User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Austrian libertarian
    Data Registrazione
    22 Sep 2007
    Località
    L'ignoranza del pubblico è un fattore necessario per il buon funzionamento di una politica governativa inflazionistica. Ludwig von Mises
    Messaggi
    10,020
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Nasce il nuovo Delle Alpi

    Juve, lo stadio dei sogni

    L'architetto buddhista l'ha progettato senza barriere: «Abbiamo abolito l'arroganza». Pronto nel 2011, l'orgoglio di Blanc: «Solo due anni fa era un'opera impensabile»


    Il primo stadio «non violento» d’Italia apre fra tre anni a Torino, domicilio Juve. L’hanno disegnato, e pensato, un architetto colombiano che lavora a Roma, Hernando Suarez, e il collega torinese Gino Zavanella, devoto a due religioni: quella bianconera e quella buddhista. Le barriere tra prato e gradinate sono state quasi azzerate, portando le prime file a teatro, mica a vedere il pallone. Un campo di battaglia finalmente diventato luogo di pace. Quel basso parapetto ai contorni del verde, ben visibile nella simulazione presentata ieri all’auditorium Agnelli del Lingotto, faceva tanto stadio inglese, con tanto di ristoranti e fan shop: era il futuro, invece, per una volta in Italia.

    «È venuto come ho l’ho sempre voluto e come l’ho sempre sognato - dice l’architetto Zavanella - uno stadio senza arroganza, senza autocelebrazione. Una di quelle costruzioni che invece si piazzano nel paesaggio e sembrano dire: “Qui ci sono io, e delle altre cose non m’importa». Se l’assemblano come l’hanno progettato, è davvero lo stadio dei sogni: mica solo della Juve, certo per ragioni di proprietà, ma di tutto il calcio italiano. «Volevo uno stadio non violento - racconta ancora l’architetto - facilmente assimilabile a ciò che aveva intorno. Senza barriere. Che comunicasse traquillità, accogliente». È una vita che Zavanella porta avanti l’idea che già trasformò l’Inghilterra degli anni ‘80 e che s’è infilata quasi ovunque, in Europa, tranne che in Italia: «La violenza si combatte anche facendo impianti belli e funzionali, da vivere sette giorni su sette».

    Da queste parti, siamo al Giurassico: «Abbiamo degli stadi orrendi, i più brutti»: detto da uno che, per dare una forma a quello della Juve ne ha visti «73, in tutto il mondo. E questo sarà il più bello». Ai padri si perdonano anche le esagerazioni. Tante cose colpiscono, della rappresentazione a tre dimensioni proiettata, la più rivoluzionaria è la semi sparizione delle palizzate tra campo e pubblico. Peccato che nessuno, durante la presentazione, ne faccia cenno. Dal pelo dell’erba, la divisione misura 2,60 metri, come prescritto, ma lo spettatore se ne trova davanti poco più di un metro, poiché il pavimento dell’impianto è già innalzato di un metro e mezzo sul livello del campo. Visuale perfetta, insomma, a meno di nove metri dai giocatori, stando in prima fila. «È essenziale, leggerissimo - continua l’architetto Suarez - fino alla copertura che diventa pelle».

    Pure lui parla di pace, calma, tranquillità, parole ormai espulse dal contorno del pallone: «Abbiamo sfruttato le pendenze del terreno già esistenti - dice - calandolo in una piazza aperta. Lasciando alle persone un facilissimo senso dell’orientamento, anche con gli altissimi pennoni (90 metri, ndr) a nord e a sud: un particolare che trasmette sempre molta calma». Pensare che quasi era abortito, confessano il presidente bianconero Giovanni Cobolli Gigli e l’ad Jean-Claude Blanc, colui che più l’ha voluto, quando fu bocciata la candidatura dell’Italia agli Europei 2012. Invece, «in 60 giorni», fu inventato l’accordo con Sportfive, colosso del marketing sportivo: la commercializzazione del nome dello stadio (a uno sponsor) in cambio di 75 milioni di euro in 12 anni. Lo finanzieranno, insieme ai 20-30 ricavati dalle zone commerciali e ai circa 50 del mutuo che verrà acceso.

    «Solo due anni fa era impensabile, ma noi volevamo essere innovativi - attacca Blanc - e sviluppare un business sostenibile». Una scelta «lungimirante», per il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino. Adesso, l’ammirano tutti, il progetto che dal marzo prossimo verrà assemblato sui resti del vecchio Delle Alpi. Compreso il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete e quello della Lega, Antonio Matarrese, che prima o poi dovrebbe essere scritturato da Zelig: «Le prime volte arrivava Blanc, con queste carte e neppure parlava bene l’italiano, e io pensavo: “Ma questo che vuole?”. E poi Cobolli Gigli: mi faceva tenerezza». Per fortuna, c’è pure il capitano di oggi, Alex Del Piero, sul palco, e quello di ieri, Giampiero Boniperti. E l’azionista di maggioranza, John Elkann, pensa a loro, tirando fuori il pallone di antico cuoio con cui la Juve vince il campionato 1950: «C’era lei - dice indicando Boniperti - e ora l’affido a Del Piero. Perché questo stadio sia il simbolo del passato e lo stimolo per il futuro». Costerà 105 milioni di euro: ben spesi, per una nuova casa, senza più violenza.

    http://www.lastampa.it/sport/cmsSezi...7730girata.asp
    un pò di foto:






    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    brigante
    Data Registrazione
    29 Mar 2008
    Località
    Alle falde del Vesuvio
    Messaggi
    56
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'importante che è fatto con i soldi della Juventus e non con i soldi pubblici.

  3. #3
    Wa che mazz, so napulitan!
    Data Registrazione
    24 Sep 2006
    Località
    Napoli for ever!
    Messaggi
    948
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bha..speriamo che lo stesso possa esser ripetuto in tutta Italia.

 

 

Discussioni Simili

  1. Nei bunker delle Alpi
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 09-08-11, 00:03
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 05-11-10, 19:33
  3. sole delle Alpi
    Di edera rossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-11-10, 02:33
  4. La sentinella delle Alpi
    Di Miles nel forum Patria Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-04-10, 14:51
  5. Importanza delle Alpi
    Di agaragar nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 23-01-07, 01:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226