User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito 2025: Il mondo che verrà

    L’Intelligence Usa ci racconta come sarà il mondo nel 2025

    di Simone Nella

    “Il sistema internazionale – come costruito all’indomani della Seconda Guerra Mondiale – sarà quasi irriconoscibile nel 2025.” Con queste parole, chiare ed inequivocabili, inizia il Rapporto intitolato Global Trends 2025. A Transformed World, che viene stilato ogni quattro anni dagli analisti del National Intelligence Council (NIC), ovvero l’organo deputato alla raccolta e all’elaborazione di tutte le analisi delle 16 agenzie che compongono la galassia dell’intelligence statunitense.
    Gli analisti affermano a chiare lettere che nel 2025 gli USA resteranno l’unico e il più importante attore internazionale, ma molto meno dominante. La costante trasformazione viene alimentata dalla globalizzazione economica, che segna uno storico spostamento del baricentro sempre più dall’Occidente verso l’Oriente e dal continuo peso di nuovi attori, soprattutto Cina ed India. Nonostante la crescente importanza dei due giganti asiatici, entrambi nel 2025 saranno comunque reticenti ed in altri casi impazienti a assumere un maggior ruolo sul palcoscenico mondiale. Ciò significa, che a differenza del ruolo rivestito dagli USA nel XIX e XX secolo, l’India e la Cina saranno più concentrati verso il proprio sviluppo interno, piuttosto che ad un cambiamento del sistema internazionale.
    Allo “shift of power” tra gli Stati-nazione si aggiungerà un maggior potere “relativo”, rappresentato dagli attori non statali, costituiti cioè da imprese, tribù, organizzazioni religiose e veri e propri network criminali. E molti Stati del mondo potrebbero finire proprio nelle mani delle organizzazioni criminali. Tra questi neanche l’Europa sembra esserne immune. Infatti, l’intelligence USA prevede che un Paese dell’Europa dell’Est, senza specificare quale, potrebbe finire sotto il controllo del crimine organizzato, con il rischio che possa estendere la propria rete verso occidente.
    Secondo gli scenari disegnati dall’intelligence americana, sono soprattutto il cambiamento climatico, l’aumento della popolazione ed il crescente fabbisogno di risorse, le possibili principali cause di frizione al nuovo ordine internazionale “multipolare”.
    La più saliente caratteristica del “nuovo ordine” sarà lo spostamento, da un mondo “unipolare” dominato dagli Stati Uniti, ad uno “multipolare senza multilateralismo”, costituito principalmente da vecchi poteri, da nazioni emergenti e dalla diffusione di attori non statali. Se nel precedente rapporto (2004) intitolato Mapping the Global Future: Report of the Intelligence Council’s 2020 Project, l’intelligence prevedeva il dominio incontrastato degli USA nell’arena internazionale, ed una offerta energetica – basata principalmente sul petrolio – che fosse in grado di soddisfare il fabbisogno mondiale, nella nuova edizione del rapporto 2025 si sostiene, per la prima volta, che gli USA stanno andando incontro ad un declino del proprio peso politico e di quello economico, mentre la scarsità di risorse ed i cambiamenti climatici potrebbero creare forti ed inaspettati “shock” geopolitici.
    L’attuale crisi finanziaria rappresenterebbe quindi il segnale premonitore di una riorganizzazione globale dell’economia che avrà effetti sia sul dollaro che sul potere finanziario e politico statunitense. Ma è sul fronte strategico-militare che nel 2025 gli USA resteranno l’unico Paese con una proiezione militare di potenza globale e sulla quale molti Paesi continueranno a vedere gli USA come un partner sicuro, rispetto alla crescita di poteri nucleari potenzialmente ostili.
    Per gli analisti, l’emergere di nuovi Stati dotati dell’arma nucleare potrà vincolare la libertà di azione statunitense, ma la sua superiorità militare sia in campo convenzionale che in quello non convenzionale sarà comunque un elemento fondamentale per dissuadere apertamente ogni possibile comportamento aggressivo da parte di qualsiasi nuovo Stato nucleare. E di questo potere gli USA ne continueranno a far uso nel contrasto al terrorismo globale. Soprattutto perché, ipotizzano gli uomini dell’intelligence, che potenziali avversari continueranno a perseguire strategie “asimmetriche” per sfruttare ogni possibile vulnerabilità politica o militare.
    Un possibile terreno sul quale gli Stati più avanzati potrebbero lanciare i propri attacchi sarà rivolto allo spazio (satelliti e stazioni spaziali) e a quella che viene chiamata “information warfare”. Attacchi e sabotaggi cibernetici potranno mettere in ginocchio le infrastrutture più critiche, come quelle dei trasporti, economiche o energetiche, e quindi, sono considerati dagli avversari come dei veri e propri target in grado di minare gli interessi nazionali statunitensi.
    Paesi tradizionalmente alleati degli USA, come Israele e il Giappone, potrebbero sentirsi meno sicuri nel 2025 di quanto lo siano oggi. Ciò potrebbe essere dovuto ai loro trend demografici sfavorevoli e alla scarsità di risorse, ma soprattutto ad una maggiore competizione militare nel Medio Oriente e nell’Asia Orientale, che potrebbe essere corroborata da possibili dubbi sulla vitalità delle garanzie di sicurezza da parte degli Stati Uniti.
    Secondo il rapporto, le risorse saranno nuovamente il pomo della discordia nell’arena internazionale e la scintilla di nuovi conflitti. L’acqua ed il cibo non saranno sufficienti a soddisfare la domanda globale e i cambiamenti climatici costituiranno un ulteriore elemento di destabilizzazione. La penuria idrica in Asia ed in Medio Oriente renderà più difficile la cooperazione tra gli Stati. Gli esperti calcolano che attualmente 21 Paesi, con una popolazione totale di 600 milioni di persone vivono in aree con penuria idrica, e nel 2025 i Paesi diventeranno 36, con un totale di 1,4 miliardi di persone.
    Al contempo, anche la percezione della scarsità di energia condurrà gli Stati a prendere maggiori azioni per assicurarsi l‘accesso alle risorse, al fine di garantire la sicurezza degli approvvigionamenti via mare, maggiori sforzi saranno rivolti alla costruzione e modernizzazione delle capacità marittime, soprattutto di Cina e India. L’aumento del potere marittimo su alcune rotte potrebbe ingenerare tensioni e rivalità, ma anche l’opportunità di creare forme di cooperazione multilaterale in grado di garantire la protezione di snodi marittimi strategici.
    Secondo gli esperti, il riscaldamento terrestre rafforzerà la crescita della Russia, facilitando l’accesso ai giacimenti energetici del nord, anche se il potenziale sviluppo potrebbe essere compromesso dalla criminalità. Possibili cataclismi potrebbero estendersi anche a zone oggi non a rischio, come a New York in cui gli esperti ipotizzano una imponente evacuazione nell’ottobre del 2020 per l’avanzare di un uragano. L’intelligence prevede inoltre un maggior peso politico sullo scenario internazionale per i Paesi islamici non arabi, come Turchia ed Indonesia, mentre l’Iran potrebbe essere un protagonista del nuovo ordine mondiale, soltanto qualora decidesse di attenuare il suo regime teocratico.
    Anche al Qaeda, la cui forte presenza nelle Aree Tribali del Pakistan continua a rappresentare una seria minaccia, potrebbe essere presto in declino, soprattutto per aver alienato molti islamici attraverso le indiscriminate uccisioni e la sua trascuratezze ai problemi della povertà, della disoccupazione e dell’istruzione. Ma lo stesso non si potrà dire nei confronti del terrorismo, che continuerà a rappresentare uno dei maggiori pericoli alla sicurezza.
    L’attuale tendenza al trasferimento della ricchezza dall’Occidente all’Oriente continuerà ad accentuarsi e le differenze negli stili di vita tenderanno a diminuire, con prospettive di benessere senza precedenti per l’intero globo. Ma parallelamente aumenteranno anche i fattori di instabilità. Dagli scenari descritti nel rapporto, l’intelligence americana prevede che il sistema internazionale sarà dominato sempre più da una molteplicità di attori statali e non statali, e ciò può anche voler dire che il khaos avrà la meglio sul nomos se i maggiori players internazionali non riusciranno (o non vorranno) creare nuovi meccanismi di governance globale, più adatti ad affrontare le nuove sfide del XXI secolo.

    http://www.loccidentale.it/articolo/...l+2025.0062369

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Il mondo che verrà -secondo quanto viene riferito da questo rapporto, che mette in luce una tendenza già verificabile nei fatti e negli avvenimenti odierni- non mi sembra una casa ospitale, soprattutto per noi occidentali conservatori. Il declino della potenza americana viene descritto come inevitabile, con un progressiva consegna di potere politico e strategico ai due giganti asiatici, già oggi considerevolmente sviluppati da questo punto di vista (non certo per democrazia, rispetto della libertà e miglioramento delle condizioni economiche delle fasce più deboli della popolazione), ovvero Cina e India. Quest'ultima ha qualche speranza in più; invece la Cina -a mio modesto parere- subirà i colpi dell'inconciliabilità di uno sviluppo economico sfrenato con un sistema politico ancora chiuso e sclerotizzato, nonchè per i danni derivanti dallo sfruttamento eccessivo delle risorse e della complessità originaria del territorio (compresi gli abitanti).

    Inquietante la prospettiva di una crescita del crimine organizzato e del permanere del terrorismo, al di là di Al Quaeda stessa.
    Gli Stati nazionali sembrano quasi disfarsi, le frontiere paiono cedere di fronte all'emergere di organizzazioni non statali, "liquide", in grado di penetrare con facilità nei territori e di superare i confini. La rete faciliterà questo processo, con aspetti anche negativi (attacchi informatici, impossibilità di controllo nello scambio di informazioni pericolose).

  3. #3
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,745
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    mah,per natura tendo a diffidare dai veggenti,anche se nel caso presente penso che un minimo di cognizione di causa ce l'abbiano...
    cmq siamo sicuramente quasi giunti ad un punto fondamentale per l'umanità: o battersi perchè,in tempi che non saprei definire,la libertà e la democrazia si possano adattare a tutto il mondo,oppure dovremo dare ragione a George Orwell....

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    17 Oct 2008
    Località
    Riame 'e Napule
    Messaggi
    16
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Parlerò in lingua barbara, ovvero il fiorentino che chiamate italiano.

    Queste previsioni sono tutte sbagliate, nel 2012 si verificherà "Il soffio di Dio" ovvero la tempesta solare più intensa che la storia abbia mai registrato fino al 2220. Le cariche provenienti dal Sole manderanno in sovraccarico tutta la rete elettrica mondiale e le centrali diverranno inutilizzabili. La Terra rimarrà al buio. Questo cataclisma favorirà i nemici di coloro che oggi hanno il potere economico mondiale e sull’occidente. In pochi mesi si istaurerà un nuovo assetto mondiale.
    La potenza americana diverrà solo locale ovvero a livello delle Americhe, mentre diverranno molto potenti altri stati come la Russia, la Cina, l’India e il Regno di Napoli. Anche altri paesi presto si aggiungeranno alle potenza mondiali: Turchia, Francia, Spagna, Germania e Giappone.
    L’elettricità diverrà cosa rara e gli spostamenti si torneranno a fare con i cavalli o le imbarcazioni a vela. Le zone che avranno impianti solari ed elolici avranno ancora potenza industriale per qualche decennio.
    L’Italia sarà coinvolta in una serie di guerre tra il nord ed il Sud che la frantumeranno in più stati e termineranno solo nel 2065 quando il Regno di Napoli avrà l’egemonia su quasi tutti gli stati che nasceranno dell’attuale repubblica italiana.
    Le conoscenze tecnologiche comunque faranno si che dopo il 2070 si saranno zone dove sarà possibile avere enormi quantità di energia ma non saranno per le popolazioni di quegli stati ma per esigenze belliche. La gente continuerà a usare le candele e a viaggiare con i cavalli e le carrozze.
    La democrazia come sistema di governo fallirà e molti paesi oggi repubblicani diverranno monarchici ed alcuni paesi monarchici repubblicani. Gli stati Uniti d’America di divideranno in più stati alcune riserve indiene diverranno stati sovrani: il Texas SARà uno stato sovrano a se stante. Gli stati della costa occidentale che saranno federati fra loro e gli unici che manterranno l’attuale ordinamento politico degli U.S.A., l’Alaska diverrà territorio della Russia. Il Resto degli U.S.A. diverrà l’Impero Nord Americano. La Gran Bretagna si dividerà in tre stati: Inghilterra, repubblicano, Scozia, monarchico e Galles repubblicano.

  5. #5
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,745
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    vabbuò,pigliamola come una boutade....

  6. #6
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    vabbuò,pigliamola come una boutade....
    Ma sì, una risata non fa mai male ogni tanto...

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    03 Sep 2007
    Messaggi
    124
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Parlerò in lingua barbara, ovvero il fiorentino che chiamate italiano.

    Queste previsioni sono tutte sbagliate, nel 2012 si verificherà "Il soffio di Dio" ovvero la tempesta solare più intensa che la storia abbia mai registrato fino al 2220. Le cariche provenienti dal Sole manderanno in sovraccarico tutta la rete elettrica mondiale e le centrali diverranno inutilizzabili. La Terra rimarrà al buio. Questo cataclisma favorirà i nemici di coloro che oggi hanno il potere economico mondiale e sull’occidente. In pochi mesi si istaurerà un nuovo assetto mondiale.

    La potenza americana diverrà solo locale ovvero a livello delle Americhe, mentre diverranno molto potenti altri stati come la Russia, la Cina, l’India e il Regno di Napoli. Anche altri paesi presto si aggiungeranno alle potenza mondiali: Turchia, Francia, Spagna, Germania e Giappone.
    L’elettricità diverrà cosa rara e gli spostamenti si torneranno a fare con i cavalli o le imbarcazioni a vela. Le zone che avranno impianti solari ed elolici avranno ancora potenza industriale per qualche decennio.
    L’Italia sarà coinvolta in una serie di guerre tra il nord ed il Sud che la frantumeranno in più stati e termineranno solo nel 2065 quando il Regno di Napoli avrà l’egemonia su quasi tutti gli stati che nasceranno dell’attuale repubblica italiana.
    Le conoscenze tecnologiche comunque faranno si che dopo il 2070 si saranno zone dove sarà possibile avere enormi quantità di energia ma non saranno per le popolazioni di quegli stati ma per esigenze belliche. La gente continuerà a usare le candele e a viaggiare con i cavalli e le carrozze.
    La democrazia come sistema di governo fallirà e molti paesi oggi repubblicani diverranno monarchici ed alcuni paesi monarchici repubblicani. Gli stati Uniti d’America di divideranno in più stati alcune riserve indiene diverranno stati sovrani: il Texas SARà uno stato sovrano a se stante. Gli stati della costa occidentale che saranno federati fra loro e gli unici che manterranno l’attuale ordinamento politico degli U.S.A., l’Alaska diverrà territorio della Russia. Il Resto degli U.S.A. diverrà l’Impero Nord Americano. La Gran Bretagna si dividerà in tre stati: Inghilterra, repubblicano, Scozia, monarchico e Galles repubblicano.

    Analisi interessante ha ha chi sei quello la' che viaggia nel futuro per caso?, forse si, bello chissa' come la prendera' Bossi nel sapere che il regno di napoli dominera' tutta l'italia he he
    Mangeremo tutti la pizza allora ..

  8. #8
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    109 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Patrick Henry Visualizza Messaggio
    Parlerò in lingua barbara, ovvero il fiorentino che chiamate italiano.

    Queste previsioni sono tutte sbagliate, nel 2012 si verificherà "Il soffio di Dio" ovvero la tempesta solare più intensa che la storia abbia mai registrato fino al 2220. Le cariche provenienti dal Sole manderanno in sovraccarico tutta la rete elettrica mondiale e le centrali diverranno inutilizzabili. La Terra rimarrà al buio. Questo cataclisma favorirà i nemici di coloro che oggi hanno il potere economico mondiale e sull’occidente. In pochi mesi si istaurerà un nuovo assetto mondiale.
    La potenza americana diverrà solo locale ovvero a livello delle Americhe, mentre diverranno molto potenti altri stati come la Russia, la Cina, l’India e il Regno di Napoli. Anche altri paesi presto si aggiungeranno alle potenza mondiali: Turchia, Francia, Spagna, Germania e Giappone.
    L’elettricità diverrà cosa rara e gli spostamenti si torneranno a fare con i cavalli o le imbarcazioni a vela. Le zone che avranno impianti solari ed elolici avranno ancora potenza industriale per qualche decennio.
    L’Italia sarà coinvolta in una serie di guerre tra il nord ed il Sud che la frantumeranno in più stati e termineranno solo nel 2065 quando il Regno di Napoli avrà l’egemonia su quasi tutti gli stati che nasceranno dell’attuale repubblica italiana.
    Le conoscenze tecnologiche comunque faranno si che dopo il 2070 si saranno zone dove sarà possibile avere enormi quantità di energia ma non saranno per le popolazioni di quegli stati ma per esigenze belliche. La gente continuerà a usare le candele e a viaggiare con i cavalli e le carrozze.
    La democrazia come sistema di governo fallirà e molti paesi oggi repubblicani diverranno monarchici ed alcuni paesi monarchici repubblicani. Gli stati Uniti d’America di divideranno in più stati alcune riserve indiene diverranno stati sovrani: il Texas SARà uno stato sovrano a se stante. Gli stati della costa occidentale che saranno federati fra loro e gli unici che manterranno l’attuale ordinamento politico degli U.S.A., l’Alaska diverrà territorio della Russia. Il Resto degli U.S.A. diverrà l’Impero Nord Americano. La Gran Bretagna si dividerà in tre stati: Inghilterra, repubblicano, Scozia, monarchico e Galles repubblicano.

    Analisi interessante ha ha chi sei quello la' che viaggia nel futuro per caso?, forse si, bello chissa' come la prendera' Bossi nel sapere che il regno di napoli dominera' tutta l'italia he he
    Mangeremo tutti la pizza allora ..
    Non ti piace la pizza? Non mangiarla allora.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il mondo che verrà? DICE fLORIAN?
    Intanto Jefferson aveva previsto i danni che i maghi della finanza bancaria avrebbero provocato.
    Tratto dal sito di le Figaro fr

    ARMENANTE
    De Thomas JEFFERSON a B. OBAMA
    03/12/2008 à 18:16

    J'espère encore que les USA nous montrerons le chemin à suivre pour le changement et l'évolution de nos démocraties. Les USA un exemple de changement et de progrés .
    Je vous invite à lire ce que disait un ancien Président des USA en 1802:

    Thomas Jefferson 1802: Un visionnaire!!!! (voir traduction)
    'I believe that banking institutions are more dangerous to our liberties than standing armies. If the American people ever allow private banks to control the issue of their currency, first by inflation, then by deflation, the banks and corporations that will grow up around the banks will deprive the people of all property until their children wake-up homeless on the continent their fathers conquered.'
    Thomas Jefferson 1802"
    je pense que les institutions bancaires sont plus dangereuses pour nos libertés que des armées entières prêtes au combat. Si le peuple américain permet un jour que des banques privées contrôlent leur monnaie, les banques et toutes les institutions qui fleuriront autour des banques priveront les gens de toute possession, d?abord par l'inflation, ensuite par la récession, jusqu'au jour où leurs enfants se réveilleront, sans maison et sans toit, sur la terre que leurs parents ont conquis"
    Thomas Jefferson 1802

  10. #10
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,745
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    magari se fosse possibile una traduzione dal francese....

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il mondo nel 2025 secondo la CIA
    Di Morfeo nel forum Politica Estera
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 09-03-10, 20:52
  2. Il mondo nel 2025 secondo la CIA
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-03-10, 15:42
  3. L’Intelligence Usa ci racconta come sarà il mondo nel 2025
    Di Salah al-Din nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 30-11-08, 02:39
  4. Il mondo che verrà
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-12-05, 18:14
  5. I blocchi geopolitici secondo me, nel Mondo che verrà
    Di Padanik (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-03-04, 02:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226