User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Cancellate le Regioni?

  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cancellate le Regioni?

    Il Sole-24 Ore è in grado di anticipare i Ddl delega su cui il Governo sta lavorando per attuare l'ordinamento federale. Queste alcune delle novità per gli enti locali. Gli amministratori che si rendono responsabili di squilibri di bilancio potranno decadere, e vedersi chiuse anche le porte degli incarichi, delle collaborazioni e degli stessi rapporti di lavoro presso l'ente che hanno dissestato. Il nuovo ordinamento locale cancellerà con un colpo di spugna gli enti intermedi con funzioni «coincidenti o sovrapposte» a quelle degli enti locali previsti dalla Costituzione, cioè Comuni, Province e Città metropolitane.

    I sindaci saranno anche presidenti dei consigli comunali nei Comuni fino a 15mila abitanti, mentre in quelli fino a 5mila non saranno più costretti a interrompere la carriera dopo il secondo mandato. La creazione di società partecipate sarà possibile solo per i servizi direttamente rivolti ai cittadini e per le attività strumentali al funzionamento degli enti locali, e anche a queste realtà saranno estese le norme contro le infiltrazioni mafiose previste per Comuni e Province.

    I tratti fondamentali del panorama futuro delle amministrazioni locali emergono dalla lettura dei quattro Ddl delega che il Governo sta preparando per attuare la riforma del Titolo V della Costituzione. Insieme a un quinto provvedimento, dedicato alla Polizia locale, dettano i principi che troveranno attuazione in una serie di decreti legislativi: tutti da scrivere entro 12 mesi dall'approvazione della delega e senza comportare oneri aggiuntivi per i conti dello Stato.

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleO...lesView=Libero

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Mi sembra che il titolo V parli di comuni provincie e regioni.

  3. #3
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Art. 114 [20]
    La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato.
    I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.
    Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato disciplina il suo ordinamento.

  4. #4
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Alla faccia del decentramento questi vogliono fare la regione Italia con capoluogo roma.

    Sono contrario.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    Il Sole-24 Ore è in grado di anticipare i Ddl delega su cui il Governo sta lavorando per attuare l'ordinamento federale. Queste alcune delle novità per gli enti locali. Gli amministratori che si rendono responsabili di squilibri di bilancio potranno decadere, e vedersi chiuse anche le porte degli incarichi, delle collaborazioni e degli stessi rapporti di lavoro presso l'ente che hanno dissestato. Il nuovo ordinamento locale cancellerà con un colpo di spugna gli enti intermedi con funzioni «coincidenti o sovrapposte» a quelle degli enti locali previsti dalla Costituzione, cioè Comuni, Province e Città metropolitane.

    I sindaci saranno anche presidenti dei consigli comunali nei Comuni fino a 15mila abitanti, mentre in quelli fino a 5mila non saranno più costretti a interrompere la carriera dopo il secondo mandato. La creazione di società partecipate sarà possibile solo per i servizi direttamente rivolti ai cittadini e per le attività strumentali al funzionamento degli enti locali, e anche a queste realtà saranno estese le norme contro le infiltrazioni mafiose previste per Comuni e Province.

    I tratti fondamentali del panorama futuro delle amministrazioni locali emergono dalla lettura dei quattro Ddl delega che il Governo sta preparando per attuare la riforma del Titolo V della Costituzione. Insieme a un quinto provvedimento, dedicato alla Polizia locale, dettano i principi che troveranno attuazione in una serie di decreti legislativi: tutti da scrivere entro 12 mesi dall'approvazione della delega e senza comportare oneri aggiuntivi per i conti dello Stato.

    http://www.ilsole24ore.com/art/SoleO...lesView=Libero
    Il " circolo federalista Gianfranco Miglio di Parma " già tempo addietro aveva " studiato una possibile alternativa , inserita nel sito " www.autogoverno.org ",nonchè anche nel forum di POL circoli , "gf miglio reparto ...inevasi "
    ove i presupposti alternativi alle mansioni Comune-Provincia-Regione erano chiaramente proposti alle oppinioni dei cittadini , ma evidentemente al popolo non interessa risolvere i problemi , sembrerebbe che in mancanza degli stessi finisca il motivo dei ...piagnistei.
    Per chi volesse darci una "rinfrescata " riposto parte specifica sul tema:
    ..Omissis , Tutto quanto non debba essere di competenza dello Stato dovrà rientrare tra le competenze politiche di entità “locali” da scegliere tra quelle che sono presenti sulla piazza, eventualmente modificandone attribuzioni e compiti.
    Per rispettare la terza delle condizioni indicate in apertura di questo ‘pezzo’, è inevitabile che debba essere il Comune l’entità locale cui deve essere attribuita la competenza politica per ciò che non sia competenza dello Stato.
    Comuni
    Oltre a ricevere la delega “politica” da parte dello Stato per la gestione locale dei servizi di cui ai punti I. e J. del paragrafo precedente, ai Comuni si potrà (dovrà) riconoscere la possibilità di organizzare altri servizi in numero e qualità superiore a quelli minimi definiti per legge, ma, mentre per la copertura dei costi dei servizi “di base” essi dovrebbero fare riferimento alla fiscalità generale, la copertura dei costi di gestione dei servizi complementari, integrativi ed aggiuntivi che le Amministrazioni deliberino di organizzare dovrebbe tassativamente essere integralmente assicurata da una imposizione locale espressamente finalizzata e limitata al conseguimento di tale copertura.
    È ovvio come, in considerazione dell’inevitabile ampliamento “istituzionale” delle loro competenze, sia necessario che i Comuni abbiano dimensioni “credibili”: bisogna evitare l'esistenza di Comuni con meno di cento abitanti e ci sono forti dubbi che in un Comune con oltre un milione di abitanti sia possibile ai cittadini far sentire la loro voce. In questa ottica si dovrà procedere ad accorpare le strutture comunali troppo piccole e si dovranno spezzare in “distretti comunali” i comuni troppo grandi. La suddivisione dei comuni troppo grandi non porterà ad una riduzione dell'efficienza della macchina amministrativa locale in quanto quei servizi che per raggiungere il massimo di funzionalità debbono essere organizzati in un ambito territoriale di adeguata ampiezza dovranno essere gestiti da un’’“entità” più vasta. La sussistenza dell’identità “di campanile” delle comunità locali eventualmente accorpate potrà essere garantita dalla opportuna definizione di collegi elettorali comunali e dal mantenimento nelle attuali strutture di alcuni dei servizi di base.
    In riferimento a quanto ho sostenuto laddove invocavo l’unificazione su tutto il territorio nazionale di qualsiasi norma avente valore cogente, ricordo che tra le deleghe “politiche” di cui debbono essere depositari i Comuni dovrà esserci quella relativa alla “zonizzazione” del loro territorio in relazione alle “diversità” eventualmente previste dalle leggi nazionali (non solo per questioni urbanistiche, ma anche per tutto quanto potrà essere pensato di “diversificato” nell’ambito del territorio nazionale).
    Chiudo questo paragrafo enunciando a chiare lettere un’ovvia necessità già citata en passant poche righe più sopra: i Comuni, per economia di scala e per il conseguimento del miglior grado di efficienza, dovranno trasferire parte delle loro competenze “esecutive” ad un’”entità” superiore, pur conservando il potere politico di controllare e di intervenire su detta “entità”.
    Province come Consorzi di Comuni
    L’”entità” evocata come destinataria di deleghe “esecutive” rilasciate dai Comuni non può che essere la Provincia, la quale, al fine di evitare contrasti dovuti alla sussistenza di deleghe dirette da parte del corpo elettorale sia all’ente delegante che a quello delegato, si dovrà trasformare in un Consorzio di Comuni il cui Consiglio d’Amministrazione (Consiglio Provinciale) dovrebbe essere eletto dai Consiglieri Comunali, che assumerebbero i poteri e la veste di “grandi elettori” di quel Consiglio.
    Solo così si verrebbe a stabilire un preciso organigramma istituzionale. Infatti:
    · la Provincia diverrebbe una struttura al servizio dei Comuni (e dei cittadini dei Comuni);
    · se i servizi gestiti dalla Provincia non funzionassero, responsabili politici di ciò resterebbero gli stessi Comuni che, nel loro complesso, avrebbero il potere di intervenire sul Consiglio di Amministrazione del Consorzio-Provincia e sulle sue deliberazioni (approvazione da parte dei Comuni Consorziati dei bilanci preventivi e consuntivi);
    · il cittadino che rilevi malfunzionamento di una qualunque struttura locale verrebbe ad avere il suo referente in uno o più Consiglieri Comunali, che potrebbero e dovrebbero farsi carico di intervenire in sede comunale e provinciale, avendone l’autorità, acquisita con la delega elettorale.
    Ovviamente non sarà necessario ne’ possibile che tutti Consorzi-Province debbano riuscire ad organizzare da soli tutti i servizi possibili ed immaginabili: esistono servizi per cui anche l’ambito provinciale risulta troppo ristretto, come il servizio di elisoccorso, i servizi di cardiochirurgia, l’istituzione e la gestione di facoltà di veterinaria o di architettura, ecc. Per operare in campi che richiedano il coinvolgimento di più province, le stesse potranno e dovranno chiedere ed offrire collaborazione alle province limitrofe (senza riguardo ad artificiosi confini regionali).
    Qualcuno potrebbe continuare ad avere voglia di fare riferimento ad un ulteriore Ente Locale di ordine superiore (Regione), ma, per quanto già scritto in precedenza, questa ispirazione è senz’altro da rigettare: molto meglio affidarci al funzionamento del consorzio-provincia!
    A deporre a favore della soluzione del "federalismo delle Province" ci sono almeno due esempi chiari e molto positivi (ma di cui i nostri “Soloni istituzionali” non fanno menzione per paura di veder sbriciolato e ridotto il potere delle loro “fratellanze”):
    - l’esempio della Confederazione Elvetica, la quale, a fronte di una popolazione di circa sette milioni e mezzo di abitanti presenta una suddivisione in 26 Cantoni, con una media di circa 300.000 abitante/cantone (per cui l'Italia, che presenta una media di abitanti/provincia che di aggira sui 500.000, disporrebbe già di una struttura "macro-cantonale");
    - l’esempio delle province autonome di Trento e Bolzano, nonché della Regione mono-provinciale della Valle d'Aosta, tre province in cui si sono raggiunti livelli di funzionalità delle Amministrazioni Locali che sono impensabili in parecchie altre zone d'Italia (e tutto questo non solo grazie a quel notevole flusso di quattrini pubblici -che pur sussiste- ma che non viene utilizzato con la stessa efficienza in altre zone d’Italia, pure a “statuto speciale”, in cui l’inutile sovrastruttura “Regione” vive e prospera).

    4. Riorganizzazione della fiscalità....omissis

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Dec 2006
    Località
    Parma
    Messaggi
    828
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da parmigiano Visualizza Messaggio
    Il " circolo federalista Gianfranco Miglio di Parma " già tempo addietro aveva " studiato una possibile alternativa , inserita nel sito " www.autogoverno.org ",nonchè anche nel forum di POL circoli , "gf miglio reparto ...inevasi "
    ove i presupposti alternativi alle mansioni Comune-Provincia-Regione erano chiaramente proposti alle oppinioni dei cittadini , ma evidentemente al popolo non interessa risolvere i problemi , sembrerebbe che in mancanza degli stessi finisca il motivo dei ...piagnistei.
    Per chi volesse darci una "rinfrescata " riposto parte specifica sul tema:
    ..Omissis , Tutto quanto non debba essere di competenza dello Stato dovrà rientrare tra le competenze politiche di entità “locali” da scegliere tra quelle che sono presenti sulla piazza, eventualmente modificandone attribuzioni e compiti.
    Per rispettare la terza delle condizioni indicate in apertura di questo ‘pezzo’, è inevitabile che debba essere il Comune l’entità locale cui deve essere attribuita la competenza politica per ciò che non sia competenza dello Stato.
    Comuni
    Oltre a ricevere la delega “politica” da parte dello Stato per la gestione locale dei servizi di cui ai punti I. e J. del paragrafo precedente, ai Comuni si potrà (dovrà) riconoscere la possibilità di organizzare altri servizi in numero e qualità superiore a quelli minimi definiti per legge, ma, mentre per la copertura dei costi dei servizi “di base” essi dovrebbero fare riferimento alla fiscalità generale, la copertura dei costi di gestione dei servizi complementari, integrativi ed aggiuntivi che le Amministrazioni deliberino di organizzare dovrebbe tassativamente essere integralmente assicurata da una imposizione locale espressamente finalizzata e limitata al conseguimento di tale copertura.
    È ovvio come, in considerazione dell’inevitabile ampliamento “istituzionale” delle loro competenze, sia necessario che i Comuni abbiano dimensioni “credibili”: bisogna evitare l'esistenza di Comuni con meno di cento abitanti e ci sono forti dubbi che in un Comune con oltre un milione di abitanti sia possibile ai cittadini far sentire la loro voce. In questa ottica si dovrà procedere ad accorpare le strutture comunali troppo piccole e si dovranno spezzare in “distretti comunali” i comuni troppo grandi. La suddivisione dei comuni troppo grandi non porterà ad una riduzione dell'efficienza della macchina amministrativa locale in quanto quei servizi che per raggiungere il massimo di funzionalità debbono essere organizzati in un ambito territoriale di adeguata ampiezza dovranno essere gestiti da un’’“entità” più vasta. La sussistenza dell’identità “di campanile” delle comunità locali eventualmente accorpate potrà essere garantita dalla opportuna definizione di collegi elettorali comunali e dal mantenimento nelle attuali strutture di alcuni dei servizi di base.
    In riferimento a quanto ho sostenuto laddove invocavo l’unificazione su tutto il territorio nazionale di qualsiasi norma avente valore cogente, ricordo che tra le deleghe “politiche” di cui debbono essere depositari i Comuni dovrà esserci quella relativa alla “zonizzazione” del loro territorio in relazione alle “diversità” eventualmente previste dalle leggi nazionali (non solo per questioni urbanistiche, ma anche per tutto quanto potrà essere pensato di “diversificato” nell’ambito del territorio nazionale).
    Chiudo questo paragrafo enunciando a chiare lettere un’ovvia necessità già citata en passant poche righe più sopra: i Comuni, per economia di scala e per il conseguimento del miglior grado di efficienza, dovranno trasferire parte delle loro competenze “esecutive” ad un’”entità” superiore, pur conservando il potere politico di controllare e di intervenire su detta “entità”.
    Province come Consorzi di Comuni
    L’”entità” evocata come destinataria di deleghe “esecutive” rilasciate dai Comuni non può che essere la Provincia, la quale, al fine di evitare contrasti dovuti alla sussistenza di deleghe dirette da parte del corpo elettorale sia all’ente delegante che a quello delegato, si dovrà trasformare in un Consorzio di Comuni il cui Consiglio d’Amministrazione (Consiglio Provinciale) dovrebbe essere eletto dai Consiglieri Comunali, che assumerebbero i poteri e la veste di “grandi elettori” di quel Consiglio.
    Solo così si verrebbe a stabilire un preciso organigramma istituzionale. Infatti:
    · la Provincia diverrebbe una struttura al servizio dei Comuni (e dei cittadini dei Comuni);
    · se i servizi gestiti dalla Provincia non funzionassero, responsabili politici di ciò resterebbero gli stessi Comuni che, nel loro complesso, avrebbero il potere di intervenire sul Consiglio di Amministrazione del Consorzio-Provincia e sulle sue deliberazioni (approvazione da parte dei Comuni Consorziati dei bilanci preventivi e consuntivi);
    · il cittadino che rilevi malfunzionamento di una qualunque struttura locale verrebbe ad avere il suo referente in uno o più Consiglieri Comunali, che potrebbero e dovrebbero farsi carico di intervenire in sede comunale e provinciale, avendone l’autorità, acquisita con la delega elettorale.
    Ovviamente non sarà necessario ne’ possibile che tutti Consorzi-Province debbano riuscire ad organizzare da soli tutti i servizi possibili ed immaginabili: esistono servizi per cui anche l’ambito provinciale risulta troppo ristretto, come il servizio di elisoccorso, i servizi di cardiochirurgia, l’istituzione e la gestione di facoltà di veterinaria o di architettura, ecc. Per operare in campi che richiedano il coinvolgimento di più province, le stesse potranno e dovranno chiedere ed offrire collaborazione alle province limitrofe (senza riguardo ad artificiosi confini regionali).
    Qualcuno potrebbe continuare ad avere voglia di fare riferimento ad un ulteriore Ente Locale di ordine superiore (Regione), ma, per quanto già scritto in precedenza, questa ispirazione è senz’altro da rigettare: molto meglio affidarci al funzionamento del consorzio-provincia!
    A deporre a favore della soluzione del "federalismo delle Province" ci sono almeno due esempi chiari e molto positivi (ma di cui i nostri “Soloni istituzionali” non fanno menzione per paura di veder sbriciolato e ridotto il potere delle loro “fratellanze”):
    - l’esempio della Confederazione Elvetica, la quale, a fronte di una popolazione di circa sette milioni e mezzo di abitanti presenta una suddivisione in 26 Cantoni, con una media di circa 300.000 abitante/cantone (per cui l'Italia, che presenta una media di abitanti/provincia che di aggira sui 500.000, disporrebbe già di una struttura "macro-cantonale");
    - l’esempio delle province autonome di Trento e Bolzano, nonché della Regione mono-provinciale della Valle d'Aosta, tre province in cui si sono raggiunti livelli di funzionalità delle Amministrazioni Locali che sono impensabili in parecchie altre zone d'Italia (e tutto questo non solo grazie a quel notevole flusso di quattrini pubblici -che pur sussiste- ma che non viene utilizzato con la stessa efficienza in altre zone d’Italia, pure a “statuto speciale”, in cui l’inutile sovrastruttura “Regione” vive e prospera).

    4. Riorganizzazione della fiscalità....omissis
    Quoto con entusiasmo!!!!!!!!!!

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cincinnatobis Visualizza Messaggio
    Quoto con entusiasmo!!!!!!!!!!
    Un pochetto più specifico ? Dov'è l'entusiasmo , dai dilla tutta .

  8. #8
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Evidentemente a Roma stanno pensando che per loro è meglio avere a che fare con tantissimi Comuni e Province che con poche grandi Regioni , alcune delle quali si sono trasformate in mini-Stati con tutto il negativo che questo comporta...
    devo dire che anch'io sarei per un ridimensionamento delle Regioni e contestualmente un ingrandimento delle Province , le prime sono troppo grandi , le seconde troppo piccole , basti vedere la divergenza di interessi che c'è in Veneto fra Rovigo e Belluno o in Lombardia fra Sondrio e Mantova , un nuovo organismo amministrativo intermedio che sostituisca le 2 sarebbe l'ideale.
    Ci vuole la stessa saggezza di fronte alla questione brevetti , se la durata del brevetto è troppo corta sfiducia i laboratori a fare ricerca , se troppo si traduce in un danno per la collettività perchè crea una forma di rendita e cosi vale per gli enti locali , un ente troppo piccolo (mini-Comuni , attuali province , mini-Regioni tipo il Molise) non raggiunge la massa minima necessaria per operare finanziariamente in autonomia da Roma , ma un ente troppo grande tipo la Lombardia o la Sicilia o il Lazio è troppo vasto e ricrea al suo interno sperequazioni di tipo centralista.

  9. #9
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dividi et impera.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Dec 2006
    Località
    Parma
    Messaggi
    828
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Io Robert Visualizza Messaggio
    Evidentemente a Roma stanno pensando che per loro è meglio avere a che fare con tantissimi Comuni e Province che con poche grandi Regioni , alcune delle quali si sono trasformate in mini-Stati con tutto il negativo che questo comporta...
    devo dire che anch'io sarei per un ridimensionamento delle Regioni e contestualmente un ingrandimento delle Province , le prime sono troppo grandi , le seconde troppo piccole , basti vedere la divergenza di interessi che c'è in Veneto fra Rovigo e Belluno o in Lombardia fra Sondrio e Mantova , un nuovo organismo amministrativo intermedio che sostituisca le 2 sarebbe l'ideale.
    Ci vuole la stessa saggezza di fronte alla questione brevetti , se la durata del brevetto è troppo corta sfiducia i laboratori a fare ricerca , se troppo si traduce in un danno per la collettività perchè crea una forma di rendita e cosi vale per gli enti locali , un ente troppo piccolo (mini-Comuni , attuali province , mini-Regioni tipo il Molise) non raggiunge la massa minima necessaria per operare finanziariamente in autonomia da Roma , ma un ente troppo grande tipo la Lombardia o la Sicilia o il Lazio è troppo vasto e ricrea al suo interno sperequazioni di tipo centralista.
    Il concetto che esponi lo condivido (e ne potrai trovare ampio riscontro dalla pagina http://www.unaltraitalia.net/Patto_costituente.htm - contento, Parmigiano?).

    Sulla dimensione media delle province, ti faccio notare che i Cantoni Svizzeri hanno, mediamente 300.000 abitanti, mentre le province italiane ne hanno circa 580.000.
    LE REGIONI SONO DA CASSARE BRUTALMENTE!

 

 

Discussioni Simili

  1. Residuo fiscale regioni italiane vs alcune regioni europee.
    Di King Z. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-04-13, 13:33
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 28-02-13, 00:15
  3. Regioni ricche e regioni povere.
    Di Quayag nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 478
    Ultimo Messaggio: 30-01-13, 21:34
  4. Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 17:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226