User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Μάρκος Βαφειάδης
    Data Registrazione
    05 May 2007
    Messaggi
    843
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I comunisti per la ricostruzione di un sindacato di classe

    Verso il 13 febbraio. I comunisti per la ricostruzione di un sindacato di classe
    di Leonardo Masella (Direzione Nazionale PRC)
    su Liberazione del 31/12/2008


    Come è ormai evidente, la crisi economica internazionale e strutturale del sistema capitalistico sta precipitando su di una situazione del nostro paese che era già da tempo drammatica. I pannicelli caldi che il governo di destra e la pseudo-opposizione del Pd si apprestano a varare non riusciranno a costituire nessun argine allo tsunami sociale in arrivo. La speranza di lavoro che nutrivano masse sempre più grandi di giovani precari - frutto delle precedenti politiche neoliberiste bipartisan fondate sull'ideologia della flessibilità dei lavoratori - si trasformerà presto in disoccupazione cronica e disperata, così come le ondate di licenziamenti alimenteranno masse di nuovi precari e disoccupati. I salari e le pensioni, che già non permettevano di arrivare alla quarta settimana del mese, subiranno - senza alcuna difesa automatica del potere d'acquisto - un'ulteriore drastica erosione sotto la spinta inflattiva proveniente dagli Usa. La povertà che già lambiva il lavoro dipendente si diffonderà a macchia d'olio, colpendo persino le classi medie rovinate dai mutui e dal crollo delle piccole rendite finanziarie. Aumenterà la paura e il ricatto per chi lavora, alimentando il supersfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici, già esistente da anni, con ritmi e turni di lavoro ancora più deregolati e massacranti, con un aumento dell'orario di lavoro, degli straordinari, degli omicidi sul lavoro, delle malattie professionali, degli stress psico-fisici. Cresceranno i rischi di guerre fra poveri, di tutti contro tutti, fra garantiti (chi?) e non garantiti, fra disoccupati e precari, autoctoni e immigrati, lavoratori pubblici e privati, eccetera. Questa è purtroppo la realtà, non una fosca previsione.
    Ovviamente c‘è sempre, per fortuna, un rovescio della medaglia. Il massacro sociale può portare alla radicalizzazione del conflitto sociale, alla ripresa della forza dei comunisti e della sinistra, al rilancio della lotta di classe, unico modo - fra l'altro - per contrastare sia la guerra fra poveri che l'egemonia politica e culturale della destra padronale, leghista e fascista sulla società. Il responsabile della crisi, e dunque l'avversario da combattere, non è all'interno della classe e del blocco sociale potenzialmente antagonista, ma è il grande padronato, la confindustria, le banche, il sistema capitalistico (fondato sulla centralità del profitto privato e non sul benessere collettivo) e i governi, gli Stati e le strutture internazionali (come la Fmi e la Nato) posti al loro servizio.
    In particolare, c'è una grande occasione da cogliere: la radicalizzazione dello scontro sociale può portare, deve portare alla unificazione delle lotte e del sindacalismo non concertativo, per avviare - se non ora quando? - un processo di ricostruzione di un sindacato che sia contemporaneamente conflittuale e di massa. La profondissima crisi economica sta determinando, per la prima volta, le condizioni affinchè questo processo possa passare dalle speranza alla realtà, dalle parole ai fatti. Il fatto che il nuovo e grande movimento degli studenti si sia intrecciato con la ripresa delle lotte dei lavoratori; che lo sciopero del 17 ottobre promosso dai sindacati di base sia andato ben oltre ogni ottimistica previsione, che la Cgil rompa con Cisl e Uil e che lo sciopero generale del 12 dicembre sia stato promosso oltre che dalla Cgil anche dai sindacati di base della Cub, Cobas ed Sdl; che la Fiom e la Funzione Pubblica della Cgil propongano di dare continuità al 12 dicembre con un nuovo sciopero congiunto per il 13 febbraio: sono segnali incoraggianti e inequivocabili di una nuova situazione, imparagonabile ad altre simili del passato (come la mobilitazione cofferatiana e antiberlusconiana per l'articolo 18). Certo, c'è da sconfiggere ed invertire un processo strategico concertativo che ha coinvolto anche la Cgil almeno dagli accordi del luglio '92-'93 (che, guarda un po'!, a proposito di salari e precarietà, cancellarono del tutto la scala mobile e introdussero per la prima volta il lavoro in affitto), ma le crisi e le precipitazioni sociali a volte possono di colpo spazzare via processi che appaiono consolidati nel tempo, aprendo nuovi e imprevedibili scenari che i comunisti devono essere pronti a cogliere, se sono dei rivoluzionari.
    Questo è oggi, io credo, il principale obbiettivo unitario, di lotta comune, di tutte le comuniste e i comunisti, a partire dal nostro partito che dopo Chianciano ha preso nuovo slancio, in qualunque formazione politica e sindacale siano collocati: spalla a spalla nelle lotte, operare per fare avanzare rapidamente, ma con grande pazienza e spirito unitario e costruttivo, questo processo di ricostruzione di un grande sindacato di classe, strumento che è oggi non solo assolutamente indispensabile per fronteggiare la gravissima crisi economica, ma anche oggettivamente possibile. In particolare, è necessaria e auspicabile una più stretta collaborazione fra i lavoratori più attivi e i delegati sindacali che fanno riferimento al Prc, al Pdci, ad altre formazioni comuniste e di sinistra alternativa, iscritti alla Cgil, alla Rdb, ai Cobas o ad altre organizzazioni sindacali, per favorire questo processo unitario e per raggiungere questo importantissimo obiettivo. Ecco la più grande utilità sociale che possono avere oggi i comunisti nella nuova situazione che si sta determinando con la crisi economica.
    http://www.esserecomunisti.it/index....Articolo=27241

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Comunista del XXI Secolo
    Data Registrazione
    29 Oct 2008
    Località
    Civitavecchiese dal 1765 - LIBRI NO WIKIPEDIA!
    Messaggi
    388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma non è meglio che si entri a piedi pari nella CGIL?
    Non è più serio avere i propri militanti dentro un solo sindacato con una sola linea?
    Un partio un sindacato.

    Così si faceva quando funzionava.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-04-12, 13:49
  2. Per un sindacato di classe
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-11-09, 21:55
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-11-09, 14:20
  4. I comunisti, il sindacato, la ricomposizione del blocco sociale antagonista
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-10-08, 20:47
  5. I comunisti: in autunno appuntamento di classe
    Di No pasaran nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-08-08, 23:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226