User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Localitā
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Bisogna guardare verso la Russia.

    19.12.2008,130 - Arrivano i russi
    Il Premier della Republika Srpska Milorad Dodik, ha concluso la sua visita a Mosca, volta a consolidare i rapporti polito-economici tra l'entitā serba e la Russia. In particolare č stato discusso il progetto petrolifero di privatizzazione della "Rafinerije Nafte" di Brod, l'invetimento dell'azienda statale russa "Interaoes" di investire nel settore della produzione di energia elettrica attraverso una partecipazione nella "Elektroprivreda Republike Srpske", e delle infrastrutture sul fiume Sava.



    I dubbi sull'esistenza di un filone russo nella Republika Srpksa sono scomparsi con la visita dell'ambasciatore russo Constantin Schuvalov a Banjaluka. Nel corso dell'incontro con il Premier Milorad Dodik, Schuvalov ha infatti mostrato il grande interesse delle aziende russe di investire nella Republika Srpska e di aprire un'universitā serbo-russa, nonchč di una possibile ricapitalizzazione della Raffineria di Brod da parte della societā russa Zarubeznjeft, portando avanti dei proggeti che andranno di pari passo con il progetto della conduttura del South Stream che dalla Serbia risalirā il territorio dell'entitā serba di Bosnia. Abbiamo avuto comunque l'impressione che questi stretti contatti con la Russia da parte del Premier della Republika Srpska, non sono piacuti agli occidentali e alla Comunitā Internazionale, che vedeva il Milorad Dodik un “alleato americano” e un vecchio combattente contro il Partito Democratico Serbo (SDS). Le cose tuttavia stanno cambiando e ciō che era stato previsto due mesi fa da Paddy Ashdown e Richard Holbrooke, si č avverato con l'ultima visita di Milorad Dodik a Mosca. Il loro pių grande timore era nascosto proprio tra le righe nella critica contro Milorad Dodik, ritenuto “il premier dei serbi della BIH”, uno che piaceva alla Comunitā Internazionale, sopratutto a Washington, perchč si era opposto al Partito nazionalista SDS, ma ora “semplicemente accettava il loro programma senza tener conto del peso di essere il responsabile del genocidio di Srebrenica”.

    Con questa dichiarazione, non soltanto politica ma anche critica nei confronti dell’attuale situazione della Republika Srpska, si va a colpire anche la sfera economica, essendo rivolta soprattutto alla debolezza dell’UE e della Comunitā Internazionale a cui si chiede di reagire alle azioni di Milorad Dodik. I due politici sostengono che sia Milorad Dodik, sia la RS, sono da tempo sostenuti dalla Russia e dai petrolieri russi. “Come Milorad Dodik, anche la Russia usa la debolezza dell'UE, perchč il programma russo č portare avanti le attivitā che indeboliscono, dove č possibile, USA ed UE. L’unico elemento che potrebbe favorirli č il fatto che l'influenza di Mosca nella BiH non č ancora cosė forte come quella americana ed europea”, convengono Pashdown e Holbrooke alla luce della loro lunga esperienza nei Balcani come diplomatici, portando confusione e caos in Bosnia Erzegovina. La loro paura č aumentata quando finalmente č stato firmato l'accordo per il progetto petrolifero della "Rafinerije Nafte" di Brod, con l'inizio della produzione dei derivati del petrolio. A seguire, vi č stato il famoso accordo tra Serbia e Gazprom, ratificato dal Presidente serbo Boris Tadic e dal direttore esecutivo del gigante russo Aleksei Miller, alla presenza del Premier Milorad Dodik.

    Questo ovviamente non č stato gradito dalla Comunitā Internazionale, dall'ex Alto Rappresentante Paddy Ashdown e dall'ex ambasciatore all'ONU Richard Holbrooke, che consideravano la RS come un “vecchia colonia indiana”, a cui voleva insegnare la dottrina del padre imperatore con la frusta. Ed infatti, con la sua frusta politica, ha castigato 60 membri del partito SDS i quali, non essendovi per la comunitā internazionale elementi a loro favore, sono rimasti senza alcun mezzo di sussistenza Da questi ci dobbiamo dunque aspettare una politica che vada a favore dello sviluppo economico della RS, ossia da coloro che hanno contribuito alla crisi globale e vedono l'unica salvezza in quelle economie in via di sviluppo, che hanno ancora risorse da sfruttare? Con “la loro economia avanzata” e “le tecnologie d'avanguardia” hanno fallito comunque, ed ora vogliono trascinare in questo buco nero della crisi mondiale anche i Balcani, che conoscono bene la crisi reale.

    Sembra perō che Dodik abbia trovato una strada da percorrere per ingranare lo sviluppo della Srpska, e cosė, dopo aver partecipato alle trattative con la Serbia per il South Stream, come una parte del grande progetto di NIS, si č diretto a Mosca dove ha incontrato il Capo della diplomazia russa accompagnato dal Ministro dell’Energia Slobodan Puhalac. Nel corso della loro visita hanno tenuto dei colloqui con il rappresentante della regione federale Georgij Sergeyevich Poltavchenko, per discutere della cooperazione economica tra RS e la Federazione Russa, del progetto petrolifero della "Rafinerije Nafte" di Brod, ma anche della proposta avanzata dall'azienda statale russa "Interaoes" di investire nel settore della produzione di energia elettrica attraverso una partecipazione nella "Elektroprivreda Republike Srpske". Il Ministro Puhalac e il Premier Dodik hanno incontrato anche i rappresentanti della dirigenza della russa "Zarubeznjeft", concessionaria della raffineria di Brod, concordando in tale occasione tutti i dettagli connessi all'attuazione dei contratti sulla privatizzazione del settore petrolifero serbo. Il successo dell’investimento russo nella raffineria, come evidenziato da Dodik, č stato dimostrato dall’immediata collocazione dei derivati sul mercato della Republika Srpska, mentre il prossimo febbraio, la raffineria comincerā la produzione di euro-diesel, entro aprile dovranno essere raggiunti gli standard euro3 ed euro4, ed a maggio comincerā la produzione di bitume. Inoltre, saranno investiti 120 milioni di euro fino al 2010 per la realizzazione di una nuova linea di produzione. Tra i possibili progetti, vi sono anche ponti e canali per il fiume Sava, la costruzione del porto, e dei terminal per trasporto di merci e persone.

    Tappa successiva della visita ufficiale a Mosca č stato l’incontro con il Ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergei Lavrov e il Vice Ministro Vladimir Titov, per discutere della situazione politica nella BiH e nella regione. Sottolineando gli evidenti progressi per rendere autonome le istituzioni locali, Lavrov ha ribadito la necessitā di trasformare l’Ufficio OHR in una sede di rappresentanza dell’UE nella BiH, al fine di conferire alle istituzioni locali le rispettive responsabilitā che gli competono. Per quanto riguarda i debiti della BiH nei confronti della Federazione Russa Dodik ha sottolineato che la Republika Srpska č pronta a risolvere tale problema nel pių breve tempo possibile in modo da non pregiudicare lo sviluppo di buone relazioni tra la Federazione russa e la RS, nonchč con la BiH nel suo complesso. “I rapporti tra Russia e Republika Srpska saranno ancora pių intensi”, ha aggiunto Dodik. La visita, di carattere politico-economico, č stata anche occasione per incontrare il vescovo Kiril Smoleski, che sarā il prossimo patriarca con la morte di Alessio II, ritenuto un vero amico del popolo serbo. Alla fine si č dimostrata vera anche la teoria dell’espansione del mondo ortodosso, dinanzi alla quale le vecchie “volpe balcaniche” di Ashdown e Holbrooke, chiedono un impegno della Comunitā Transatlantica, come nel 1995 “se si vuole evitare una nuova crisi bosniaca”. I veri provocatori delle crisi ora sono impauriti dall’espansione russa, e non riescono a nascondere la loro paura per la perdita della Republika Srpska.

    Biljana Vukicevic
    Fonte: www.rinascitabalcanica.com

    Commento: anche le regioni della Padania dovrebbero rivolgersi alla Russia. Nel 1997 e' stato invitato a Milano dalla Lega Nord l'ultranazionalista Vladimir Zhirinovsky e successivamente ha presenziato all'inaugurazione del governo della Padania. Allora la Russia contava poco, mentre quella attuale e' molto piu' forte. Quindi se vuole avere l'indipendenza, bisogna rivolgersi a "Zar Putin".

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    articolo interessante che andava postato su politica internazionale

    la " padania" intesa come le " forze padaniste" non hanno ne i numeri ne la solidita' per imbarcarsi in qualsiasi politica internazionale senza grave danno

    remember la GIUSTA posizione della lega sull' attacco amerikano alla serbia e quanto poi questo fu pagato elettoralmente ...

    mettetevi l' animo in pace i padani non esistono come popolo " etnico" ...al massimo possono essere una confederazione di partite IVA..
    "dammi i soldi, e al diavolo tutto il resto "
    Marx


    (graucho..:-))

  3. #3
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Localitā
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma che cazzo continuate a dire di guardare verso questo Russia che hanno le pezze al culo??
    Chiaro poi che i serbi ci guardano visto che sono slavi come loro.

  4. #4
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Localitā
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Ma che cazzo continuate a dire di guardare verso questo Russia che hanno le pezze al culo??
    Chiaro poi che i serbi ci guardano visto che sono slavi come loro.
    Se stiamo con gli ameri cani e l'occidente, con il cactus avremo l'indipendenza.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Ma che cazzo continuate a dire di guardare verso questo Russia che hanno le pezze al culo??
    Chiaro poi che i serbi ci guardano visto che sono slavi come loro.
    Guarda che la Russia, ora come ora č ricca,
    con il gas stanno prendendo una montagna di soldi.
    Purtroppo non ha raggiunto un buon grado di efficenza
    e non ha ancora un buon senso della qualitā.
    Ma Putin sembra essere sulla strada giusta.

  6. #6
    frontelombardia.org
    Data Registrazione
    23 Mar 2005
    Localitā
    Dčl - Brčsa | Hčmpčr Prōncc, Mėa Pōra | Europa - il Crepuscolo degli Dei
    Messaggi
    1,619
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Ma che cazzo continuate a dire di guardare verso questo Russia che hanno le pezze al culo??
    Chiaro poi che i serbi ci guardano visto che sono slavi come loro.
    hai ragione, diamo una salutata a chi ci permette di scaldarci l'inverno con il metano.

    per andare magari da obama.

  7. #7
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Localitā
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La Russia č sempre stata e sarā con le pezze al culo perchč č un Paese di oligarchi,ovvero l'1% della popolazione č ultraricco mentre il restante 99% crepa di fame.
    Mai la Russia in tutta la sua storia č riuscita a stabilire una classe media: nemmeno prima del comunismo.
    E' un Paese che bisogna prendere per quello che č.

    Se proprio vi sta sui coglioni l'America,almeno prendetemi la Germania come modello.
    Ma la Russia proprio no.

    P.S.
    Anche la Norvegia ha il gas metano.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Localitā
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Si da il caso che ne' la Germania e neanche la Norvegia hanno un' interesse a dividere l'Italia e quest'ultima non ha il sufficiente peso politico.

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    La Russia č sempre stata e sarā con le pezze al culo perchč č un Paese di oligarchi,ovvero l'1% della popolazione č ultraricco mentre il restante 99% crepa di fame.
    Mai la Russia in tutta la sua storia č riuscita a stabilire una classe media: nemmeno prima del comunismo.
    E' un Paese che bisogna prendere per quello che č.

    Se proprio vi sta sui coglioni l'America,almeno prendetemi la Germania come modello.
    Ma la Russia proprio no.

    P.S.
    Anche la Norvegia ha il gas metano.
    A proposito di Norvegia: God Jul og Godt Nytt Ar.
    La Russia non č un modello, č una speranza.
    La Germania sarā il modello per la Russia.
    In quel paese, come in tutti i paesi slavi, il rinnovamento
    richiede tempi lunghi, ma quando si muovono si muovono.

  10. #10
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Localitā
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Si da il caso che ne' la Germania e neanche la Norvegia hanno un' interesse a dividere l'Italia e quest'ultima non ha il sufficiente peso politico.
    Dipende.
    Con l'attuale crisi e le pance vuote non so se la Germania sarā ancora disposta a pagare per tutta Itaglia.
    Non escludo che la Germania e altri Paesi escano dall'Euro per farsi una propria moneta.
    Dopo un fatto del genere la spaccatura dell'Itaglia sarebbe inevitabile.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Russia: vogliamo guardare in faccia la realtā?
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 11-09-13, 21:44
  2. la Russia verso la riscossa demografica
    Di zwirner nel forum Politica Europea
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 02-05-11, 19:40
  3. Bisogna guardare verso la Russia.
    Di rafrad6164 nel forum Politica Estera
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-12-08, 21:51
  4. Russia: verso 200mila licenziamenti
    Di Amati75 nel forum Politica Estera
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-11-08, 12:14
  5. Russia -verso la Monarchia?
    Di Cyprien nel forum Politica Estera
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 02-10-06, 17:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226