User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Conservatorismo e Libertà
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    17,350
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito DIBATTITO - Il lascito di Samuel Huntington

    Samuel Huntington, il politologo americano celebre per aver scritto il saggio "Scontro di civiltà", più volte invocato dopo l'11 settembre, è morto la vigilia di Natale nell'isola di Marthàs Vineyard in Massachusetts. Newyorchese, laureato a Yale, Huntington aveva 81 anni. L'annuncio della morte è stato dato da Harvard, l'ateneo dove aveva insegnato da quando aveva 23 anni.

    Noto per la la sua analisi della relazioni tra governo civile e potere militare, gli studi sui colpi di Stato e le sue tesi sugli attori politici principali del ventunesimo secolo (le civiltà che tendono a sostituire gli Stati-nazione) Huntington era nato ideologicamente nel gruppo degli allievi di Leo Strauss che lanciarono il movimento neo-con: Irving Kristol, Norman Podhoretz, Seymour Martin Lipset, Daniel Bell, Jeane Kirkpatrick e James Q. Wilson.

    Autore di 17 libri e un centinaio di articoli scientifici, nel 1993, con otto anni di anticipo sugli attentati di al Qaeda, la guerra in Afghanistan e l'Iraq, aveva scritto su Foreign Affairs che "la prossima guerra, se ci sarà, sarà una guerra tra civiltà".

    Nel saggio 'Scontro di Civiltà', rielaborato nel 1996 in un libro tradotto in 39 lingue, lo studioso americano aveva sostenuto che, sotto la spinta della modernizzazione, la politica si sta ristrutturando lungo "faglie culturali". E tra le grandi civiltà contrapposte in un prossimo conflitto aveva indicato anche l'Occidente e l'Islam. Bollata come semplificata e semplicistica, la tesi di Huntington ipotizzava che nel mondo post guerra fredda le alleanze determinate da motivi ideologici o da rapporti con le superpotenze avessero lasciato il campo libero a nuovi confini ridisegnati perchè coincidano con quelli culturali.


    Huntington aveva elencato nel suo saggio sei diverse civiltà: islamica, slavo-ortodossa, confuciana, indù, giapponese e occidentale. "La Guerra fredda è finita con il crollo della cortina di ferro. Con la scomparsa delle divisioni ideologiche in Europa, la faglia tra cristianità occidentale e cristianità ortodossa e Islam è riemersa", aveva scritto il guru di Harvard, osservando che "nel momento in cui la gente comincia a definire la propria identità in termini di etnia e religione, è sempre più comune il vedere un 'noi' contrapposto a un 'loro' nelle relazioni tra popoli di razza e fedi diverse".

    La visione dello studioso anche all'epoca dell'uscita del saggio aveva tuttavia provocato polemiche. Respingendo la tesi del professore di Harvard, il suo collega libanese trapiantato negli Usa Fouad Adjani aveva obiettato che il mondo islamico non è così monolitico come è descritto su 'Foreign Affairs'.
    In Iran - aveva scritto Adjani - molti giovani si ribellano agli imam fondamentalisti. In Iraq Saddam Hussein è salito al potere come leader secolare. E sia Egitto che Giordania hanno leadership capaci di dialogare con Israele. In altre parole, secondo Adjani, quello dell'Islam era "un mondo che si divide e suddivide".

    http://www.repubblica.it/2008/12/sez...untington.html



    E' importante sottolineare alcuni punti, come fa Christian Rocca nel suo blog "Camillo":

    E’ morto Samuel Huntington, l’autore di "Clash of civilization" e altri importanti libri:
    a) non era favorevole allo scontro di civiltà, prevedeva piuttosto che sarebbe stato inevitabile
    b) non era l’ideologo della dottrina Bush, ma il suo più serio oppositore
    c) non era neocon, ma un realista
    d) era Democratico, consulente e speechwriter di parecchi esponenti democratici e di Jimmy Carter
    e) è stato contrario alla guerra in Iraq fin dal primo giorno
    f) ha votato John Kerry e, immagino, Barack Obama

    http://www.camilloblog.it/archivio/2...st-preventivo/


    Specificati questi punti, sarebbe interessante procedere ad un dibattito sulla sua teoria, condensata nella ormai famosa formula di "scontro di civiltà".

    Innanzitutto, è interessante notare che le civiltà interessate in questo presunto "scontro", a partire dai tragici avvenimenti dell'11 settembre 2001, non sono propriamente "monolitiche", omogenee e compatte.
    L'Occidente non è più la "Cristianità", ma in buona parte si è allontanato dalla cultura e dalla fede cristiana, dal modus vivendi cristiano (con leggi, costumi, consuetudini legate ed ispirate alla dottrina religiosa).
    L'Islam non è un blocco unico, ma è diviso fra correnti sunnite, sciite, fra radicali (in grande espansione) e moderati (molto timidi, in verità).
    Detto questo, senza dubbio vi sono alcuni segnali di uno scontro sempre più acceso fra occidentali e islamici, con una indubbia aggressività da parte delle frange fondamentalistiche mussulmane.
    Si potrebbero portare decine, centinaia di foto o di video con masse islamiche urlanti, inneggianti alla morte dell'America e dell'Occidente; immagini di devastazioni di ambasciate (tutti ci ricordiamo le reazioni al famoso discorso di Ratisbona del Pontefice), di bandiere e fantocci bruciati.

    Ma io sinceramente non vedo ancora il dispiegarsi vero e proprio di uno scontro definitivo e guerreggiato fra civiltà. Siamo in presenza di una guerra al terrorismo internazionale, ai fondamentalisti, agli "stati canaglia" (Asse del Male), siamo di fronte a quella "Quarta Guerra Mondiale" così ben analizzata da N. Podhoretz, che tuttavia non può essere definita come "guerra fra civiltà".
    Forse gli Stati Uniti bombardano a piacimento le moschee?
    Forse l'Occidente sta espellendo tutti gli islamici dai propri territori?
    Siamo in guerra con tutti gli Stati islamici del globo?
    La risposta, chiaramente, è "no".

    Piuttosto, è l'Islam a mostrare segni inquietanti di sempre maggiore aggressività contro la cultura e la civiltà occidentale e cristiana, di odio profondo ed irriducibile. In molti paesi islamici non è consentito neppure portare con se il Vangelo, nè tantomeno costruire Chiese o predicare.

    Non siamo ancora giunti allo scontro di civiltà, ma questa è una eventualità da non escludere a priori, a causa della progressiva degenerazione di una parte dell'Islam.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,957
    Mentioned
    121 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    la colpa dell'occidente,finita la guerra fredda,è stato quello di non immaginare il futuro: Huntington, come altri, aveva già notato come nei paesi musulmani il fondamentalismo specie sunnita stesse riprendendo vigore: basti pensare alla troppo spesso dimenticata guerra civile algerina scoppiata per impedire alle formazioni radicali islamiche di prendere il governo dell'Algeria negli anni '90.
    Purtroppo le guide del mondo libero erano Bill Clinton (senza commenti per favore...),Boris Yeltsin e una serie di personaggi trascurabili in Europa molto più impegnati a discutere di forme di carote e fagiolini o a disegnare monete uniche che a valutare lo scenario internazionale. basti pensare il nulla che l'UE oppose alla crisi balcanica,risolta come sappiamo con bombardamenti decisi da chi era troppo impegnato sotto il tavolo della sala ovale per soppesare gli effetti dell'implosione balcanica.
    oggi si dice che non siamo ancora allo scontro di civiltà: io dico solo perché i paesi islamici sono coscienti che in uno scontro in campo aperto con USA ed Israele verrebbero spazzati via in un secondo; ma se un giorno dovessero raggiungere una potenza militare in grado di tenere testa ai Marines,prepariamoci al peggio

 

 

Discussioni Simili

  1. è morto Samuel Huntington
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 17:45
  2. E' morto il Prof. Samuel Huntington
    Di Dalvin nel forum Destra Radicale
    Risposte: 44
    Ultimo Messaggio: 28-12-08, 22:35
  3. Quando Samuel Huntington celebrava Lenin
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-02-04, 17:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226