User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Il cielo di Gaza.

  1. #1
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il cielo di Gaza.

    Il cielo di Gaza.



    “Figlio della perdizione colui che si innalza su tutto ciò che è chiamato Dio o che è oggetto di culto, fino a sedersi egli stesso nel tempio di Dio, dichiarando se stesso Dio.”








    Per il settimo giorno consecutivo l’aviazione di Tsahal ha compiuto raids mortali nella Striscia di Gaza: nel momento in cui scriviamo si contano 437 morti e oltre duemila feriti.

    L’operazione militare è iniziata nel giorno ‘sacro’ di Sahabbat Hanukkàh, festività che, introdotta dal rabbinato per onorare l’identità ebraica e estirpare i nemici di Israele, ha oggi come obiettivo a breve termine quello di decapitare i vertici di Hamas e traumatizzare la popolazione civile palestinese. Hamas aveva infatti conquistato il consenso della totalità della popolazione di Gaza in elezioni regolarmente tenutesi nel 2006 e perse da Abu Mazen, considerato fin troppo compromesso col regime sionista, di cui ha persino appoggiato la presente aggressione nei confronti di Gaza.

    Il governo israeliano, “frontiera della democrazia occidentale in medio oriente”, aveva come tutta risposta cinto d’assedio la Striscia bloccandone i varchi con l’esterno che le garantivano gli essenziali approvvigionamenti, condannandola a divenire un lager a cielo aperto in cui si trascina una popolazione stremata e affamata.

    Ignorando le convenzioni internazionali che proibiscono le punizioni collettive, Gaza veniva trasformata in un vero e proprio lager: oggi su questo lager a cielo aperto si scarica una potenza di fuoco superiore a quella che nel ‘67 Israele riversò sugli eserciti di Egitto e Siria, in una zona della terra però con la più alta densità di popolazione del mondo.

    I giornalisti occidentali, che non possono entrare in Gaza, tacciono dell’uranio impoverito sui missili sparati dagli F16 israeliani, mentre enfatizzano oltre ogni misura il lancio di razzi katiuscia a kassam da parte palestinese, il cui impatto è pressoché irrilevante. L’uranio impoverito, invece, la cui polvere è più sottile del fumo di sigaretta, una volta inalato si deposita all’interno dell’organismo umano, continuando a irradiare per decenni – e dunque a procurare tumori e mostruose deformazioni ai feti, come stà già avvenendo in Iraq.

    Mentre è stata negata ogni tregua “umanitaria” e proseguono incessanti i bombardamenti, viene infine paventato l’ intervento via terra da parte di Tsahal, fortemente auspicato dalla quasi totalità della popolazione di Israele, determinata a sbarazzarsi a qualsiasi costo di Hamas.

    A giustificazione dell’aggressione a Gaza, spesso i media occidentali riportano notizie confuse o palesemente false, come per esempio quella secondo cui Hamas avrebbe interrotto il cessate il fuoco con Israele e ripreso unilateralmente il lancio dei razzi sulle cittadine israeliane di confine. Ciò è falso perché Hamas non ha rotto il cessate il fuoco - voleva anzi rinegoziarlo- che di fatto semplicemente è scaduto senza che il governo israeliano abbia mantenuto i suoi patti di liberare Gaza dalla morsa in cui l’esercito la stringe, condannandola all’ embargo e alla fame, da 13 mesi.

    Hamas, democraticamente eletta dal popolo, non riesce a opporre, al momento, sufficiente resistenza all’invasione sionista, non dispone di artiglieria contraerea e non riesce ad infliggere al nemico perdite consistenti: se l’esercito dovesse attaccare, troverà certamente la fiera resistenza di un popolo forte e dignitoso la cui capacità militare non può però essere lontanamente paragonabile a quella espressa, ad esempio, da Hezbollah in Libano.

    L’attacco a Gaza non può pertanto essere giustificato col ricorso al famigerato lancio di kassam da parte palestinese: anche perché la carta delle Nazioni Unite riconosce ad un popolo sotto occupazione il diritto di usare tutti i mezzi, comprese le armi, per liberarsi dall’occupante - un tale principio qui da noi fu difeso, da ultimo, da Bettino Craxi, unico rappresentante del popolo italiano dopo la seconda guerra mondiale ad avere mai disegnato, in politica estera, linee strategiche autonome, fondate sul concetto politico di sovranità nazionale.

    Come rivela Haaretz, Il piano di attacco a Gaza era stato progettato sei mesi prima dai vertici militari ebraici, mentre l’atmosfera tra le parti era distesa e Hamas proponeva il cessate il fuoco.

    Al quadro desolante vi è da aggiungere, oltre alla complicità dell’Occidente, l’indifferenza mostrata dai governi dei paesi arabi nei confronti dei destini del popolo palestinese, davvero abbandonato da tutti di fronte alla ferocia di uno dei più potenti eserciti del mondo.

    Giordania, Arabia Saudita ed Egitto sono regimi che non tollerano Hamas in quanto quest’ultima è vicina ad Hezbollah e alla Siria e, indirettamente, all’ Iran.

    Mubarak, presidente egiziano, non intende fare giungere alla popolazione civile di Gaza i rifornimenti di viveri da cui questa dipende, mentre pure i medicinali scarseggiano: per fare giungere aiuti umanitari egli vorrebbe che a Gaza non vi fosse Hamas ma il filo sionista e malleabile Abu Mazen. Del resto la sua posizione è quella condivisa da Usa, Israele, Europa e regimi arabi “moderati”.

    L’obiettivo a medio-lungo termine è allora quello di sottrarre l’intera regione all’influenza dell’Islam sciita e rivoluzionario di Hezbollah in Libano, e dunque di Tehran, il cui governo è considerato il principale finanziatore e il dispensatore di risorse ideologiche di Hezbollah e di Hamas.

    In tal senso non è da escludersi un epilogo ben più drammatico e davvero preoccupante del conflitto in corso, con un rapido estendersi dell’incendio bellico a paesi confinanti o ritenuti nemici: approfittando del vuoto di potere negli Stati Uniti, e forte del consenso interno, Israele potrebbe tentare finalmente l’attacco all’Iran o trascinare Hezbollah e il Libano in una nuova, disastrosa guerra.

    Dopo la pesante sconfitta inferta due anni fa all’esercito israeliano, le milizie sciite avevano fortemente compromesso l’immagine di invincibilità di Tsahal nel mondo intero.

    Oggi quattro rabbini hanno emanato un responso talmudico – equivalente della fatwa per il mondo islamico- per condonare l’eccidio di civili: “Quando una popolazione abitante vicino a città ebraiche manda bombe con l’intento di uccidere vite ebraiche, è permesso, dalla legge ebraica, lanciare bombe di reazione anche contro i siti abitati dai civili.”




    Articolo di Mario Cecere, on line anche su: www.controventopg.splinder.com

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  3. #3
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I veri terroristi

    Un tempo si definiva ‘guerra’ il combattimento tra due eserciti nemici: oggi, complice la connivenza dei grandi media occidentali, viene chiamata guerra la strage sistematica di popolazioni inermi. E’ quello che stà accadendo in queste ore nella Striscia di Gaza, dove uno dei più potenti e meglio equipaggiati eserciti del mondo continua a scaricare un volume di fuoco impressionante sulla popolazione palestinese: sono per ora 720 i morti, di cui 220 bambini, mentre 9 sarebbero al momento i militari israeliani uccisi negli scontri casa per casa con i militanti di Hamas.
    Il bilancio è provvisorio in quanto le squadre mediche palestinesi, sottoposte ad un ritmo di interventi al di sopra delle possibilità umane, potrebbe non avere raggiunto tutte le zone colpite dai bombardamenti indiscriminati.
    Dopo essere penetrate con facilità all’interno della Striscia e averla spezzata in tre parti, grazie al martellamento congiunto di esercito aviazione e marina, le forze di Tsahal, che si erano attestate intorno a Jabaliya, hanno però dovuto arrestarsi di fronte all’eroica resistenza opposta dai combattenti palestinesi arroccati a difesa del campo profughi in cui, nel 1987, nacque l’Intifada Palestinese.
    Mentre l’esercito israeliano stringeva l’assedio intorno a Gaza City, missili e cannonate hanno centrato tre scuole dell’Unrwa, l’agenzia Onu che assiste i Palestinesi a sud della Striscia, in quel momento provvisorio riparo di disperati.
    E’ stata una strage, soprattutto nell’ istituto “Fakura” proprio a Jabaliya, dove sono morte 42 persone composte da famiglie di sfollati, mentre altre 55 sono rimaste gravemente ferite e mutilate: persino l’Onu ha protestato contro Israele, affermando di avere comunicato per tempo all’esercito israeliano le coordinate delle sue istallazioni umanitarie nell’area.
    Secondo diversi giornalisti occidentali presenti nella Striscia, Israele colpisce sistematicamente le ambulanze e il personale volontario medico che in queste ore lavora instancabilmente e a rischio della propria vita per salvare i civili e recuperare le vittime disseminate tra le macerie e i crateri aperti dai colpi dell’artiglieria dello stato sionista .
    A quanto ha riferito il Times di Londra, Israele stà facendo ampio ricorso ad armi non convenzionali, vietate da precise norme internazionali, come cluster bombs, bombe all’uranio impoverito e al fosforo bianco, che procurano ustioni fino all’osso e sofferenze indicibili a chi ne venga investito anche perifericamente.
    Dall’esame dei cadaveri effettuata dal personale della Mezzaluna Rossa e della Croce Rossa, centinaia sono i Palestinesi, anziani e bambini sfigurati orribilmente da questi ordigni odiosi, le cui membra riportano i segni devastanti di armi proibite.
    Altre centinaia sono rimasti sfregiati, sventrati o irreparabilmente mutilati dai micidiali proiettili sparati incessantemente dall’artiglieria e dall’ aviazione dell’Idf. Un giornalista italiano che accompagna nelle loro ambulanze i medici Palestinesi e che rifiuta di fare ritorno al suo Paese per l’impossibilità di abbandonare questa popolazione al suo destino, dice che si contano a decine le donne terrorizzate costrette a partorire dove capita - nello strazio e nello sfacelo- bimbi prematuri.
    Lo stesso giornalista riporta che medici ambulanze e infermieri sono fatti letteralmente bersaglio dai cecchini del “glorioso” Tsahal che impedisce persino alle ambulanze di intervenire e ai medici di accorrere in soccorso dei feriti quando questi giacciono, agonizzanti ma ancora in vita, in prossimità della soldataglia israeliana.
    Il livello dell’informazione e del dibattito pubblico in Italia, anche grazie alle recenti fortune di parole d’ordine e tematiche d’ispirazione neocons, è a dir poco desolante.
    La totale acquiescenza delle masse occidentali alla propaganda sionista, al lavaggio del cervello mediatico, ha raggiunto livelli di saturazione tali per cui non mi soffermerò oltre su tutte le indecenti menzogne e i ributtanti capovolgimenti semantici con cui la cricca al potere paga il prezzo ai potenti per la propria indegna sopravvivenza mezzadrile nella repubblica delle banane.
    Altri, più tenaci del sottoscritto, troveranno la pazienza per smontare pezzo a pezzo il cumulo grottesco di menzogne con cui Israele va giustificando davanti al mondo l’etnocidio del popolo palestinese, sotto gli sguardi complici della comunità internazionale.
    L’Europa brilla nuovamente per la propria umiliante ambiguità e per il vile immobilismo, per la sua debolezza politica che le deriva dall’esistere in funzione di interessi meramente economico- monetari, dall’essere amministrata da una casta di burocrati anonimi, non eletti dal popolo, formatisi in quell’ideologia integralista del mercato che in tutto il mondo crolla sotto i colpi della recessione globale.
    Ma spicca pure il silenzio imbarazzante di un “protagonista” di questi ultimi mesi, tanto celebrato dalle intellighenzie socialdemocratiche europee e mondiali, quelle dei salotti buoni di Manhattan, Parigi e Londra, che ne avevano addirittura fatto la loro icona: parliamo del neoeletto presidente degli USA Obama - ancora una volta le borghesie “progressiste” multirazziali e globalizzate mostrano il loro volto servile e spietato quanto altrettanto spietato e sanguinario era il volto neocon della casta israelo-statunitense al potere durante il mandato Bush.
    La volontà israeliana, appare sempre più chiaro agli osservatori, non è quella, sbandierata per il pubblico più distratto, di fermare il lancio dei rudimentali razzi Qassam: se l’obiettivo fosse stato davvero questo, all’esercito più tecnologicamente attrezzato del pianeta sarebbe stato sufficiente individuare e distruggere, tramite satelliti e droni, le postazioni usate dai militanti di Hamas a nord della Striscia: ciò non avrebbe compromesso l’immagine già oscurata di Israele con le sommarie esecuzioni di massa di questi giorni.
    Il reale obiettivo era ed è, piuttosto, quello di cancellare il popolo palestinese dalla faccia della terra, disintegrandone e annichilendone l’identità religiosa, culturale politica e geografica che, piaccia o non piaccia ai benpensanti, era ed è difesa unicamente da Hamas.
    Da politico, il problema della Palestina doveva essere trasformato, dai signori della guerra, in un gigantesco affare umanitario per istituzioni caritatevoli: per arrivare a tanto occorreva umiliare, delegittimare e sradicare ogni tipo di istanza politica sollevata, tramite i suoi legittimi rappresentanti, da un popolo invaso e sottoposto ad un brutale regime di tipo coloniale.
    Per fare di Gaza e Cisgiordania, dopo avere sottratto la terra di Palestina ai suoi abitanti ed averne estirpato ulivi e abbattuto alberi da frutto, distrutto pozzi e sequestrato riserve idriche, carnai subumani a cielo aperto, dove smistare convogli di aiuti e istituire riserve ‘indiane’.
    Sono quattrocentomila i coloni israeliani insediati in Cisgiordania. Da alcuni di costoro fu trucidata, il 16 Marzo 2003, una giovane e dolcissima volontaria statunitense, Rachel Corrie, che tentava di ostacolare, col proprio stesso corpo, inerme, l’opera funesta di demolizione delle abitazioni di contadini palestinesi effettuata con il supporto dei militari. Fu dilaniata dalle ruspe dei bulldozer.
    Ecco perché la criminalizzazione di Hamas è il passpartout di ogni dibattito mediatico-politico politicamente corretto, perché Hamas è la forza popolare che restituisce dignità umana e politica ad una popolazione declassata al rango di subumanità. Ancora una volta sono le potenti lobbies israeliane a dettare legge alle imbelli cancellerie occidentali, tentando di trascinare il mondo intero nel paranoico delirio bellicista del “Grande Israele”.
    Danilo Zolo, uno di quegli intellettuali di fronda che sanno essere indisponibili alle esigenze del mercato, spiega che la pulizia etnica nei confronti di Palestinesi è la truce pratica dello stato sionista sin dal 1948, secondo quanto ormai rigorosamente documentato da storici israeliani quali Ilan Pappe, Avi Shlaim, Jeff Halper .
    La cosiddetta “tregua” rotta da Hamas, e in realtà tradita da Israele che non aveva dismesso il criminale assedio della Striscia di Gaza, era stata infranta dallo stato sionista già il 4 Novembre del 2008: la rivela Haaretz del 30 Dicembre scorso, precisando che in quell’occasione Israele bombardò cunicoli e perpetrò due omicidi mirati.
    Interrogandosi circa il senso storico della presente mattanza Zolo giunge a chiedere: “Qual è il destino del Medio Oriente? Che funzione svolge la strage di uomini, donne e bambini palestinesi? Come si giustifica la spietatezza del governo Olmert e la complicità delle autorità religiose israeliane?”
    Il quesito andrebbe rivolto però anche a teologi e metafisici, oltre che a filosofi della storia ed a geopolitici, perché investe domini inquietanti che riguardano un destino che ci accomuna e sovrasta allo stesso tempo, e che rende lo “splendore del supplizio” del popolo palestinese un simbolo di angoscia che nasconde un lacerto di speranza.
    Ci chiariranno questo dubbio forse Rita Levi Montalcini, Alemanno, Cicchitto, Ronchi, Capezzone e Gasparri, invitati da Riccardo Pacifici, capo della comunità ebraica di Roma, ad una manifestazione blindata, e per pochi intimi, dove ancora una volta verranno resi i più deferenti omaggi allo stato sionista e all’esercito con la stella di Davide?


    Mario Cecere, on line su: www.controventopg.splinder.com



  4. #4
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perugia Per La Palestina
    Sabato 10.01.09

    Centinaia e centinaia di volantini distribuiti nella mattinata da Forza Nuova Perugia.
    In serata più di tre ore di presidio.




  5. #5
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  6. #6
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Proteste. La guerra in Medio Oriente con l’operazione lungo la striscia di Gaza ha fatto scendere in piazza il popolo palestinese. In via Settevalli si fa sentire Forza Nuova.

    Un centinaio di palestinesi, tra cui donne e bambini, hanno manifestato ieri pomeriggio nel centro storico di Perugia contro la guerra nella striscia di Gaza. Il corteo era aperto da uno striscione bianco con la scritta «Stop al massacro»: i manifestanti, sventolando bandiere palestinesi, hanno urlato numerosi slogan contro Israele.

    Sempre ieri alle 17.30, ma in via Settevalli, di fronte al bar Continental Forza Nuova Perugia è scesa nelle strade per manifestare con i propri militanti la sua piena e incondizionata solidarietà al popolo Palestinese, “vittima in questi giorni di una devastante e ingiustificabile aggressione da parte di Israele. Il numero dei morti, per la maggior parte donne e bambini, ha superato ormai le ottocento unità e oltre tremila risultano i feriti”. Forza Nuova, che ha incontrato a Roma la delegazione palestinese in visita ufficiale, ha promosso a Perugia un presidio di protesta “contro l'etnocidio del popolo palestinese, realizzato nel silenzio complice della comunità internazionale. "Fermare il genocidio Palestinese, fermare il terrorismo sionista": questo lo slogan scelto da Forza Nuova per esprimere la propria precisa posizione di ferma condanna delle politiche sioniste in Medio Oriente. Riccardo Donti, segretario di Forza Nuova di Perugia ha affermato: " Non ci sorprende che nessuna forza politica abbia finora espresso incondizionata solidarietà al popolo palestinese: il sionismo sta mostrando in queste ore sulla pelle degli uomini e delle donne dì Gaza la sua vera natura perversa e pericolosa per il mondo intero."


    Dal Corriere dell'Umbria.

  7. #7
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  8. #8
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Per chi fosse interessato...

    Mercoledi 21 Gennaio 2009
    Ore 17.45, Sala della Partecipazione, Palazzo della Provincia, Piazza Italia - PERUGIA


  9. #9
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Maurizio Blondet è un ottimo giornalista, autore di innumerevoli libri e invitato più volte in programmi televisivi importanti.

    Se ne volete sare di più: http://www.effedieffe.com/

  10. #10
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    VOLANTINAGGIO E RACCOLTA FONDI IN CITTA':


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 21-01-10, 12:33
  2. Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 07-01-10, 17:51
  3. Il cielo di Gaza.
    Di TyrMask (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 18-01-09, 19:03
  4. Delenda Gaza (Gaza come Berlino)
    Di Chandra Bose nel forum Destra Radicale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 11-01-09, 02:37
  5. La tragedia dei palestinesi di Gaza: GAZA VIVE
    Di Giacomob nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-05-08, 19:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226