User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Richiesta di risarcimento ai Savoia

    La città di Gaeta chiede un risarcimento ai Savoia per i bombardamenti subiti durante l' annessione forzata allo Stato italiano

    http://www.youtube.com/watch?v=7oDOy...layer_embedded

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    16 May 2008
    Messaggi
    155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il giusto risarcimento morale per il Sud

    www.laltrosud.it

    Di tutto rilievo l’iniziativa del Comune di Gaeta che qualche sera fa, in un animato ed affollato Consiglio Comunale, ha approvato un ordine del giorno con il quale rivendica –a 147 anni dalla conquista della città da parte delle truppe piemontesi- rispetto ed attenzione per gli innegabili danni morali e materiali subiti nel corso delle operazioni di assedio della città che va considerata a pieno titolo fra quelle che hanno contribuito, con il proprio sacrificio, alla formazione dello Stato italiano.


    Come è ben noto Gaeta, insieme a Civitella del Tronto, furono gli ultimi due baluardi di resistenza dello Stato delle Due Sicilie a cadere nelle mani delle truppe piemontesi, riscattando con le loro gesta l’onore di un esercito e di un Popolo costretto a subire -per i pochi che conoscono la storia- una feroce guerra di conquista e successivamente gli inumani crimini degli occupanti piemontesi.

    Entrambe le città furono piegate dalle malattie ed epidemie causate dal lungo assedio e caddero solo a seguito di un feroce, immorale e criminoso cannoneggiamento volto non a far cadere le difese militari, ma a distruggere le abitazioni civili e l’inestimabile tesoro di opere custodito in esse.

    In un’Italia unita e pacificata entrambe avrebbero dovuto legittimamente ottenere il riconoscimento, insieme a molte altre (Pontelandolfo, Casalduni, ecc), dei patimenti e distruzioni subite –sottolineiamo- dalla popolazione civile, e dei danni morali e materiali conseguenti.

    Si pensi che dal 1861 la popolazione di Gaeta è cresciuta solo da 16.000 a circa 20.000 abitanti, mentre fra gli emigrati in Sudamerica, Francia e nord Italia si contano oltre 100.000 gaetani. Una crescita e uno sviluppo negati dalla distruzione della città e dalla povertà nella quale è precipitata a seguito di quell’atto che ha generato l’emorragia dei giovani e la distruzione di una economia.

    Gaeta, cui fu promesso già nel 1861 dopo un sopralluogo del Principe di Carignano, un indennizzo per i danni subiti, e che ancora nel 1914 chiedeva un risarcimento di due milioni di lire, non rientra neppure fra i comuni beneficiari dei fondi per le celebrazioni dei 150 anni dall’unità d’Italia, che si svolgeranno nel 2011.

    Non solo! La città, essendo sempre stata nei secoli uno snodo militare di primo rilievo, aveva ricevuto anche benefici per la presenza delle truppe sotto forma di un compenso economico. Non è stato così dopo l’unità.

    Da qui la richiesta del Sindaco Raimondi e della Giunta di centrosinistra -su iniziativa dell’Assessore al Demanio Antonio Ciano- di un risarcimento, innanzitutto morale, per il contribuito dato con il proprio sacrificio all’unità d’Italia. E, perché no, del danno economico che, dai 2 milioni di lire richiesti nel 1914, è stato quantificato in 220 milioni di euro.

    D’altra parte Gaeta, come molte città –si pensi alla Reggia di Caserta la cui disponibilità e gli utili sono in capo allo Stato- soffre la piaga della demanializzazione del proprio territorio che in essa raggiunge circa l’80%. La conseguenza per i Comuni è dover sopportare gli oneri delle infrastrutture a servizio di questi beni (costi che pagano i cittadini) senza poter fruire dei benefici della loro presenza, con l’effetto di ingessare l’economia e lo sviluppo delle città.

    Fino ad oggi Gaeta ha dovuto ricomprare pezzi del proprio territorio e della propria storia messi all’asta dagli eredi dello Stato conquistatore. Sarebbe giusto restituire alla disponibilità, fruibilità ed economia della città pezzi di storia e di territorio per favorire lo sviluppo dei territori.

    L’apparente incongruenza di avanzare provocatoriamente la richiesta agli eredi dei Savoia discende, a nostro avviso, dal comprensibile distinguo che l’amministrazione comunale ha voluto fare nell’individuare le responsabilità dei disastri causati dall’abusiva guerra di conquista condotta ai danni del Regno delle Due Sicilie dalle truppe piemontesi su diretto input di Vittorio Emanuele II e di Cavour, e le responsabilità del Regno d’Italia -nato solo successivamente- di cui è erede la Repubblica.
    In effetti appare chiaro che un eventuale risarcimento economico non può che essere riconosciuto solo dallo Stato italiano, cui spetta l’onere di pagare i debiti contratti e i danni causati dal precedente Stato monarchico. Quello morale compete a tutti: Stato e cittadini italiani.

    Perciò anche noi de l’Altro Sud – Unione Democratica del Sud siamo pienamente favorevoli a sostenere la proposta di legge, la cui presentazione in Parlamento è stata promossa dall’Assessore Ciano, affinché i beni demaniali tornino ai Comuni che ne erano proprietari fino all’Unità d’Italia.
    Molto però c’è ancora da fare sulla strada del riconoscimento morale e materiale delle sofferenze patite dal Mezzogiorno per l’unità d’Italia e del ruolo svolto dai meridionali in termini di forza lavoro e di intelligenze nella formazione e nello sviluppo del nostro Stato italiano.
    Cogliamo con estremo favore l’invito a unire le forze dei meridionali affinché, tutti insieme (associazioni, movimenti, organizzazioni impegnate sul territorio, ecc) si lavori per ottenere che, a 147 anni dalla unione amministrativa del territorio italiano, inizi finalmente un reale processo di “unione degli italiani”, intellettualmente onesto e paritario.
    Tale processo non può prescindere dalla presa di coscienza, dei meridionali innanzitutto, che esiste un altro Sud onesto, operoso e vincente che non fa titolo sui giornali ma che tutti i giorni si afferma nei campi della ricerca scientifica, dell’imprenditoria, dell’arte, della cultura. Una realtà troppo spesso volutamente ignorata da chi conta, che rischia di ripiegarsi definitivamente su sue stessa, dalla quale invece è possibile ripartire.
    Un Sud per il quale vale la pena mettersi in gioco!

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Altro Sud, era già stato aperto un' altro 3d su questo argomento, pertanto unisco le due discussioni

  4. #4
    Sicilia nazione!
    Data Registrazione
    23 Jan 2008
    Località
    Catania - Sicilia
    Messaggi
    1,058
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che faccia tosta hanno i savoja!!!

    Brava Gaeta!

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 May 2008
    Messaggi
    32
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    RICHIESTA DI RISARCIMENTO AI SAVOIA :

    E' indubbio che esiste la Storia, quella vera ed ufficiale del Risorgimento, accanto ad alcune storielle inventate dai perdenti, la Storia autentica da insegnare nelle scuole e quell'altra da tacere, la Storia dei valorosi soldati Piemontesi e l' altra, quella dei perfidi e sanguinari briganti, la Storia dei Nordisti che lasciarono la loro splendida terra, le loro case, le loro famiglie, per portare nuove e feconde idee, nuovi principi di libertà e di altruismo in questo Sud lurido, depresso, becero, malfamato, abitato da aborigeni analfabeti, antropofagi fino a qualche secolo fa, come giustamente scriveva l'Inglese Denis Mac Smith, sulla storia di Sicilia.
    Ed è su tali premesse, assolute verità incontestabili, che non mi sento più umiliato, calpestato e deriso, perchè in me, Sudista, è venuto finalmente meno anche l'orgoglio ; ora sono felice, sazio, non mi vergogno più di pietire infatti, o di stendere la mano agli eredi dei Savoiardi che, pietosamente, mi sfamano, mi vestono, mi riscaldano, mi danno lavoro, prosperità e benessere; cosa potevo sperare di più, ingrato, che allungo l'alienato sguardo sulla magnifica pianura, che respiro effluvi profumati che dilettano i miei sensi, e guardo i tersi cieli e le imponenti torri della splendida Gela, già immane un tempo definita.
    E tu, Gaeta vanitosa, cosa pretendi in questo secolo di luce, tu che fosti ribelle ed ostinata, che chiudesti le porte al nobile nordista; dimentica l'affronto, un pezzo di pane daremo anche a te, non è dovuto, ma solo carità.
    Taci le astruse verità, ma stendimi la mano misero pezzente, perch'io munifico sarò, tu sei soltanto il Sud e nulla più.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2008
    Messaggi
    317
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A Napoli e nel meridone si stà portando avanti una politica di separatezza dal concetto di Unità nazionale, lasciando perdere i vari collegamenti con partiti che ci sono o ci potranno essere dobbiamo fare il punto su una cosa.
    Per il meridione la battaglia politica si fonda sul fatto che non ci fù una dichiarazione di guerra? O sul fatto che sono stati trattati male e rubati dei soldi con leggi dello Stato?
    Quale sono le basi su cui lottano "Insorgenza" e Partito del Sud?
    Sù quali diritti basano la loro lotta?

    La Sicilia giuridicamente possiede una realtà storica che ha dei dettagli che la pongono diversamente per pochi aspetti ma significativi con il resto d'Italia.
    La Sicilia combattendo per l'indipendenza dallo Stato italiano avendo un'esercito l'"EVIS" ottenne non la totale indipendenza, ma le si concesse uno Statuto Speciale che alcuni accettarono e che non fù impedito da altri, e per la violazione di questo Statuto Speciale che la Sicilia è moralmente indipendente, sotto oppressione dello Stato italiano e partiti vari e ha i suoi abitanti colonizzati psicologicamente e culturalemente oppressi in modo caratteristico che non si rendono conto della loro posizione giuridica nei confronti dello Stato della Repubblica italiana, quindi per questi motivi la Sicilia potrebbe condividere una lotta contro lo stesso male di altri territori tendendo presente la sua realtà storica.

    La lega aldilà delle sue proposte e idee potrebbe essere provata da una coalizione del Sud che però dovrebbe tenere presente la realtà siciliana.

    Ma chi porta avanti un progetto del genere?
    Mi piacerebbe lavorare con qualcuno a questo proposito ma c'è poca forza per passi del genere.
    Se cambierà qualcosa mi piacerebbe farci sentire dal gruppo insorgenza e provarli.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gioa, prima di ' trovare qualcuno con cui lavorare ', dovresti decidere per cosa lavorare !

 

 

Discussioni Simili

  1. Risarcimento per i savoia
    Di Liberalix nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 109
    Ultimo Messaggio: 08-12-07, 19:37
  2. 90 - Savoia, Chiediamo Il Risarcimento
    Di DVD (POL) nel forum Monarchia
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 26-11-07, 11:37
  3. Chiedo il risarcimento ai Savoia!
    Di lux74vbr nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25-11-07, 17:28
  4. Chiedo il risarcimento ai Savoia!
    Di lux74vbr nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 25-11-07, 12:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226