User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    L'estremista moderato
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Messaggi
    1,794
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito articolo di Pannella su Europa: il debito è di Berlusconi

    Il debito è di Berlusconi

    http://www.radicali.it/view.php?id=132827

    • da Europa del 26 novembre 2008, pag. 1


    di Piero Capone, Marco Pannella

    Il presidente Berlusconi, a proposito dell’attuale situazione critica del paese, lamenta oggi la pesante eredità che avrebbe ricevuta dal precedente governo in merito all’enorme debito pubblico. Ma la vicenda del debito pubblico italiano ha una storia lunga, che riguarda, anche e proprio, il quinquennio del secondo governo Berlusconi. Se vogliamo parlare di una damnosa hereditas ricevuta, allora non possiamo dimenticare quella, ancor più pesante, lasciata da Berlusconi alla fine del precedente mandato.

    Poche cifre: 1) la spesa pubblica che rappresentava il 46,2 percento del pii nel 2000, balza al 50,5 del pil nel 2006 (ultimo anno pieno di governo berlusconiano); 2) gli avanzi primari (fondamentali per avere le risorse necessarie per il rientro dal debito) che erano stati in media del 5,3 per cento sul pii nel1996-2000, crollano al modestissimo 1,2 nel successivo quinquennio. 3) Nel contempo si verifica un’ulteriore aumento della pressione fiscale (dal 41,3 al 43,3 per cento).

    Che cosa fece di specifico il governo Berlusconi per affrontare la questione che oggi solleva del debito pubblico "ereditato"? Ha soltanto provocato un ulteriore aumento dello stock del debito di 217 miliardi pari al 16 per cento di quanto "ereditato" nel 2001.

    Non poteva far altro? Nossignore, bastava seguire il grande esempio del Belgio. Questo paese allora, anch’esso storicamente afflitto da un pesante debito all’incirca equivalente al nostro, fece scendere il rapporto debito fpíi dal 106,5 del 2001, all’88,2-per cento nel 2006. Pari a una riduzione del 17,2 per cento.

    Se il governo Berlusconi avesse poi seguito quel modello virtuoso nel 2006 il rapporto debito/ pil sarebbe sceso al 90 per cento invece di quello lasciato in "eredità" al governo Prodi, del 106,5. Oggi, senza quella eredità negativa, avremmo potuto risparmiare, solo nel 2008, ben 16 miliardi di interessi passivi, con i quali potremmo finanziare tutti gli ammortizzatori sociali oggi tanto inesistenti quanto assolutamente urgenti e necessari.

    Ci si consenta di ricordargli, così come a ogni altro, che già all’inizio degli anni ‘80, i Radicali proposero invano alla camera emendamenti ai bilanci, pari alla progressiva riduzione del debito pubblico (di cui denunciavano il pericolo di una incontrollata espansione), al ritmo di un 7/8 per cento annuo.

    Da allora non hanno taciuto un solo anno sull’irresponsabile e sempre più esiziale ipoteca imposta al nostro paese, alle generazioni presenti e future, dalla classe dirigente di destra e di sinistra, unite (anche) in questo.

    Ma onestamente cosa c’entrano i 23 mesi del governo Prodi con questa perniciosa eredità? E, quanto all’incremento necessario della lotta all’evasione fiscale, in attesa del compiersi del miracolo fiscalfederalista, non potrebbe forse essere utile... Vincenzo Visco?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da F.T.W. Visualizza Messaggio
    Il debito è di Berlusconi

    http://www.radicali.it/view.php?id=132827

    • da Europa del 26 novembre 2008, pag. 1


    di Piero Capone, Marco Pannella

    Il presidente Berlusconi, a proposito dell’attuale situazione critica del paese, lamenta oggi la pesante eredità che avrebbe ricevuta dal precedente governo in merito all’enorme debito pubblico. Ma la vicenda del debito pubblico italiano ha una storia lunga, che riguarda, anche e proprio, il quinquennio del secondo governo Berlusconi. Se vogliamo parlare di una damnosa hereditas ricevuta, allora non possiamo dimenticare quella, ancor più pesante, lasciata da Berlusconi alla fine del precedente mandato.

    Poche cifre: 1) la spesa pubblica che rappresentava il 46,2 percento del pii nel 2000, balza al 50,5 del pil nel 2006 (ultimo anno pieno di governo berlusconiano); 2) gli avanzi primari (fondamentali per avere le risorse necessarie per il rientro dal debito) che erano stati in media del 5,3 per cento sul pii nel1996-2000, crollano al modestissimo 1,2 nel successivo quinquennio. 3) Nel contempo si verifica un’ulteriore aumento della pressione fiscale (dal 41,3 al 43,3 per cento).

    Che cosa fece di specifico il governo Berlusconi per affrontare la questione che oggi solleva del debito pubblico "ereditato"? Ha soltanto provocato un ulteriore aumento dello stock del debito di 217 miliardi pari al 16 per cento di quanto "ereditato" nel 2001.

    Non poteva far altro? Nossignore, bastava seguire il grande esempio del Belgio. Questo paese allora, anch’esso storicamente afflitto da un pesante debito all’incirca equivalente al nostro, fece scendere il rapporto debito fpíi dal 106,5 del 2001, all’88,2-per cento nel 2006. Pari a una riduzione del 17,2 per cento.

    Se il governo Berlusconi avesse poi seguito quel modello virtuoso nel 2006 il rapporto debito/ pil sarebbe sceso al 90 per cento invece di quello lasciato in "eredità" al governo Prodi, del 106,5. Oggi, senza quella eredità negativa, avremmo potuto risparmiare, solo nel 2008, ben 16 miliardi di interessi passivi, con i quali potremmo finanziare tutti gli ammortizzatori sociali oggi tanto inesistenti quanto assolutamente urgenti e necessari.

    Ci si consenta di ricordargli, così come a ogni altro, che già all’inizio degli anni ‘80, i Radicali proposero invano alla camera emendamenti ai bilanci, pari alla progressiva riduzione del debito pubblico (di cui denunciavano il pericolo di una incontrollata espansione), al ritmo di un 7/8 per cento annuo.

    Da allora non hanno taciuto un solo anno sull’irresponsabile e sempre più esiziale ipoteca imposta al nostro paese, alle generazioni presenti e future, dalla classe dirigente di destra e di sinistra, unite (anche) in questo.

    Ma onestamente cosa c’entrano i 23 mesi del governo Prodi con questa perniciosa eredità? E, quanto all’incremento necessario della lotta all’evasione fiscale, in attesa del compiersi del miracolo fiscalfederalista, non potrebbe forse essere utile... Vincenzo Visco?
    grandissimo marco

 

 

Discussioni Simili

  1. Crisi del debito. La Norvegia abbandona l’Europa
    Di dedelind nel forum Politica Europea
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-08-12, 16:50
  2. Europa: I socialisti aprono al debito Ue
    Di famedoro nel forum Politica Europea
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 04-09-11, 18:29
  3. Bagnasco -L'Europa è in debito con l'Africa
    Di Arthur Machen nel forum Padania!
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 31-03-11, 12:28
  4. Risposte: 92
    Ultimo Messaggio: 01-07-10, 15:22
  5. Turchia in Europa: Bonino e Pannella a Bruxelles
    Di aguas nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-12-04, 16:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226