User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Tyr
    Tyr è offline
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    MARCA DI VERONA E AQUILEIA
    Messaggi
    2,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lega E Incompetenti Meridionali Nella Pa

    Scoperto ennesimo scandalo nell'Università di Bari. Esami comprati.
    Scoperto tranite le intercettazioni della guardia di finanza (QUELLE DI CUI LA LEGA VUOLE BLOCCARE L'UTILIZZO IN CAMBIO DEL "FEDERALISMO" FISCALE).
    Tradotto significa questo: tanti meridionali che si comprano la laurea al sud. La comprano con voti alti, quindi vincono il concorso pubblico e poi vengono a lavorare nella pubblica amministrazione del nord.
    Medici, Ingegneri., Insegnanti
    COSi' LA LEGA TUTELA IL NORD.
    IMPESTANDOLO DI MAFIA, SPECULATORI FINANZIARI, IMPEDENDO LA SCOPERTA DI ERRORI MEDICI E IMPESTANDO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, COMPRESE SANITA', ISTRUZIONE DI INCOMPETENTI MERIDIONALI.
    Per la lista dei reati che la lega farà aumentare vd. link: http://www.politicaonline.net/forum/...d.php?t=485521
    Per le balle sul costo delle intercettazioni vd link: http://www.corriere.it/editoriali/08...4f02aabc.shtml

    Comunque quello che ha fatto la forutuna della lega è stata la fiducia dei leghisti che per ragioni quasi fideistiche rifiutavano di accettare una realtà per la quale il "partito del nord" facesse gli interessi dei cialtroni del sud (criminalità organizzata, truffatori, massiccio ingresso nella PA di imbroglioni con la laurea comprata, ecc.).
    Ormai il fatto è talmente evidente che le persone del nord hanno aperto gli occhi (in Friuli addirittura prima di altri, vd, sconfitta della Guerra).
    La lega infatti sta fondando sezioni sempre più a sud.
    Cambiate nome: "da lega nord per l'indipendenza (?) della padania a "Lega sud per la sottomissione e la distruzione del settentrione d'italia".
    Almeno avreste un nome coerente con l'attività politica.
    Tanto ormai dal nord sparite. Venite a fare qualche comizio, altro che "ampolla del Po e Asterix": uova marce.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Capisco che la Lega Nord sia quello che sia, e meritevole di critiche e commenti pungenti, ma i tuoi interventi monotematici, non fanno altro che confermare lo stereotipo del dipietrista ossessionato e disinformato.




    Grazie alla Lega via libera al criterio della residenza nei concorsi pubblici

    “La Camera ha approvato un emendamento della Lega Nord che inserisce nei concorsi pubblici il principio della residenza quale requisito preferenziale per l’assunzione quando si sia di fronte a servizi che richiedono una particolare conoscenza del territorio”. Lo ha dichiarato il Presidente del deputati della Lega Nord, on. Roberto Cota, a margine dell’esame dell’Aula di Montecitorio del disegno di legge C1441 -quater-A recante delega al Governo in materia di lavori usuranti e di riorganizzazione di enti, misure contro il lavoro sommerso e norme in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro. “Il testo è stato approvato a larga maggioranza con i voti della Lega, del Pdl e con l’astensione dell’Udc - ha spiegato il capogruppo leghista - l’inserimento del requisito di residenza è un principio molto importante che va nella direzione dell’attuazione del federalismo e si avvicina alla regionalizzazione dei concorsi pubblici”. “Questo strumento consentirà di ridare slancio al pubblico impiego e - ha concluso Cota - permetterà ai nostri amministratori locali di poter scegliere le persone più preparate che hanno a disposizione per tutti quei servizi che richiedono una particolare conoscenza del territorio”.

    http://www.leganord.org/dblog/articolo.asp?articolo=1350

    Basta con tutti quelli che vincono il concorso grazie a lauree farlocche prese in qualche università del sud di manica larga. Basta con la colonizzazione del nostro sistema burocratico.

    Allego articolo piagnucoloso di "Repubblica", che ci da una conferma di come la Lega, su questo specifico tema, stia operando bene.

    Concorsi pubblici "padani" favoriti i residenti al Nord

    BISOGNA svolgere le prove per un concorso di biologo in una amministrazione sanitaria pubblica di Torino. I candidati sono cinque: uno è nato proprio a fianco della Mole, il secondo è di Pavia, il terzo di Campobasso, il quarto di Palermo e il quinto di Vibo Valentia. Hanno la stessa età e presentano lo stesso titolo di studio: la laurea in biologia. Chi si sceglie? Il torinese, naturalmente. Nel solco dell'idea che la Padania sia dei padani, la Lega ha appena fatto in tempo a suggellare con un emendamento a una legge delega al governo in materia di lavoro il criterio della territorialità. Si preferisce - a parità di titoli - il torinese se il posto di lavoro è a Torino e il palermitano se il concorso è bandito a Palermo.

    Bene. Forse male in verità, giacché l'offerta di lavoro, più consistente al nord, allarga invece di restringere il fossato che divide le due Italie. Un torinese o un milanese, un bolzanino o un triestino con una laurea e un centodieci e lode avranno molte più chance di un loro pari grado di Messina o di Napoli, di Bari o di Cagliari.

    Ma è il federalismo, bellezza. E bisogna farci i conti.

    I conti si potrebbero fare se i numeri fossero pari per tutti. Perché, e adesso lo vedremo, prendere un dieci in una scuola di Vibo Valentia equivale a uno striminzito sei in un'altra di Torino (si, le statistiche OSCE lo confermano. http://giovanipadani.forumfree.net/?t=30300673 n.d. Juv). Checché ne dica la Gelmini, i numeri sono una variabile dipendente dalla latitudine e - soprattutto - dalla lingua.

    I deputati leghisti (onorevoli Caparini, Fedriga, Munerato, Bonino) hanno voluto rafforzare il criterio della territorialità e in una breve, forse annoiata seduta della commissione Lavoro, riunita il 1 ottobre scorso in sede referente, hanno chiesto e ottenuto l'approvazione di un sub-emendamento (il 37.2) che si aggiunge a quello nel quale si statuisce che "costituisce titolo preferenziale la residenza nelle regioni per i posti ivi banditi". E' infatti stata approvata la seguente norma: "I bandi stabiliscono che nella formazione delle graduatorie non si tenga conto del punteggio del titolo di studio". Proprio così: un asinello e un cervellone pari sono. Fa premio l'anagrafe, il certificato di residenza.

    E dunque, ritorniamo al nostro ipotetico bando di concorso per biologo a Torino: sono in cinque a concorrere. Dei cinque, mettiamo, quattro hanno conseguito una laurea col massimo dei voti e anche la lode. Uno solo, purtroppo, ha arrancato negli studi e si è liberato male dell'università: minimo dei voti. I primi quattro però non sono piemontesi. Il quinto invece sì. A chi andrà il lavoro? Ma naturale! All'asinello piemontese: conosce il dialetto, è nato proprio sotto la Mole, ha diritto, per vicinanza con l'ufficio, a quel posto.

    Questa modifica, che rivoluziona in due righe il concetto di meritocrazia e sbanca in dieci minuti tutto il lavoro (grembiule, sette in condotta, rigore) che il ministro Gelmini sta profondendo per riabilitare dalle fondamenta la flaccida e mediocre scuola italiana, è stata approvata sotto l'occhio vigile e partecipe del sottosegretario al Welfare Pasquale Viespoli, beneventano, dunque libero da ogni condizionamento geografico e soprattutto lontano da qualunque amicizia leghista.

    Il merito conta ma non troppo. Sopravanzato, nella breve, distratta riformulazione dei valori su cui l'Italia è fondata, dalla carta d'identità. Vuoi lavorare? Dimmi dove sei nato.

    Segnala una storia a:
    [email protected]

    (14 ottobre 2008)

    http://www.repubblica.it/2006/a/rubriche/p...i-leghisti.html

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da hellas Visualizza Messaggio
    uova marce.
    Quelle le possiamo ritornare al mittente. Farai la fine del Hellas (Verona), che l'anno scorso si e' salvata miracolosamente dal finire in 4° serie, mentre nel 1985 ha vinto lo scudetto.

  4. #4
    Tyr
    Tyr è offline
    Forumista senior
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Località
    MARCA DI VERONA E AQUILEIA
    Messaggi
    2,058
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Quelle le possiamo ritornare al mittente. Farai la fine del Hellas (Verona), che l'anno scorso si e' salvata miracolosamente dal finire in 4° serie, mentre nel 1985 ha vinto lo scudetto.
    Magari, negli anni '80: ha vinto uno scudetto con una squadra i cui titolari costavano. complessivamente, meno di Maradona, ha raggiunto per due volte il quarto posto, è arrivata 2 volte in finale di coppa Italia, ha piazzato per 3 volte un suo atleta (Preben Elkjaer Larsen) nei primi quattro posti della classifica del pallone d'oro, ha costruito un curriculum europeo con un numero di vittorie maggiore di quello delle sconfitte sia in casa che in trasferta e ha mandato in nazionale 5 atleti (Galderisi, Fanna, Di Gennaro, Tricella, De Agostini) - fatto salvo che la nazionale è quella italiana ce li ha mandati, non li ha "comprati fatti".-
    Se la lega negli stessi anni, avesse fatto, in proporizione e in campo politico, quello che ha fatto l'Hellas 3 giorni fa avremmo festeggiato il ventesimo anno di indipendenza dall'Italia.

    Nota: anche un secondo ed un terzo posto nella classifica marcatori del campionato (Penzo Domenico, secondo posto nel 1982- 83; Iorio Maurizio - terzo posto nel 1983- 84).

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Verissimo era una bellissima squadra, ammirevole, ma adesso e' rimasto ben poco. Alla Hellas Verona calcio auguro di risorgere. Tu invece sei un soggetto politicamente irrilivente e quindi puoi continuare a fare la battaglia stile Don Chiscotte, tanto per quello che serve.

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs up

    Citazione Originariamente Scritto da JuvSP Visualizza Messaggio
    Capisco che la Lega Nord sia quello che sia, e meritevole di critiche e commenti pungenti, ma i tuoi interventi monotematici, non fanno altro che confermare lo stereotipo del dipietrista ossessionato e disinformato.

    Grazie alla Lega via libera al criterio della residenza nei concorsi pubblici

    “La Camera ha approvato un emendamento della Lega Nord che inserisce nei concorsi pubblici il principio della residenza quale requisito preferenziale per l’assunzione quando si sia di fronte a servizi che richiedono una particolare conoscenza del territorio”. Lo ha dichiarato il Presidente del deputati della Lega Nord, on. Roberto Cota, a margine dell’esame dell’Aula di Montecitorio del disegno di legge C1441 -quater-A recante delega al Governo in materia di lavori usuranti e di riorganizzazione di enti, misure contro il lavoro sommerso e norme in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro. “Il testo è stato approvato a larga maggioranza con i voti della Lega, del Pdl e con l’astensione dell’Udc - ha spiegato il capogruppo leghista - l’inserimento del requisito di residenza è un principio molto importante che va nella direzione dell’attuazione del federalismo e si avvicina alla regionalizzazione dei concorsi pubblici”. “Questo strumento consentirà di ridare slancio al pubblico impiego e - ha concluso Cota - permetterà ai nostri amministratori locali di poter scegliere le persone più preparate che hanno a disposizione per tutti quei servizi che richiedono una particolare conoscenza del territorio”.

    http://www.leganord.org/dblog/articolo.asp?articolo=1350

    Basta con tutti quelli che vincono il concorso grazie a lauree farlocche prese in qualche università del sud di manica larga. Basta con la colonizzazione del nostro sistema burocratico.

    Allego articolo piagnucoloso di "Repubblica", che ci da una conferma di come la Lega, su questo specifico tema, stia operando bene.

    Concorsi pubblici "padani" favoriti i residenti al Nord

    BISOGNA svolgere le prove per un concorso di biologo in una amministrazione sanitaria pubblica di Torino. I candidati sono cinque: uno è nato proprio a fianco della Mole, il secondo è di Pavia, il terzo di Campobasso, il quarto di Palermo e il quinto di Vibo Valentia. Hanno la stessa età e presentano lo stesso titolo di studio: la laurea in biologia. Chi si sceglie? Il torinese, naturalmente. Nel solco dell'idea che la Padania sia dei padani, la Lega ha appena fatto in tempo a suggellare con un emendamento a una legge delega al governo in materia di lavoro il criterio della territorialità. Si preferisce - a parità di titoli - il torinese se il posto di lavoro è a Torino e il palermitano se il concorso è bandito a Palermo.

    Bene. Forse male in verità, giacché l'offerta di lavoro, più consistente al nord, allarga invece di restringere il fossato che divide le due Italie. Un torinese o un milanese, un bolzanino o un triestino con una laurea e un centodieci e lode avranno molte più chance di un loro pari grado di Messina o di Napoli, di Bari o di Cagliari.

    Ma è il federalismo, bellezza. E bisogna farci i conti.

    I conti si potrebbero fare se i numeri fossero pari per tutti. Perché, e adesso lo vedremo, prendere un dieci in una scuola di Vibo Valentia equivale a uno striminzito sei in un'altra di Torino (si, le statistiche OSCE lo confermano. http://giovanipadani.forumfree.net/?t=30300673 n.d. Juv). Checché ne dica la Gelmini, i numeri sono una variabile dipendente dalla latitudine e - soprattutto - dalla lingua.

    I deputati leghisti (onorevoli Caparini, Fedriga, Munerato, Bonino) hanno voluto rafforzare il criterio della territorialità e in una breve, forse annoiata seduta della commissione Lavoro, riunita il 1 ottobre scorso in sede referente, hanno chiesto e ottenuto l'approvazione di un sub-emendamento (il 37.2) che si aggiunge a quello nel quale si statuisce che "costituisce titolo preferenziale la residenza nelle regioni per i posti ivi banditi". E' infatti stata approvata la seguente norma: "I bandi stabiliscono che nella formazione delle graduatorie non si tenga conto del punteggio del titolo di studio". Proprio così: un asinello e un cervellone pari sono. Fa premio l'anagrafe, il certificato di residenza.

    E dunque, ritorniamo al nostro ipotetico bando di concorso per biologo a Torino: sono in cinque a concorrere. Dei cinque, mettiamo, quattro hanno conseguito una laurea col massimo dei voti e anche la lode. Uno solo, purtroppo, ha arrancato negli studi e si è liberato male dell'università: minimo dei voti. I primi quattro però non sono piemontesi. Il quinto invece sì. A chi andrà il lavoro? Ma naturale! All'asinello piemontese: conosce il dialetto, è nato proprio sotto la Mole, ha diritto, per vicinanza con l'ufficio, a quel posto.

    Questa modifica, che rivoluziona in due righe il concetto di meritocrazia e sbanca in dieci minuti tutto il lavoro (grembiule, sette in condotta, rigore) che il ministro Gelmini sta profondendo per riabilitare dalle fondamenta la flaccida e mediocre scuola italiana, è stata approvata sotto l'occhio vigile e partecipe del sottosegretario al Welfare Pasquale Viespoli, beneventano, dunque libero da ogni condizionamento geografico e soprattutto lontano da qualunque amicizia leghista.

    Il merito conta ma non troppo. Sopravanzato, nella breve, distratta riformulazione dei valori su cui l'Italia è fondata, dalla carta d'identità. Vuoi lavorare? Dimmi dove sei nato.
    Ti quoto. Comunque Massimiliano Fedriga e' segretario della Lega Nord Trieste. Egli e' giovane e molto bravo ed e' l'orgoglio di tutti coloro che l'hanno votato. Che dopo Hellas la pensi in un altro modo, la cosa non mi riguarda minimamente. La Lega fa e se avesse i numeri, ci sarebbero ancora piu' risultati, ma per il momento bisogna sapersi accontentare.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226