21/12/2008 (11:4)
Ucciso dal bus, l'autista era drogato

Dramma in tarda serata a Roma:
la vittima è un uomo di 66 anni.
L'azienda si costituirà parte civile
ROMA

Verrà licenziato in tronco l’autista che ieri sera ha provocato la morte di un uomo di 66 anni in via Isacco Newton, a Roma, travolgendolo col bus. Secondo i primi accertamenti infatti il conducente avrebbe assunto sostanze stupefacenti. Lo comunica l’azienda di gestione del trasporto pubblico a Roma, Trambus spa che, «qualora ne sussistano le possibilità», si costituirà parte civile nel procedimento giudiziario che si andrà ad aprire.

«Non vogliamo e non possiamo accettare - sottolinea l’amministratore delegato di Trambus, Adalberto Bertucci - che chi conduce un mezzo pubblico manchi del più elementare senso di responsabilità nei confronti di se stesso, ma soprattutto dei cittadini. Quindi è bene che tutti ne siano consapevoli: Trambus avrà tolleranza zero nei confronti di tutti gli autisti che abusano di alcol o fanno uso di droghe. Mi preme, infine, rinnovare i sensi del mio cordoglio alla famiglia della vittima assicurando loro la vicinanza di tutta l’azienda in questo momento di dolore».

Il fatto è avvenuti ieri sera. La vittima aveva appena parcheggiato la sua auto, azionato le 4 frecce ed era scesa dall’auto per controllarne la posizione, quando è stata travolta dal pullman dell’Atac. L’azienda di gestione del trasporto pubblico a Roma, la Trambus spa, ha attivato un’inchiesta interna per comprendere le ragioni dell’incidente mortale. Dai primi esiti sembra che l’autista non abbia visto nè l’auto in sosta sulla strada nè il conducente che era sceso e si trovava nelle vicinanze, investendolo e uccidendolo. Il consiglio comunale di Roma, impegnato nella discussione del bilancio, ha osservato un minuto di silenzio per esprimere ai familiari della vittima il cordoglio della città. Anche l’amministratore delegato di Trambus, Adalberto Bertucci ha espresso cordoglio.

http://www.lastampa.it/redazione/cms...9409girata.asp