User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Crande Gemania

  1. #1
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Crande Gemania

    questo sta succedendo negli altri paesi

    Soltanto qualche mese fa la struttura prevedeva un aumento del traffico del 10%
    Ingorgo di auto invendute, in tilt il porto
    Sui piazzali di Bremerhaven 90 mila veicoli nuovi bloccano l’attività

    Il porto di Bremerhaven
    BERLINO — La recessione degli Anni Duemila ha trovato il suo primo, grande ingorgo. Più di novantamila automobili (e il numero cresce) bloccano il porto di Bremerhaven, sul Mare del Nord, il maggiore punto europeo di ingresso e di uscita di veicoli.

    Prodotte ma invendute. Rimaste in una terra di nessuno come soldati sorpresi dall'improvvisa ritirata della globalizzazione. Immobili, una accanto all'altra, ostaggi della crisi drammatica dell'industria automobilistica in tutto il mondo. Camion, furgoni e file di automobili, giapponesi, coreane, americane e soprattutto tedesche, Mercedes, Bmw, Audi fino a poche settimane fa oggetto del desiderio nei Paesi ricchi e in quelli poveri. «Non le possiamo muovere —sostiene Detthold Aden, capo di Blg, il gruppo di logistica che gestisce questa attività nel porto tedesco —. Non possiamo lavorarci e nemmeno consegnarle finché non trovano compratori». Possibilità remota, per come si sono messe le cose economiche.

    Fino a poche settimane fa, ogni nave che si avvicinava era la benvenuta a Bremerhaven. Ora è un guaio. Quelle che dovrebbero esportare se ne vanno mezze vuote. Quelle cariche che arrivano da fuori Europa non hanno praticamente più spazio per parcheggiare i veicoli nei due grandi piazzali. Lo scorso weekend, la gestione di sette navi è stata un incubo. Tutto è fermo. La Blg ha trovato nuovi spazi in aree vicine, di solito destinate ai container. Ma anche queste sono ormai piene. Altre auto sono parcheggiate su treni, anch'essi immobili in attesa di trovare una destinazione. «E' una situazione difficile, molte auto importate e quelle destinate all'esportazione sono ancora per strada e stanno arrivando qui», dice Aden. Entro Natale, il parcheggio più grande d'Europa arriverà a centomila veicoli e a quel punto non entrerà nemmeno uno spillo, figuriamoci le trebbiatrici e i bulldozer.

    Forse, con l'anno nuovo la situazione migliorerà, perché tutte le fabbriche hanno tagliato la produzione. Ma solo forse, perché niente esclude che il crollo delle vendite sia superiore ai tagli già programmati: il porto rischia di collassare. La situazione che si è creata è un collo di bottiglia perfetto della globalizzazione in crisi. Bremerhaven non è un semplice terminale di carico e scarico. Nel caso delle auto, è un ingranaggio fondamentale della moderna logistica dell'industria, quella che non prevede molte macchine sui piazzali delle fabbriche ma movimento continuo dalla produzione ai mercati. Le auto che arrivano—per l'Europa o dall'Europa — vengono portate in due centri tecnologici attigui, pulite e «servite di barba e capelli» come dicono i portuali, in alcuni casi addirittura arricchite con optional.

    Di solito, restavano alcune ore a Bremerhaven, al massimo pochissimi giorni, poi partivano, destinate a seconda delle ordinazioni che nel frattempo erano arrivate. Una catena complessa ma efficiente, pensata per ridurre al minimo gli stock. Ora, però, le richieste dai rivenditori e dai concessionari, a loro volta affogati dalle auto non vendute, non arrivano e i piazzali del porto tedesco invece delle 60 mila macchine che di solito transitano sono congestionati da più di 90 mila veicoli che non si muovono. Mercato bloccato come nessuno si era aspettato. Cinque mesi fa, le previsioni dicevano che i mezzi movimentati a Bremerhaven sarebbero stati 2,2 milioni, una crescita di quasi il dieci per cento rispetto al 2007. «Ora prevediamo una riduzione del 25% del numero dei veicoli che transiteranno nel primo quadrimestre del 2009», ammette Ader. Nei mesi successivi, ritengono molti esperti, potrebbe andare peggio.

    Danilo Taino
    17 dicembre 2008
    http://www.corriere.it/economia/08_d...4f02aabc.shtml




    che sia ancora presto per noi?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    5,725
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    magari è la volta che abbassano i prezzi della golf...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    --dove sono gli economisti che parlano del futuro e non sanno spiegare il presente?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    A questo punto dovrebbero abbassare i prezzi e cercare di venderle cosi, altrimenti restano "schiaccciati" dalle macchine invendute, se non lo fanno peggio per loro.

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    02 Apr 2008
    Messaggi
    483
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E meno male che l'Europa doveva rimpiazzare gli USA come locomotiva mondiale insieme alla Cina e alla Russia.

    Siamo proprio fuori strada.
    Ormai mi sembra chiaro come il sole, che l'economia mondiale ripartira solo quando gli USA decideranno di riaccendere il motore.

  6. #6
    Oli
    Oli è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    24 Mar 2002
    Località
    Leno BS
    Messaggi
    32,489
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sarà, secondo me di chiaro come il sole non c'è niente. Non sono poi tanto d'accordo con te, perché mentre gli usa hanno spostato tutta la produzione fuori, noi europei almeno in parte l'abbiamo mantenuta.
    La Germania alla fine avrà più possibilità di tutti.

    PS Il titolo è parecchio razzista.
    There are only 10 types of people in the world: those who understand binary and those who don't

    http://openflights.org/banner/f.pier.png

 

 

Discussioni Simili

  1. L'NPD alla conquista della Gemania
    Di Lombardoveneto nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 74
    Ultimo Messaggio: 18-01-07, 20:00
  2. Tanto lo vince la Crande Gemania
    Di pensiero nel forum Termometro sportivo
    Risposte: 448
    Ultimo Messaggio: 06-07-06, 15:43
  3. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 09-11-05, 23:16
  4. Köhler ha deciso per Elezioni in ex-Crande Cermania
    Di Jackal nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-07-05, 17:37
  5. Anche la crande Gemania e l'Olanda a picco
    Di pensiero nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05-05-05, 00:40

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226