User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 36
  1. #1
    Libertà
    Data Registrazione
    13 Nov 2005
    Località
    La libertà non è un diritto: è un dovere. Non è una elargizione: è una conquista. Non è una uguaglianza: è un privilegio.
    Messaggi
    1,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito CRISI FINANZIARIA: ma stiamo veramente meglio degli altri?

    intanto continua ad allargarsi lo spread tra btp italiano e bund tedesco


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Libertà
    Data Registrazione
    13 Nov 2005
    Località
    La libertà non è un diritto: è un dovere. Non è una elargizione: è una conquista. Non è una uguaglianza: è un privilegio.
    Messaggi
    1,308
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    qui si mette veramente male

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,825
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il presidente dice cosi' : come non credere ad un uomo simile?
    Intanto il differenziale CDS ( credit default swap ) che tu hai quotato 1,14% ( 114 punti base ) l'altro venerdi' , venerdi' scorso era gia' salito a 174-43 = 132
    mercoledi' e venerdi' (asta BOT e BTP ) vedremo

    Certo che se sara' default il Presidente mi sa che non lo vedremo per un poco.


    I titoli di Stato in mano agli stranieri
    portafoglio-Italia più vulnerabile

    ROMA - La buona notizia è che, fra un anno, potremmo scoprire che la montagna del debito pubblico ci è costata molto meno del solito. La cattiva notizia è che, da subito, questa montagna potrebbe, invece, franarci addosso, seppellendo lo sviluppo del paese e spingendolo verso la bancarotta. In realtà, questa è un'ipotesi estrema, che la presenza dell'Italia all'interno della fortezza dell'euro rende remota. Ma è dai primi anni '90 che l'Italia non si trova a gestire il suo debito in condizioni di pari difficoltà e fragilità.

    L'incubo dei Bot ci accompagnerà per tutto il 2009, quando, asta dopo asta, il Tesoro si troverà a rinnovare i 200 miliardi di euro che, normalmente, rastrella sul mercato, in una situazione in cui il credito che circola resta asfittico e in cui paesi che, di solito, ricorrono poco al mercato vi entreranno, invece, in misura massiccia: gli analisti calcolano che, l'anno prossimo, i vari governi dell'eurozona chiederanno agli investitori prestiti complessivi per 2 mila miliardi. Molti di questi governi sono in grado di attrarre gli investitori più dell'Italia, grazie a finanze più sane e più solide.

    Lo specchio di questa situazione è lo spread fra Bot italiani e gli equivalenti Bund tedeschi: l'Italia è costretta a pagare oltre un punto percentuale in più di interesse (una differenza che non si vedeva dai tempi della lira) per collocare i suoi titoli.

    Il motivo maggiore di inquietudine è, però, la fragilità strutturale del debito. Nel 1995, il grosso dei titoli di Stato era nelle mani delle famiglie italiane, il "popolo dei Bot": il 40 per cento era nelle banche e solo il 10 per cento presso investitori esteri. Nel 2006, secondo gli ultimi dati disponibili del Tesoro, la situazione è completamente rovesciata: solo il 10 per cento dei Bot è in mano a famiglie italiane. Oltre il 30 per cento è nelle banche, il grosso (53 per cento) è, ormai, debito con l'estero.

    Se, negli anni '90, una fuga delle famiglie dai Bot era, anche tecnicamente, improbabile, oggi è, almeno, verosimile: banche e investitori esteri hanno molta maggior facilità delle famiglie di dieci anni fa a muovere capitali fra le frontiere. Inoltre, oggi, banche e fondi, più delle famiglie, per la stretta al credito, sono a corto di liquidità e spinti a razionare i loro investimenti. Infine, assai più delle famiglie, le grandi istituzioni finanziarie sono attente ai segnali, anche quelli non facilmente decifrabili, che manda il mercato.

    E i segnali che, oggi, manda il mercato sul debito pubblico italiano sono scoraggianti. Prendiamo, come termometro, i Credit default swaps. I Cds sono contratti in cui, in cambio di una tariffa, una controparte garantisce la restituzione del debito, se il debitore fallisce e smette di pagare. Solo da un mese si è gettata un po' di luce sulla giungla di questi derivati. E si è scoperto che, all'inizio di novembre, il Cds in assoluto più trattato nel mondo era la protezione contro una bancarotta del governo italiano.

    Al netto di transazioni ripetute (un Cds viene venduto e rivenduto più volte) gli investitori mondiali avevano in portafoglio Cds legati al debito italiano per 22,7 miliardi di dollari, contro i 16,7 miliardi della Spagna. Seguivano Turchia e Deutsche Bank. A fine novembre, il volume netto di Cds italiani era diminuito (a 17 miliardi di dollari), ma la protezione contro un default italiano continuava ad essere la più richiesta. Anche se il costo (altro indicatore cruciale delle percezioni del mercato) continua a crescere: ancora a settembre si pagavano 40 mila dollari per garantirsi la restituzione di 10 milioni di dollari di debito italiano. Da allora, il costo è schizzato verso l'alto: oggi, per garantire quegli stessi 10 milioni di dollari, ce ne vogliono 174 mila.

    E' possibile che gli investitori esteri non abbandonino l'Italia o che, nel caso, come si augura il ministro del Tesoro, Tremonti, le famiglie, vista la crisi in Borsa, prendano il loro posto nel portafoglio dei Bot. E' un sentiero stretto: percorrerlo consentirebbe all'Italia di cogliere l'occasione che la crisi del credito fornisce. Angelo Baglioni e Luca Colombo hanno calcolato, per Lavoce. info, che la riduzione dei tassi avviata dalle banche centrali consentirebbe all'Italia di risparmiare quasi 4 miliardi di euro in interessi sul debito pubblico. Lo spread con il Bund, infatti, è aumentato, ma, in termini assoluti, l'interesse pagato sui Bot italiani è sceso, anche se meno di quello tedesco. Il calcolo è stato fatto prima dell'ultimo taglio di 0,75 punti della Bce. Il risparmio sull'onere per interessi, nel 2009, potrebbe essere, ora, di 5-6 miliardi di euro.

    http://finanza.repubblica.it/News_De...codnews=205108
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    30,322
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    150 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    meglio no di certo, ma da qui ad ipotizzare aste deserte per i nostri bot bisogna proprio chiamarsi sacconi ed esser ministri.

  5. #5
    Digital Dictator
    Data Registrazione
    15 Oct 2008
    Località
    nel giorno della fine non ti serviranno MSN e la connessione ADSL
    Messaggi
    1,106
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da markk Visualizza Messaggio
    meglio no di certo, ma da qui ad ipotizzare aste deserte per i nostri bot bisogna proprio chiamarsi sacconi ed esser ministri.
    male che vada ci sono gli accantonamenti pensionistici di certi dipendenti pubblici...

  6. #6
    1 comunista rimasto : Silvio
    Data Registrazione
    20 May 2006
    Località
    Pescara
    Messaggi
    4,175
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da markk Visualizza Messaggio
    meglio no di certo, ma da qui ad ipotizzare aste deserte per i nostri bot bisogna proprio chiamarsi sacconi ed esser ministri.
    ..........ma anche trecconti...

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    30,322
    Inserzioni Blog
    2
    Mentioned
    150 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da libpensatore Visualizza Messaggio
    ..........ma anche trecconti...
    tremonti ha suti detto, dopo, che il bot italiani sono i migliori del mondo. Se lo dice lui sarà vero, ma io mi toccherei. Che squadra di ministri economici che abbiamo, meglio non potevamo capitare. Sembra che ci godano a sperare nella bancarotta.

  8. #8
    "Il Ventennio"
    Ospite

    Predefinito

    continuiamo a credere che la gente sia demente....
    ma non è cosi'..
    tutte le forme di finanziamento dei debiti sono destinate a morire...
    dopo i mega fallimenti usa la gente NON SI FIDA PIU'...solo qualcuno in malafede puo' sostenere il contrario,...
    li compri chi li decanta sti merdacchioni di BOT e BTP::.

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 Jun 2009
    Messaggi
    5,195
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ogni politicante che parla in televisione di soldi, di titoli e di azioni ivnitando alla calma e alla fiducia, dovrebbe prima dichiarare (e provare, che la parola di certa gente sta a sottozero...) dove ha investito i propri soldi.
    disolito questi furbacchioni si guardano bene dal fare quello che consigliano al popolo bue.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    29 Aug 2005
    Località
    Ranco, Italy
    Messaggi
    20,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Siamo nella cacca e parecchio ma almeno non abbiamo settori finiti letteralmente in malora come potrebbe essere il settore immobiliare, cosa invece accaduta in paesi come la Spagna o gli USA.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Marcegaglia smentisce Berlusconi "Noi non stiamo meglio degli altri"
    Di ilgiardiniere nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 24-09-10, 17:51
  2. "L'Italia ha problemi di crescita Non stiamo meglio degli altri"
    Di trenta81 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-09-10, 15:58
  3. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 14-08-10, 15:19
  4. Crisi, Noi Meglio degli altri.
    Di merello nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-05-09, 19:08
  5. Crisi finanziaria: la Storia è veramente maestra?
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 18-10-08, 22:14

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226