User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito CULTURA - Scruton difende la cultura «alta»

    IL FILOSOFO BRITANNICO CONTRO I CRITICI DEL «CANONE OCCIDENTALE»

    Scruton: Elogio della cultura «alta»

    «I classici sono eccezionali per il distacco che mantengono nei confronti delle norme e delle ortodossie del loro tempo»


    Qui difendo quella che a volte è chiamata l’ « alta cultura » della civiltà occidentale, con cui intendo l’eredità letteraria, artistica e filosofica insegnata nelle facoltà umanistiche d’Europa e d’America, e che di recente (soprattutto in America) si è pensato di liquidare con disprezzo in quanto prodotto di « defunti maschi europei di razza bianca » .
    Propongo una definizione di cultura, e respingo la tesi che le culture non possano essere giudicate, dall’interno o dall’esterno, in base a criteri oggettivi. Sostengo che una cultura è in un certo senso composta di giudizi, ed esiste affinché un certo criterio di giudizio sia trasmesso da una generazione all’altra. Una siffatta capacità di giudicare è vitale per lo sviluppo morale, ed è il fondamento dei riti di passaggio tramite i quali i giovani abbandonano la condizione di adolescenti e assumono il peso della vita adulta. Una società sana ha quindi bisogno di una cultura sana, ed è così anche qualora la cultura, come io la intendo, fosse il possesso non di una maggioranza, ma di un’élite.

    Diversamente dalla scienza, la cultura non è un patrimonio di informazioni obiettive o di verità teoretiche; non coincide neppure con l’acquisizione di abilità particolari, non importa se retoriche o pratiche. Eppure, essa è una fonte di sapere: sapere emotivo su che cosa fare e che cosa pensare. Trasmettiamo questo sapere per mezzo di ideali ed esempi, per mezzo di immagini, racconti e simboli. Lo trasmettiamo per mezzo delle forme e dei ritmi della musica, e per mezzo degli ordini e degli schemi del nostro ambiente costituito. Simili espressioni culturali nascono come risposta alla percezione della fragilità della vita e incarnano la consapevolezza collettiva che noi dipendiamo da realtà al di fuori del nostro controllo. È per questo che ogni cultura affonda le proprie radici nella religione e da queste radici la linfa del sapere morale affluisce verso i rami del pensiero e dell’arte. La nostra civiltà è stata sradicata – ma l’albero sradicato non è sempre detto che muoia. La linfa può trovare il modo di raggiungere ugualmente i rami, che ogni primavera si coprono di foglie con l’eterna speranza delle cose viventi. Tale è la nostra condizione, ed è per questo motivo che la cultura è diventata per noi non solo preziosa, ma un’autentica causa politica, la via maestra per conservare la nostra eredità morale e per restare saldi di fronte a un futuro burrascoso.

    Contemporaneamente, il declino della fede religiosa significa che molti, sia scettici sia indecisi, cominciano a rifiutare il proprio retaggio culturale. Il suo peso, senza il conforto offerto al credente, diventa intollerabile e motivo di dileggio per coloro che ancora si assoggettano a portarlo. Le nostre istituzioni educative riservano posti di prestigio a chi sminuisce gli antichi valori, le antiche gerarchie e le antiche forme di ordine sociale impliciti nei programmi di insegnamento a noi tramandati. Si sostiene che non ci sia niente da insegnare nel nome della cultura se non i pregiudizi di epoche trascorse, e la tesi è puntellata con vari argomenti tratti dall’arsenale dello scetticismo filosofico mediante i quali ci si sforza di dimostrare che non esistono procedimenti oggettivi, né autorità, né saldi canoni classici, che autorizzino a considerare un prodotto culturale superiore a un altro. Nel campo della cultura, sentiamo dire che tutto – ma anche niente – può andare bene. Paradossalmente, questo nuovo relativismo, che ha invaso ogni area delle discipline umanistiche, va a braccetto con una censura altrettanto tenace.

    Molti docenti nutrono risentimento per le opere tradizionali della nostra cultura e cercano di eliminarle dai programmi o di circondarle di tabù, considerandole meri avanzi di atteggiamenti patriarcali, aristocratici, borghesi o teocratici, che non vantano più alcun diritto su di noi. Questo atteggiamento scettico verso i classici rivela un profondo errore di giudizio, perché i capolavori della cultura occidentale sono eccezionali proprio per il distacco che mantengono nei confronti delle norme e delle ortodossie che li hanno partoriti. Solo una lettura molto superficiale di Chaucer o Shakespeare può dare l’impressione che questi scrittori accettassero supinamente la società in cui vivevano, o far trascurare il fatto di gran lunga più importante che tali opere proiettano sul genere umano la luce del giudizio morale ed esaminano, con tutto l’amore e la pietà che ciò richiede, la fragilità della natura umana. È precisamente l’aspirazione alla verità universale, la ricerca di una prospettiva « dall’occhio di Dio » , a contraddistinguere la cultura occidentale. Ed è per questo che dovremmo guardare alla Rivoluzione americana, anziché alla Rivoluzione francese, come al punto di svolta della nostra storia, al momento in cui la civiltà occidentale è giunta a coincidere col mondo moderno – perché è stato in quel momento che l’Illuminismo ha assunto il potere.

    Tratto da Avvenire, 16 novembre 2008
    http://www.fattisentire.net/modules....ticle&sid=3060

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cacciaguida
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    35,409
    Mentioned
    598 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Semplicemente splendido.

  3. #3
    CONSERVATORE
    Data Registrazione
    03 Nov 2008
    Messaggi
    105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Scruton è uno degli autori a cui mi sento più vicino, più degli americani... limitatamente alle cose che ho letto naturalmente.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 12-10-12, 12:11
  2. Cultura conservatrice e cultura "di destra"
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 22-07-09, 18:01
  3. La cultura della vita, la cultura del mercato
    Di Silvioleo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 15-04-05, 22:22
  4. Cultura Laica E Cultura Liberale
    Di Österreicher nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-09-02, 22:44
  5. Cultura Laica E Cultura Liberale
    Di Österreicher nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-09-02, 17:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226