anni ma sentivo l’emozione generale. Bisogna pensare che Francesco Giuseppe regnava dal 1848. In Austria Ungheria l’immensa maggioranza dei cittadini era nato sotto il suo regno, avevano vissuto lungo tutto il suo regno e molti erano già morti sotto il suo regno. Egli era più di una persona normale, era un’istituzione.

    Suo padre, pronipote di Francesco Giuseppe, è succeduto al trono col nome di Carlo I in Ausrtia e Carlo IV in Ungheria. Si ricorda dell’incoronazione di suo padre a Budapest il 30 dicembre 1916?
    La cerimonia mi ha più marcato di quella dei funerali di Francesco Giuseppe : si trattava di un’incoronazione in tutta la sua dimensione religiosa. Il monarca cingeva la corona di Santo Stefano re d’Ungheria nell’anno mille, la stessa corona che oggi sta al centro del parlamento ungherese sotto la sua cupola. Ricordo tutti i più piccoli dettagli di quella cerimonia. Il pubblico portava i costumi tradizionali magiari, i cattolici avevano costumi colorati e i protestanti costumi neri. Dopo l’incoronazione nella chiesa Mathias, il re saliva a cavallo e scalava al galoppo una collinetta fatta con la terra di tutte le regioni ungheresi.
    Quando ci sono tornato per la prima volta, una ventina d’anni fa, ho visitato i luoghi in compagnia di eminenti storici e costoro mi mostrarono il luogo dove era stata edificata questa collina dell’incoronazione di mio padre e io gli risposi che si sbagliavano, il luogo era un altro. Qualche ora dopo, dopo aver verificato negli archivi, dovettero riconoscere che avevo ragione io.

    Cosa l’ha marcata nel corso del regno dei suoi genitori dal 1916 al 1918 ?
    Mio padre era quasi sempre assente, perchè viaggiava spesso in tutto l’impero e visitava spesso il fronte. E’ per questo motivo che egli è stato cosi’ attivo per la pace: mentre altri capi di stato restavano chiusi nel loro ufficio a dare ordini, lui vedeva da vicino la sofferenza dei combattenti e conosceva gli orrori della guerra. Mia madre l’imperatrice Zita si occupava degli ospedali, dei feriti e dei malati. Solo dopo la caduta della monarchia ho potuto vivere quotidianamente con loro

    Suo padre è morto in esilio a Madera, nel 1922...
    Dopo l’ultimo tentativo di restaurazione in Ungheria, gli inglesi l’avevano confinato su quell’isola. Avevamo perso tutto. La nostra consolazione era l’umanità esemplare della popolazione : poveri contadini ci portavano del cibo : era commovente. Alla fine della sua malattia, che non abbiamo potuto curare per mancanza di denaro, mio padre ha voluto che assistessi alla sua morte (aveva 29 anni). Mia madre è stata d’un coraggio immenso. Oggi alcuni vorrebbero che venissero trasferiti a Vienna i suoi resti, che sono sempre rimasti a Madera. Ma io mi oppongo poichè la popolazione locale vuole che restino a Madera, inoltre nel 2004 papa Giovanni Paolo II ha beatificato l’imperatore Carlo.


    Quali sono le conseguenze del crollo della duplice monarchia ?
    Benes, il presidente della Cecoslovacchia disse un giorno che preferiva vedere Hitler a Vienna piuttosto che gli Asburgo : si è visto il risultato. E inoltre dopo il nazismo, c’è stato il comunismo. L'Europa centrale ha cosi’ subito 50 anni di regimi totalitari.

    Dopo la guerra lei si è impegnato in favore della costituzione europea...
    Mi sono occupato innanzitutto della questioni del bacino del Danubio, nella continuità delle idee di mio padre, ma poi mi sono accorto che era uno spazio troppo ridotto per una politica su scala mondiale. L'Europa è una risposta comune alle aspirazioni delle nazioni del Vecchio Continente.

    Quali sono i più grandi statisti che lei ha conosciuto ?
    Il generale de Gaulle merita di essere citato per primo. E’ stato detto di lui, a ragione, che era un uomo dell’altro ieri e di dopodomani. Ma solidamente ancorato nella storia andava comunque in avanti. Konrad Adenauer, era un pensatore dello stesso stampo, dotato di una visione internazionale.

    Anche quando sui paesi che facevano parte della monarchia è calata la cortina di ferro, lei ha continuato a mantenere rapporti con i paesi rimasti oltrecortina
    Mentre negli anni 60 ho avuto molte noie per poter rientrare in un paese libero come l’Austria, sono potuto rientrare in Ungheria negli anni 80 quando il regime comunista era ancora al potere, ma tutto andava verso il senso giusto. Sono rimasto in ottimi rapporti con Imre Pozsgay, che era uno dei dirigenti del partito comunista ungherese. Per aprire un paese bisogna fare molti sforzi e in fondo lui era più ungherese che comunista.

    Qual èla più grande ricchezza dell’Europa ?
    La sua cultura. La cultura è ancorata cosi’ profondamente che puo’ permettere dei cambiamenti che non riusciamo nemmeno a immaginare. Anche un ritorno della religione è possibile : guardate il successo della recente visita di Benedetto XVI in Francia. Io ho una grande fiducia nella Francia. Mia madre era una Borbone, il francese è assieme al tedesco e all’ungherese una delle mie tre madrelingue, ho vissuto diversi anni a Parigi : in Francia mi sento un po’ a casa.

    La crisi finaziaria attuale la impensierisce ?
    I problemi di denaro non sono mai mortali contrariamente a quelli politici

    A 96 anni lei viaggia in continuazione è consultato...
    Si soprattutto dai nuovi paesi europei, ma sa è abbastanza normale: la mia famiglia è nella politica da 700 anni. In qualche modo c’è l’ho nel sangue.

    Cosa le ha insegnato l’esperienza ?
    Che a lavorare per gli altri c’è sempre da guadagnare. Darsi degli obbliettivi allunga molto la vita. Io ho sempre degli obbiettivi.

    Da Figaro

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un grandissimo esempio di principe, di storico e di pensatore politico.
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    47,759
    Mentioned
    1004 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    non dimentichiamo Soldato che la casa d'Asburgo è ancora profondamente cattolica, per alcuni un valore ancora importante

  4. #4
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un esempio di tradizione cattolica che farebbe da opposizione al crescente integralismo islamico.
    W L'ORTODOSSO E MONARCHICO IMPERO D'AUSTRIA-UNGHERIA!

  5. #5
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Da quanto ho letto si tratta di una personalità squisita, uno scrigno di Storia, degnissimo erede di una Casata millenaria.
    Rimetterlo sul trono proprio non è possibile?
    A 96 anni è più lucido e corretto di tre quarti dell'attuale classe politica europea...

  6. #6
    Cacciaguida
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    35,409
    Mentioned
    595 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Un Re.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    18,319
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da zaffo Visualizza Messaggio
    Da quanto ho letto si tratta di una personalità squisita, uno scrigno di Storia, degnissimo erede di una Casata millenaria.
    Rimetterlo sul trono proprio non è possibile?
    A 96 anni è più lucido e corretto di tre quarti dell'attuale classe politica europea...
    Purtroppo per l'Austria e per l'Europa lui avrebbe anche rinunciato ai diritti al trono, quando lo hanno obbligato a farlo in modo molto comunista per permettergli di candidarsi alle elezioni europee.
    Almeno riuscì a farsi eleggere e a diventare euro-deputato.
    I figli da quel che so, non dovrebbero essere particolarmente interessati.

    Torno a dire che l'errore degli Asburgo é stato quello di decidere di diventare Impero di Austria e Regno d'Ungheria, invece di rimanere Sacro Romano Impero.
    Fossero rimasti l'Impero, avrebbero conservato le corone d'Austria, d'Italia, di Germania (?!?) etc..etc...conservando legata al trono la specificità statuale dei popoli che governavano.
    Diventando Impero d'Austria e Ungheria, hanno smesso di essere l'Impero e basta, ovvero La Monarchia.
    Da li la loro discesa.....che poi tornassero a regnare in Austria non so nemmeno se conserverebbero il solo titolo di Arciduchi d'Austria o di Re....
    NOI SIAMO LA VERA ITALIA !
    RICOSTRUIAMO LA NOSTRA PATRIA !

  8. #8
    Cacciaguida
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    35,409
    Mentioned
    595 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Soldato del Re Visualizza Messaggio
    riuscì a farsi eleggere e a diventare euro-deputato.
    Come giudica questo avvenimento il nostro Moderatore?

  9. #9
    **********
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Savona
    Messaggi
    13,231
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da amerigodumini Visualizza Messaggio
    Come giudica questo avvenimento il nostro Moderatore?
    Secondo me un principe deve tenersi lontano dalla politica. Se ha una formazione al di sopra delle parti, come è giusto che sia, la deve mantenere nel proprio comportamento, senza schierarsi in alcun partito.

  10. #10
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    47,759
    Mentioned
    1004 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Serendipity Visualizza Messaggio
    Secondo me un principe deve tenersi lontano dalla politica. Se ha una formazione al di sopra delle parti, come è giusto che sia, la deve mantenere nel proprio comportamento, senza schierarsi in alcun partito.
    certo ma siccome ormai le possibilità di un ritorno degli Asburgo sul trono sono nulle e che comunque in quel caso ci sono sempre i suoi figli, un uomo con l'energia e le idee di Otto non poteva starsene in disparte, bisogna dire che comunque non ha fatto la figura barbina di Filiberto, Otto è stato eletto al parlamento ed è stato visto come uno dei personaggi più influenti un vero leader

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Otto d'Asburgo: 98 anni
    Di FrancoAntonio nel forum Monarchia
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 22-04-12, 09:38
  2. E' morto Otto d'Asburgo
    Di Teofilo74 nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-07-11, 22:34
  3. Ci ha lasciati Otto d'Asburgo
    Di FalcoConservatore nel forum Conservatorismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-07-11, 15:28
  4. 65 - Otto D'Asburgo compie 96 anni
    Di FrancoAntonio nel forum Monarchia
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 09-12-08, 12:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225