User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La "rifondazione" di Cosa Nostra

    Emessi provvedimenti di fermo per 94 persone. Totò Riina tira le fila
    della nuova mafia. Una riunione per ricreare la commissione provinciale interrotta dai militari
    Palermo, blitz dei carabinieri blocca
    la "rifondazione" di Cosa Nostra


    di ALESSANDRA ZINITI





    PALERMO - Rifondarsi tornando all'antico, serrare le fila riaffidandosi ai vecchi padrini, ritornando alle vecchie regole e ai vecchi organigrammi. Ecco la strategia con la quale Cosa nostra stava provando a rimettersi in piedi dopo le centinaia di arresti di capi e gregari degli ultimi anni, dopo le pesantissime condanne, dopo la nuova raffica di pentiti, dopo la rivolta degli imprenditori vittime del racket.

    La nuova mafia dopo la cattura di Bernardo Provenzano e di Totuccio e Sandro Lo Piccolo ha sempre il volto di Totò Riina. Con l'autorizzazione del capo incontrastato di Cosa nostra, i vecchi capimandamento tornati in libertà avrebbero nominato i nuovi reggenti e ricostituito la vecchia commissione provinciale, sostanzialmente tramontata già prima della stagione delle stragi. Un progetto di cui ben 31 capomafia hanno messo a punto i dettagli in una riunione svoltasi il 14 novembre scorso e interrotto da un blitz portato a termine la notte scorsa dai carabinieri del comando provinciale di Palermo che hanno eseguito un provvedimento di fermo a carico di 94 persone firmato dai sostituti procuratori Roberta Buzzolani, Maurizio de Lucia e Francesco Del Bene.

    Il progetto, messo in atto con la sovrintendenza del superlatitante Matteo Messina Denaro, boss del trapanese che mantiene comunque un rapporto di interlocuzione con i palermitani, è stato stroncato nel timore non solo di fuga dei destinatari del provvedimento ma anche di una possibile ripresa delle ostilità visto che due famiglie di Palermo città si opponevano alla nomina di quello che era stato individuato come il nuovo capo della commissione, Benedetto Capizzi, anziano boss di Villagrazia. Attorno a lui alcuni tra i nomi storici di Cosa nostra, vecchia capimafia ottantenni, da Gerlando Alberti "u paccarè" a Gregorio Agrigento di San Giuseppe Jato, da Giovanni Lipari a Gaetano Fidanzati a Salvatore Lombardo, boss di Montelepre che, con i suoi 87 anni, è il più anziano degli arrestati.

    Coppola, bastone e autista, gli anziani boss, molti dei quali appena scarcerati per motivi di salute, avevano già ripreso il controllo della situazione e non esitavano ad incontrarsi anche in luoghi pubblici come l'Ospedale Civico, l'unico posto dove, essendo in regime di arresti domiciliari per motivi di salute, avevano il permesso di recarsi. In ospedale si incontravano e in ospedale, con la complicità di un infermiere. Precostituivano falsi referti per simulare malattie oncologiche o altre patologie che potessero fruttare loro la remissione in libertà o comunque benefici carcerari. A questo proposito i magistrati della Dda stanno verificando eventuali responsabilità di un medico dell'Ismett che sarebbe stato disponibile.


    Dalla carte dell'inchiesta viene fuori anche il nuovo corso mafioso di Corleone dove il figlio di Totò Riino, Giuseppe Salvatore, scarcerato da alcuni mesi, sarebbe stato invitato a tenersi fuori e a "non uscire da casa", evidentemente per volere del padre intenzionato a non farlo rischiare oltre visto che il primogenito ha già un ergastolo sulle spalle. Capo del mandamento di Corleone è Rosario Lo Bue: da lui il giovane Riina non si sarebbe neanche presentato al suo ritorno a Corleone dopo essere uscito dal carcere. Assume così una nuova luce la decisione del giovane di chiedere al tribunale di sorveglianza di potersi recare in Nord Italia dove avrebbe trovato lavoro.

    Anche negli affari, Cosa nostra avrebbe tentato un ritorno all'antico, affiancando al business delle estorsioni e a quello nuovo delle slot machine truccate, il traffico di stupefacenti con il Sudamerica, con l'importazione di pasta di cocaina che sarebbe stata raffinata in Sicilia per poi essere distribuita. Un carico di dieci chili di prova era già arrivato, altri cento chili avrebbero dovuto arrivare a gennaio.

    (16 dicembre 2008)
    http://www.repubblica.it/2008/09/sez...ova-mafia.html

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    20 Oct 2008
    Messaggi
    408
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    complimenti ai servizi segreti per il giusto tempismo

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    19 Feb 2007
    Messaggi
    5,326
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Suicida in carcere il boss arrestato nel blitz


    di Enrico Bellavia


    Il boss Gaetano Lo Presti, 52 anni, suicidatosi ieri sera nel carcere palermitano di Pagliarelli, aveva vantato con altri boss di avere l'appoggio di Giuseppe Salvatore Riina - figlio del boss Totò - nella scelta che avrebbe dovuto fare per indicare il nuovo capo della Commissione provinciale di Cosa nostra.

    Il capomafia di Porta Nuova, che si opponeva a Benedetto Capizzi, è stato però smentito da un altro boss, Nino Spera, anche lui fermato ieri mattina, sostenendo che il piccolo Riina, sottoposto a sorveglianza speciale a Corleone, "era fuori da tutto", e per volere della madre "non doveva impicciarsi". Proprio per mantenersi lontano dai guai, il rampollo del "capo dei capi", lo scorso mese aveva chiesto al tribunale di andare in provincia di Milano.

    E' possibile che Lo Presti, una volta lette in cella tutte le intercettazioni contenute nel provvedimento che gli è stato notificato, abbia compreso di aver sbagliato con Totò Riina e la sua famiglia, decidendo così di togliersi la vita.

    La Procura della Repubblica di Palermo ha disposto l'autopsia sul corpo del boss L'uomo, che già in passato era stato condannato per mafia, era stato fermato ieri mattina dai Carabinieri nell'ambito dell'operazione denominata Perseo, che ha portato in carcere più di 90 persone, accusate di voler rifondare Cosa Nostra. Lo Presti è stato intercettato a lungo e le sue dichiarazioni sono contenute nel provvedimento di fermo che gli era stato notificato.

    L'uomo racconta, come si legge nelle intercettazioni, molti retroscena che riguardano la creazione della nuova commissione di Cosa Nostra e inconsapevolmente rivela agli investigatori i nomi degli altri boss coinvolti e le strategie che stavano portando avanti.

    (17 dicembre 2008)
    http://palermo.repubblica.it/dettagl...-blitz/1562866

 

 

Discussioni Simili

  1. "Rinascita popolare: Rifondazione DC": Cosa ne pensate?
    Di Feyerabend nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 06-06-11, 20:43
  2. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12-01-09, 12:03
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-12-08, 12:07
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-09-08, 19:40
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-03-07, 19:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226