User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Lombardia Inferiore

  1. #1
    leghista nero
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,008
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lombardia Inferiore

    Leggendo i fatti del 1167 trovo che la Lega Lombarda era composta anche da città emiliane (allora lombardia inferiore).
    Personaggi come Matilde di Canossa sono eroi della Lombardia pur essendo di Canossa.(e all'epoca le terre di Matilde erano chiamate Lombardia)

    Emilia solo....a causa della famosa strada romana......ma da noi scorre sangue longobardo.....

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' inutile doverti ricordare che la Lombardia del 12° secolo non era certo l'attuale Lombardia italica.

    http://www.lombardiabeniculturali.it...oria/?unita=01

    La Lombardia medievale(sec. VI - XII)
    Origine e uso del termine «Lombardia»
    I confini geografici e politici della Lombardia medievale non sono sovrapponibili a quelli dell'omonima circoscrizione regionale odierna. In età medievale, infatti, il concetto stesso di «Lombardia» era molto diverso da quello attuale. E questo per due, essenziali, motivi. Anzitutto, la categoria storica 'Lombardia' intesa come percezione di uno spazio geografico non coincideva necessariamente con quella di uno spazio politico, questione che d'altra parte ha riguardato anche l'idea e la realtà dell''Italia' e dell''Europa'. Lo spazio politico lombardo, inoltre, nel corso dei lunghi secoli che per convenzione storiografica siamo soliti attribuire al medioevo, ebbe modo di modellarsi continuamente e di mutare in rapporto allo strutturarsi di nuovi poteri.
    Il termine «Lombardia» deriva etimologicamente dall'antico vocabolo «Langobardia» che, grosso modo dal VII all'XI secolo, andò a indicare i territori occupati dai Longobardi (dal germanico Langbaerte, lunghe barbe). Era questa la popolazione germanica che alla fine del settimo decennio del VI secolo invase la penisola italica, conquistandone in breve tempo una vasta porzione che comprendeva un'area non compatta, perché intervallata da aree di sopravvivenza romano-bizantina, estesa dalle Alpi, alla pianura padana, alla Toscana, all'Umbria, fino al Mezzogiorno.
    A partire dal XII secolo circa il termine «Langobardia» cominciò nelle fonti a venire accostato dal vocabolo «Lombardia», che del primo era una contrazione, e dal punto di vista geografico a restringersi all'Italia settentrionale, ovvero a quell'area dove erano state le sedi dei re longobardi, Milano, Monza, ma soprattutto Pavia. Sempre nel XII secolo cominciò a diffondersi anche un'altra valenza concettuale del vocabolo «Lombardia», finalizzata a sottolineare l'unità d'azione politica delle città alleate al comune di Milano contro l'autorità dell'imperatore Federico I di Svevia. Le città della pianura padana, raccoltesi nel 1167 in una lega detta appunto Lombarda, intendevano ottenere le libertates, ovvero le «libertà», non dunque la libertà, l'indipendenza dall'impero tedesco, ma un'autonomia da realizzarsi soprattutto in termini economici, fiscali, amministrativi e in fin dei conti politici.

    Particolarismo politico e tradizioni comuni nella «Lombardia»
    Questo restringimento geografico e questa connotazione politica non si imposero tuttavia come prioritari alla coscienza dei contemporanei. A lungo rimase una percezione allargata, come testimonia il soprannome di Lombardi che i mercanti dell'Italia centro-settentrionale, provenienti da Asti come da Firenze, si vedevano attribuire quando andavano a operare sulle piazze commerciali e finanziarie del nord Europa.
    All'affermazione di una Lombardia intesa come precisa unità politica stava d'ostacolo il vistoso frazionamento politico che nel periodo bassomedievale contraddistinse quest'area, lacerata dai conflitti tra comuni e signorie locali, ma anche dalla presenza di forze papali, angioine, tedesche, che cercavano di imporre la propria preminenza politica. Nelle fonti narrative, diplomatiche e fiscali d'altra parte il contesto geografico rimaneva ampio, andando a comprendere territori che oggi definiremmo piemontesi, liguri, lombardi, veneti ed emiliani. La mancanza di un'entità istituzionale centralizzante e prevalente sulle altre venne in parte superata fra Tre e Quattrocento con l'affermazione dell'ampio dominio visconteo, che comprese città esterne all'odierna Lombardia, come Vercelli, Novara, Tortona, Alessandria, Piacenza, Parma, ma che perse presto Bergamo e Brescia, inglobate dalla Repubblica di Venezia. Il vecchio concetto politico di Lombardia si estinse definitivamente: è significativo che gli stessi Visconti, e i loro successori Sforza, si definissero duchi di Milano, non di Lombardia.
    Chiarito ciò, notiamo per contro come i confini attuali della Lombardia inglobino un'area, circoscritta grosso modo da nord a sud tra le Alpi e il Po, e da ovest ad est tra il Ticino e il Mincio, accomunata da una condizione di antica e stabile continuità urbana: le città di Como, Bergamo, Brescia, Mantova, Cremona, Lodi, Pavia e Milano naturalmente, rappresentano i poli intorno ai quali tra l'età romana e l'età comunale si disegnò la mappa del territorio, intessuta da reciproche sollecitazioni economiche, politiche, culturali, religiose. Questi centri urbani sono tutti significativamente antiche sedi vescovili (centri importanti come Varese, Monza e Vigevano non lo furono invece, e infatti non erano all'epoca definiti città ma borghi), con Milano in posizione dominante in quanto sede metropolitana, cioè capitale di una provincia ecclesiastica cui facevano capo non solo le diocesi della Lombardia ma anche quelle delle odierne regioni Piemonte e Liguria. Se non dal punto di vista politico, almeno da quello ecclesiastico e culturale il territorio lombardo possiede dunque più di un elemento di tradizione comune.



    © 2002-2009 Regione Lombardia - Università degli Studi di Pavia

  3. #3
    leghista nero
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,008
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    sito internet davvero interessante caro Fdv77.

    Anche la mia Modena ospitò una riunione della Lega Lombarda nel duomo....sempre nel 1167!

    (altri tempi...altri uomini!!!!!!!!!!)

  4. #4
    naufrago
    Data Registrazione
    14 Apr 2009
    Località
    La me car Legnàn
    Messaggi
    22,957
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sempre e comunque:


  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 Apr 2009
    Messaggi
    562
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    purtroppo molti lombardi dell'attuale lombardia e molti leghisti non intendono la Lombardia come Longobardia ma come regione vicino a Milano o aree in cui si parla l'italiano con un accento simile o non dissimile da quello milanese...

    Langbard

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    08 Apr 2006
    Località
    Parma - " 'me ela, sior Frarén, che so' fiö al va in gir in machina e lù inveci in biciclèta?!" - "Parché me fiö l'e fiö d'un sior e mi a son fiö d'un povret".
    Messaggi
    508
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Granitico Visualizza Messaggio
    Leggendo i fatti del 1167 trovo che la Lega Lombarda era composta anche da città emiliane (allora lombardia inferiore).
    Personaggi come Matilde di Canossa sono eroi della Lombardia pur essendo di Canossa.(e all'epoca le terre di Matilde erano chiamate Lombardia)

    Emilia solo....a causa della famosa strada romana......ma da noi scorre sangue longobardo.....
    E' purtroppo una battaglia persa, almeno nel medio termine. 150 anni di unità (?) hanno inculcato nella testa della gente (padana e non) l'esistenza di divisioni artificiose tra popoli culturalmente e geograficamente omogenei (seppur divisi in staterelli) e improbabili comunanze tra popoli che in migliaia di anni non sono mai venuti a contatto e che ignoravano addirittura la reciproca esistenza. Questa è l'italia...in nome dell'unità (?) in pochi anni si sono calpestate e ridicolizzate con la forza di un rullo compressore storie e lingue locali spesso millenarie, ridicolizzando e deridendo chi invece ancora oggi si dimostra interessato ad esse.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jan 2009
    Messaggi
    6
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La concezione stessa della Padania è classificabile, a mio avviso, come un'ossessione tipica da paziente ricoverato in un reparto di Psichiatria di un qualsiasi ospedale italiano. Che necessità c'è, per un lombardo come me, o comunque per un nordico, di sentirsi superiore e distaccato dal resto dell'Italia?
    La sola sterile idea di voler separare la "Padania" dall'attuale Italia è un insulto a chi ha speso energie che voi nemmeno immaginate lontanamente, stando lì ad idolatrare uno pseudo-dio (che tanto ricorda un idolo pagano, invero) quale Bossi o Maroni dalla vostra comoda poltrona.
    Come ci ricorda "Da Quarto al Volturno. Note di uno dei Mille" di G. C. Abba, molti hanno sprecato tempo, energie, hanno rischiato la vita per unificare l'Italia. Ora arrivano questi giovani esaltati (per carità, non faccio di tutta l'erba un fascio, ma pochi sono i fili che si salvano) con volantini e ritrovi nelle piazze a propinare ai ragazzini l'ideale secondo cui l'uomo lombardo dovrebbe prendere le distanze dal resto del mondo, chiudendosi in sè stesso, ritenendosi un vero nordico, quando la Lombardia stessa viene definita la "terronia" dell'Europa.

    Suvvia, per quanto ancora vogliamo prenderci in giro? Cosa resterà dell'ideale della fantomatica Padania (vera forse quanto Avalon) quando Bossi non sarà più quel leader che ora tutti i "giovani padani" acclamano?
    Volete i crocefissi nelle aule, perché vi rappresentano, ma non avete idea di cosa abbia significato, per donne innocenti, nei secoli XVI e XVII, il crocefisso. Non immaginate quali danni, nel Medioevo, il crocefisso abbia apportato all'Oriente. Eh, certo! Chissenefrega dell'Oriente, giusto? Noi viviamo bene, qui, nei nostri comodi appartementi, nelle nostre belle ville, noi nostri palazzi.

    Fossi in voi, non andrei tanto fiero di persone che urlavano "Bruceremo il tricolore", mentre nel tricolore veniva avvolta la triste bara di un uomo. Al suo seguito, una famiglia sofferente di lui orgogliosa.

    Io mi vergognerei, poi ognuno ha la propria visione del mondo.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    20 Jul 2005
    Messaggi
    382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    le tue argomentazioni mi fanno cascare le gonadi in caduta libera.

  9. #9
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    BlackInch, sei pregato di andare a pascolare nei forum della destra radicale e là rimanerci.

    Cordiali saluti

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    28 Nov 2007
    Messaggi
    362
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    BlackInch, sei pregato di andare a pascolare nei forum della destra radicale e là rimanerci.

    Cordiali saluti
    No, porca puttana, lascialo qui.
    Dove lo troviamo uno che scrive stronzate con la profondità culturale di un bambino un pò scemo di terza elementare?
    per me qui c'è di che divertirsi per almeno un'oretta...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226