User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Fini senza limiti

  1. #1
    TOLLERANZA ZERO!
    Data Registrazione
    03 Sep 2008
    Località
    Europa dei Popoli e delle Patrie
    Messaggi
    1,081
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Fini senza limiti

    FINI SENZA LIMITI



    Varie volte abbiamo evitato di attaccare il leader di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini, più che altro per non fare un dispetto alla stessa An, al PdL e al Governo, e abbiamo così scelto, pur trovandoci puntualmente in disaccordo con Fini, di "ignorarlo" sperando che fosse la stessa politica italiana a "espellerlo" dalla scena, ma l’ultima sua uscita in cui attacca la Chiesa cattolica non ci permette di rimanere ancora in silenzio. Quest’uomo, erede di politico della grandezza di Giorgio Almirante, avrebbe dovuto rappresentare in Italia la Destra, mentre si è trasformato forse nell’elemento più anti-patriottico del PdL. Bene ha fatto Berlusconi in una sua recente dichiarazione a dire di essere forse più a Destra di Fini. Ma andiamo in ordine. Chiariamo innanzitutto che la critica a Fini non va certo perché ha aperto la Destra a Israele, cosa che avevano saputo fare benissimo Almirante e Caradonna (anche quest’ultimo, per esempio, rese omaggio allo Yad Vashem), no, la critica che muoviamo a Fini è un’altra, ovverosia la sua totale mancanza di ritegno, come d’altronde dimostra anche la polemica con Gianni Alemanno che era riuscito a instaurare ottimi rapporti con la comunità ebraica di Roma senza ricorrere a generalizzazioni sul «Fascismo male assoluto» quando questo movimento politico era almeno inizialmente genuinamente patriottico e non antiebraico non foss’altro perché vi aderirono numerosissimi cittadini ebrei italiani ed ebbe importanti legami con il padre della Destra israeliana Ze’ev Jabotinsky. Perfino Berlusconi, che dovrebbe essere più a centro rispetto a Fini, riconobbe tranquillamente il carattere «buono» di quel Fascismo degni inizi, non colluso con gli orrori della Seconda guerra mondiale, sì autoritario ma che mandava gli oppositori «in vacanza al confino».
    Chi è Fini? Fini è un politicante, egli, attenzione, non è pragmatico, è un campione del nulla, un campione di quella cosiddetta correttezza politica che sta distruggendo l’Occidente, Fini non rappresenta nulla, e soprattutto non rappresenta valori che possano dirsi di Destra, è inutile che si nasconda dietro l’etichetta di moderato quando è solo un "politicamente corretto". Ricordiamoci che Fini è quello che si è già unito in precedenza al coro del peggior politically correctness, sul Corano nelle scuole, sul film “Il mercante di pietre” di Renzo Martinelli, sul voto agli immigrati. Ma dopo questa pessima ed inutile ultima uscita quando, se avesse voluto veramente fare l’intesse di Israele e di tutti, avrebbe seriamente preso atto delle migliaia di Ebrei salvati dalla Chiesa (e in molti casi con il sacrificio di tanti sacerdoti, religiosi e laici) e riaffermato l’importanza di non dividere, soprattutto in questo periodo storico, l’identità occidentale, ebbene, dopo l’anticlericalismo, e la polemica che è sorta gettando altra benzina sul fuoco agli screzi tra Vaticano e Israele, è ora di mettere in chiaro alcune cose.
    Il tutto opportunistico e stucchevole corteggio di Fini all’Ebraismo, con il quale arriva ad attaccare la Chiesa cattolica attraverso la ‘leggenda nera’ sulla complicità ecclesiastica nell’olocausto smentita da tutti quegli Ebrei che dopo la guerra furono grati a Pio XII per l’aiuto e il riparo che la Chiesa cattolica fornì agli Israeliti perseguitati, tanto che il Primo ministro di Israele Golda Meir definì il Pontefice «un grande servitore della pace», e sul ‘silenzio’ che come ha ben spiegato Benedetto XVI fu l’unica opzione per salvare il maggior numero di Ebrei possibile dalle deportazioni, cela in realtà una grande ipocrisia da parte di Fini, il suo continuo rinnegare per autopromuoversi e accreditarsi quello che è il suo passato, non quello della Chiesa cattolica, e ben gli ha replicato perciò l’Osservatore Romano.
    Probabilmente Fini crede di trarne vantaggio politico e di ripulire la sua immagine, ma in realtà, queste dichiarazioni lasciano il tempo che trovano, o nel peggiore dei casi alimentano addirittura sentimenti antisemiti e anti-israeliani a Destra e tra i cattolici, polemiche, equivoci, molto pericolosi.
    E’ ora forse di incominciare a difenderci dai rischi dell’opportunismo senza misura e senza limiti di Fini, che ha distrutto la Destra italiana - salvata in parte da Berlusconi e dalla Lega -, che è arrivato all’anticlericalismo e che farà molte pressioni per aprire il voto agli stranieri e accaparrarsi anche il voto di quelli che stanno invadendo in massa l’Europa. Questa non è Destra.



    QUANDO GLI EBREI RINGRAZIAVANO PIO XII





    Un Ebreo salvato dalla Shoà donò per riconoscenza a Pio XII Villa Giorgina
    Roma - Alla fine delle guerra ci sono state innumerevoli dimostrazioni di ringraziamento e gratitudine da parte degli Ebrei che si erano salvati grazie all’opera di assistenza delle istituzioni ecclesiastiche.
    Una delle storie più rilevanti è quella di Abramo Giacobbe Isaia Levi, uomo illustre e Senatore del Regno fino alla promulgazione delle leggi razziali, che durante l’occupazione nazista venne nascosto dalle suore di Maria Bambina nella casa da loro gestita a fianco dell’Istituto Patristico Augustinianum, adiacente al colonnato di destra di piazza San Pietro.
    Per riconoscenza donò al pontefice Pio XII la Villa Giorgina, attuale sede della Nunziatura Apostolica in Italia, che venne istituita nell’11 febbraio del 1929, successivamente alla firma dei Patti Lateranensi.
    Il proprietario era il Senatore del Regno (Abramo Giacobbe) Isaia Levi che fece costruire la Villa negli anni Venti con il nome di Villa Levi. Denominata in seguito Villa Giorgina in memoria della giovane figlia scomparsa prematuramente.
    Il Senatore Levi morì il 6 maggio del 1949. Il suo testamento letto il 9 maggio del 1949 recitava: “Lascio al Pontefice regnante Pio XII Villa Levi attualmente villa Giorgina in ricordo della mia amata bambina. Ventimila metri quadrati di superficie e un giardino con piante di valore. Nella villa ci sono frammenti antichi, e quanto di meglio esiste ai nostri tempi. L’architettura è di stile neoclassico con sontuosi soffitti in legno riportati da ville romane del 5/600”.
    Nell’atto di donazione il Senatore Levi suggerì anche la finalità d’uso e propose di adibirla a sede della Pontificia Accademia per le Scienze o come Nunziatura Apostolica. Volontà che venne esaudita da papa Giovanni XXIII il quale nel 1959 decise che la Villa, situata in via Po n. 27, divenisse sede della Nunziatura a Roma.
    Secondo le sue stesse parole il Senatore Levi donò questa villa per: “Essere stato preservato dai pericoli della iniqua persecuzione razziale sovvertitrice di ogni rapporto della vita umana e grato alla protezione concessagli in quel turbinoso periodo dalle Suore di Maria Bambina”, presso le quali trovò considerevole ospitalità nel peggior pericolo delle persecuzioni razziali.
    Alla fine della guerra, grazie al sostegno amoroso della moglie, Nella Coen, il Senatore Levi si convertì alla religione cristiana ma non dimenticò mai i suoi correligionari. Donò, infatti, una ingente somma di denaro agli Ebrei vecchi, disabili e che vivevano in stato di povertà.
    (Agenzia Zenit del 26 gennaio 2005)

    I ringraziamenti degli ebrei a Pio XII per l’opera di assistenza della Chiesa
    Roma - A circa 60 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, per buona parte dell’opinione pubblica non è ancora chiaro quanto il Papa Pio XII e la Chiesa cattolica fecero in favore degli Ebrei durante la persecuzione nazista. Eppure parte di questa immane opera di assistenza è ampiamente riportata nella stampa ebraica.
    Dal gennaio del 1942 i nazisti cominciarono ad applicare la “soluzione finale”, sterminando gli Ebrei. A ciò la Santa Sede oppose pubblicamente le armi della diplomazia, agendo poi segretamente per assistere gli Ebrei e nasconderne il maggior numero possibile. Nel radiomessaggio del Natale 1942 il Papa denunciò la persecuzione contro: “Quei centinaia di migliaia di individui che, senza qualsiasi colpa loro, qualche volta solamente per ragioni della loro nazionalità o stirpe, sono stati designati per la morte o per l’estinzione progressiva”. Mentre oggi alcuni sostengono che il Papa non si è mai pronunciato in favore degli Ebrei, i nazisti compresero bene ciò che disse. In un rapporto del Servizio Centrale di Sicurezza del Reich, datato 22 gennaio 1943, è scritto: “In una maniera mai conosciuta prima il Papa ha ripudiato il Nuovo Ordine Mondiale Nazional Socialista. In questo discorso - continua il rapporto - Egli ha virtualmente accusato il popolo germanico di ingiustizia nei confronti degli ebrei, e si è fatto portavoce dei criminali di guerra ebrei”.
    Il 20 gennaio 1943 Chaim Barlas, rappresentante della Jewish Agency for Palestine, scrisse una lettera al delegato apostolico in Egitto, monsignor Arthur Hughes, in cui si legge: “La grande opera umanitaria di Sua Santità e l’espressione della sua indignazione contro la persecuzione razziale, sono per noi fonte di conforto per i nostri fratelli”.
    A partire dal 1943 la Santa Sede si adoperò in un numero imprecisato di interventi per salvare gli ebrei in tutta Europa. Il 16 aprile del 1943 l’Australian Jewish News pubblicò un breve articolo sulle attività del cardinale Pierre Gerlier, Arcivescovo di Lione, che si era duramente opposto alla deportazione degli ebrei francesi, e che aveva salvato numerosi bambini ebrei. L’articolo riporta che Gerlier aveva obbedito all’ordine di Pio XII il quale aveva dato precise istruzioni per contrastare le misure antisemitiche in Francia.
    Il 24 settembre 1943 Alex Easterman, rappresentante britannico del World Jewish Congress, contattò il delegato apostolico a Londra, monsignor William Godfrey. Easterman lo informò che 4.000 ebrei croati erano stati portati in salvo su un isola del mare adriatico: “Sono certo che gli sforzi di sua Grazia e del Santo Padre hanno permesso di raggiungere questo stupendo risultato”. Alla fine del 1943 le comunità ebraiche di Cile, Uruguay e Bolivia inviarono lettere a Pio XII ringraziandolo per la sua opera di assistenza agli ebrei.
    Il 18 febbraio 1944 il delegato apostolico a Washington, Amleto Cicognani, ricevette una lettera da parte del Rabbino Maurice Perlzweig, il Direttore politico del World Jewish Congress, in cui è scritto: “I ripetuti interventi del Santo Padre in favore delle comunità ebraiche in Europa evocano un profondo sentimento di apprezzamento e gratitudine da parte degli ebrei di tutto il mondo”.
    L’American Jewish Yearbook 1943-1944 riporta che Pio XII “giocò un ruolo decisivo perché rimase fermo in piedi contro l'oppressione degli ebrei in Europa”. Nel giugno del 1944 quando gli alleati liberarono Roma, migliaia di ebrei vennero fuori dai nascondigli e raccontarono al mondo di essere stati salvati dalla Santa Sede.
    I soldati ebrei che componevano l’Ottava Armata degli Stati Uniti, pubblicarono nel loro bollettino, chiamato Jewish Brigade Group, un articolo di prima pagina nel giugno del 1944 in cui è scritto: “Per la perpetua e perenne gloria del popolo di Roma e della Chiesa Cattolica Romana, noi possiamo testimoniare che il triste destino degli ebrei fu alleviato da un autentica offerta cristiana di assistenza, protezione e rifugio”. Il cappellano ebreo della Quinta Armata degli Stati Uniti spiegò che: “Senza l’aiuto e l’assistenza del Vaticano e delle autorità ecclesiastiche romane, centinaia di rifugiati e migliaia di ebrei sarebbero stati uccisi prima della liberazione di Roma”.
    L' American Jewish Welfare Board, facente parte del Comitato per le attività religiose dell’Esercito e della Marina degli Stati Uniti scrisse al Papa: “I nostri cappellani militari presenti in Italia ci hanno raccontato dell’aiuto e della protezione che il Vaticano e istituzioni della Chiesa hanno fornito a moltissimi ebrei durante l’occupazione nazista. Siamo profondamente commossi di fronte a queste incredibili testimonianze di amore cristiano - continuavano -. Più conosciamo queste storie più ci rendiamo conto del pericolo corso da coloro che hanno rischiato la vita pur di fare da scudo agli ebrei ricercati dalla Gestapo. Dal profondo del cuore, noi vogliamo porgere a Lei Santo Padre l’assicurazione della nostra eterna gratitudine per la sua nobile espressione di religiosa fratellanza ed amore”.
    Il 7 luglio del 1944 il Jewish News di Detroit scrisse che: “Risulta sempre più chiaro che gli ebrei sono stati salvati dentro alle mura del Vaticano durante l’occupazione tedesca di Roma”. Il Congress Weekly, il giornale ufficiale dell’ American Jewish Congress pubblicò il 14 luglio dello stesso anno un editoriale in cui sosteneva che “la Santa Sede aveva fornito ai rifugiati ebrei anche cibo kasher”. Sempre il 14 luglio l’American Hebrew di New York pubblicò una intervista con il Rabbino Capo di Roma, Israel Zolli, il quale disse che: “Il Vaticano ha sempre aiutato gli ebrei e gli ebrei sono grati alla carità del Vaticano, fatta e distribuita senza distinzione di razza”.
    Il 31 luglio 1944 l’American Jewish Committee e altri organizzazioni ebraiche organizzarono una manifestazione al Madison Square Park di Manhattan, a New York, per mobilitare l’opinione pubblica contro la deportazione degli ebrei ungheresi. Nel suo discorso il Giudice Joseph Proskauer, presidente dell’ American Jewish Committee, disse: “Noi abbiamo sentito quanto grande è stata l’opera del Santo Padre nel salvare gli ebrei in Italia. Sappiamo anche da diverse fonti, quanto questo grande Papa ha cercato di fare per aiutare e salvare gli ebrei in Ungheria”.
    Nei mesi successivi Joseph Hertz (Rabbino Capo dell¹Impero Britannico), il compositore Irving Berlin, il congressista Emmanuel Cellar di Brooklyn, il Comitato di Emergenza per Salvare gli Ebrei d’Europa, l’Unione dei Rabbini Ortodossi di USA e Canada e la World Agudas Organitation ringraziarono pubblicamente Pio XII per aver salvato gli ebrei dallo sterminio.
    Il 22 aprile 1945 Moshe Sharrett, futuro Ministro degli Esteri e Primo Ministro di Israele, dopo aver incontrato il Papa inviò un dettagliato rapporto all’Esecutivo della Jewish Agency in cui ha scritto: “Mio primo dovere è stato quello di ringraziare il Papa e la Chiesa cattolica da parte del popolo ebraico, per tutto quello che hanno fatto nei diversi Paesi per proteggere e nascondere gli ebrei, salvare i bambini e gli israeliti in generale”.
    Il 26 maggio del 1955 l’Orchestra Filarmonica di Israele, composta da 95 ebrei provenienti da 14 nazioni, sopravvissuti alla persecuzione, tenne un concerto in Vaticano. Il Jerusalem Post del 29 maggio scrisse a tal proposito che: “Il Maestro Paul Kletzski ha richiesto che l’Orchestra, nella sua prima visita in Italia, suonasse per il Papa come gesto di gratitudine per l’aiuto che la Chiesa ha fornito a tutti i perseguitati dal nazifascismo”.
    Quando l’8 ottobre del 1958 Pio XII morì, il Zionist Record, il Jewish Chronicle, il Canadian Jewish Chronicle, il Jewish Post, l’American Hebrew, insieme ai Rabbini di Londra, Roma, Gerusalemme, Francia, Egitto, Argentina ed alla quasi totalità delle associazione ebraiche piansero la scomparsa di quel Papa che Golda Meir, politica israeliana, e Primo Ministro dal 1969 al 1974, definì “un grande servitore della pace”.
    (Agenzia Zenit del 28 gennaio 2005)

    Tratto da: http://eurosiberiacristiana.splinder.com/

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    ottimo

  3. #3
    conservatore-monarchico
    Data Registrazione
    08 Apr 2008
    Località
    ...liberale
    Messaggi
    1,370
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    poveraccio...coninua a deludermi!

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    47,759
    Mentioned
    1004 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    questo Fini è una cosa indecente

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 Oct 2011
    Messaggi
    6,762
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    questo Fini è una cosa indecente
    Proprio così, ma il guaio è che costui oltre ad essere un venduto è proprio un ignorante di prima categoria, che si sciacqui la bocca prima di criticare la Chiesa che ha salvato migliaia di vite.

  6. #6
    Reazione
    Data Registrazione
    25 Sep 2007
    Località
    Basilicata,Italia,Europa
    Messaggi
    2,659
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ottimo l'articolo di Dalvin,mi complimento,comunque Fini è da parecchio che ha superato il limite questa è solo una delle tante sue uscite senza senso e senza ritegno per un uomo che si ritiene d Destra.A questo punto molto meglio Berlusconi rispetto a Fini.

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    20 Jan 2011
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    15,362
    Mentioned
    196 Post(s)
    Tagged
    19 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Forfy Visualizza Messaggio
    Ottimo l'articolo di Dalvin,mi complimento,comunque Fini è da parecchio che ha superato il limite questa è solo una delle tante sue uscite senza senso e senza ritegno per un uomo che si ritiene d Destra.A questo punto molto meglio Berlusconi rispetto a Fini.
    Incredibilente sarebbe meglio Berlusconi. Ma allora è meglio la Lega, peccato che sia osteggiata da una certa parte progressista della Chiesa cattolica. Perchè la LN, sia per convizione, che un po' per interesse, ha sempre difeso le tradizioni cattoliche dell'Italia, e tralasciando i celti , la verità storica.

 

 

Discussioni Simili

  1. L'orrore senza limiti
    Di trilex nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-04-13, 08:40
  2. Delirio senza limiti
    Di gspad nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-06-12, 22:05
  3. Fini senza limiti
    Di Dalvin nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-12-08, 22:06
  4. Fini senza limiti
    Di Dalvin nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 21-12-08, 23:50
  5. INTERVENTO - Fini senza limiti
    Di Dalvin nel forum Conservatorismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-12-08, 21:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225