User Tag List

Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 92
  1. #1
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up Repubblica Itagliana in bancarotta!

    Sacconi: «L'Italia rischia di andare a finire
    come l'Argentina». Ma poi corregge il tiro


    Il ministro del Welfare a «Economix»: «Nessun dissidio con Tremonti. Sono preoccupato per il rischio di "default"»


    in serata smentisce: «al riparo da ogni pericolo». Il Debito preoccupa Tremonti


    ROMA - Rischiamo di finire come l'Argentina. È una fosca previsione quella fatta dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi durante la registrazione della puntata di Economix: «Come Tremonti sono anche io vincolato dal debito pubblico e sono anche io preoccupato per il rischio di "default" del Paese. E c'è qualcosa di peggiore della recessione, che è la bancarotta dello Stato, un'ipotesi improbabile ma comunque possibile». Sacconi ha sottolineato come «non possiamo permetterci neanche lontanamente che vada deserta un'asta pubblica di titoli di Stato. Ci sarebbe una carenza di liquidità per pagare pensione e stipendi e faremmo come l'Argentina».
    «NESSUN RISCHIO BANCAROTTA» - In serata il ministro ha corretto il tiro: «Sono costretto a intervenire dalla disinvoltura con cui alcuni hanno interpretato una considerazione più volte ripetuta circa la necessità di tenere alto il livello di guardia sul debito pubblico, attribuendomi addirittura un presunto rischio bancarotta. Non ho mai detto né lasciato intendere che vi può essere un rischio di tale natura». Sacconi sottolinea di aver affermato «che il debito pubblico costituisce per la sua dimensione un vincolo ineludibile per le politiche di spesa. La robusta politica di controllo della finanza pubblica, che abbiamo realizzato con la manovra di giugno, ci mette quindi al riparo da ogni pericolo ed è all'interno di essa che abbiamo definito il pacchetto di misure per sostenere la crescita e proteggere il disagio sociale».
    TREMONTI PREOCCUPATO - Tremonti nel primo pomeriggio aveva invece ricordato che il debito italiano è il «terzo del mondo» e spiegato che i pericoli più che dalla finanza pubblica vengono dal mercato. Il responsabile della politica economica del governo no aveva usato toni allarmistici e anzi aveva ricordato che la crisi ha mostrato come pericoloso sia anche il debito privato, che vede esposti altri Paesi e non l'Italia.
    PATTO NON SI TOCCA - Il patto di stabilità europeo è «un muro invalicabile». Lo avrebbe detto, secondo quanto riportano alcuni partecipanti, il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, replicando alle domande dei senatori del Pdl durante un incontro su Finanziaria e decreto anti-crisi nella serata di mercoledì. Di fronte alle sollecitazioni dei senatori su questo punto e sui possibili ricaschi sul patto interno, Tremonti ha ribadito che il rapporto deficit-Pil al 3% non può essere sforato. E riguardo a una sua possibile flessibilità ha evidenziato che questo «è tutto da discutere a livello europeo» così come «anche una sua ricaduta» sul Patto di Stabilità Interno.
    COMPETITIVITA’ TITOLI DI STATO - «Un'ulteriore criticità - aveva detto Tremonti nel pomeriggio - è che, ferma la magnitudine del nostro debito, in futuro lo scenario sarà più competitivo con le crescenti emissioni di altri Paesi». In pratica, sostiene il ministro dell'economia, l’Italia deve riuscire a rispettare i limiti imposti dal Patto di stabilità per evitare difficoltà nella collocazione dei titoli di Stato italiani e nello spread (ovvero nel differenziale dei tassi d’interesse riconosciuti agli acquirenti) con gli altri Paesi.
    LA REPLICA DELL'OPPOSIZIONE - I parlamentari del Pd, in particolare, hanno messo in evidenza le parole di Sacconi. «Tremonti chiarisca», ha chiesto il Senatore Tiziano Treu. «I pessimisti sono al Governo, che non riesce a mettere in campo provvedimenti coraggiosi», gli ha fatto eco il compagno di partito Giorgio Tonini. «Sacconi - ha aggiunto il portavoce del Pd, Andrea Orlando - di fatto smentisce le affermazioni di Tremonti secondo il quale la finanza pubblica era stata messa al sicuro con la manovra finanziaria di luglio. Per fortuna che per il governo i pessimisti eravamo noi».




    03 dicembre 2008

    http://www.corriere.it/economia/08_d...box_primopiano

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Arriva la tempesta...saldi.

  3. #3
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,603
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Saldi mordali.

  4. #4
    Non si fitta ai terroni.
    Data Registrazione
    11 Dec 2007
    Località
    Non sono razzista. Il razzismo è un crimine, e il crimine è roba da negri.
    Messaggi
    576
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Evvai! la notizia che stavo aspettando.

  5. #5
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Ci credo poco per due motivi:

    1) L'UE sicuramente sosterrà la liquidità italiana.

    2) Con la crisi dle mercato azionario aumenteranno gli investimenti nei BOT.

  6. #6
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E i soldi dei BOT chi te li ritorna se salta la baracca?

    Te lo ricordi qual'è il rating della repubblica delle banane, vero?

    1 + 1 = Fuck

  7. #7
    Non si fitta ai terroni.
    Data Registrazione
    11 Dec 2007
    Località
    Non sono razzista. Il razzismo è un crimine, e il crimine è roba da negri.
    Messaggi
    576
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io i bot non ce li ho. Ho i mattoni.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Una delle porte aperte sulla bancarotta è la deflazione. .

    Ossia praticamento il risultato di aspettare a comperare perché domani potrebbe costare meno.

    Praticamente in senso metaforico il denaro si rivaluta come valore da solo anche senza interessi.

    Ecco perchè ad esempio la Socialcard, che viene data solamente a fronte di una sicura spesa, se non spendi non serve,.

    Chissà, ripeto chissà, forse alla fine la Socialcard è un modo di emettere moneta da parte dello stato senza passare dalle banche.
    E' tutto da vedere e da controllare.

  9. #9
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io non credo ci siano i presupposti per un default dell'Italia , è vero che il debito pubblico vale 1600 mld € ma è anche vero che il patrimonio abitativo (esclusi quindi infrastrutture , pertinenze , capannoni , uffici etc) vale oltre il doppio inoltre non conviene alla UE...
    probabilmente , come s'è detto anche qui in passato , si arriverà più o meno gradualmente a forme di spalmamento del debito verso gli enti locali , magari in cambio del federalismo , sarebbe una specie di partita di giro (ti lascio trattenere l'IRPEF ma mi paghi tu il debito nazionale) ma ne gioverebbe il sistema , invece di avere lo Stato il 104% sarebbe una roba tipo:
    Comuni=20%
    Regioni=30%
    Province=10%
    e Stato=40% del PIL e faremmo la figura dei bravi in Europa , come UK che ha circa 40%

    Citazione Originariamente Scritto da Jotsecondo Visualizza Messaggio
    Una delle porte aperte sulla bancarotta è la deflazione. .
    la deflazione fra crollare il PIL (denominatore) rispetto al debito (numeratore) ma lo Stato potrebbe compensare l'effetto finanziandosi a tasso quasi zero dato che , come sembra , i tassi sembrano destinati a scendere ulteriormente.
    Ossia praticamento il risultato di aspettare a comperare perché domani potrebbe costare meno.

    Praticamente in senso metaforico il denaro si rivaluta come valore da solo anche senza interessi.

    Ecco perchè ad esempio la Socialcard, che viene data solamente a fronte di una sicura spesa, se non spendi non serve,.

    Chissà, ripeto chissà, forse alla fine la Socialcard è un modo di emettere moneta da parte dello stato senza passare dalle banche.
    E' tutto da vedere e da controllare.
    Si , assomiglia più ad una carta di sconto , non ci devi pagare sopra nè interessi alle banche nè tasse allo stato , vagamente il principio espresso qui.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Io Robert Visualizza Messaggio
    Io non credo ci siano i presupposti per un default dell'Italia , è vero che il debito pubblico vale 1600 mld € ma è anche vero che il patrimonio abitativo (esclusi quindi infrastrutture , pertinenze , capannoni , uffici etc) vale oltre il doppio inoltre non conviene alla UE...
    probabilmente , come s'è detto anche qui in passato , si arriverà più o meno gradualmente a forme di spalmamento del debito verso gli enti locali , magari in cambio del federalismo , sarebbe una specie di partita di giro (ti lascio trattenere l'IRPEF ma mi paghi tu il debito nazionale) ma ne gioverebbe il sistema , invece di avere lo Stato il 104% sarebbe una roba tipo:
    Comuni=20%
    Regioni=30%
    Province=10%
    e Stato=40% del PIL e faremmo la figura dei bravi in Europa , come UK che ha circa 40%

    La tua affermazione avvalora quello che vogliono attuare con il federalismo.

    Da tempo si è detto che il federalismo fiscale sbandierato dalla lega e soci è solamente un trucco per spalmare i debiti sugli enti in modo che i conti a livello centrale tornano.

    Hai messo in evidenza quale è il trucco che ci vogliono propinare.

    Ossia il federalismo leghista è una truffa per addossarci più debiti.
    Un modo per fregare ulteriormente il Nord in quanto è logico che i debiti contratti verranno a pesare con i loro interessi interamente con chi paga da sempre.

    Grazie per la tua precisazione che detta a suo tempo pareva leggermente assurda.

 

 
Pagina 1 di 10 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Google è più democratico dell'intera repubblica itagliana
    Di Morfeo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 14-10-13, 15:43
  2. Cialtroneria itagliana
    Di k21 nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-03-10, 16:25
  3. Il "Senato" della repubblica itagliana
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 25-01-08, 08:55
  4. commedia all'itagliana
    Di aussiebloke (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 22-06-05, 16:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226