S. icona della SS. Madre di Dio “ Garante dei peccatori ”
Kontakion 1
"Tu che sei stata scelta dall’Altissimo come ‘Garante dei peccatori’ e pieghi tuo Figlio alla misericordia per salvare coloro da lui creati con la propria mano, o Vergine Madre e Sovrana, noi ti offriamo un canto di azione di grazia per l’apparizione della tua icona miracolosa. O nostra avvocata presso il Signore, affrettati a liberarci da ogni pericolo e a farci ottenere l’eterna salvezza, così da poter inneggiare a Dio: Alleluja.

Ikos 1
I Cori degli Angeli ti servono con rispetto, e tutti i Santi con le loro voci ti proclamano senza fine beata, o Vergine Madre di Dio, per aver messo al mondo il Re degli Angeli, Cristo nostro Dio; e noi peccatori, che osiamo imitarli, senza però sapere come lodarti, umilmente prendiamo in prestito la voce dell’Arcangelo Gabriele per inneggiarti così:
Gioisci, Piena di grazia, il Signore è con te;
Gioisci, benedetta fra le donne, Vergine immacolata;
Gioisci, figlia del Padre che è nei Cieli;
Gioisci Madre del Figlio generato da prima dei secoli
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

kontakion 2
La misericordiosissima Madre di Dio, in considerazione delle pene della nostra vita terrena, con le sue infermità e malattie, si è degnata donarci, come benedizione e consolazione, per la nostra gioia, salvezza e liberazione da tanti mali, la sua immagine santa che la ritrae ‘Garante dei peccatori’; così, dicendo la nostra fiducia di fronte a questa icona, possiamo con gioia cantare a Dio: Alleluja.

Ikos 2
Svelando a noi la saggezza celeste, o Vergine Madre di Dio, tu hai voluto per mezzo di numerosi miracoli che sia glorificata la tua icona che porta il titolo di Garante dei peccatori, così che tutti, conoscendo la tua benevolenza in loro favore, possano rivolgerti i seguenti saluti:
Gioisci, tu accogli la preghiera di ogni cristiano;
Gioisci, tu che dei peccatori anche disperati non respingi le suppliche;
Gioisci, perché dalla tua intercessione noi speriamo la salvezza;
Gioisci, perché speriamo di ottenere per le tue preghiere il regno dei Cieli.
Gioisci, tu che sollevi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 3
La potenza della grazia, Madre di Dio benedetta, copre tutti quelli che con fede accorrono verso di te, ‘Guarante dei peccatori’, e si chinano davanti alla tua santa icona; a te sola infatti è stato dato il potere di esaudire prontamente ogni domanda volta al bene, di avere pietà dei peccatori e di salvarli; e tu sola puoi veramente dare soccorso e aiuto a quanti inneggiano a Dio: Alleluja.

Ikos 3
Nella tua materna sollecitudine per noi, eccellente Madre di Dio, tu chiami alla salvezza anche i peccatori disperati e dici loro: ‘Io sono il Pegno dei peccatori presso il mio divino Figlio, che mi ha promesso di esaudirmi sempre, così da essere sempre nella pace per mio tramite’; per questo, noi peccatori di cui sei la ‘Garante’, con gioia a te cantiamo:
Gioisci i, affettuosa ausiliatrice che Dio ci ha elargito;
Gioisci, nostra guida verso la celeste patria ;
Gioisci tu che ci sottrai all’abisso della perdizione;
Gioisci, tu la cui mano soccorre chi non ha altro soccorso.
Gioisci, tu che ci procuri coraggio incessantemente;
Gioisci , tu che ridai la grazia ai caduti;
Gioisci, tu che offri a chi richiede un consiglio saggio;
Gioisci, tu che agli insensati ridoni il senno.
Gioisci, tu che sollevi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 4
Una donna, assalita da un dubbio violento, non voleva credere al miracolo della tua icona, ‘Garante dei peccatori’; ferita però da inattesa malattia, riconobbe, o nostra Signora, il tuo sovrano potere e la grazia di cui la tua miracolosa icona era provvista; nel suo pentimento versò lacrime e ti pregò di perdonare la sua poca fede; guarita poi per tua bontà ella gridò riconoscente: Alleluja.

Ikos 4
Il Signore ascolta in Cielo le tue preghiere per noi ed esaudisce le tue richieste, o Regina dei Cieli; e noi peccatori, avendoti come garante, ti preghiamo e a te chiediamo: O nostra Signora, accogli prontamente le nostre preghiere, cambia in gioia tutte le nostre tristezze, attua le richieste di tutti quanti ti pregano, così che con gioia ti possiamo inneggiare:
Gioisci, tu che procuri ai fedeli una gioia inaspettata ;
Gioisci, tu che esaudisci prontamente le nostre richieste ;
Gioisci, misericordiosa, che senza pausa hai pietà per noi ;
Gioisci, tu che regoli la nostra vita per il nostro bene.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 5
Come un astro che risplende sul mondo intero, o Sovrana dell’universo, tu ci hai donato la tua icona venerata che porta il nome di ‘Pegno dei peccatori’; fissando su di essa i nostri sguardi, è davanti a te, o vera Madre di Dio e vergine, che noi ci prosterniamo dicendo: O nostra Signora, ricevi la preghiera dei tuoi servitori e libera da ogni pena e tristezza noi che ti lodiamo e a Dio cantiamo: Alleluja.

Ikos 5
Un uomo pio fu riempito di tremore alla vista della tua icona, ‘Garante dei peccatori’, durante la santa notte della Risurrezione di Cristo, risplendente di celeste luce, distillante la mirra come gocce di pioggia e proiettando bagliori come lampi; riconoscendo da questo segno la tua misericordia verso di noi, con lacrime di amore e in gioiosa azione di grazia, o Madre di Dio benedetta, egli si mise a gridare:
Gioisci, tu che hai accolto il fuoco divino senza essere consumata e nel quale le nostre colpe sono consumate;
Gioisci, tu che hai ricevuto il divino raggio che illumina le nostre anime.
Gioisci, fonte che fa scorrere i prodigi in ogni luogo;
Gioisci, tu la cui icona è causa di gioia per tutti.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori".

Kontakion 6
"Tutto il mondo cristiano celebra la tua misericordia e i tuoi miracoli, o gloriosa Madre di Dio, e prova giubilo davanti alle tue icone miracolose; fra queste la tua santa icona "Garante dei peccatori", risplende come stella della tua raggiante bontà, illuminando con i suoi miracoli e la grazia di Dio le anime di tutti quanti a lui inneggiano: Alleluja.

Ikos 6
Una notte, la chiesa di San Nicola fu riempita da una celeste luce quando ricevette la tua icona miracolosa, Garante dei peccatori; allora ceri e lampade furono accese nella chiesa tramite una mano invisibile, come se qualcuno attorno all’altare avesse recato una lampada misteriosamente accesa. Il popolo che gremiva il tempio e vedeva tutto questo, fu colmo di stupore, glorificando la Madre ed il suo divino Figlio; quanto a noi, al ricordo di questa ammirabile visione, con tenerezza a te cantiamo:
Gioisci, tu che cambi in gioia la nostra tristezza;
Gioiscii, tu che conforti con ferma speranza i disperati;
Gioisci, cero sempre acceso davanti al trono di Dio;
Gioisci, lampada che arde di quest’olio che è la misericordia del Signore.
Gioisci, raggiante luce che ci indica il cammino della vita;
Gioisci, tempio vivente nel quale noi siamo illuminati;
Gioisci, perché tu procuri una via senza rimprovero a chi spera in te;
Gioisci, tu che anche dopo la nostra morte non cessi di intercedere per noi presso Dio.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 7
Il Signore longanime, volendo far conoscere le profondità del suo amore per il genere umano, ti ha scelta come Madre, o Vergine santissima, facendo di te l’inesausta fonte della sua misericordia; così chi è degno di condanna conformemente al giudizio di Dio sarà salvato per la tua intercessione, o Garante dei peccatori; e potrà cantare ad alta voce: Alleluja.

Ikos 7
Ammirabile è l’opera che ci hai fatto vedere, Signore, nella tua Madre immacolata; e tu ci hai dato la sua mirabile icona, splendente più dei raggi del sole; e il popolo, come se vedesse in persona la Madre di Dio, con tutto l’amore della sua anima ed una veridica fede, a lei ha inneggiato:
Gioisci, vasca in cui le nostre sofferenze sono immerse;
Gioisci, coppa dove abbiamo trovato la gioia della salvezza.
Gioisci, fonte della vita che tutti vivifica;
Gioisci, fiore immarcescibile che profuma col suo effluvio.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 8
Noi siamo su questa terra stranieri e orfani e, a detta dell’Apostolo, non abbiamo una città permanente quaggiù. Dove allora cercare rifugio, o nostra Signora, in mezzo alle sofferenze della vita, se non presso te, che sei per noi peccatori l’eccellente Garante? Non ci respingere, divina Madre, e non dirci: ‘Io non vi conosco, a causa dei vostri peccati!’. Abbi invece pietà di noi orfani e senza soccorso, accoglici sempre sotto la tua protezione, affinché con gioia possiamo inneggiare alla gloria del Re dei Cieli, cantando: Alleluja.

Ikos 8
È consolante per ogni fedele contemplare la tua santa icona, o nostra Signora, Garante dei peccatori: in essa noi ti vediamo portare nella tua mano come bambino il Dio di prima dei secoli, nostro Signore Gesù Cristo, che noi adoriamo come Creatore e Dio, gridando a te, come a sua Madre vera e con pietà:
Gioisci, nutrice degli affamati;
Gioisci, tu che vesti quanti sono nudi;
Gioisci, tu che assicuri alle vedove la tua protezione;
Gioisci, tu che difendi gli orfani
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 9
Tutti gli Angeli del Cielo ti rivolgono inni di lode, o divina Madre, Garante dei peccatori che si chinano davanti a te, richiedendo il tuo aiuto e consolazione; se tu infatti ci rallegri con la saldezza della tua intercessione, tu vieni anche in aiuto dei peccatori, perché tu li liberi da ogni male e consoli le loro pene, pregando per tutti quelli che per tuo mezzo inneggiano con fede: Alleluja.

Ikos 9
Le lodi più eloquenti a malapena riescono ad esaltarti come conviene e la mente più sottile prova vertigine a cantarti, o Madre di Dio; però, nella tua bontà, ricevi l’omaggio della nostra fede e lo slancio del nostro amore che sale verso di te, che sei la protettrice dei fedeli che a te inneggiano:
Gioisci, tu che con i raggi della purissima tua anima illumini l’universo;
Gioisci, tu che con la purezza del tuo corpo rallegri tutti i Cieli;
Gioisci, tu che ci hai adottati sotto la Croce di tuo Figlio;
Gioisci, tu che ci mostri in ogni tempo il tuo amore materno.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 10
Volendo salvare il genere umano dalle pene eterne e dalle incessanti afflizioni, il Signore amico del genere umano ti ha donato ai terrestri come aiuto, dicendo loro: ‘Figli degli uomini, la mia Madre sarà per voi rifugio e protezione, consolazione degli afflitti, felicità di quanti piangono, protezione dei miseri, guarigione dei malati, soccorso dei deboli, e pegno dei peccatori, così da svegliare dalle loro tenebrose colpe tutti quanti cantano: Alleluja.

Ikos 10
‘Re celeste, mio Figlio e mio Dio – così intercede per noi la Regina dei cieli –, ricevi ogni uomo che ti loda e invoca il tuo santo nome, e glorifica anche me nel tuo nome; lontano dal tuo volto non respingerli, ma dona loro la tua benevolenza e ricevi da loro ogni domanda e liberaci da ogni male’.
E noi peccatori, che speriamo nella tua materna preghiera, a te gridiamo:
Gioiscii, irreprensibile Garante dei peccatori pentiti ;
Gioisci, protettrice di tutti i Cristiani ;
Gioisci, guarigione di tutte le nostre malattie;
Gioiscii, tu che dissipi le nubi delle nostre prove e tentazioni.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.



Kontakion11
Accogli il nostro inno, tu che sei la nostra Garante nel Cielo, o vergine Madre di Dio: da’ pronto ascolto alla preghiera che ti rivolgiamo; verso di te, infatti, noi accorriamo nell’afflizione, la pena e il malessere; e davanti a te, nella nostra miseria, noi versiamo lacrime e ti preghiamo: accogli la supplica dei tuoi servitori che per te inneggiano a Dio: Alleluja.

Ikos 11
La tua santa icona, vergine Madre di Dio, irradia segni e miracoli splendenti, illuminando con la sua grazia tutti i fedeli che davanti ad essa pregano e, per la potenza divina che ne emana, caccia ogni azione del nemico. Per questo noi peccatori ci rallegriamo di avere nella Chiesa una tale icona miracolosa, come pegno della tua benevolenza verso la nostra Comunità e, in azione di grazia, noi a te inneggiamo:
Gioisci, tu che ami teneramente quanti vivono con fede e pietà;
Gioisci, tu che per l’amore di Dio e del prossimo accendi i cuori;
Gioisci, tu che nell’ora del dubbio metti nel loro cuore un buon pensiero;
Gioisci, tu che ci insegni in ogni circostanza a mettere in Dio la nostra speranza.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 12
La grazia divina presente nella tua santa icona di Garante dei peccatori attrae verso di essa, o sovrana Madre di Dio, quanti sono curvi sotto il fardello della miseria e del peccato, e non tornano invano verso questa fonte da dove scorre la tua multiforme misericordia; essi ricevono infatti dalla tua icona miracolosa nell’afflizione la gioia, nelle prove la tua protezione, nella malattia la guarigione e tutto quanto giova all’anima e al corpo. Dopo Dio, essi mettono in te la loro speranza e ritornano al Signore cantando: Alleluja.

Ikos 12
Celebrando la tua ineffabile misericordia per noi peccatori, noi ti lodiamo come nostra efficace Garante, ti benediciamo come colei che esaudisce prontamente le nostre suppliche e ci prosterniamo umilmente davanti alla tua icona venerata; noi crediamo e speriamo che al tuo Figlio e Dio chieda anche ora di usarci misericordia in questa vita e dopo la nostra morte, a noi che a te cantiamo con amore:
Gioisci, tu salvi per le tue preghiere il mondo intero;
Gioisci, tu vieni in aiuto all’universo con la tua intercessione;
Gioisci, tu soccorri prontamente quanti accorrono verso di te;
Giosci, tu procuri loro il regno dei Cieli.
Gioisci, tu non abbandoni i tuoi fedeli nemmeno nell’ora della morte;
Gioiscii, tu che al termine della nostra vita intercedi per il riposo beato.
Gioisci, tu che innalzi le mani in pegno per i peccatori.

Kontakion 13
O tu, Garante dei peccatori per la salvezza, divina Madre e Vergine dolcissima, ricevi con benevolenza la nostra presente supplica; noi te la presentiamo in azione di grazia con tutto il cuore: a Dio misericordioso chiedi per noi la ferma perseveranza nella vera fede, la costanza nella carità cristiana e il perdono dei peccati, affinché per le tue preghiere noi ereditiamo il regno dei Cieli e siamo degni di cantare al nostro Dio: Alleluja.