User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Feminas liberas, sardas e sardistas

    Arrexonamentu a pitzus de sa “Commissioni Pari Opportunità” de su Cumunu de Casteddu

    Po andai a innanti depeus castiai agoa.
    Quando soffiano le bufere di sabbia nelle piste del deserto ci si disorienta pericolosamente e per la sopravvivenza ci sono regole ferree da rispettare: “tornare indietro e mettersi al sicuro in un punto conosciuto per non sbagliare pista e perdersi”.
    Nella bufera che sta travolgendo il nostro Partito e tutto il sistema politico, noi sardiste sappiamo guardare alle spalle in modo naturale e tornare a “su connottu”, alle origini della cultura del nostro popolo.
    Il ritorno allo “splendore”, alla “civiltà” e ai “valori” della Carta De Logu e del Giudicato di E. d’Arborea, oggi è più che mai attuale in questa fase di pesante regressione della situazione femminile e ci fa capire che l’aspirazione ad una “Democrazia Paritaria” è un segno di grande emancipazione e di ritorno alla nostra storia.
    E’ con questi occhi che leggo, inorridita, alcuni fatti riguardanti “certe donne della Commissione Pari Opportunità” del Comune di Cagliari, succubi di una moda “idiota” che le vuole “consumatrici e allo stesso tempo merce di consumo”.
    Il mio messaggio parte dall’analisi di una delirante locandina “contro l’alcolismo…”, voluta dalla Comm. P.O. di una giunta di Centro-Destra e pagata con i soldi pubblici.

    Noi donne libere, sardiste e progressiste, non c’entriamo nulla con questa “tragica farsa”. Noi non riconosciamo queste commissioni addomesticate… gabbie dorate per le donne. Personalmente mi sono già “ribellata” allo Statuto Comunale che mi imponeva di far parte della Comm. Pari Opp. in quanto donna e come minoranza (nella “spartizione” – “su pratziri”), con il ruolo di vicepresidente. Dando le dimissioni chiesi pure la soppressione di questa commissione, in quanto reale freno alla nostra emancipazione e sede istituzionale di “inciuci”, e non strumento di confronto e di organizzazione di momenti di libertà e di soluzione dei problemi delle donne nella società sarda.


    Analisi del fatto
    La Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari infligge l’ennesima umiliazione e vergogna alle donne.
    Per la giornata contro la violenza sulle donne, la Commissione P.O. onora L. Ron Hubbard, autore di efferati crimini contro donne e bambini, dedicandogli la chiusura della locandina sull’alcolismo. La pagina con i nomi delle componenti della commissione si chiude con una frase tratta da “La Via della Felicità” di L. Ron Hubbard, noto in tutto il mondo per essere stato più volte condannato per azioni criminali e violenze.
    Quale fascino perverso può aver esercitato questo personaggio sulle donne delle P.O.?

    Circola imperterrito per la città un depliant ufficiale del Comune di Cagliari e della Commissione Pari Opportunità, sul tema:
    “Le donne e l’alcol – disagio nell’età adolescenziale e nuove tossicodipendenze”, pieghevole arricchito da un’infinità di immagini caotiche e di slogan, che nella loro confusa composizione tendono più a propagandare l’uso dell’alcool che a distoglierlo.
    Dietro belle bottiglie colorate lo slogan:
    “Non bevetevi il cervello!!”“meno alcol più cervello” - “Non tutti sanno che… ci sono rischi importanti di danni al feto..” e via un lungo elenco di lesioni al feto, “dalle anomalie degli arti al possibile nanismo…”, alle “anomalie anatomiche del cervello cioè della circonferenza del cranio molto ridotta….”. Considerazioni degne dei testi di Cesare Lombroso, sull’antropologia criminale.
    Seguono le “Informazioni utili per tutte le studentesse delle scuole superiori di Cagliari”.
    Sono loro le “incriminate perché in età fertile”. Le vere responsabili delle anomalie dei propri feti.
    Lo slogan “Non berti la vita”, illustrato con ripetute immagini di carnose labbra rosse (quelle più propagandate dalla pubblicità) che bevono uno “stimolante” cocktail, quale messaggio mediatico intende dare?
    Le autrici della locandina, farebbero bene a lasciare in pace i “cervelli delle donne in età fertile” e a preoccuparsi del proprio. Preoccupandosi di andare nelle scuole ad apprendere il significato reale della grave piaga dell’alcolismo e delle altre droghe diffuse fra gli adolescenti (femmine e maschi). Questi danni vanno ben oltre “quelli ai feti delle studentesse delle scuole superiori di Cagliari”, cui si rivolge la commissione, dando “informazioni utili” e riproponendo in maniera subdola la campagna antiabortista e di esclusione della libera scelta delle donne, in nome di una falsa morale ridotta a merce.
    L’alcolismo purtroppo è una grave piaga sociale che deve essere affrontata con ben altro approccio e sensibilità.
    Le donne che fanno riferimento al Centro-Sinistra, disconoscendo questa scellerata iniziativa, dovrebbero dimettersi dalla Commissione P.O. per il rispetto dovuto alla tradizione delle lotte per l’emancipazione delle donne, lotte e valori che sono parte fondante delle nostre idealità.
    Le dimissioni sono anche un atto di rispetto verso l’istituzione comunale che non può essere usata né piegata ai propri meschini fini politici, con ciò ingannando i cittadini e sperperando fondi pubblici.
    Rinnovo la richiesta al Consiglio Comunale di Cagliari di soppressione della Commissione Pari Opportunità, di cui per un brevissimo periodo feci parte come vicepresidente e dalla quale dimettendomi chiesi la cessazione, perché inadeguata ai propri ruoli istituzionali.
    La mia richiesta non ebbe alcuna risposta, tanto meno fu oggetto di dibattito e fu ignorata da tutti. In Italia al contrario fece molto scalpore.


    Claudia Zuncheddu
    Consigliera Comunale del Psd’Az


    Cagliari 27/11/2008

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Pieghevole, fronte-retro.



  3. #3
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La citazione di L. Ron Hubbard…


  4. #4
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I danni al feto…


  5. #5
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Informazioni per le studentesse di Cagliari…


  6. #6
    Claudia Zuncheddu
    Data Registrazione
    01 Sep 2006
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    22
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lettera alle donne del Centro Sinistra

    Care compagne
    Con delusione e preoccupazione ho analizzato la locandina, l’ho letta e riletta incredula.
    Sono certa che non sia frutto della vostra partecipazione attiva, perché non fa parte della nostra tradizione di lotta per l’emancipazione delle donne, così come non riflette il nostro modo di guardare il mondo e i problemi sociali.
    Vi prego di prendere posizione nell’interesse della nostra causa e dei nostri valori comuni. Il nostro impegno nella lotta per l’autodeterminazione ed emancipazione del nostro genere ci impone di non regredire. Ogni passo avanti nella nostra storia è frutto di lotte e di “costi molto elevati” per tutte noi.
    Arrivederci. C.Z.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2008
    Messaggi
    80
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    .

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2008
    Messaggi
    80
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Tropu marketing e pagu sustanza in s'attividadi de sa Commissioni Pari Opportunidadis

    Citazione Originariamente Scritto da ZunchedduBlog Visualizza Messaggio
    Arrexonamentu a pitzus de sa “Commissioni Pari Opportunità” de su Cumunu de Casteddu

    Po andai a innanti depeus castiai agoa.
    Quando soffiano le bufere di sabbia nelle piste del deserto ci si disorienta pericolosamente e per la sopravvivenza ci sono regole ferree da rispettare: “tornare indietro e mettersi al sicuro in un punto conosciuto per non sbagliare pista e perdersi”.
    Nella bufera che sta travolgendo il nostro Partito e tutto il sistema politico, noi sardiste sappiamo guardare alle spalle in modo naturale e tornare a “su connottu”, alle origini della cultura del nostro popolo.
    Il ritorno allo “splendore”, alla “civiltà” e ai “valori” della Carta De Logu e del Giudicato di E. d’Arborea, oggi è più che mai attuale in questa fase di pesante regressione della situazione femminile e ci fa capire che l’aspirazione ad una “Democrazia Paritaria” è un segno di grande emancipazione e di ritorno alla nostra storia.
    E’ con questi occhi che leggo, inorridita, alcuni fatti riguardanti “certe donne della Commissione Pari Opportunità” del Comune di Cagliari, succubi di una moda “idiota” che le vuole “consumatrici e allo stesso tempo merce di consumo”.
    Il mio messaggio parte dall’analisi di una delirante locandina “contro l’alcolismo…”, voluta dalla Comm. P.O. di una giunta di Centro-Destra e pagata con i soldi pubblici.

    Noi donne libere, sardiste e progressiste, non c’entriamo nulla con questa “tragica farsa”. Noi non riconosciamo queste commissioni addomesticate… gabbie dorate per le donne. Personalmente mi sono già “ribellata” allo Statuto Comunale che mi imponeva di far parte della Comm. Pari Opp. in quanto donna e come minoranza (nella “spartizione” – “su pratziri”), con il ruolo di vicepresidente. Dando le dimissioni chiesi pure la soppressione di questa commissione, in quanto reale freno alla nostra emancipazione e sede istituzionale di “inciuci”, e non strumento di confronto e di organizzazione di momenti di libertà e di soluzione dei problemi delle donne nella società sarda.


    Analisi del fatto
    La Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari infligge l’ennesima umiliazione e vergogna alle donne.
    Per la giornata contro la violenza sulle donne, la Commissione P.O. onora L. Ron Hubbard, autore di efferati crimini contro donne e bambini, dedicandogli la chiusura della locandina sull’alcolismo. La pagina con i nomi delle componenti della commissione si chiude con una frase tratta da “La Via della Felicità” di L. Ron Hubbard, noto in tutto il mondo per essere stato più volte condannato per azioni criminali e violenze.
    Quale fascino perverso può aver esercitato questo personaggio sulle donne delle P.O.?

    Circola imperterrito per la città un depliant ufficiale del Comune di Cagliari e della Commissione Pari Opportunità, sul tema:
    “Le donne e l’alcol – disagio nell’età adolescenziale e nuove tossicodipendenze”, pieghevole arricchito da un’infinità di immagini caotiche e di slogan, che nella loro confusa composizione tendono più a propagandare l’uso dell’alcool che a distoglierlo.
    Dietro belle bottiglie colorate lo slogan:
    “Non bevetevi il cervello!!”“meno alcol più cervello” - “Non tutti sanno che… ci sono rischi importanti di danni al feto..” e via un lungo elenco di lesioni al feto, “dalle anomalie degli arti al possibile nanismo…”, alle “anomalie anatomiche del cervello cioè della circonferenza del cranio molto ridotta….”. Considerazioni degne dei testi di Cesare Lombroso, sull’antropologia criminale.
    Seguono le “Informazioni utili per tutte le studentesse delle scuole superiori di Cagliari”.
    Sono loro le “incriminate perché in età fertile”. Le vere responsabili delle anomalie dei propri feti.
    Lo slogan “Non berti la vita”, illustrato con ripetute immagini di carnose labbra rosse (quelle più propagandate dalla pubblicità) che bevono uno “stimolante” cocktail, quale messaggio mediatico intende dare?
    Le autrici della locandina, farebbero bene a lasciare in pace i “cervelli delle donne in età fertile” e a preoccuparsi del proprio. Preoccupandosi di andare nelle scuole ad apprendere il significato reale della grave piaga dell’alcolismo e delle altre droghe diffuse fra gli adolescenti (femmine e maschi). Questi danni vanno ben oltre “quelli ai feti delle studentesse delle scuole superiori di Cagliari”, cui si rivolge la commissione, dando “informazioni utili” e riproponendo in maniera subdola la campagna antiabortista e di esclusione della libera scelta delle donne, in nome di una falsa morale ridotta a merce.
    L’alcolismo purtroppo è una grave piaga sociale che deve essere affrontata con ben altro approccio e sensibilità.
    Le donne che fanno riferimento al Centro-Sinistra, disconoscendo questa scellerata iniziativa, dovrebbero dimettersi dalla Commissione P.O. per il rispetto dovuto alla tradizione delle lotte per l’emancipazione delle donne, lotte e valori che sono parte fondante delle nostre idealità.
    Le dimissioni sono anche un atto di rispetto verso l’istituzione comunale che non può essere usata né piegata ai propri meschini fini politici, con ciò ingannando i cittadini e sperperando fondi pubblici.
    Rinnovo la richiesta al Consiglio Comunale di Cagliari di soppressione della Commissione Pari Opportunità, di cui per un brevissimo periodo feci parte come vicepresidente e dalla quale dimettendomi chiesi la cessazione, perché inadeguata ai propri ruoli istituzionali.
    La mia richiesta non ebbe alcuna risposta, tanto meno fu oggetto di dibattito e fu ignorata da tutti. In Italia al contrario fece molto scalpore.


    Claudia Zuncheddu
    Consigliera Comunale del Psd’Az


    Cagliari 27/11/2008

    E' deludente vedere che una commissione per le pari opportunità si cimenti in attività (simil "propagandistico-elettorale") di dissuasione dall'alcolismo mirate alle giovani donne, alle ragazze dei licei di Cagliari.....questa iniziativa sembra riduca le giovani donne ad una categoria di alcoliste, le dipinga come coloro che non sono in grado di prendere decisioni, di essere informate.....e questo, se vogliamo essere di manica larga, ci può anche stare (male). Ma ciò che veramente è assurdo, per quanto mi riguarda, è 1. la citazione di un pensiero prodottodalla mente di uno che alle donne ha fatto davvero male, proposto come pensiero "intelligente", come strada da seguire, come perla di saggezza. 2. Il fatto che queste persone che hanno realizzato questa colorata brochure, hanno raso a zero la dignità di queste ragazze sparando su un problema che non è assolutamente esclusivo delle ragazze. I veri problemi di cui si dovrebbe discutere sono altri: la libertà intellettuale delle donne, quella morale, il rispetto della dignità. La commissione per le pai opportunità potrebbe rendersi utile, se volesse, agendo laddove ci sono marcate differenze di retribuzione tra ruoli identici ma ricoperti da maschi e femmine (basta vedere LE RICERCHE SCIENTIFICHE DELL'APPROCCIO W.I.M.). Ancora oggi le donne non sono presenti con numeri importanti in alcune attività o ruolidi potere, considerati tipicamente maschili, ne sono un esempio la politica e il management. Penso che di questo si dovrebbe occupare la commissione per le pari opportunità, non di indicare alle giovani donne i rischi per il feto legati all'alcolismo....come se le ragazze fossero delle alcoliste!!!!!!Ma dai!! Per favore!!!!

 

 

Discussioni Simili

  1. Bèstias "sardas sardas"
    Di Arbitiosu nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 16-07-07, 17:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226