User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Ass. Cult. Nuova Gestapo
    Data Registrazione
    10 Sep 2009
    Località
    Mestre
    Messaggi
    9,484
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito L'assurda censura su wikipedia ad opera di un fanatico

    La censura avanza indefessa su wikipedia. Un utente si accanisce in particolare su http://it.wikipedia.org/wiki/Silvio_Gesell e sulle voci a lui correlate. Osservando la cronologia si possono osservare le assurde ed immotivate censure operate impunemente dall'utente, che per un qualche motivo incomprensibile si accanisce selettivamente e periodicamente su certi gruppi di voci, come fosse preda di un ocd. Nell'enfasi cancella perfino particolari irrilevanti, ad esempio nella voce http://it.wikipedia.org/wiki/Poliamore ha tolto dalla lista delle persone poliamorose il Gesell, come sempre con motivazioni false. Ad esempio della sua falsità, ha cancellato il collegamento della voce http://it.wikipedia.org/wiki/Distributismo alla voce http://it.wikipedia.org/wiki/Salario dicendo che non c'entra l'una con l'altra; solo che il distributismo è una teoria che prevede l'abolizione del lavoro salariato, e quindi non si capisce perchè non dovrebbe essere ricollegata a "salario". Eclatante poi la pesante censura operata su http://it.wikipedia.org/wiki/Valore_aggiunto , vi incollo qui il pezzo censurato, perchè è talmente importante che è inconcepibile che gli venga avvallata la censura dagli altri utenti:
    Si possono intendere ad esempio quattro casi:
    Un artigiano produce giornalmente un certo numero di beni utilizzando un certo valore per realizzarli. Cedendoli per una cifra superiore al valore della spesa, otterrà un plusvalore.
    Un operaio dipendente produce giornalmente un certo numero di beni utilizzando un certo tempo ed ingegno per realizzarli. Ma il suo plusvalore verrà gestito dal padrone, il quale equiparerà il lavoro dell' operaio ad una merce spesa secondo il salario di cui l' operaio necessita. In questo caso non si ha plusvalore, ma mercificazione.
    Un commerciante smercia giornalmente un certo numero di beni utilizzando un certo valore per acquistarli. Cedendoli per una cifra superiore al valore della spesa, otterrà un plusvalore.
    Analisi economica
    Il valore aggiunto visto da Marx
    Karl Marx ha basato le sue teorie analizzando il concetto di plusvalore. In particolare ha analizzato il punto due sopraesposto, valutando il plusvalore nel lavoro dipendente trasformato in mercificazione. Quest’ultimo risultato è per Marx possibile perché il lavoro necessario alla reintegrazione del valore della forza-lavoro assorbe solo una frazione dell’intera giornata lavorativa. Così, ad esempio, mentre la giornata lavorativa è di otto ore, nell’equivalente pagato per l’uso giornaliero della forza lavoro, nel salario, sono oggettivate solo cinque ore. Il lavoro svolto nelle rimanenti tre ore (pluslavoro) determina il plusvalore di cui si appropria il capitale e rappresenta l’entità della sua valorizzazione.
    In termini formali, se L è la quantità di lavoro impiegata per una determinata produzione e V il lavoro necessario alla riproduzione della forza-lavoro, il plusvalore Pv sarà dato dalla differenza:

    Il plusvalore è per Marx l'unica fonte del profitto, la cui realizzazione ed accumulazione costituiscono il fine essenziale del capitale.
    Pertanto ogni capitalista pratica metodi per accrescere il plusvalore. Tali metodi sono classificati da Marx nel modo seguente:
    Plusvalore assoluto. Si tratta di tutti i metodi che cercano di espandere, a parità di altre condizioni, il lavoro assoggettato al capitale. Tra questi il più classico è il prolungamento della giornata lavorativa, che consente di ampliare le ore di pluslavoro quando siano date e costanti le ore di lavoro necessarie alla riproduzione della forza-lavoro (lavoro necessario). Anche l'estensione dei soggetti sottomessi allo sfruttamento (si pensi ad esempio al lavoro minorile) possono rientrare in questa classificazione.
    Plusvalore relativo. Sono questi i metodi che consentono di ridurre le ore di lavoro necessario o, che è lo stesso, del capitale variabile. Infatti, ponendo costante la durata della giornata lavorativa, al diminuire delle ore di lavoro necessario il pluslavoro aumenta. Poiché il salario non può scendere al di sotto del livello di sussistenza, il modo tipico di ridurre il tempo di lavoro necessario è l'aumento della produttività del lavoro: se occorrono meno ore di lavoro per produrre i beni di consumo dei lavoratori, si riduce il lavoro necessario anche senza diminuire i consumi dei lavoratori, cioè i salari reali.
    Il valore aggiunto visto da Sraffa
    La più grande critica che arriva all' analisi marxiana è stata elaborata da Piero Sraffa. Secondo Sraffa
    il prezzo d'equilibrio viene determinato dall'intersezione tra la curva della domanda e quella dell'offerta;
    la curva dell'offerta, simmetrica a quella della domanda, è basata sulla legge dei rendimenti decrescenti (primo tratto) e sulla legge dei rendimenti crescenti (secondo tratto).[1]
    Quanto ai rendimenti decrescenti, secondo Sraffa vi sono due casi:
    se un bene viene prodotto utilizzando una quota considerevole di un fattore scarso, un piccolo aumento della produzione comporta un significativo aumento del costo sia di quel bene, sia di altri beni nella cui produzione venga impiegato; ne seguono una minore domanda di quel bene e di quel fattore scarso, quindi il contenimento del loro costo;
    se un bene viene prodotto utilizzando una piccola quota di un fattore scarso, un piccolo aumento della sua produzione si traduce più in una riduzione delle quantità del fattore scarso utilizzate da altre imprese che in un suo generale maggiore utilizzo; l'incremento del costo del fattore è quindi trascurabile;
    In sostanza, Sraffa dimostra che:
    non è possibile individuare una legge che determini simultaneamente il salario ed il saggio del profitto (come remunerazioni, rispettivamente, del lavoro e del capitale), in quanto:
    il saggio del profitto può essere determinato solo fissando il salario (o viceversa);
    non è possibile misurare il capitale senza determinare anche i prezzi (compreso il profitto), quindi non è possibile calcolare il profitto sulla base del valore del capitale (come sua remunerazione);
    non si può assumere che, all'aumentare del salario, il lavoro venga sostituito dal capitale, in quanto il valore del capitale dipende dalla durata dell'investimento iniziale; considerando capitali di diversa durata, può ben succedere che si preferisca sostituire capitale con lavoro anche se i salari aumentano (cosiddetto "ritorno delle tecniche"); ne segue che non è possibile attribuire la disoccupazione all'aumento dei salari, come se si trattasse di minore domanda di un fattore di produzione il cui prezzo è aumentato.
    Il valore aggiunto visto da Gesell
    Secondo Gesell, quando Marx parla di plusvalore lo fa superficialmente sottovalutando i risvolti effettivi. Questo perché non tutte le persone della società producono, ma alcune svolgono servizi utili anche se improduttivi (settore terziario). Quindi la totalità del valore delle merci prodotte non può obbiettivamente andare solo a chi produce letteralmente, ma deve essere suddivisa tra tutta la società. Astrattamente, se sette persone su dieci producono, il valore aggiunto corrisponderà quindi a 3/10 del valore reale della loro produzione. Guardandolo sotto un punto di vista più pratico lo si può vedere così: il plusvalore accumulato dal capitalista è intrinsecamente finalizzato nel caso di necessità, ovvero nel caso di investimenti da fare o danni da riparare. Solo nel caso ciò non si verifichi (e quindi il capitalista in questione si dimostri un buon amministratore) allora potrà permettersi di attingere al capitale immagazzinato. Dopotutto non potrebbe obbiettivamente cedere il plusvalore ai dipendenti confidando in una sua improbabile restituzione in caso di necessità aziendale. E' quindi un fattore irrinunciabile.
    In virtù di questa necessità il salario dei dipendenti è mantenuto il più basso possibile dal capitalista, ma l' interpretazione marxista è fuorviante. Marx da un valore al tempo, cosa che non corrisponde alla realtà. Si da per scontato che una persona possa lavorare un certo tempo massimo al giorno. Un dipendente non accetterebbe di lavorare sotto una certa cifra giornaliera, corrispondente alla cifra minima per vivere, che quindi esigerà, a prescindere dal lavoro da svolgere. A parità di salario minimo giornaliero il capitalista quindi cercherà di mantenere al lavoro il dipendente più tempo possibile. Ecco quindi stabilita un equivalenza. Quindi il rapporto salario/tempo è scollegato e fittizio, è stabilito solo per convenzione bilaterale.
    Assodato ciò, secondo Gesell anche le teorie di Marx sul paragone salari/prezzi risultano sbagliate. Marx definisce la differenza tra salari totali di un azienda e fatturato (ovvero il totale del valore delle merci vendute) il plusvalore. E secondo Marx il concetto di plusvalore è un aberrazione. Gesell invece dice che nella realtà sono i prezzi delle merci che vengono spontaneamente ad adattarsi sui salari generali. Questo per una semplice legge domanda/offerta che può essere riassunta nello schema:

    Determinazione capitalista del prezzo di un prodotto sulla base del potere d' acquisto del consumatore
    Distribuendo il plusvalore e quindi aumentando i salari automaticamente aumenterebbero di pari misura i prezzi, annullando di fatto l' aumento salariale, ed avviando una spirale inflazionistica. In definitiva il plusvalore è un adattamento spontaneo ed inevitabile del mercato, non un "aberrazione disonesta" creata dal padrone.[2]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Aug 2009
    Messaggi
    2,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma scusami, se ti cancellano una riflessione su wikipedia, vieni a scrivercela qua?

    Consiglioti, in questo caso, di copia&incollarci la lista dei balocchi che hai chiesto a Babbo Natale, sia mai che causa disguido postale essa venga smarrita.

  3. #3
    Ass. Cult. Nuova Gestapo
    Data Registrazione
    10 Sep 2009
    Località
    Mestre
    Messaggi
    9,484
    Mentioned
    34 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    Ma scusami, se ti cancellano una riflessione su wikipedia, vieni a scrivercela qua?

    Consiglioti, in questo caso, di copia&incollarci la lista dei balocchi che hai chiesto a Babbo Natale, sia mai che causa disguido postale essa venga smarrita.
    L'argomento riguarda anche il sistema economico proposto dalla destra sociale, per questo penso che sia utile che venga letto qui. Il testo su wikipedia non c'è più, che almeno chi ha fatto lo sforzo di scriverlo pensi di aver fatto cosa buona a diffonderlo e che possa essere utile a qualcuno.

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Aug 2009
    Messaggi
    2,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da natalizio Visualizza Messaggio
    L'argomento riguarda anche il sistema economico proposto dalla destra sociale, per questo penso che sia utile che venga letto qui. Il testo su wikipedia non c'è più, che almeno chi ha fatto lo sforzo di scriverlo pensi di aver fatto cosa buona a diffonderlo e che possa essere utile a qualcuno.
    Bene! Bravo! Bis!

    Hai capito ora che wikipedia è una zozzeria in mano a quattro balordi?
    Che è l'antitesi stessa della concezione del sapere, ove la nozione giusto/sbagliato è frutto non di una concettualizzazione sul valore di assoluto, ma sul relativismo mascherato da una pseudodemocrazia numerica di anonimi idioti?

    Beh, se hai scoperto ora tutto ciò... mi sa che dovrò darti brutte notizie su babbo natale in futuro.

    Sono dell'avviso che wikipedia vada boicottata con ogni mezzo ed in ogni forma.

  5. #5
    Bello e dannato
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Parma - Milano Due - Roma Nord
    Messaggi
    17,506
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Miles Visualizza Messaggio
    Sono dell'avviso che wikipedia vada boicottata con ogni mezzo ed in ogni forma.
    Totalmente concorde con questa opinione.
    Wikipedia è la caricatura della cultura.

  6. #6
    Forumista
    Data Registrazione
    20 Oct 2008
    Messaggi
    408
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    WIKIPEDIA va chiusa!

 

 

Discussioni Simili

  1. Opera releases Opera Mobile 10.1 beta 2 for Symbian
    Di Templares nel forum Telefonia e Hi-Tech
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-10-10, 04:10
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-07-10, 16:40
  3. Wikipedia censura Rinascita
    Di spdurox nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-11-06, 02:00
  4. Tremonti e' un fanatico statalista!
    Di Paleo (POL) nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 21-12-02, 14:02
  5. A Fanatico!!!!
    Di MThule nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05-10-02, 19:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226