User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11
  1. #1
    Giacobino 1799
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Repubblica Partenopea
    Messaggi
    2,661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ci sono economisti ed economisti...

    Economisti e economisti
    Giancarlo de Vivo* - 16 Dicembre 2008


    Gli economisti sono sotto attacco da più parti. La prestigiosa rivista
    Nature ha invocato la necessità di una “rivoluzione scientifica” in
    economia, riconducendo l’incapacità degli economisti di “prevedere e
    evitare le crisi” al loro aver assunto il mercato ad idolo, ed
    accusandoli di fare propaganda piuttosto che scienza. Sono accuse
    pesanti, su cui essi devono dire qualcosa. Il Sole - 24 Ore ha
    iniziato un dibattito con un editoriale “a discarico” di R. Perotti
    (23 novembre), proseguito poi con interventi molto critici sullo stato
    della professione - in particolare uno di Roberto Artoni del 26
    novembre.


    Che la crisi abbia suscitato questo confronto è senz’altro positivo.
    Mai come nell’ultimo decennio infatti gli economisti liberisti avevano
    monopolizzato l’informazione. Usando la vecchia tecnica dei frequenti
    complimenti e citazioni reciproche, sono riusciti a dare l’impressione
    anche a lettori avveduti che un pensiero unico accomunasse tutti gli
    “economisti seri”. Il punto importante non è tanto quello degli errori
    di previsione, ma le storie che questi “economisti seri” son venuti
    raccontandosi e raccontando ai malcapitati lettori, nei loro
    editoriali e nei loro libelli. Sostenevano che la liberalizzazione
    finanziaria avesse fatto mirabilie, che “metà della crescita della
    produttività degli Stati Uniti è dovuta al settore finanziario”, e che
    quindi l’enorme ricchezza di cui questo settore riesce ad appropriarsi
    è giustificata dal suo benefico effetto sulla crescita del prodotto:
    le rendite non si anniderebbero nei colossali compensi dei dirigenti
    del settore finanziario, ma tra i lavoratori che guadagnano 1000-1500
    euro al mese, e che godono del “privilegio” di un posto di lavoro con
    qualche tutela.


    Dopo tutti i loro peana al liberismo (che alcuni di essi chissà perchè
    tengono a qualificare come “di sinistra”) quegli economisti,
    dimenticando tra l’altro di aver spesso vantato gli effetti espansivi
    della riduzione della spesa pubblica, hanno firmato spaventati appelli
    perché il finora esecrato Leviatano intervenisse a levare le castagne
    dal fuoco, con un aumento di spesa pubblica che potrebbe essere
    vertiginoso: il piano britannico per i salvataggi bancari, a cui tutti
    sembrano ispirarsi, ha stanziato l’equivalente di 600 miliardi di
    euro, pari a quasi la metà del PIL italiano, o, se si vuole, pari a
    circa 4 volte quanto speso annualmente dall’INPS per le pensioni. Ma
    chi ha dimenticato che quegli stessi economisti fino a ieri additavano
    all’opinione pubblica come una grave minaccia un possibile aumento
    della spesa per pensioni di un paio di punti di PIL (la famigerata
    “gobba”)?


    Qualcuno di essi sta oggi iniziando a rispolverare Keynes. Ma se
    avessero letto Keynes avrebbero forse avuto qualche remora nei loro
    inni al “contributo” della finanza alla crescita - che appaiono
    tragicomici oggi che il contribuente è chiamato a pagarne i disastri.
    Keynes, che era un grande economista e un grande speculatore,
    paragonava lo “scommettere a Wall Street” allo scommettere alle corse
    dei cavalli, sostenendo che entrambi servivano solo a dare l’illusione
    di potersi arricchire senza far nulla, ma che era preferibile andare
    alle corse dei cavalli, perché così almeno si prendeva un po’ d’aria.
    [/COLOR]


    *L’autore è professore ordinario di economia politica nell’Università
    di Napoli “Federico II”.



    da: www.economiaepolitica.it

    http://www.economiaepolitica.it/inde...-e-economisti/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Super Troll
    Data Registrazione
    13 Oct 2010
    Località
    cagliari
    Messaggi
    50,638
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    è successo perchè su 24 ore pubblicano solo articoli di economisti che danno ragione a confindustria e all'abi.. le quali come tutti sanno vogliono solo ugadagnare e se ne fregano delle crisi perchè chi comanda in quelle sedi guadagna sempre...
    ora cercano di salvare la faccia ma appena passerà la festa ricominceranno a gabbare lo santo ,,, ovvero i clienti e il parco buoi
    se l'europa non cambia sistema conviene andarsene...altrimenti ci ridurrà come e peggio della grecia.

  3. #3
    Gianicolo, 1849
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    37,169
    Mentioned
    472 Post(s)
    Tagged
    10 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da patatrac Visualizza Messaggio

    Che la crisi abbia suscitato questo confronto è senz’altro positivo.
    Mai come nell’ultimo decennio infatti gli economisti liberisti avevano
    monopolizzato l’informazione. Usando la vecchia tecnica dei frequenti
    complimenti e citazioni reciproche, sono riusciti a dare l’impressione
    anche a lettori avveduti che un pensiero unico accomunasse tutti gli
    “economisti seri”. Il punto importante non è tanto quello degli errori
    di previsione, ma le storie che questi “economisti seri” son venuti
    raccontandosi e raccontando ai malcapitati lettori, nei loro
    editoriali e nei loro libelli. Sostenevano che la liberalizzazione
    finanziaria avesse fatto mirabilie, che “metà della crescita della
    produttività degli Stati Uniti è dovuta al settore finanziario”, e che
    quindi l’enorme ricchezza di cui questo settore riesce ad appropriarsi
    è giustificata dal suo benefico effetto sulla crescita del prodotto:
    le rendite non si anniderebbero nei colossali compensi dei dirigenti
    del settore finanziario, ma tra i lavoratori che guadagnano 1000-1500
    euro al mese, e che godono del “privilegio” di un posto di lavoro con
    qualche tutela.
    E ancora sono potentissimi, finchè riusciranno a inviare i bonifici avremo ancora chi sostiene di precarizzare tutti, di abolire le pensioni...
    Qualche giono fa ne è venuto uno a sostenere che le giovani generazioni si dovrebbero far carico degli stratosferici fallimenti, e in una trentina d'anni di miseria trasformare la montagna di cambiali false in soldi veri.
    Con i quali poi finanzieri e banchieri potebbero lavorare per portarci tutti in una sorta di Paradiso dei Lavoratori.

    A queste conferenze bisogna andarci con pomodori e torsi di broccolo.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    2,764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Grifo Visualizza Messaggio
    E ancora sono potentissimi, finchè riusciranno a inviare i bonifici avremo ancora chi sostiene di precarizzare tutti, di abolire le pensioni...
    Qualche giono fa ne è venuto uno a sostenere che le giovani generazioni si dovrebbero far carico degli stratosferici fallimenti, e in una trentina d'anni di miseria trasformare la montagna di cambiali false in soldi veri.
    Con i quali poi finanzieri e banchieri potebbero lavorare per portarci tutti in una sorta di Paradiso dei Lavoratori.

    A queste conferenze bisogna andarci con pomodori e torsi di broccolo.
    ne inventeranno ancora di tutti i colori fino a quando qualche gruppo di cittadini non economisti non gli andrà a dire chiaramente in faccia che la devono smettere di dire cazzate ;laciare l'econmia inmano agli economisti è un disastro umanitario senza limiti

  5. #5
    Caccia al tesoro
    Data Registrazione
    09 Sep 2011
    Messaggi
    10,309
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sacrosanto.

    Giavazzi, Boeri e compagnia vadano a zappare la terra.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    2,764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da patatrac Visualizza Messaggio
    Economisti e economisti
    Giancarlo de Vivo* - 16 Dicembre 2008

    Gli economisti sono sotto attacco da più parti. La prestigiosa rivista
    Nature ha invocato la necessità di una “rivoluzione scientifica” in
    economia, riconducendo l’incapacità degli economisti di “prevedere e
    evitare le crisi” al loro aver assunto il mercato ad idolo, ed
    accusandoli di fare propaganda piuttosto che scienza. Sono accuse
    pesanti, su cui essi devono dire qualcosa. Il Sole - 24 Ore ha
    iniziato un dibattito con un editoriale “a discarico” di R. Perotti
    (23 novembre), proseguito poi con interventi molto critici sullo stato
    della professione - in particolare uno di Roberto Artoni del 26
    novembre.


    Che la crisi abbia suscitato questo confronto è senz’altro positivo.
    Mai come nell’ultimo decennio infatti gli economisti liberisti avevano
    monopolizzato l’informazione. Usando la vecchia tecnica dei frequenti
    complimenti e citazioni reciproche, sono riusciti a dare l’impressione
    anche a lettori avveduti che un pensiero unico accomunasse tutti gli
    “economisti seri”. Il punto importante non è tanto quello degli errori
    di previsione, ma le storie che questi “economisti seri” son venuti
    raccontandosi e raccontando ai malcapitati lettori, nei loro
    editoriali e nei loro libelli. Sostenevano che la liberalizzazione
    finanziaria avesse fatto mirabilie, che “metà della crescita della
    produttività degli Stati Uniti è dovuta al settore finanziario”, e che
    quindi l’enorme ricchezza di cui questo settore riesce ad appropriarsi
    è giustificata dal suo benefico effetto sulla crescita del prodotto:
    le rendite non si anniderebbero nei colossali compensi dei dirigenti
    del settore finanziario, ma tra i lavoratori che guadagnano 1000-1500
    euro al mese, e che godono del “privilegio” di un posto di lavoro con
    qualche tutela.


    Dopo tutti i loro peana al liberismo (che alcuni di essi chissà perchè
    tengono a qualificare come “di sinistra”) quegli economisti,
    dimenticando tra l’altro di aver spesso vantato gli effetti espansivi
    della riduzione della spesa pubblica, hanno firmato spaventati appelli
    perché il finora esecrato Leviatano intervenisse a levare le castagne
    dal fuoco, con un aumento di spesa pubblica che potrebbe essere
    vertiginoso: il piano britannico per i salvataggi bancari, a cui tutti
    sembrano ispirarsi, ha stanziato l’equivalente di 600 miliardi di
    euro, pari a quasi la metà del PIL italiano, o, se si vuole, pari a
    circa 4 volte quanto speso annualmente dall’INPS per le pensioni. Ma
    chi ha dimenticato che quegli stessi economisti fino a ieri additavano
    all’opinione pubblica come una grave minaccia un possibile aumento
    della spesa per pensioni di un paio di punti di PIL (la famigerata
    “gobba”)?


    Qualcuno di essi sta oggi iniziando a rispolverare Keynes. Ma se
    avessero letto Keynes avrebbero forse avuto qualche remora nei loro
    inni al “contributo” della finanza alla crescita - che appaiono
    tragicomici oggi che il contribuente è chiamato a pagarne i disastri.
    Keynes, che era un grande economista e un grande speculatore,
    paragonava lo “scommettere a Wall Street” allo scommettere alle corse
    dei cavalli, sostenendo che entrambi servivano solo a dare l’illusione
    di potersi arricchire senza far nulla, ma che era preferibile andare
    alle corse dei cavalli, perché così almeno si prendeva un po’ d’aria.
    [/color]


    *L’autore è professore ordinario di economia politica nell’Università
    di Napoli “Federico II”.


    da: www.economiaepolitica.it
    ottima critica; anche se purtroppo viene sempre da un economista;

  7. #7
    Libertarian
    Data Registrazione
    20 Mar 2008
    Messaggi
    3,882
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da matteomatteo Visualizza Messaggio
    Sacrosanto.

    Giavazzi, Boeri e compagnia vadano a zappare la terra.
    Boeri non è liberista.

  8. #8
    Caccia al tesoro
    Data Registrazione
    09 Sep 2011
    Messaggi
    10,309
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da (Controcorrente Visualizza Messaggio
    Boeri non è liberista.
    Lo è eccome, comunque direi lo stesso anche fosse marxista...il problema non è la scuola di pensiero d'appartenenza ma le cagate propagandate.

  9. #9
    Giacobino 1799
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Repubblica Partenopea
    Messaggi
    2,661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da matteomatteo Visualizza Messaggio
    Sacrosanto.

    Giavazzi, Boeri e compagnia vadano a zappare la terra.
    Bè, non esageriamo. Poi va a finire che dicono che siamo antidemocratici...

  10. #10
    Giacobino 1799
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    Repubblica Partenopea
    Messaggi
    2,661
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da (Controcorrente Visualizza Messaggio
    Boeri non è liberista.

    E cos'è, secondo te? Keynesiano?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Economisti VS Economisti
    Di -Duca- nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 23-06-10, 16:38
  2. quello che gli economisti prodiani si sono dimenticati ieri
    Di *-RUDY-* nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 17-09-07, 07:04
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-09-07, 23:17
  4. Economisti!
    Di locke (POL) nel forum POLSchedina
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-06-06, 13:42
  5. Economisti
    Di ErTigre nel forum POLSchedina
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 25-03-06, 13:09

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226